Home » Informatica » Xiaomi MI 11 5G : recensione completa del Cellulare

Xiaomi MI 11 5G : recensione completa del Cellulare

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Lo Xiaomi Mi 11 è uno dei modelli più recenti e potenti di Xiaomi e del mercato, che si unisce alla grande diversità di modelli. Questo, in particolare, è stato introdotto solo un paio di mesi fa. È dotato di caratteristiche di fascia alta, ma a un prezzo basso.

Tra le sue caratteristiche più notevoli sono il suo schermo AMOLED, la sua grande batteria e il suo modulo con tre telecamere posteriori. D’altra parte, ha il famoso SoC Qualcomm che, anche se è migliorato nel corso degli anni, è ancora un hardware a basso costo.

Offerta
Mi 11i - Smartphone 8+128GB, 6,67” AMOLED Ultra-tiny DotDisplay, Snapdragon 888, 108MP Triple-Camera, 4520mAh, Nero (Cosmic Black) [Versione Italia]
  • Fotocamera 108 MP ad altissima risoluzione-Mi 11i offre un'esperienza fotografica versatile e di alto livello professionale con una Tripla fotocamera posteriore da 108 MP. La fotocamera ultra grandangolare da 119 ° è ottimizzata per foto di paesaggi e panoromica
  • Display AMOLED 120Hz da 6.67"- Mi 11i è dotato di un display AMOLED da 6,67" a 120 Hz per uno scorrimento e una navigazione più fluidi
  • Processore flagship Qualcomm Snapdragon 888- -Mi 11i include l'ultimo flagship Octa-Core processore Qualcomm Snapdragon 888 5G

Xiaomi Mi 11 recensione completa

La scatola di questo Mi 11 mette in evidenza la sua grande superficie dello schermo e i due colori sul retro. Un’etichetta si riferisce anche all’inclusione della tecnologia NFC, qualcosa di non così comune negli smartphone di fascia media e bassa.

C’è una custodia di cartone che contiene i vari manuali e guide all’uso, una custodia in gel trasparente e il dispositivo di rimozione del vassoio SIM.

Nell’inserto inferiore, in basso, sono inclusi il cavo microUSB Type-C e l’adattatore di alimentazione a ricarica rapida da 55W.

Mi 11 .
Custodia in gel trasparente.
Adattatore di alimentazione.
Cavo di ricarica MicroUSB C.
Rimozione del vassoio SIM.
Guide per l’utente.
Foglio di garanzia.

Design Xiaomi Mi 11

In questo Mi 11 troveremo un design abbastanza classico rispetto ai modelli della famiglia Mi di quest’anno. Non ci sono più le curve anteriori sui bordi dello schermo e queste appaiono sui bordi della parte posteriore. Il corpo del Mi 11 è fatto di metallo e la parte posteriore presenta vetro e tecnologia di rivestimento P2i Nano per renderlo idrorepellente. Il vetro rimane solo sullo schermo anteriore con Gorilla Glass 7 Victus.

Le dimensioni sono grandi, ma questo è normale considerando lo schermo da 6,81 pollici. Le dimensioni di 74,6 x 164,3 x 81 mm possono essere un po’ grandi, ma ci si abitua gradualmente, soprattutto con mani grandi. Con mani piccole potrebbe essere un po’ più difficile.

Sulla parte superiore abbiamo un microfono, un emettitore di infrarossi e tre fori che permettono di amplificare il suono emesso dalle cuffie di chiamata. Questo auricolare funziona come un secondo altoparlante ed è una soluzione Xiaomi che abbiamo già visto nel Poco M3. Accanto a questi fori abbiamo la serigrafia Harman/Kardon, che ha un’impostazione audio software speciale.

Nella parte inferiore abbiamo un altro altoparlante, lo slot per la microSIM 5G che non accetta microSD per espandere la memoria, un altro microfono e la USB Type-C che è particolarmente asimmetrica, anche se, naturalmente, questo è solo estetico.

Sulla parte anteriore abbiamo il foro della fotocamera in alto a destra e uno schermo protetto da Gorilla Glass Victus, qualcosa che abbiamo visto sul S21 e sul Note 20 Ultra. Il retro è protetto da Gorilla Glass 5.

Parlando di protezione, non abbiamo ufficialmente IP68, ma lo slot SIM, che è la cosa migliore da controllare, ha esattamente la stessa protezione in gomma del Samsung Galaxy S21, quindi la SIM, almeno, è protetta.

Ergonomia Xiaomi Mi 11

Nonostante tutto questo, la presa è buona e non si sente in nessun momento che sta per scivolare. Il peso di 196 grammi è buono e non si nota affatto nel tempo. Nel complesso, è un telefono che si sente bene in mano.

La parte anteriore ha un’area dello schermo del 91%, che rientra nella media odierna. Entrambe le cornici laterali, superiore e inferiore sono di circa 2 o 3 mm.

In alto al centro dello schermo c’è il foro per la fotocamera per i selfie, e sopra, nello spazio tra lo schermo e la lunetta superiore, c’è il piccolo vivavoce per le chiamate.

Bordi laterali

I bordi laterali sono più curvi e la parte superiore e inferiore hanno una superficie più piatta. Forse questo è dovuto agli altoparlanti. Questo Mi 11 è notevole per avere una coppia di altoparlanti, uno sul lato superiore e uno sul fondo. Questo dà una maggiore compensazione e potenza del suono, piuttosto che usare l’altoparlante di chiamata.

Il bordo superiore ha anche il tipico sensore a infrarossi Xiaomi e il microfono a cancellazione di rumore. Il bordo sinistro ha solo il vassoio della SIM. Questo può contenere due schede nanoSIM senza una scheda microSD.

Il lato destro ha un pulsante per alzare e abbassare il volume in alto e il pulsante di accensione appena sotto. Infine, sul bordo inferiore, oltre al già citato altoparlante multimediale, troviamo la porta microUSB C e il microfono per le chiamate.


Design posteriore

La zona posteriore con i suoi lati curvi lisci, nonostante sia fatta di plastica, ha una bella finitura levigata tipo sabbia. È disponibile nei colori Onyx Grey, Ocean Blue e Stone White. Nella parte inferiore di questa zona posteriore, il nome del marchio è serigrafato su un lato, e il modello e i dati di sicurezza sull’altro.

Il modulo della fotocamera spicca nell’angolo in alto a sinistra con una flangia rettangolare di 1 mm. Sorprendente trovare un solo livello e non due come in altri modelli. Troviamo il flash LED sul lato destro di questo modulo mentre le fotocamere sono posizionate sul lato sinistro. In alto, la fotocamera principale da 108 Mpx e sotto di essa le altre due fotocamere: quella grandangolare e quella macro.


Lo schermo AMOLED dello Xiaomi Mi 11

Il Mi 11 ha uno schermo AMOLED da 6,81 pollici con una risoluzione WQHD+ di 3.200 x 1.410 pixel, con una densità di pixel di 515 per pollice. Una densità piuttosto alta. La definizione e i colori dello schermo sono abbastanza buoni. Questo schermo supporta lo spazio colore DCI-P3 e il 100% dello standard NTSC.

Nel caso dei colori, sono un po’ sovrasaturati, ma è possibile ridurre il livello di colore nelle impostazioni, dove ci sono diverse opzioni di colore e temperatura tra cui scegliere. L’impostazione predefinita è in modalità colore automatico. Il colore nero è visualizzato davvero bene come si sa da questo tipo di display e grazie a questo troviamo un alto rapporto di contrasto di 5000000:1.

Questo modello, essendo un modello di fascia alta, ha una frequenza di aggiornamento elevata. Rimane al solito 120 Hz. Questo è da aspettarselo in un terminale di questo tipo ed è buono per giocare a giochi che lo richiedono o per notare la maggiore fluidità durante l’uso.

La luminosità è uno degli aspetti in cui questo schermo si distingue, poiché, in teoria, può raggiungere un picco massimo di 1.500 nits. Nei nostri test in modalità manuale alla massima luminosità la luminosità era di 532 nits. Se attiviamo la modalità alta luminosità automatica, in condizioni di luce esterna brillante, abbiamo misurato nits fino a 989 nits. Quindi non dovreste avere problemi a usare questo dispositivo in pieno sole.

Nelle impostazioni del display possiamo configurare, oltre ai colori, la modalità scura, la modalità di lettura o la modalità anti sfarfallio. Essendo uno schermo AMOLED, è possibile impostare la modalità ambiente, per visualizzare informazioni, immagini o l’ora mentre lo schermo è spento. Questa modalità consuma poca batteria ed è utile. Nella MIUI 12.5 l’integrazione dei super sfondi di Xiaomi si intreccia con l’immagine della modalità ambiente. Questo rende una transizione davvero bella e suggestiva.

La sensazione è molto premium, e questa sensazione aumenta non appena si accende il pannello. È un AMOLED con una risoluzione di 3.200 x 1.440 pixel. Si tratta di una risoluzione QHD+ che per le dimensioni del pannello ci dà una densità di pixel di 515 pixel per pollice, una vera barbarie che rende i pixel indistinguibili a occhio nudo.

Quella risoluzione è accompagnata da una ricca tavolozza di colori e dalla capacità di riprodurre contenuti HDR10+ e, come potete immaginare, la riproduzione è fantastica. Gli angoli di visuale sono ottimali, la luminosità è molto alta, i colori brillano vivacemente ed è uno dei migliori schermi che abbiamo avuto per guardare film e serie HDR, ma è anche uno dei migliori per il gioco. Ha una frequenza adattiva di 120 Hz che può essere utilizzata da alcuni giochi compatibili, così come dal sistema.

Possiamo scegliere di avere il pannello a 60Hz in ogni momento, ma abbiamo anche quella frequenza adattiva che fa andare il pannello a 30Hz, 60Hz o 120Hz a seconda del contenuto che viene riprodotto, e pensiamo che sia un’impostazione davvero buona.

In Fortnite va a 30Hz, in CoD Online va a 60Hz e nel sistema, nelle app e nei giochi compatibili va fino a 120Hz. In questo modo non si forza il pannello a funzionare sempre a 120 Hz (che potrebbe causare alcuni problemi di riproduzione) e si risparmia un po’ di vita della batteria.

Come al solito con Xiaomi, ci sono molte impostazioni di colore e anche alcune modalità di “miglioramento” dell’immagine, grazie all’intelligenza artificiale.

Sulla luminosità, Xiaomi sostiene un massimo di 1.500 nits e, come facciamo sempre con i telefoni in questa gamma, abbiamo preso i nostri strumenti per misurarla.

Abbiamo un’alta luminosità, che è anche molto coerente con una media di 1.573 Lux con una deviazione di 12,4 Lux, che è molto contenuto considerando l’alta luminosità di cui stiamo parlando.

Quando si tratta di consumare contenuti, sia lo schermo che un buon sistema audio sono importanti. Xiaomi ci sta abituando al suono stereo anche nei suoi telefoni più semplici (come il Poco M3, curiosamente), ed è qualcosa che non può mancare in un telefono di fascia alta.

L’audio nello  Xiaomi Mi 11

Suono stereo

Il Mi 11 fa un passo avanti e, come abbiamo detto nella sezione design, aggiunge un altoparlante multimediale ad ogni estremità del telefono. In questo modo si ottiene un migliore equilibrio della potenza sonora e una maggiore intensità. In termini di qualità del suono, il suono è potente e chiaro, ma manca un po’ più di grinta e ricchezza.

Le frequenze sono per lo più mantenute a un buon livello. Questo rende il suono abbastanza sfumato e non piatto. Il suono esce dagli altoparlanti in modo potente e non c’è distorsione evidente. Il basso è abbastanza buono grazie al design interno del Mi 11.

Con le cuffie, si ottiene anche una buona qualità. In questo senso, il suono è chiaro e le frequenze sono mantenute. Nelle impostazioni abbiamo una buona gamma di impostazioni, senza essere troppo alte. Come la possibilità di equalizzare il suono secondo le nostre cuffie Xiaomi.


Processore Xiaomi Mi 11

Xiaomi ha fatto un passo avanti e con il Mi 11 ha deciso di utilizzare lo Snapdragon 88 con Adreno 650, 6, 8 o 12 GB di RAM LPDDR5 e 128 o 256 GB di memoria interna di tipo UFS 2.2.

Questo SoC è già stato utilizzato da Xiaomi in alcuni modelli precedenti e si comporta abbastanza bene nella fascia media. È un terminale molto versatile per qualsiasi compito e per applicazioni molto esigenti. Muoversi attraverso i diversi menu di sistema è fluido e non abbiamo notato alcun glitch importante.

Abbiamo testato alcune delle app e dei giochi più esigenti in termini di risorse e non abbiamo notato alcun calo di frame o rallentamenti nei giochi più esigenti. Abbiamo raggiunto un punto in cui la fascia alta è già avanti a molte app sul mercato. AnTuTu dà un risultato di 792.548 con il nostro modello con 8 GB di RAM e 256 GB di memoria interna. Non è un brutto risultato.

Alcuni smartphone potenti soffrono di surriscaldamento nella parte posteriore, e il Mi 11 è uno di loro in momenti di alto carico grafico, il che è normale. Non dà davvero fastidio, ma si nota sicuramente. Al di fuori dei giochi, però, rimane abbastanza fresco.

Le prestazioni del riconoscimento delle impronte digitali per sbloccare il terminale devono essere dette abbastanza buone e veloci. Personalmente penso che la sua disposizione sul pulsante dello schermo lo renda più complicato da usare in questo modello, non so perché. A volte ci vogliono diversi tentativi.

D’altra parte, lo sblocco del riconoscimento facciale funziona abbastanza bene e riconosce rapidamente i tratti del viso. Gli unici inconvenienti sono la necessità di accendere prima lo schermo e che non funziona con gli occhiali da sole, cosa che altri sistemi di riconoscimento facciale fanno. Tuttavia, al buio e con alta luminosità, è ancora in grado di riconoscere rapidamente il volto con la luce emessa dallo schermo.


Android MIUI 12.5 dello Xiaomi Mi 11

Non è una grande sorpresa dire che il Mi 11 viene fornito di serie con Android 11 sotto MIUI 12, il livello di personalizzazione di Xiaomi. Ma è una sorpresa che l’ultimo aggiornamento disponibile oggi sia la MIUI 12.5. Dopo gli ultimi aggiornamenti, il sistema sembra più semplice e minimalista, mentre rende più facile l’accesso o la comprensione di alcune scorciatoie. Allo stesso modo, le animazioni sono state migliorate e il pacchetto complessivo è perfetto.

Il Mi 11 vanta un facile accesso alle app di Google più comunemente usate. Il problema è che le app di Xiaomi sono ancora incluse. Alla fine troviamo un guazzabuglio di applicazioni, da entrambe le aziende. Il lato negativo è che sono inclusi anche giochi e applicazioni che non tutti vorranno e che devono essere disinstallati uno per uno.

D’altra parte, muoversi attraverso i diversi menu di sistema è molto fluido e non c’è nessun tipo di rallentamento.

Come al solito, questa versione di MIUI ha aggiunto e cambiato alcune cose e implementato miglioramenti nelle animazioni e alcune altre caratteristiche. Anche le icone hanno delle animazioni. Anche le icone delle impostazioni e i super sfondi sono stati modificati. Il suono e la sezione audio è qualcosa che ha anche visto miglioramenti in alcuni aspetti. Infine, l’attenzione si è concentrata sul rendere le prestazioni e l’usabilità del sistema più senza carico e più veloce. In uno smartphone come questo, ciò significa un sistema che vola.

Tra le impostazioni che sono state mantenute ci sono l’uso della doppia scheda, la possibilità di condividere lo schermo, configurazioni multiple per le notifiche e il centro di controllo, dandoti anche la possibilità di tenerlo in stile MIUI o Android standard. È anche possibile eseguire una misurazione della frequenza cardiaca con il sensore di impronte digitali sullo schermo.

Altre impostazioni consentono di modificare completamente la schermata iniziale, utilizzare una palla galleggiante per le notifiche, utilizzare la modalità a una mano, utilizzare i gesti, passare alla modalità Lite o semplificata, creare un secondo spazio o utilizzare Game Turbo per ottimizzare l’esperienza di gioco.

Togliamo di mezzo le app preinstallate già che ci siamo perché, oltre alla bussola, due file manager, le app di Google e alcune altre di Xiaomi, abbiamo TikTok, un’app che forse non userete mai come Mi Remote, Netflix, Facebook, un paio di giochi, Agoda e le app Amazon ed eBay. Sembra un sacco di bloatware, ma sarete in grado di disinstallare queste applicazioni di terze parti.

Sul lato positivo, però, abbiamo un livello che ha decine di possibilità di personalizzazione. Praticamente qualsiasi parametro che si vuole cambiare, si può cambiare.

Abbiamo Google Discover, una velocità travolgente, una scelta di app drawer o meno, l’opzione di avere notifiche e barra delle notifiche separate o insieme (come è usuale in Android) e un sacco di impostazioni per il suono, schermo, batteria, notifiche…

Ci sono opzioni come una modalità di gioco che limita le notifiche e ci permette di ottimizzare il sistema in modo che giochi esigenti girino meglio (anche se la SD 888 non ha bisogno di questo aiuto), abbiamo finestre fluttuanti e notifiche a bolla, abbiamo il tocco posteriore (due tocchi o tre tocchi) in modo che, come sull’iPhone, possiamo aprire le app toccando tre volte.


Fotocamere Xiaomi Mi 11

Uno degli aspetti più discussi del Mi 11 è la sua fotocamera principale, e non proprio per lo spessore del suo modulo posteriore ma per i 108 megapixel che incorpora. Anche se, come è stato detto per anni, più megapixel non significano necessariamente maggiore qualità, ma le aziende continuano a utilizzare questi numeri come un modo per promuovere i loro prodotti. Diamo un’occhiata a ciascun sensore e vediamo come se la cavano.

La sezione fotografica è una delle più importanti per molti utenti quando si tratta di cambiare telefono, e Xiaomi ha offerto ottimi risultati nei diversi segmenti di prezzo per anni.

Questo si ottiene grazie non solo a un’ottica di qualità, ma anche a un’elaborazione che non ha fatto male in tutto questo tempo. Prima di parlare e mostrare esempi fotografici, diciamo qualcosa sull’applicazione.

La prima cosa che devo dire è che è un’applicazione molto stabile. Lo sapevamo già dagli ultimi prodotti di fascia alta dell’azienda cinese, ma il risultato è ancora molto buono.

Il sensore principale da 108 megapixel è un sensore Samsung Bright ISOCELL con una dimensione del sensore di 1/2, una dimensione dei pixel di 0,7 micron con un’apertura focale di 2,4.
La fotocamera grandangolare da 13 megapixel con un campo visivo di 113° utilizza un sensore Omnivision di tipo PureCel con una dimensione del sensore di 1/2,8, una dimensione dei pixel di 1,14 micron e un’apertura focale di 2,2.
La fotocamera macro da 5 megapixel utilizza un sensore di tipo Samsung ISOCELL con una dimensione del sensore di 1/5, dimensione dei pixel di 1,75 micron e apertura focale di 2,4.

La fotocamera principale in linea di principio non fa uso di catture da 108 Mpx a meno che non sia selezionata. Per default le prende a 32 megapixel grazie alla tecnologia Pixel-Binning. Le immagini scattate con la fotocamera principale e la sua risoluzione predefinita alla luce del giorno hanno un ottimo livello di dettaglio, pur mantenendo colori fedeli e naturali.

Il contrasto è buono e non c’è molto rumore. Senza la necessità di attivare l’HDR, il contrasto dinamico è abbastanza buono, senza essere eccezionale. In alcuni casi, quando la gamma non è così buona, si attiva l’HDR automatico o possiamo attivarlo manualmente se lo vediamo conveniente.

Nelle scene notturne i colori sono di solito abbastanza accurati e non appaiono sovrasaturati. Le foto sono ben illuminate e anche se il rumore nell’immagine è inevitabile, si raggiunge un certo livello di dettaglio. La velocità dell’otturatore di notte può causare immagini sfocate. Usando la modalità notturna, è necessario tenere il Mi 11 fermo per un paio di secondi, ma le immagini sono più pulite.

Se si sceglie di utilizzare la modalità da 108 megapixel, si otterranno foto più nitide nel complesso, ma c’è una mancanza di definizione in altre aree come gli edifici e gli artefatti nell’immagine.

Per quante fotocamere abbia il Mi 11, il grande assente è il teleobiettivo. Invece, il sensore della fotocamera principale e i suoi 108 megapixel sono utilizzati per ritagliare l’immagine e poi ridimensionarla, ma è un business come al solito con gli zoom digitali, che non offrono la qualità minima desiderata.

Come il sensore principale, la fotocamera grandangolare cattura molti dettagli, buoni colori e una buona gamma dinamica. È nella fotografia notturna che appare molto rumore e le immagini scattate mancano di un po’ più di illuminazione e sono un po’ in ombra. I colori sono un po’ slavati e i dettagli sono più che adeguati.

Il più grande problema di queste telecamere fisheye è che, dovendo coprire così tanto dell’immagine, soffrono di distorsione ai bordi e agli angoli, che il software cerca di alleviare. Sul Mi 11, gli scatti grandangolari mostrano una correzione della distorsione ben regolata e angoli leggermente sfocati.

La modalità ritratto crea una sfocatura davvero buona nonostante non abbia una fotocamera dedicata. Distingue efficacemente tra la persona e lo sfondo, anche se a volte fa qualche errore quasi impercettibile. Nelle scene notturne il risultato non viene quasi mai bene, ma si può provare a seconda della luce del momento.

La macchina fotografica macro per catturare dettagli o oggetti ravvicinati crea fotografie che hanno grandi dettagli e colori molto naturali. Non si notano molti difetti o rumori.

All’esterno, scattare a 108 megapixel per scene in cui le ombre non sono troppo forti è un piacere perché si può ritagliare drammaticamente e vedere dettagli che si potrebbero vedere solo con un teleobiettivo.

Questo sostituisce un teleobiettivo? Beh, anche se il marchio afferma che lo fa, non è così. È ancora un crop e non l’immagine nativa di un teleobiettivo, che ha un prisma e lenti dedicate esclusivamente a questo ingrandimento. Tuttavia, è una buona “correzione” perché in buone condizioni di luce otterremo un risultato molto vicino a quello di alcuni teleobiettivi. La sera o al chiuso, le cose cambiano.

Tuttavia, con la tecnica del pixel binning, la modalità automatica offre foto da 27 megapixel perché cuce quattro pixel insieme per formare un pixel più grande che permette di catturare più luce con meno rumore, migliorando così la gamma dinamica dell’immagine.

Come registra i video lo Xiaomi Mi 11

Il Mi 11 può registrare video con la fotocamera principale fino a 8K a 30 fps, se la risoluzione è ridotta a 4K, può registrare a 60 fps. Con il grandangolo, l’uscita video massima è 4K a 30 fps.

I video ripresi con la fotocamera principale a 8K e in scene diurne offrono colori e contrasto molto buoni. Anche la nitidezza e i dettagli sono di alto livello. Si nota anche che la registrazione è priva di molto rumore e il movimento della telecamera è fluido. La stabilizzazione ottica può essere utilizzata, ma la registrazione finale è limitata a 4K e 30 fps.

La registrazione video di notte mantiene un livello accettabile di colore e contrasto, mentre non c’è molta perdita di dettagli. In questi casi, il rumore dell’immagine è accentuato, ma non in modo esagerato.

La fotocamera frontale da 20 megapixel per i selfie ha un sensore Samsung ISOCELL con una dimensione del sensore di 1/3, una dimensione dei pixel di 1,12 micron e un’apertura focale di 2,45.

Questa fotocamera fornisce buone immagini con un ottimo contrasto, buoni colori che sono abbastanza fedeli alla vita e una definizione competente, ma ci si aspettava di più. Se si utilizza la modalità ritratto, la fotocamera fa un buon lavoro per isolare il soggetto dallo sfondo e si ottiene un ottimo effetto di sfocatura.

L’app fotocamera mantiene il design precedentemente visto in altri modelli con MIUI 12. Una volta dentro e in modalità foto, possiamo selezionare altre modalità a sinistra e a destra, come Pro, Video, Ritratto e Altro. In quest’ultima ci sono molte funzioni extra come la modalità da 108 megapixel, video brevi, slow motion, lunga esposizione, time-lapse o clonazione, tra le altre.

Mentre la modalità foto del Mi 11 ha una barra in più per utilizzare lo zoom digitale, la modalità PRO ha implementato l’opzione per scegliere la fotocamera da utilizzare nelle impostazioni per i diversi valori.

Nella parte superiore dell’app ci sono le impostazioni rapide più comuni: flash, HDR, AI, filtri, obiettivo Google e la scheda per le impostazioni avanzate. Mentre in basso, oltre all’opzione di scatto, abbiamo la possibilità di passare alla fotocamera frontale e di visualizzare le ultime foto scattate. L’interfaccia rimane semplice e intuitiva, con abbastanza effetti e opzioni per la maggior parte delle situazioni.

Possiamo registrare in HDR10+, che penso sia uno sballo assoluto, alla risoluzione 4K60 con un’ottima stabilizzazione o in 1080p con una stabilizzazione superiore.

Tra le due modalità, considerando quanto bene è stabilizzato il sensore, preferisco registrare a 4K60. I risultati sono molto buoni finché non si va in zone di chiaroscuro, poiché l’elaborazione sottoespone facilmente e le immagini possono essere molto scure.

Possiamo anche registrare a 8K30 e, sebbene sia un miglioramento rispetto all’8K24 degli altri telefoni sul mercato (quelli che possono registrare a 8K, ovviamente), abbiamo aree sottoesposte ancora più accentuate e una stabilizzazione che brilla per la sua assenza.

Per le riprese statiche in 8K, sì, è spettacolare, poiché il cellulare ci permette di zoomare sul video stesso e i dettagli che cattura sono spettacolari, anche se per l’uso quotidiano… preferisco il 4K60.

Una cosa molto buona che hanno questi cellulari è che possiamo registrare scatti come se fossero una macchina fotografica.


Durata della batteria dello Xiaomi Mi 11

Mi 11 recensioneUno degli aspetti più interessanti del Mi 11, come per il suo predecessore, è la sua capacità della batteria di 4.600 mAh. Una capacità che di solito si vede in modelli minoritari e con caratteristiche inferiori. È un elemento che alcune marche di solito non prendono in considerazione, ma che molte persone pensano sia uno degli elementi più importanti.

Nei nostri test, con un uso normale con social network, navigazione web e sporadica riproduzione di contenuti multimediali, la durata della batteria è stata di 23 ore totali e 4 ore di schermo con uno schermo WQHD+ a 120 Hz. Con uno schermo FHD+ a 60 Hz, abbiamo ottenuto 35 ore di durata della batteria e quasi 6 ore di schermo. Queste sono buone cifre considerando ciò di cui il Mi 11 è capace.

Con così tanta capacità, un buon caricatore a ricarica rapida è un must. Quello incluso offre una carica fino a 55 watt, che è quello che il Mi 11 può gestire. Ci ha dato metà della carica della batteria in mezz’ora e una carica completa in circa un’ora e mezza. Un buon tempo, considerando la sua grande capacità.

Xiaomi ha incluso un caricabatterie da 55W nella scatola, e uno buono. È un caricatore fatto di nitruro di gallio, che è fondamentalmente più piccolo, più potente e più efficiente di un caricatore tradizionale con la stessa potenza.

Si riscalda meno, il che è anche una buona notizia perché è un riflesso di quell’efficacia e della minore perdita di energia e ci permette di caricare – misurato secondo per secondo – il 50% in 13 minuti e il 100% in 48 minuti.

In totale in questi giorni abbiamo avuto che la media è di circa 15 minuti per raggiungere il 50% e tra 45 e 50 minuti per riempire la batteria a due celle. Inserendo il telefono in questo caricatore per un momento, potremo arrivare alla fine della giornata senza problemi, e questa è un’ottima notizia.

Ma le buone notizie non finiscono qui, perché ha anche 50W di ricarica wireless, raggiungendo quasi la parità con la ricarica cablata, qualcosa di impressionante che abbiamo visto raramente, e ha 10W di ricarica inversa per la ricarica di smartwatch e cuffie (o altri telefoni, se vogliamo), rendendolo uno dei più potenti cariche inverse.

Connettività Xiaomi Mi 11

Il Mi 11 ha connessioni multiple, tra cui Bluetooth 5.2 LE, Wi-Fi 6, MiMO, Wi-Fi Direct, GPS, A-GPS, GLONASS, Galileo, NFC e infrarossi.

Abbiamo già detto che ha una delle cariche inverse più veloci sul mercato, ma non ci manca nemmeno la connettività “consumer” come il 5G o il Bluetooth 5.2.

Più avanzata è la versione del Bluetooth, più basso è il consumo e più efficiente è la trasmissione dei dati, dato che la latenza scende, e più bassa è la latenza, meno differenza c’è tra quello che vediamo sullo schermo e quello che arriva alle nostre cuffie (sempre che siano anche Bluetooth 5.1 o 5.2, ovviamente).

Il terminale è compatibile con Wi-Fi 6 che, beh, non è molto diffuso, ma è qualcosa che non può mancare in un cellulare in questa gamma e, inoltre, ha 5G. Questo è ovvio perché Xiaomi è uno dei più impegnati in questa tecnologia e il suo nuovo portatile top di gamma lo ha, ma è anche un “buon” 5G.

È compatibile sia con la rete NSA che con la rete SA e ha DualSIM 5G. Anche se non abbiamo intenzione di rivelare i vantaggi della rete 5G ora, la verità è che in Spagna siamo ancora agli inizi per quanto riguarda la velocità e quello che otteniamo è, nel migliore dei casi, una velocità leggermente superiore al 4G come molti di noi sono su reti NSA.

Per finire, ha NFC per i pagamenti mobili e una facile connessione ad altri dispositivi. E sì, in cima abbiamo la classica porta a infrarossi che solo Xiaomi e Huawei continuano a supportare all’aperto e che può tirarci fuori dai guai in certe situazioni.

Xiaomi è brava a lanciare prodotti con un ottimo rapporto qualità-prezzo

Lo schermo AMOLED con risoluzione WHQD+ a 120 Hz è un vero colpo d’occhio. Il design e le prestazioni sono due degli aspetti più attentamente considerati, e sono entrambi ottimi. Lo stesso vale per la MIUI 12.5 e il suono stereo. 

Ultimo aggiornamento 2021-12-08 at 19:44 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API
In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Xiaomi MI 11 5G : recensione completa del Cellulare