Home » Informatica » Migliori Fotocamere Per Scattare con Poca Luce di Gennaio 2022

Migliori Fotocamere Per Scattare con Poca Luce di Gennaio 2022

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Mentre la maggior parte delle fotocamere di oggi può scattare foto straordinarie in condizioni di luce normale, se vuoi produrre immagini nitide in ambienti di ripresa difficili, hai bisogno della migliore fotocamera a bassa luminosità che puoi trovare.

Per catturare il momento, con più luce possibile, è essenziale avere una macchina fotografica con capacità di luce molto bassa. Molte persone tendono a trascurare questo fattore di performance quando comprano nuove fotocamere, favorendo cose come i megapixel, gli obiettivi zoom e la connettività Wi-Fi.

Ma mentre tutti questi fattori sono chiaramente essenziali, se il tuo prodotto non scatta foto di alta qualità in condizioni di scarsa luminosità, perderai innumerevoli opportunità fotografiche.

Le foto di matrimoni, concerti, paesaggi, natura, eventi sportivi e innumerevoli altri eventi usciranno pixelate e sgranate.

Per catturare questi momenti straordinari, è necessario un prodotto che eccelle in queste condizioni di ripresa difficili. Gamme ISO elevate, grandi sensori e una stabilizzazione eccezionale sono essenziali in queste situazioni.

Ma con così tante fotocamere sul mercato oggi, scegliere il miglior modello per la fotografia con poca luce può essere incredibilmente frustrante.


Le migliori fotocamere SLR digitali per la fotografia con poca luce


1. Nikon D750

La Nikon D750 DSLR è una delle migliori fotocamere per la fotografia con poca luce sul mercato oggi.

Per quanto riguarda le fotocamere full-frame, sono abbastanza convenienti, ma offrono caratteristiche e prestazioni che anche i fotografi professionisti apprezzeranno.

La D750 dispone di un grande sensore CMOS FX da 24,3 megapixel in grado di catturare qualsiasi luce disponibile, e il processore d’immagine EXPEED 4 permette a questa fotocamera di operare rapidamente e senza problemi.

Un sistema di messa a fuoco automatica basato su un sensore a 51 punti si aggancia ai soggetti in pochi secondi e li segue indipendentemente dalla loro velocità di movimento.

E con una sensibilità fino a -3EV e una gamma ISO fino a ISO 12.800, la fotocamera DSLR D750 si comporta in modo impressionante in condizioni di scarsa luminosità, producendo immagini con meno rumore e una chiarezza sorprendente.

La D750 include anche caratteristiche impressionanti come il controllo automatico dell’ISO. Questa caratteristica eccezionale permette delle transizioni di esposizione fluide, anche quando si scatta in modalità manuale.

E con l’invarianza ISO, questa fotocamera ti permette di scattare a un’impostazione ISO bassa e di conservare le informazioni quando spingi i limiti dell’esposizione in post-processing senza aggiungere ulteriore rumore.
Perché lo amiamo

Fotocamera DSLR a pieno formato da 24,3MP con il veloce processore d’immagine EXPEED 4
Registrazione video Full HD a 60/50/30/25/24p
Sensibilità 3EV e ISO fino a 12.800
L’invarianza ISO e il controllo ISO automatico migliorano la qualità dell’immagine in condizioni di scarsa luminosità


Il nostro verdetto

La Nikon D750 è una delle fotocamere più impressionanti per scattare foto di alta qualità in condizioni di luce difficili.

Con solo 15 AF a croce, manca di alcune capacità di autofocus e di alcune prestazioni dei sistemi più avanzati che si trovano nei suoi concorrenti più costosi.

Ma la D750 offre immagini eccezionalmente chiare in tutte le condizioni di luce, è abbastanza facile da usare per un principiante e ha abbastanza caratteristiche per soddisfare un professionista.

Nel complesso, è una delle fotocamere più performanti in condizioni di scarsa luminosità e una delle più impressionanti sul mercato oggi.


2. Nikon D5

Se sei sul mercato per una fotocamera di fascia alta, la Nikon D5 è la DSLR full-frame di punta del marchio e una delle più impressionanti fotocamere a bassa luminosità disponibili.

Con una qualità d’immagine spettacolare, un impressionante sistema di messa a fuoco automatica e la più ampia gamma ISO nativa mai raggiunta in una reflex Nikon full-frame, la D5 è una vera macchina da guerra su cui si può contare in condizioni di scarsa luminosità.

La D5 dispone di un impressionante sensore CMOS in formato FX da 20,8 megapixel e del processore d’immagine più veloce dell’azienda, EXPEED 5, ma soprattutto ha una gamma ISO nativa di 100-102.400 pixel, espandibile a 3.280.000.

E con un sistema AF ridisegnato che opera in EV -4 quasi buio e dispone di 153 punti di messa a fuoco, 99 sensori a croce e un processore dedicato, questa fotocamera può seguire il tuo soggetto in modo fluido su tutta la gamma ISO, offrendo al contempo una riduzione del rumore e una fedeltà dei colori impressionanti.

Con una velocità di scatto continuo di 12 fotogrammi al secondo e capacità di registrazione video 4K, questa è una DSLR che può affrontare quasi ogni situazione con facilità.
Perché lo amiamo

Sensore d’immagine da 20.8MP e processore EXPEED 5
La gamma ISO nativa più ampia della sua classe a 100-102.400
L’eccezionale sistema AF offre 153 punti focali, 99 sensori a croce e prestazioni fino a EV -4.
Eccellente stabilizzazione dell’immagine e impressionante riduzione del rumore, anche ad alti ISO


Il nostro verdetto

Anche se la Nikon D5 è costosa, è anche la migliore fotocamera a bassa luminosità disponibile oggi sul mercato.

Con un ISO massimo di 3.280.000 e un sensore da 20,8 MB, scatta immagini incredibilmente nitide in quasi tutte le condizioni di luce.

Il sistema di messa a fuoco automatica è fuori dal mondo e spazza via la concorrenza. Se sei un fotografo serio, passi molto tempo a scattare con poca luce e puoi permetterti di rompere.


3. Sony Alpha a6300

Combinando prestazioni e convenienza, la Sony Alpha a6300 è una delle migliori fotocamere ibride del settore per catturare immagini sorprendenti in condizioni di scarsa illuminazione.

Questa fotocamera offre immagini e video di alta qualità in un corpo compatto e robusto che può essere facilmente portato ovunque.

Un sensore CMOS Exmor APS-C da 24,2 megapixel si combina con il processore d’immagine BIONZ X di Sony per velocità e qualità d’immagine eccezionali. E con una gamma ISO impressionante che può scattare con un rumore minimo a 25.600 e un massimo a 51.200, è possibile utilizzare questa fotocamera in qualsiasi situazione di scarsa illuminazione.

Sostenuta dalla velocità di messa a fuoco automatica più veloce del mondo di 0,05 secondi, puoi contare sulla fotocamera ibrida a6300 per agganciare facilmente il tuo soggetto e, grazie al processore, scattare a bassi ISO senza introdurre rumore extra.

E con 11 fotogrammi al secondo di scatto continuo, registrazione video 4K e Full HD e un corpo in magnesio resistente alle intemperie, questa fotocamera è una delle migliori della sua classe.
Perché lo amiamo

Sensore da 24.2MP e processore d’immagine BIONZ X per foto veloci e di alta qualità
Prestazioni ISO impressionanti fino a ISO 25.600, espandibili a ISO 51.200
Eccezionale gamma dinamica, anche quando si spinge l’esposizione in post-processing.
Corpo in magnesio compatto e resistente alle intemperie


Il nostro verdetto

La Sony Alpha a6300 è una delle migliori opzioni disponibili per chiunque sia interessato a un ibrido compatto che offre una qualità d’immagine e prestazioni simili a quelle delle DSLR.

Offre risultati eccezionali in condizioni di luce scura, mentre offre un design eccellente e uno dei migliori sistemi di messa a fuoco automatica della sua classe.

Con un prezzo inferiore alle 1000 sterline, è anche una delle fotocamere più convenienti della nostra lista e mostra perché Sony è il leader delle fotocamere ibride a bassa luminosità.


4. Canon EOS 80D

La Canon EOS 80D DSLR è una delle fotocamere con le migliori prestazioni in condizioni di scarsa luminosità oggi sul mercato, offrendo una qualità d’immagine nitida, versatilità DSLR e caratteristiche impressionanti, perfette per qualsiasi appassionato di fotografia, dal principiante al professionista.

Costruita intorno a un sensore CMOS APS-C da 24,2 megapixel e a un processore d’immagine DIGIC 6, la fotocamera DSLR 80D è veloce e offre una qualità d’immagine fedele alla realtà.

Inoltre, il suo sistema di messa a fuoco automatica è dotato di un meccanismo di messa a fuoco incrociata a 45 punti che gli permette di mettere a fuoco rapidamente e con precisione qualsiasi soggetto, anche in condizioni di scarsa illuminazione.

E poiché l’AF è in grado di mettere a fuoco fino a un valore di esposizione di -3, questa fotocamera permette di mettere a fuoco automaticamente anche in condizioni di luce molto bassa. Grazie al chip convertitore analogico-digitale del sensore della EOS 80D, è in grado di ridurre drasticamente il rumore della fotocamera, anche a impostazioni ISO elevate.

Questo è perfetto quando si sta spingendo l’esposizione delle immagini scattate a ISO bassi in post-processing, fornendo risultati con un’alta gamma dinamica e limitato rumore aggiunto. Questo vi permetterà di scattare agli ISO più bassi con cui vi sentite più a vostro agio, senza dover cambiare l’apertura o la velocità dell’otturatore.

Sensore CMOS da 24,2MP per immagini ad alta risoluzione
Impressionante sistema AF a bassa luminosità con 45 sensori a croce
Ampia gamma ISO di 100-16000 per le foto e 100-12800 per i video
Basso rumore, anche ai limiti ISO più alti


Il nostro verdetto

La Canon 80D è una potente fotocamera di fascia media che è meravigliosa in condizioni di scarsa luminosità.

Con una gamma ISO impressionante, un grande sensore CMOS da 24,2MP e un eccellente sistema AF a 45 punti, è in grado di produrre foto e video sorprendenti in qualsiasi situazione.

E a poco meno di 1.100 sterline, è uno dei migliori della sua classe.


5. Panasonic GH5

La Panasonic LUMIX GH5 è uno dei modelli con le migliori prestazioni in condizioni di scarsa luminosità della sua classe. Essendo una fotocamera ibrida, questa fotocamera compatta e resistente offre tutte le prestazioni e le caratteristiche che qualsiasi professionista vorrebbe, pur essendo abbastanza semplice anche per un principiante.

Con un’impressionante gamma ISO da 200 a 12800, questa fotocamera può essere utilizzata praticamente in qualsiasi condizione di ripresa, offrendo una chiarezza incredibile, un basso rumore e un’elevata gamma dinamica.

La sua capacità di girare video 4K di qualità cinematografica a 60/50p è perfetta per qualsiasi appassionato di video.

Inoltre, con il suo sistema foto/video dual IS a 5 assi e la stabilizzazione, questa fotocamera riduce le vibrazioni dell’immagine per risultati più fluidi e dettagliati. Compatibile con gli obiettivi LUMIX MFT, è un’opzione incredibilmente versatile per qualsiasi fotografo.

E grazie al suo robusto corpo in lega di magnesio, è altamente portatile e può essere portata quasi ovunque, rendendola una delle migliori fotocamere a tutto tondo sul mercato.
Perché lo amiamo

Sensore MFT 20.3 per una qualità d’immagine mozzafiato simile a quella delle DSLR
Modello molto versatile con eccellenti impostazioni di esposizione automatica e manuale
Gamma ISO da 200 a 12800 per prestazioni a basso rumore in qualsiasi condizione di luce
Corpo in lega di magnesio leggero ma resistente


Il nostro verdetto

La LUMIX GH5 è una delle migliori fotocamere disponibili per chiunque voglia catturare foto e video impressionanti in condizioni di luce scura.

Con una delle migliori prestazioni in condizioni di scarsa luminosità della sua classe, sarà la vostra fotocamera preferita per gli anni a venire. E grazie al suo corpo leggero e resistente, puoi facilmente riporre questa fotocamera e portarla ovunque.

A poco meno di 2.000 sterline, è uno dei migliori acquisti che puoi fare ed è perfetto per chiunque cerchi risultati di qualità professionale in tutte le condizioni di luce.


6. Fujifilm X-T2 + obiettivo 18-55mm XF

Fujifilm è nota per offrire fotocamere che rendono una qualità d’immagine eccezionale e colori vividi e vibranti, e questa offre entrambi in tutte le condizioni di luce.

Un grande sensore APS-C X-Trans CMOS III da 24,3 megapixel cattura quanta più luce possibile, e il suo motore X-Processor Pro offre tempi di risposta estremamente rapidi, basso rumore, colori realistici e un AF più veloce.

E con una gamma ISO di 200-12800, espandibile fino a 51200, ed eccellenti sistemi interni e di stabilizzazione dell’immagine, questa fotocamera funziona perfettamente in condizioni di scarsa luminosità, producendo foto nitide con rumore e distorsione minimi.

Per chiunque abbia intenzione di girare video o foto all’aperto, questa fotocamera è una delle migliori opzioni disponibili.

Come tutte le fotocamere ibride, è notevolmente compatta e leggera.

Inoltre, con i suoi 63 punti di tenuta stagna, questa fotocamera è resistente alla polvere, all’umidità e al freddo, il che significa che puoi contare su questa fotocamera durevole per eseguire bene anche nelle situazioni più difficili.
Perché lo amiamo

Grande sensore da 24,3 megapixel per catturare la luce
Veloce X-Processor per dettagli di alta qualità, prestazioni veloci e colori sorprendenti
63 punti resistenti alle intemperie per prestazioni in qualsiasi condizione atmosferica
Gamma ISO fino a 12800 con rumore minimo per le impostazioni più alte


Il nostro verdetto

La Fujifilm X-T2 è una delle fotocamere ibride più impressionanti.

È facile da usare, ma offre l’alta risoluzione e i colori dinamici che rendono questo marchio così popolare tra i professionisti.

A circa 1.400 euro, è certamente una fotocamera di fascia alta, ma offre una qualità simile a quella di una DSLR e, grazie alla sua leggerezza e al corpo impermeabile, è una delle migliori fotocamere disponibili sul mercato ed è una fotocamera che puoi usare ovunque.


7. Canon EOS 5D Mark IV

Un’altra di Canon nella nostra lista delle migliori fotocamere a bassa luminosità con la 5D Mark IV.

Questa fotocamera DSLR professionale di fascia media offre una qualità d’immagine eccezionale e ha uno dei migliori sistemi di messa a fuoco automatica disponibili sul mercato.

Con un enorme sensore CMOS full-frame da 30,4 megapixel e il processore d’immagine DIGIC 6+, questo mostro è notevolmente veloce e offre una qualità d’immagine ad alta risoluzione senza pari. Con la possibilità di scattare fino a 7 IPS e la capacità di registrazione video 4K, è la fotocamera ideale per qualsiasi fotografo serio.

Una gamma ISO di 100-32000, espandibile a 50-102400, permette a questa fotocamera DSLR di adattarsi a tutte le condizioni di luce.

L’eccezionale sistema di messa a fuoco automatica offre un meccanismo di reticolo a 61 punti ad alta densità con 41 punti a croce e sensibilità di esposizione fino a -3 e persino EV -4 con un obiettivo più veloce. Questo significa che puoi agganciare un soggetto anche nelle situazioni più buie.
Perché lo amiamo

Grande sensore full frame da 30,4 megapixel per una cattura della luce e una risoluzione ottimali
Processore d’immagine DIGIC 6+ ultra-veloce
Robusta gamma ISO in grado di scattare fino a 32.000 con un’estensione a 102400
Incredibile sistema di messa a fuoco automatica con sensibilità di esposizione -3 in modalità AF-S


Il nostro verdetto

Con capacità di autofocus senza rivali in condizioni di scarsa illuminazione e una gamma ISO impressionante, la 5D Mark IV è una delle fotocamere più popolari di questa lista.

È una fotocamera seria, ideale per i semi-professionisti e i professionisti che cercano un’alternativa più accessibile alle più costose fotocamere professionali di fascia alta.

Con immagini cristalline, colori vibranti e un eccellente sistema di stabilizzazione, questa è una delle migliori fotocamere della nostra lista.


8. Sony Alpha a7S III

Dopo le capacità 8K della Canon EOS R5, la Sony A7S III potrebbe sembrare un po’ un anti-climax. Sono sicuro che alcuni videografi speravano in un grande salto di risoluzione dalla A7S II da 12MP. Tuttavia, Sony ha già la A7R IV da 61Mp e la A7 III da 24Mp, quindi attenersi ai 12Mp significa che la A7S III ha una capacità ancora migliore in condizioni di scarsa luminosità rispetto al suo predecessore, ma con un sistema di messa a fuoco automatica molto migliore, uno schermo ad angolo variabile e il mirino a più alta risoluzione.

 

La A7S III non si limita a conquistare i titoli dei giornali per la sua risoluzione, ma promette di rendere la cattura di video 4K più facile di prima e che la qualità video sia la migliore ripresa 4K che si possa ottenere da una fotocamera Sony. Non delude, perché la qualità dei filmati è superba.

Pro

Grandi pixel per grandi prestazioni in condizioni di scarsa luminosità
Lettura full-pixel 4K senza binning e colore 4:2:2 a 10 bit di profondità disponibile in tutti i formati di registrazione
Schermo tattile multiangolare e mirino elettronico ai vertici della categoria

Contro

12Mp sembra bassa risoluzione per le foto
Utilizza un nuovo formato di scheda di memoria (CFexpress Type A) che è intercambiabile con la SD

Oltre allo schermo ad angolo variabile che tutti volevano, la Sony A7S III aggiunge un nuovo fantastico mirino e caratteristiche video migliorate.

Le fotocamere della serie A7 di Sony sono disponibili in tre linee: A7, A7R e A7S. La linea A7, la più recente delle quali è la A7 III, è l’opzione tuttofare, mentre le fotocamere A7R come la Sony A7R IV sono i modelli ad alta risoluzione. Le fotocamere A7S sono quelle più incentrate sul video e la Sony A7S III è il tanto atteso aggiornamento della A7S II.

Come i precedenti modelli A7S, la Sony A7S III ha un sensore full-frame con 12,1 milioni di pixel effettivi. Mantenere la risoluzione bassa favorisce la sua capacità in condizioni di scarsa illuminazione, mantenendo bassi i livelli di rumore.

Oltre a una serie di miglioramenti alle sue specifiche video, la Sony A7S III introduce il mirino elettronico a più alta risoluzione che abbiamo visto fino ad oggi ed è la prima fotocamera della serie A7 di Sony ad avere uno schermo ad angolo variabile. Secondo Sony, questo è qualcosa che videografi e fotografi hanno “richiesto”.

Recensione della Sony A7S III

Specifiche

Tipo di fotocamera: Full-frame mirrorless
Annunciato: 28 luglio 2020
Sensore: Full-frame 12.1Mp BSI CMOS
Motore di elaborazione: Bionz XR
Sensibilità: Video: ISO 80-102.400 espandibile ISO 40-409.600. La base ISO in S-Log è ISO 640 ma può essere espansa fino a ISO 160. Foto: ISO 80-102.400 espandibile 40-409.600
Sistema autofocus: Ibrido con 759 punti di rilevamento di fase e 425 punti di rilevamento del contrasto, Real Time Eye AF (umano e animale per le foto, umano per i video)
Stabilizzazione: IBIS a 5 assi e digitale, fino a 5.5EV di compensazione della velocità dell’otturatore
Risoluzione video: 4K a 120fps e 1080p a 240fps, 10-bit e colore 4:2:2, video raw a 16-bit su HDMI
Formati file video: XAVC S, XAVC HS
Compressione video: XAVC S: MPEG-4 AVC/H.264, XAVC HS: MPEG-H HEVC/H.265
Dettagli video 4K: XAVC HS 4K 3840 x 2160 (4:2:0, 10bit, NTSC): 120p (200Mbps), 60p (150Mbps / 75Mbps / 45Mbps), 24p (100Mbps / 50Mbps / 30Mbps); 3840 x 2160 (4:2:0, 10bit, PAL): 100p (200Mbps), 50p (150Mbps / 75Mbps / 45Mbps); 3840 x 2160 (4: 2:2:2, 10bit, NTSC): 120p (280Mbps), 60p (200Mbps / 100Mbps), 24p (100Mbps / 50Mbps); 3840 x 2160 (4:2:2, 10bit, PAL): 100p (280Mbps), 50p (200Mbps / 100Mbps) XAVC S 4K 3840 x 2160 (4:2: 0, 8bit, NTSC): 120p (200Mbps), 60p (150Mbps), 30p (100Mbps / 60Mbps), 24p (100Mbps / 60Mbps); 3840 x 2160 (4:2:0, 8bit, PAL): 100p (200Mbps), 50p (150Mbps), 25p (100Mbps / 60Mbps); 3840 x 2160 (4:2: 2, 10bit, NTSC): 120p (280Mbps), 60p (200Mbps), 30p (140Mbps), 24p (100Mbps); 3840 x 2160 (4:2:2, 10bit, PAL): 100p (280Mbps), 50p (200Mbps), 25p (140Mbps) XAVC S-I 4K 3840 x 2160 (4:2:2, 10bit, NTSC) (Approx. ): 60p (600Mbps), 30p (300Mbps), 24p (240Mbps); 3840 x 2160 (4:2:2, 10bit, PAL): 50p (500Mbps), 25p (250Mbps)
Gamut: S-Log2 e S-Log3, S-Gamut3.Cine e S-Gamut3
Opzioni di modalità Slow and Quick (S&Q): NTSC: 1fps,2fps,4fps,8fps,15fps,30fps,60fps,120fps, 240fps4, PAL: 1fps,2fps,3fps,6fps,12fps,25fps,50fps,100fps, 200fps
Ancora formati di file: Raw, JPG, HEIF
Schermo: 3 pollici 1.440.000-dot vari-angle touchscreen
Mirino: Mirino elettronico OLED da 0,64 pollici tipo 9.437.184 punti, con frequenza di aggiornamento fino a 120 fps, ingrandimento regolabile fino a 0,9x
Massima velocità di scatto continuo: 10 fps con otturatore meccanico o elettronico per un massimo di 1000 file raw non compressi quando viene utilizzata una scheda CFexpress tipo 1
Memorizzazione: Doppio: SD/SDHC/SDXC (UHS-II) e CFexpress Tipo A
Dimensioni (L x A x P): 128,9 x 96,9 x 80,8mm / 5 1/8 x 3 7/8 x 3 1/4 pollici
Peso: 699g / 1 lb 8.7 oz

Sony A7S III
Caratteristiche

Anche se Sony ha mantenuto la stessa risoluzione della A7S II, il sensore CMOS full-frame da 12.1Mp all’interno della Sony A7S III è nuovo e ha una struttura retroilluminata (BSI). L’utilizzo di questo design permette alle foto di ricevere più luce rispetto a un sensore CMOS standard, il che significa che le sue prestazioni in condizioni di scarsa luminosità sono migliorate.

Secondo Sony, l’utilizzo di un design BSI raddoppia anche la velocità di lettura che porta una serie di miglioramenti nelle prestazioni.

Sony ha anche combinato il nuovo sensore con un nuovo motore di elaborazione chiamato Bionz XR, che si dice permetta un’elaborazione fino a 8 volte più veloce.

Oltre a migliorare le prestazioni in condizioni di scarsa luminosità e a consentire una gamma di sensibilità di ISO 40-409.600 per i video, l’utilizzo di questa combinazione di sensore e motore di elaborazione consente alla A7S III di catturare video con una gamma dinamica fino a 15 stop o più a basse impostazioni ISO e in S-Log.

La gamma dinamica delle foto della A7S III è dichiarata a 14EV.

Inoltre, grazie alla lettura e all’elaborazione più veloce, si dice che la A7S III soffra di un minimo effetto rolling shutter (jello).


Lettura 4K full-sensor

La principale caratteristica video della Sony A7S III è che può girare video 4K fino a 120p e filmati full HD fino a 240p, con lettura completa del sensore senza pixel-binning e con il sistema autofocus ibrido in azione.

C’è anche una profondità di colore a 10 bit e un campionamento del colore 4:2:2 disponibile in tutti i formati di registrazione.

Sony ha introdotto i nuovi formati video XAVC S-I 4K (All-Intra) e XAVC HS 4K (Long GOP) e ha migliorato il formato XAVC S 4K (Long GOP) per la A7S III.

La registrazione Intra-frame è una procedura di compressione che cattura più dati ma richiede un bit rate più elevato e quindi una maggiore capacità di archiviazione rispetto al Long GOP. È utile quando si ha bisogno della migliore qualità del video 4K registrato internamente.

XAVC S-I 4K (All-I) può essere usato in registrazione normale a 50/25fps e 10bit 4:2:2 500Mbps e in modalità S&Q (Slow and Quick) a 110/50/25/12/6/3/2/1fps a 25p (4x slow-mo)/50p e 10bit 4:2:2 250Mbps. Sono le opzioni S&Q che rendono essenziale l’uso di una scheda CFexpress.

Il bit rate in modalità S&Q è 250Mbps, il che significa che il bitrate/framerate registrato è 10, molto più alto che nelle fotocamere precedenti. Di conseguenza, i risultati di slow e quick motion in-camera dovrebbero essere molto migliori che in passato.

Vale la pena notare qui che anche se (come al solito) l’audio non viene registrato in modalità S&Q, il sistema AF può funzionare, il che significa che non ci dovrebbero essere problemi nel seguire un soggetto in rapido movimento e creare un video in slow-motion.

Oltre a registrare su una scheda SD UHS-II o una scheda CFexpress di tipo A nella porta di memoria, la A7S III può emettere filmati grezzi a 16 bit 4K 60p attraverso la sua connessione HDMI 2.1 a un Atomos Ninja V. Vale la pena ricordare che 60p è il massimo framerate supportato da HDMI 2.1.


Colore

Come ci si aspetterebbe, la A7S III ha 10bit S-Log 2 e 3 disponibili. Secondo Sony, in S-Log3 i risultati che produce corrispondono a quelli del Sony PXW-FX9.

Sony ha lavorato sulla scienza del colore dietro le gamme S-Gamut3 e S-Gamut3.Cine della A7S III e si dice che la fotocamera abbia una saturazione del colore molto migliore ad alta sensibilità (ISO) rispetto alla A7S II una volta applicata la LUT s709.

Questa è una grande notizia per chiunque voglia classificare i propri video, ma Sony non ha ignorato le esigenze dei videografi meno esperti e di coloro che hanno bisogno di una soluzione ‘out of camera’. Di conseguenza, la A7S III ha un totale di 10 profili di colore, 4 dei quali sono nuovi (FL Tono simile a quello della pellicola, IN Tono della fotocamera istantanea, VV2 Tono vivido con tono luminoso e SH Soft & Highkey).

Ci sono anche 8 parametri di controllo dell’immagine disponibili per la regolazione – saturazione, contrasto, ombra, highlight, dissolvenza, nitidezza, gamma di nitidezza e chiarezza.


Autofocus

La Sony a 7S II ha prestazioni autofocus piuttosto lacunose, ma i sistemi autofocus di Sony sono ora uno dei migliori disponibili in una fotocamera mirrorless, se non in qualsiasi fotocamera. Dico uno dei migliori perché la corona delle prestazioni Eye AF è stata rubata dalle Canon EOS R6 e Canon EOS R5, che hanno una straordinaria capacità di individuare gli occhi nell’inquadratura – anche gli occhi degli animali nei video.

Comunque, non è davvero una sorpresa vedere che Sony ha dato alla A7S III un sistema AF ibrido con 759 punti a rilevamento di fase e 425 punti a rilevamento di contrasto. Fortunatamente, i punti a rilevamento di fase coprono il 92% del sensore.

Un’altra buona notizia è che il sistema Eye AF in tempo reale è anche disponibile e si dice che sia del 30% migliore dei sistemi precedenti. Funziona anche in modalità foto e video. Può essere impostato per rilevare occhi umani o animali in modalità foto e occhi umani in video.

Inoltre, il sistema AF è dichiarato sensibile fino a -6EV, il che significa che dovrebbe essere in grado di operare nelle condizioni cupe in cui la A7S III si dice eccelle.

Di solito, nelle riprese fotografiche si desidera che il sistema di autofocus sia il più veloce possibile, ma quando si gira un video spesso si desiderano transizioni più morbide e lente nella messa a fuoco. La A7S III ha sette passi di regolazione per l’AF per la velocità di transizione piuttosto che cinque come la A7S II e la sensibilità di spostamento del soggetto AF può essere regolata su cinque passi.

Ho il sospetto che la A7S II sia in gran parte utilizzata in modalità di messa a fuoco manuale durante le riprese video, ma la A7S III potrebbe essere l’opposto, dato che il sistema AF è probabilmente molto buono.

Leggete la nostra recensione della A7R IV


Stabilizzazione

Come la A7S II, la Sony A7S III ha una stabilizzazione dell’immagine a 5 assi integrata. Si dice che offra fino a 5.5EV di compensazione della velocità dell’otturatore quando si scattano foto. È anche possibile attivare la stabilizzazione digitale, se necessario. Questo si chiama SteadyShot Active e, come ci si aspetterebbe, il suo utilizzo comporta un leggero ritaglio dell’inquadratura.


Formati di file fissi

Anche se si rivolge principalmente ai videografi, la Sony AS III è ancora in grado di scattare foto e potrebbe piacere ai fotografi che cercano una fotocamera con poca luce.

Come ci si aspetterebbe, la A7S III può scattare immagini raw e Jpeg, ma Sony ha anche incluso l’opzione per scattare immagini HEIF (High-efficiency file format) a 10 bit. Questi file hanno le stesse dimensioni dei Jpeg, ma hanno più dati di colore, il che significa che possono avere gradazioni più morbide e sono meglio in grado di sopportare l’editing.


Doppio slot per schede

Anche se la Sony A7S III ha due slot per schede di tipo SD che sono compatibili con i supporti UHS-II, gli slot possono anche accettare schede CFexpress di tipo A. Queste sono più piccole delle schede di tipo B che abbiamo visto in uso fino ad oggi, e non sono altrettanto veloci, ma vanno bene per le capacità di ripresa video 4K della A7S III.

È bello vedere che i tipi di schede di memoria possono essere mischiati, così se hai solo una scheda CFexpress, puoi inserire una scheda SD nell’altro slot.


Costruzione e maneggevolezza

Mentre sembra molto simile alla A7R IV e alla A7 III, la A7S III è un po’ diversa perché ha uno schermo variabile (whoop!). Significa che è un millimetro o due più grande qua e là.

Sony ha anche aggiornato la resistenza alla polvere e alle intemperie allo stesso livello della A7R IV e della A9 II.

Nel complesso, la A7S III sembra più robusta della fotocamera della generazione precedente. Sembra più una fotocamera di livello professionale rispetto alla A7S II o alla A7R III e alla A7 III. Mi piace particolarmente l’impugnatura che ha una profonda scanalatura che è perfettamente posizionata per accogliere il dito medio della mano destra quando si tiene la fotocamera con il dito indice sul pulsante di scatto.

Sul retro della fotocamera, c’è una piccola ma ben formata cresta su cui il pollice può appoggiarsi. In combinazione con l’impugnatura frontale, questo rende la A7S III molto sicura nella mano quando la si tiene con una sola mano.

Consapevole dei problemi che il calore può causare quando si girano video ad alta risoluzione, la A7S III è considerata 5 volte più efficiente delle fotocamere precedenti e il design che dissipa il calore permette di girare video 4K 60p fino a un’ora senza problemi – è qualcosa con cui la Canon R6 fa fatica, ho scoperto che si spegne pochi minuti dopo aver registrato una seconda clip di 30 minuti a 25p.

Le Sony A7 III e A7R IV sono in giro da così tanto tempo che è facile dimenticare gli aggiornamenti di gestione che le fotocamere Mark III hanno fatto rispetto alle versioni Mark II. La A7S II ha ancora il pulsante di registrazione in posizione scomoda, ma fortunatamente questo è stato risolto nell’aggiornamento Mark III.

E non dimentichiamo che non c’è un mini-joystick sul retro della A7S II, anche questo è stato corretto con la fotocamera Mark III. Si tratta di un joystick abbastanza ampio con una struttura grossolana che dà un buon acquisto.

Naturalmente, il più grande cambiamento di maneggevolezza apportato dalla A7S III è l’introduzione di uno schermo ad angolo variabile. Questa è la prima volta per una fotocamera Sony A7 e la accolgo con tutto il cuore.

Un’altra buona notizia è che Sony ha esteso l’uso del controllo tattile che è naturalmente particolarmente utile con una videocamera quando si desidera effettuare regolazioni silenziose delle impostazioni. È anche possibile navigare nel menu principale e fare selezioni di impostazioni toccando lo schermo.

Schermo ad angolo variabile

Secondo Sony, lo schermo variegato da 3 pollici non era una richiesta per la A7S III, ma un’esigenza. È certamente qualcosa che ho menzionato in molte occasioni.

In passato, l’argomento contrario è stato che una cerniera ad angolo variabile è meno robusta di uno schermo fisso e che “la maggior parte dei videografi dedicati usa un monitor esterno”. Questi due punti possono ancora essere veri, ma uno dei vantaggi chiave dell’uso di una fotocamera come la A7S III è la sua piccola dimensione. Se si inizia a dover aggiungere un monitor esterno, diventa più grande e pesante.

Sony si preoccupa anche di sottolineare che la A7S III è per i nuovi videografi così come per i tiratori esperti e molte di queste persone difficilmente vorranno sferzare anche un monitor.

È bello vedere che c’è un’opzione per mostrare un contorno rosso intorno all’immagine sullo schermo quando la fotocamera sta registrando. Ci sono momenti in cui questo è più utile del solito punto rosso lampeggiante.

Menu della Sony A7S III

Sony ha spesso ricevuto critiche per la complessità dei menu delle sue fotocamere mirrorless. Ovviamente, con una fotocamera ricca di funzionalità come la A7S III, ci sarà ancora un lungo menu, tuttavia, Sony ha pensato seriamente alla questione e il menu sembra essere meglio disposto rispetto alle fotocamere precedenti, con un migliore raggruppamento delle caratteristiche chiave.

Sony ha disposto le schede del menu in una colonna sulla sinistra dello schermo piuttosto che in alto. Queste sono anche codificate a colori e le icone sono state aggiornate per far sembrare il tutto un po’ più 2020. A destra delle schede, c’è una colonna delle varie caratteristiche elencate all’interno della scheda selezionata e mentre si scorre verso il basso, si vedono le opzioni e le impostazioni disponibili per ogni voce. Come ho detto prima, queste possono essere selezionate con un tocco o utilizzando i controlli di navigazione.

Un’altra buona notizia è che c’è un menu dedicato per le riprese fisse e video, il che significa che si vedono solo le opzioni necessarie. È anche possibile specificare aspetti come la velocità dell’otturatore, la sensibilità (ISO), il bilanciamento del bianco e la compensazione dell’esposizione che vengono selezionati quando si passa alla modalità video. Questo evita di dover riadattare tutto quando si cambia modalità.

Sono molto contento di vedere che ci sono due menu Function (Fn), uno per le foto e uno per il video. Entrambi possono essere personalizzati.

Mentre la nuova disposizione dei menu è un grande miglioramento che rende più facile trovare le funzioni desiderate, ci sono ancora alcuni problemi. Per esempio, quando si selezionano le impostazioni per la registrazione di filmati, ce ne sono alcune che non sono disponibili in certe modalità e ci si trova a saltare avanti e indietro. Sarebbe bello vedere una griglia o qualcosa di simile che mostri quali frame rate sono disponibili con quali formati di file. Le Canon EOS R6 e R5 lo fanno molto bene.

Ci sono anche occasionali visualizzazioni di avviso che evidenziano un problema ma non chiariscono quale sia la soluzione, per esempio, quando si imposta il formato del file in modalità video si vede il messaggio ‘Un ambiente corrispondente è richiesto per la riproduzione di filmati registrati in XAVC HS 4:2:2 10bit’. Sarebbe utile sapere qual è l’ambiente corrispondente.


Mirino

La Sony A7R IV ha un OLED di tipo 0,5 da 5,76 milioni di punti e fornisce una visione molto dettagliata e naturale della scena con le impostazioni della fotocamera applicate. Passare a uno schermo da 0,64 pollici significa ottenere una visione più ampia della scena e la risoluzione di 9.437.184 punti assicura che i dettagli fini siano visibili. Tuttavia, il moiré è talvolta visibile in aree con ripetizioni molto fini, come i tessuti, e alcuni bordi mostrano un accenno di aberrazione cromatica.
Durata della batteria

Il consumo della batteria è spesso un problema con le fotocamere mirrorless, la A7S III utilizza la batteria ricaricabile Sony NP-FZ100 che dura circa il 60% in più rispetto alla batteria della A7S II. Permette di registrare fino a 95 minuti di video invece di 60 minuti con la A7S II e di catturare circa 600 immagini (quando si usa l’LCD) invece di 370.

È anche possibile caricare la batteria o alimentare la fotocamera tramite una connessione USB-C. In effetti, la ricarica tramite una connessione USB accelera la ricarica di 3-4 volte.

Prestazioni

Mentre è una fotocamera molto capace, la maggior parte dei fotografi probabilmente non sarà impressionata da un numero di pixel di soli 12 milioni. Tuttavia, mantenere il numero di pixel basso permette ad ogni fotosito sul sensore di essere relativamente grande e questo aiuta ad aumentare le prestazioni della A7S III in condizioni di scarsa luminosità. Questo potrebbe essere interessante per un fotografo di matrimoni, ad esempio, che vuole approfittare dello scatto silenzioso della A7S III e catturare immagini nella scarsa luce di una chiesa, o per un fotoreporter.

Naturalmente, con una fotocamera mirrorless, avere pixel più grandi che raccolgono più luce non giova solo alla qualità dell’immagine, il sistema di messa a fuoco automatica è meglio in grado di rilevare un soggetto anche in condizioni cupe. E anche nelle condizioni di penombra di un bosco di novembre in una giornata nuvolosa nel Regno Unito, la Sony A7S III ha un alto tasso di successo con un soggetto in movimento. Ha anche affrontato bene il mio cagnolino che correva tra le foglie cadute che sono un ottimo camuffamento per la sua pelliccia marrone.

Con il video in mente, la sezione AF/MF del menu ha un’opzione per regolare la velocità di messa a fuoco in base al soggetto. Ci sono 7 impostazioni di velocità di transizione AF che vanno da 1 (lento) a 7 (veloce).

Come per le foto, se avete un soggetto in rapido movimento e una luce mezza decente, con l’impostazione corretta il sistema AF può rilevarlo e tenerne traccia. In alternativa, basta toccare lo schermo sopra il soggetto e sarà tracciato in modo molto efficace.

E’ anche possibile cambiare la sensibilità di spostamento del soggetto AF e controllare l’entusiasmo della fotocamera nel mantenere un soggetto specifico o nel seguirne un altro. Questo può essere regolato su 5 impostazioni e l’ho usato principalmente a 5, il più reattivo. È qualcosa che raccomando di testare con tutti i soggetti che riprendete regolarmente fino a trovare quello che funziona meglio per voi.

Anche l’Eye AF è affidabile, ma un’ombra dietro a quello della Canon EOS R6 e R5. Sarebbe anche bello vedere l’Eye AF in modalità video.


Qualità dell’immagine della Sony A7S III

In modalità foto e video, la Sony A7S III ha una gamma di sensibilità nativa di ISO 80-102.400 con impostazioni di espansione che spingono la gamma a 40-409.600. Come al solito, questa gamma superiore è meglio evitarla a meno che non sia davvero importante ottenere un’immagine, forse per le notizie di cronaca.

Le immagini e i video catturati a ISO 409.600 hanno molto rumore visibile, con dettagli sfocati e macchie di falso colore. Tuttavia, il soggetto è riconoscibile, il che è un passo avanti rispetto ad altre fotocamere alla loro massima sensibilità. Mentre i risultati hanno poco appeal estetico, le foto e i video potrebbero essere utili per le notizie.

Scendete a ISO 102.400, l’impostazione di sensibilità nativa più alta, e le cose migliorano molto. Tuttavia, punterei a scattare ad almeno uno stop inferiore ogni volta che è possibile, poiché il rumore è tenuto sotto controllo molto meglio.
Stabilizzazione dell’immagine

Non c’è dubbio che la stabilizzazione della A7S II sia utile per le foto e le riprese video, e vale la pena di passare alla modalità attiva per i video, ma è un po’ esagerato definirla simile ad un gimbal. E’ utile per eliminare quelle sottili scosse e tremori che si verificano quando si tiene in mano una fotocamera, ma un gimbal come lo Zhiyun Crane 2S è ancora una buona scelta per i video run-and-gun.


Colore ed esposizione

Dotata com’è di un mirino e di uno schermo accurati, più la zebra e la visualizzazione degli istogrammi dal vivo, ci sono poche scuse per sbagliare l’esposizione di video o foto. Nel complesso, ho trovato che la modalità Multi Metering è una buona opzione predefinita e le guide di esposizione sono utili per tenere d’occhio le luci nel caso in cui sia necessario regolare l’esposizione, applicare una piccola compensazione dell’esposizione o modificare l’impostazione ND variabile.

Scegliere il bilanciamento del bianco e il Creative Look o Picture Profile per soddisfare la tua scena o il tuo stile è una decisione creativa, ma nelle impostazioni predefinite, la Sony A7S II produce colori attraenti e naturali. Se si preferisce estendere la gamma dinamica e ottenere l’aspetto desiderato in post-processing, ci sono le modalità Log per ottenere riprese più piatte dalla fotocamera.


9. Nikon D850

Una delle migliori DSLR full-frame sul mercato, la Nikon D850 è anche una delle più impressionanti fotocamere a bassa luminosità mai realizzate.

Con un’alta sensibilità, una velocità sfolgorante, dettagli incredibili e caratteristiche davvero sorprendenti, è una fotocamera top di gamma progettata per gli appassionati di fotografia e i professionisti.

Nikon ha costruito questa fotocamera con un sensore CMOS full-frame retroilluminato da 45,7 megapixel in formato FX senza filtro ottico passa-basso. Questo gli permette di offrire una qualità d’immagine eccezionale, un’efficienza di raccolta della luce senza pari e colori realistici.

Dotata del processore d’immagine EXPEED 5, la D850 elabora i dati più velocemente che mai per un rumore ridotto, un’ampia gamma dinamica, dettagli testuali precisi, registrazione video 4K e scatto continuo a 9 fotogrammi al secondo.

Un incredibile sistema di messa a fuoco automatica offre 153 punti focali impareggiabili, 99 sensori a croce e un processore dedicato per un tracking veloce e preciso fino a EV -4. E con una gamma ISO nativa di 64-25600, espandibile a 32-102400, questa fotocamera è una centrale elettrica capace di stupire i fotografi negli ambienti più bui.
Perché lo amiamo

Sensore CMOS full frame da 45,7 megapixel con illuminazione posteriore
Processore d’immagine ultraveloce EXPEED 5
Gamma ISO di 64-25600, espandibile a 32-102400
Incredibile sistema AF con sensibilità fino a EV -4


Il nostro verdetto

La Nikon D850 DSLR è un serio concorrente con alcune delle migliori specifiche sul mercato.

Questo gli permette di offrire una qualità d’immagine e video eccezionale in quasi tutte le condizioni di luce.

Un sensore enorme e un processore potente gli permettono di raccogliere più luce possibile e di offrire colori realistici e dettagli nitidi.

Il suo autofocus è veloce, potente e fluido, permettendo di rimanere bloccato su qualsiasi soggetto, anche al buio.

A oltre 3500 sterline, è la fotocamera più costosa della nostra lista, ma se te la puoi permettere, è semplicemente una delle migliori opzioni sul mercato per le sue specifiche.
Trucchi e consigli per la fotografia con poca luce
fotografia con poca luce


Fotografia con poca luce

La fotografia è catturare momenti con dettagli sorprendenti, colori realistici e congelare un’immagine, rivelando quanto sia ricca la realtà.

Ma sfortunatamente, non tutti questi momenti accadono sempre con una luce ottimale. Inoltre, a volte le immagini più stupefacenti possono verificarsi nelle scene buie.

La fotografia a bassa luminosità è la pratica di scattare foto in queste condizioni di luce non ideali. Se pensi che non avrai mai bisogno di scattare con poca luce, ripensaci.

Ci sono innumerevoli situazioni in cui sarà necessario, tra cui scattare foto a casa, agli eventi sportivi, a teatro, allo spettacolo di tuo figlio, o catturare un paesaggio notturno o una strada mozzafiato.

Ma per fortuna,

Con un po’ di lavoro, una macchina fotografica con le specifiche giuste e un po’ di esperienza, produrre ottime foto in condizioni di scarsa luminosità è in realtà abbastanza facile.

Le fotocamere che funzionano bene in ambienti bui offrono ampie gamme ISO, una solida stabilizzazione dell’immagine, impostazioni di apertura che catturano la massima quantità di luce possibile, grandi sensori di immagine e potenti processori che permettono un autofocus veloce e preciso.


Ibrido o reflex?

Prima che le fotocamere ibride arrivassero sul mercato nel 2009, il campione indiscusso della fotografia era la DSLR.

E per alcuni anni, questo ha continuato ad essere il caso.

Ma man mano che le fotocamere ibride si sono evolute e migliorate grazie alle innovazioni della tecnologia fotografica, sono diventate vere e proprie rivali delle DSLR.

Mentre entrambe le opzioni ibride e DSLR hanno sostenitori incredibilmente entusiasti, il modo migliore per decidere quale modello è giusto per te è guardare le somiglianze e le differenze tra i due tipi.
macchina fotografica a bassa luminosità

DSLR sta per reflex digitale. Queste macchine fotografiche sono una versione digitale del vecchio formato di pellicola SLR digitale e utilizzano un sensore di immagini digitali per scattare le immagini.

Quando la luce entra attraverso l’obiettivo, rimbalza su uno specchio del corpo macchina nel mirino. Una volta che l’utente preme il pulsante di scatto, lo specchio si ribalta, rivelando il sensore digitale che cattura la luce e produce l’immagine.
fotografia a bassa luminosità

Ibrido o digitale, questo significa che non c’è modo di vedere in anteprima l’immagine nel mirino naturalmente. Anche se molti modelli ora inviano una versione in miniatura di ciò che viene visualizzato sullo schermo LCD della fotocamera a un mirino elettronico come soluzione a questa limitazione.

Il vantaggio di questo design semplicistico è che, con componenti interni meno complicati, le fotocamere mirrorless possono essere più leggere, più compatte e molto più portatili delle DSLR più grandi.

Anche se questo può sembrare un passo indietro nella tecnologia, è in realtà un progresso significativo. Le telecamere cinematografiche hanno usato lo specchio rotante per anni e le DSLR hanno essenzialmente adottato questo meccanismo in un formato digitale. I moderni progressi tecnologici hanno permesso alle macchine fotografiche di catturare immagini senza il ribaltamento dello specchio e questa caratteristica è stata incorporata in varie macchine fotografiche.

Infatti, anche gli smartphone e le fotocamere point-and-shoot sono versioni di fotocamere mirrorless.
Autofocus e riprese in condizioni di scarsa luminosità

Dimensioni e peso

Uno dei principali punti di vendita dei modelli ibridi è che sono molto più leggeri e portatili delle DSLR.

Questo perché una DSLR ha più componenti, tra cui lo specchio, un pentaprisma e uno specchio secondario autofocus. Questo è un grande vantaggio se vi trovate a scattare foto in movimento.

Una cosa da tenere a mente è che se si acquista una fotocamera ibrida che offre obiettivi intercambiabili, la maggior parte degli obiettivi mirrorless pesano circa lo stesso degli obiettivi DSLR.

Questo può portare a un leggero squilibrio, dato che il corpo è relativamente leggero mentre l’obiettivo è abbastanza pesante. Poiché le DSLR sono più pesanti, tendono a sentirsi più equilibrate, anche con un obiettivo pesante attaccato.

Tuttavia, se avere una fotocamera leggera e compatta è una priorità, un modello ibrido è un ottimo acquisto.


Lenti

Se è importante avere la più ampia scelta possibile di obiettivi a tua disposizione, le DSLR sono il modello perfetto per te.

Poiché sono sul mercato da più tempo, c’è semplicemente una gamma più ampia di opzioni disponibili. Questo non significa che non ci siano obiettivi disponibili per le fotocamere ibride.

C’è ancora una discreta quantità di vetreria di qualità sul mercato. E mentre i modelli mirrorless continuano a progredire e a prendere piede nel mercato, i produttori offrono sempre più obiettivi compatibili con queste fotocamere.

Qualità dell’immagine e del video

I modelli ibridi e DSLR sono in grado di produrre delle splendide immagini fisse.

E poiché la dimensione del sensore è un fattore critico nella qualità dell’immagine, questo è particolarmente vero per gli impressionanti modelli con sensore full-frame che sono sul mercato in entrambe le categorie.

Anche se altri fattori come l’autofocus, la luce scarsa, la stabilità e la risoluzione giocano anche un ruolo nella qualità dell’immagine, nessuno dei due stili di fotocamera ha un vantaggio qui, dato che queste specifiche sono abbastanza simili quando si guardano i modelli comparabili in ogni classe.
qualità dell’immagine in condizioni di scarsa luminosità

Scattare con una DSLR o un modello ibrido con la stessa dimensione del sensore, che sia APS-C o full frame, darà risultati quasi identici, non dando alcun vantaggio in questa categoria.

Ma quando si tratta di qualità video… i modelli ibridi tendono ad avere il vantaggio sui loro concorrenti DSLR.

Infatti, solo le DSLR di fascia alta sul mercato sono generalmente in grado di registrare a livelli mozzafiato di 4K con stabilizzazione inclusa.

Confronta questo con molti modelli ibridi economici, che offrono la registrazione 4K ad una frazione del prezzo, ed è chiaro che le opzioni ibride sono la scelta migliore per i videografi a meno che non siano disposti a investire in una più costosa, fotocamera reflex di livello professionale.

Mirino

Quando i modelli ibridi non offrivano mirini elettronici, la DSLR aveva chiaramente il vantaggio.

Ma con molte fotocamere mirrorless che ora offrono questi mirini elettronici, quale sia il formato migliore è ora una questione di preferenze personali.

Poiché le telecamere riflettono la luce e l’immagine speculare nel mirino, gli utenti hanno una visione chiara di ciò che stanno riprendendo. Qualunque cosa la tua macchina fotografica stia puntando, apparirà accuratamente nel tuo mirino.

Poiché i modelli mirrorless creano questa immagine elettronicamente, offrono in realtà un ulteriore vantaggio agli utenti. Le impostazioni di esposizione come i cambiamenti di ISO, apertura e velocità dell’otturatore sono prese in considerazione quando si visualizza la foto attraverso un mirino elettronico.

Questo dà agli utenti un vero stile di ripresa “quello che vedi è quello che ottieni”.
Autofocus e riprese in condizioni di scarsa luminosità
macchina fotografica a bassa luminosità

Solo pochi anni fa, la DSLR vinceva in entrambe queste categorie.

Ma poiché i progressi sono stati fatti nei modelli ibridi, ci sono alcune opzioni davvero impressionanti.

La Sony A6300, per esempio, offre ora la velocità di autofocus più veloce del mondo con 0,05 secondi. E modelli come la Sony A7S, è una vera e propria centrale elettrica a bassa luminosità con una gamma ISO sorprendente e la capacità di produrre immagini incredibilmente chiare nel buio virtuale.

A seconda dei modelli che guardate, modelli comparabili in ogni formato daranno più o meno gli stessi risultati, rendendo questa categoria un pareggio. L’unica volta che c’è un chiaro vincitore è se hai intenzione di scattare molte foto ad un ritmo veloce, come quelle necessarie per la fotografia naturalistica o sportiva.

In questo caso, le DSLR tendono ad essere più capaci di agganciare i soggetti in rapido movimento, dando loro il vantaggio.


Prezzo

Per molte persone, questo può dipendere dal prezzo. Se stai cercando il miglior rapporto qualità-prezzo, la DSLR è l’opzione perfetta per te.

Le DSLR entry-level e mid-range sono abbastanza convenienti e offrono caratteristiche impressionanti, prestazioni eccellenti e innumerevoli funzioni utili. Nel frattempo, se stai cercando un modello ibrido accessibile a un prezzo simile, probabilmente dovrai sacrificare alcune specifiche in termini di risoluzione, mancanza di mirino elettronico o durata della batteria.

Tuttavia, questa discrepanza è evidente solo nei modelli entry-level e mid-range. Una volta che ti addentri nei modelli più costosi e di livello professionale, le DSLR e le fotocamere ibride ti costeranno circa lo stesso, ed entrambi i formati offriranno prestazioni e potenza impressionanti.


Conclusione

Mentre entrambi i modelli ibridi e DSLR possono offrire una qualità d’immagine e delle prestazioni davvero sorprendenti, la scelta del formato è una questione di preferenze personali.

Le DSLR offrono più opzioni di obiettivi e un vantaggio in termini di prestazioni nelle categorie entry e mid-range rispetto ai modelli mirrorless dal prezzo simile.

Ma le fotocamere ibride sono significativamente più compatte e portatili, offrono una maggiore velocità di scatto continuo e una qualità video superiore, anche nei modelli più economici.

Mentre entrambi sono grandi opzioni per i fotografi di qualsiasi livello di abilità, quello che preferisci alla fine si riduce alle caratteristiche che sono più importanti per te.
Impostazioni della fotocamera ISO per la luce scarsa

Una delle impostazioni più importanti che devi regolare quando scatti con poca luce è l’ISO della tua fotocamera.

Ma con la maggior parte delle fotocamere che ora permettono di regolare questa impostazione manualmente, e alcuni modelli che offrono incredibili gamme ISO native, scegliere l’impostazione ottimale può essere difficile.

Soprattutto man mano che si sale nello spettro ISO, si tende a introdurre effetti come il rumore o la sfocatura nel lavoro, riducendo la qualità dell’immagine.

Vediamo quindi come trovare la giusta impostazione ISO per le vostre esigenze. Quando si scatta al buio e si ha bisogno di prestazioni ISO elevate, spesso si deve scendere a compromessi sulla qualità dell’immagine.

Questo perché quando si aumenta l’ISO, si allontana la macchina fotografica dalle sue impostazioni di prestazione ottimale. Questo significa che quando si scatta all’estremità superiore della gamma ISO, si dovrà scegliere tra due problemi di esposizione: rumore o sfocatura.
fotografia notturna a bassa luminosità

La ragione di questa scelta è che si hanno essenzialmente due opzioni quando si scatta con poca luce. La prima opzione è quella di utilizzare un ISO più basso ma con una velocità dell’otturatore più bassa che permette alla maggior quantità di luce possibile di raggiungere il sensore.

Il problema qui è che le immagini tendono ad uscire sfocate. L’altra scelta è quella di lavorare con un ISO più alto e una velocità dell’otturatore più veloce. Il problema qui è che questo significa che probabilmente introdurrete rumore digitale o granulosità nelle vostre immagini.

Anche se questa può essere una decisione difficile da prendere, generalmente si raccomanda di lavorare con una gamma ISO più alta, poiché una piccola quantità di rumore è quasi sempre favorevole a un’immagine sfocata che perde dettagli e nitidezza. A meno che non vogliate la sfocatura nella vostra foto a causa di una preferenza artistica, una piccola quantità di rumore è di gran lunga preferibile per qualsiasi fotografia.

E poiché, a differenza della sfocatura che non può mai essere corretta, il rumore può spesso essere modificato in post-produzione utilizzando strumenti come Photoshop, rischiare un po’ di rumore è di solito la scommessa più sicura.

La maggior parte dei professionisti raccomanda di scattare con una gamma ISO tra 1600 e 3200, mentre le gamme fino a 6400 possono essere notevolmente chiare con una fotocamera solida in condizioni di scarsa luminosità.

A queste impostazioni ISO, la fotocamera è abbastanza sensibile da catturare immagini di grande qualità nella maggior parte delle condizioni di oscurità, introducendo una quantità minima di rumore che di solito può essere modificato in post-produzione. La ragione di questa gamma invece di un numero specifico è che ogni impostazione è diversa e pone diverse richieste alla tua fotocamera.

Il miglior consiglio è quello di testare la tua fotocamera a questi diversi livelli ISO e vedere quali sono i risultati. Lavorando in un ambiente fermo con poca luce, prendete un’immagine ferma a 1600 e spostatevi gradualmente verso l’alto dello spettro, aumentando di un passo o due ogni volta. Poi confrontate i vostri risultati.

Essendo in grado di giudicare come apparirà ogni impostazione in diverse impostazioni di illuminazione, sarete in grado di regolare rapidamente la vostra impostazione ISO su un numero che produrrà i risultati più impressionanti.

Quando si scatta in un luogo buio, si hanno due opzioni. Si può creare fisicamente più luce, oppure si possono regolare le impostazioni della macchina fotografica per reagire in modo diverso a qualsiasi luce disponibile.

Diamo un’occhiata a come ottimizzare la tua fotocamera per ottenere risultati impressionanti in condizioni di scarsa luminosità. Quando si tratta di regolare l’esposizione della tua fotocamera, hai essenzialmente tre impostazioni che puoi cambiare: apertura, velocità dell’otturatore e ISO.


Apertura

L’apertura è semplicemente il foro attraverso il quale la luce passa nell’obiettivo della tua macchina fotografica. Più ampia è l’apertura, più luce disponibile può entrare. L’apertura è misurata in numeri f.

L’unico trucco qui è che i numeri di apertura sono in realtà invertiti. Questo significa che più basso è il numero f, più ampia è l’apertura. Anche se l’impostazione del diaframma è normalmente il primo passo da fare quando si scatta con poca luce, normalmente non è molto utile se si sta usando un obiettivo kit standard.

Questo perché la maggior parte di questi pezzi di vetro avrà solo un’apertura massima di circa f/3.5 e questo non è abbastanza grande per fare il lavoro. Per una foto ben esposta con poca luce, si dovrebbe comprare un obiettivo che offra un’apertura massima di circa f/1.8. Anche se produce una profondità di campo inferiore, è in grado di far entrare 4 volte più luce di un obiettivo impostato a f/3,5.


Velocità dell’otturatore

La velocità dell’otturatore è il passo successivo nel controllo dell’esposizione quando si scatta con poca luce. Fondamentalmente, più lenta è la velocità dell’otturatore, più luce può entrare. Anche se questa sembra la soluzione perfetta, se non stai scattando con un treppiede, non puoi impostare la velocità dell’otturatore troppo bassa perché otterrai immagini sfocate. La regola generale è che per immagini nitide e senza sfocature si può impostare un modello full frame su una frazione della lunghezza focale dell’obiettivo.

Questo significa che per un obiettivo da 30 mm, si può impostare la velocità dell’otturatore a 1/30 di secondo. Le fotocamere con sensore crop sono più adatte a velocità di circa 1/45 di secondo. Questo eviterà che si verifichi la sfocatura quando non si ha un soggetto in movimento.


ISO

L’ISO è l’ultimo passo che puoi fare per perfezionare la tua esposizione in condizioni di luce non ideali. L’unica cosa da tenere a mente è che man mano che si aumenta l’ISO, più rumore digitale sarà introdotto nella vostra immagine. Questo significa che, per la maggior parte delle fotocamere, catturare immagini a ISO molto alti può risultare in una qualità d’immagine molto scarsa.

Ma se hai impostato la velocità dell’otturatore e l’apertura e ancora non riesci a catturare la qualità della foto che stai cercando, il tuo prossimo passo è quello di aumentare gli ISO. L’ISO lavora in stop. Questo significa che quando si raddoppia l’ISO, si raddoppia la quantità di luce che la fotocamera può rilevare.

Per evitare un rumore eccessivo nelle tue immagini, ti raccomandiamo di aumentare gli ISO solo fino a circa 1600 o 3200, anche se in alcune situazioni, fino a 6400 può ancora dare risultati impressionanti.

Combinando queste 3 tecniche, è possibile catturare foto davvero impressionanti anche nelle condizioni di luce più basse. Basta impostare l’apertura, la velocità dell’otturatore e l’ISO su valori più ricettivi alla luce e sperimentare con le diverse impostazioni fino a quando non si è a proprio agio con le prestazioni della fotocamera.
fotografia notturna


Qual è la migliore apertura per la fotografia con poca luce?

Se stai scattando in un ambiente buio, hai bisogno che l’apertura dell’obiettivo della tua macchina fotografica sia abbastanza ampia da permettere la maggior quantità possibile di luce nella tua macchina fotografica.

I fotografi usano la parola apertura per riferirsi alla dimensione di questa apertura. Le macchine fotografiche misurano l’apertura con un valore chiamato f-stop.

Alcuni dei valori più comuni sono f/8, f/11 e f/16. L’unica cosa difficile da ricordare è che più grande è il numero di f-stop, più piccola è l’apertura. Quindi un f-stop f/3 è molto più grande di un’apertura f/11.

In caso di cattiva luce, si desidera impostare la fotocamera su un numero basso di f-stop, che permetterà alla massima quantità di luce di entrare nella fotocamera.

Un’apertura f/4 è sufficiente, ma se hai intenzione di passare molto tempo a scattare in condizioni di scarsa luminosità, potresti voler investire in un obiettivo con un’ampia apertura massima che può andare da f/2 a circa f/1.4. Non si vuole andare molto oltre regolando il diaframma. Invece, userete questa impostazione insieme alle vostre impostazioni di velocità dell’otturatore e ISO.

Questo perché ci sono alcuni svantaggi nell’aumentare l’apertura. Più ampia è l’apertura, più piccola è l’area di messa a fuoco, o profondità di campo, nella vostra immagine. Se avete un solo soggetto nel vostro scatto, una profondità di campo ridotta è sufficiente perché il vostro unico soggetto sarà a fuoco mentre tutto il resto sarà fuori fuoco.

Ma se avete diversi soggetti nella vostra immagine che sono sparsi in diversi punti o distanze nel vostro fotogramma, dovrete scegliere quali oggetti sono a fuoco e quali sono fuori fuoco. Per questo motivo, non è consigliabile andare molto oltre un’apertura nella gamma suggerita, con un solido punto di partenza per gli scatti di prova intorno a f/1.8.
Cosa posso fare come fotografo di concerti con poca luce?
fotografo di concerti con poca luce

La fotografia di concerti con poca luce è molto difficile da un punto di vista tecnico. Bisogna sapere come lavorare con l’esposizione. E hanno anche bisogno di una buona attrezzatura.

Il detto che riguarda più il fotografo che l’attrezzatura è vero per quanto riguarda quello che sta succedendo. Prova a usare una full frame con un bell’obiettivo f/1.4 e forse la stabilizzazione del sensore è in atto per assicurarti di non perdere mai uno scatto.


E la fotografia notturna?

I fotografi notturni, per definizione, lavorano con poca luce. E per ottenere immagini chiare della Via Lattea o delle scie stellari, bisogna imparare a lavorare con le piccole quantità di luce disponibili.

La prima cosa che aiuta è allontanarsi il più possibile dalla civiltà. L’inquinamento luminoso delle città è immenso.

Avventurandosi in campagna, eviterà che le luci della città si intromettano nelle sue immagini. In astrofotografia, i tempi di scatto iniziano a circa 30 secondi e salgono solo da lì.

Avrete bisogno di una velocità dell’otturatore veloce per congelare l’azione di un soggetto in movimento. Ma questo riduce la quantità di luce disponibile.

Fortunatamente, a seconda del tipo di ambiente di composizione. Puoi aprire il diaframma per permettere più luce. Questo funziona finché non ti dispiace uno sfondo sfocato. Se vuoi che lo sfondo sia a fuoco, devi usare un’apertura più stretta, che riduce anche la quantità di luce che entra nella scena. Pertanto, è necessario aumentare l’ISO o utilizzare lo strumento di compensazione dell’esposizione.


Nikon D750
Scelta migliore

La nostra scelta per la migliore fotocamera a bassa luminosità sul mercato oggi è la Nikon D750 DSLR. È raro trovare un solido modello full-frame a poco meno di 1.800 sterline, ma questa potente fotocamera non solo è accessibile, ma offre anche le specifiche e le caratteristiche che stai cercando in un modello a bassa luminosità.

Il suo grande sensore CMOS full-frame 24.3 è perfetto per catturare quanta più luce naturale possibile e rende le immagini fisse e i video davvero belli. E il processore d’immagine EXPEED 4 lo mantiene veloce mentre riduce il rumore e offre un’impressionante gamma ISO fino a 12.800.

Con un sistema di messa a fuoco automatica veloce e preciso che offre 51 punti focali, è ideale per trovare rapidamente il tuo soggetto e rimanere sull’obiettivo. E con la sua sensibilità ISO a EV-3 e l’affidabile funzione di controllo automatico ISO, è una delle migliori reflex full-frame disponibili sul mercato.


Nikon D5
Scelta premium

Se siete alla ricerca di una fotocamera veramente di qualità superiore in grado di offrire prestazioni ineguagliabili in condizioni di scarsa luminosità, la Nikon D5 è la fotocamera che fa per voi.

Se avete letto questo articolo, avrete probabilmente notato che Nikon ha avuto un certo numero di fotocamere nella nostra lista. E la D5 è la DSLR full frame di punta del marchio. Con un sensore CMOS full frame da 20,8 megapixel e il processore d’immagine incredibilmente veloce e potente EXPEED 5.

Questo modello offre una vera resa dei colori, una qualità d’immagine senza pari e un’eccezionale gamma ISO nativa di 100-102400, che può essere estesa a 3.280.000. Questa gamma ISO nativa migliore della categoria è potenziata dall’eccezionale sistema di messa a fuoco automatica della D5, che dispone di 153 punti di messa a fuoco, 99 sensori a croce e una sensibilità fino a EV -4, permettendo di agganciare rapidamente i soggetti anche negli ambienti più bui.

Con il suo sistema di stabilizzazione dell’immagine, la velocità di scatto continuo di 12 fotogrammi al secondo e la capacità di registrazione video 4K di qualità cinematografica, questa DSLR è la fotocamera ideale per gli appassionati e i fotografi professionisti. È una delle fotocamere più costose sul mercato, ma è anche l’unica fotocamera di cui avrete bisogno per qualsiasi situazione di ripresa.


Sony Alpha A6300
Miglior rapporto qualità/prezzo

Se vuoi catturare immagini e video nitidi anche con la luce più fioca, ma sei anche interessato a ottenere un ottimo rapporto qualità-prezzo, la Sony Alpha a6300 è una delle migliori fotocamere in circolazione. Compatta, potente e perfetta per catturare foto vibranti al buio, questo ibrido è uno dei migliori della sua classe. Con un sensore CMOS Exmor APS-C da 24,2 megapixel e il processore d’immagine BIONZ X.

La a6300 offre una qualità d’immagine eccezionale e tempi di elaborazione più rapidi della maggior parte dei concorrenti a prezzi simili. E con una gamma ISO fino a ISO 51.200 con rumore minimo fino a 25.600, è perfetta in qualsiasi condizione di luce. Aggiungete a questo la velocità di messa a fuoco automatica più veloce del mondo a 0,05 secondi, la capacità di scattare fino a 11 fotogrammi al secondo in scatto continuo e l’incredibile capacità di registrazione video 4K, e avrete una fotocamera incredibilmente potente e versatile.

E grazie al suo corpo in magnesio resistente alle intemperie, non solo è leggero, ma può essere utilizzato in tutte le condizioni atmosferiche. A meno di 800 euro, la a6300 ha un ottimo rapporto qualità-prezzo per chiunque cerchi un modello economico che non richieda di sacrificare le prestazioni.