Migliori Monitor PC da 100 ai 200 euro | Guida Completa all’Acquisto | Classifica Luglio 2020

L’acquisto di un monitor per computer è un investimento nel futuro che dovrebbe essere tenuto in debita considerazione. Quando si acquista un nuovo PC o si aggiorna un PC esistente, troppo spesso ci lasciamo trasportare dalla commercializzazione di “FPS” o più “GHz” lasciando da parte la valutazione che merita la periferica più importante del nostro sistema informatico.

Il risultato è un’apparecchiatura sbilanciata che non sfrutta un buon monitor e le sue varie applicazioni come schermo principale per il nostro PC desktop, come schermo secondario a cui colleghiamo il nostro portatile per aumentare la produttività sul desktop, per l’uso con la nostra console per videogiochi o in sistemi multischermo.

Se volete sapere quali sono i migliori monitor sul mercato nella fascia di prezzo che va dai 100 ai 200 euro, vi offriamo questa guida completamente aggiornata con quelle che, a nostro avviso, potrebbero essere le migliori opzioni. La scelta di un buon monitor non è un compito facile, poiché molti parametri devono essere considerati, ad esempio, il tempo del pannello; IPS, VA, TN, la sua frequenza di aggiornamento, se è per il gioco o per il design, e molti altri problemi. Ed è per questo che vi offriamo questa guida che aggiorneremo frequentemente con i migliori monitor per PC del momento.

 

Migliori Monitor PC da 100 ai 200 euro

OffertaBestseller No. 1
MSI Optix MAG241CV LCD Monitor Gaming 24" Curvo, Pannelo VA, 144 Hz, 1ms
  • Pannello va, curvo (1500r) con design frameless per un'immersione totale
  • Risoluzione fhd - i titoli di gioco avranno un aspetto migliore grazie alla risoluzione fhd
  • Frequenza di aggiornamento di 144hz e tempo di risposta di 1ms - gioco davvero fluido
  • Anti-flicker e less blue light – gioca ancora più a lungo e previeni l'affaticamento degli occhi
  • 3 anni di
OffertaBestseller No. 2
HP - PC EliteDisplay E273 Monitor, Schermo 27' IPS Antiriflesso FHD, Regolabile Altezza fino a 150 mm e Inclinazione, Pivoting 90°, Comandi Integrati, VGA, USB 3.0, HDMI, DisplayPort, Argento
15 Recensioni
HP - PC EliteDisplay E273 Monitor, Schermo 27" IPS Antiriflesso FHD, Regolabile Altezza fino a 150 mm e Inclinazione, Pivoting 90°, Comandi Integrati, VGA, USB 3.0, HDMI, DisplayPort, Argento
  • Ottieni immagini nitide da qualsiasi angolazione sul monitor IPS con risoluzione 1920 x 1080 Full HD e diagonale da 68,58 cm...
  • Espandi la tua produttività con una visione ininterrotta su più display grazie alla cornice micro-edge su 3 lati predisposta per...
  • Scegli la posizione più confortevole e produttiva grazie all'inclinazione e alla rotazione regolabili e alla possibilità di...
  • La rotazione su perno ti permette di personalizzare la vista scegliendo tra orizzontale o verticale quando usi più monitor...
  • Il tuo investimento IT è coperto da una garanzia standard limitata di tre anni. Per estendere la garanzia, puoi attivare un...
OffertaBestseller No. 3
LG 29WL500 Monitor 29" UltraWide 21:9 LED IPS Full HDR 10, 2560 x 1080, Radeon FreeSync 75Hz, 2 x HDMI, Uscita Audio, Multitasking, Nero
  • Monitor 29" UltraWide 21:9, Wide Full HD 2560 x 1080, Flicker Safe, Anti Glare
  • HDR 10 (High Dynamic Range), 250 cd/m²
  • Radeon FreeSync 75 Hz, Black Stabilizer, Dynamic Action Sync (DAS), Crosshair, tempo di risposta 5 ms
  • Pannello IPS per una visione ottimale da qualsiasi angolazione (16.7M colori - sRGB 99%)
  • Schermo Multitasking, Screen Split, Reader Mode (Low Blue-Light)
OffertaBestseller No. 4
HP - Gaming OMEN 25 Monitor TN, Schermo FHD Antiriflesso 24.5', Tecnologia AMD FreeSync, Tempo di Risposta 1 ms Overdrive, Frequenza 144 Hz, Risoluzione 1920 x 1080, HDMI, DisplayPort, Nero
592 Recensioni
HP - Gaming OMEN 25 Monitor TN, Schermo FHD Antiriflesso 24.5", Tecnologia AMD FreeSync, Tempo di Risposta 1 ms Overdrive, Frequenza 144 Hz, Risoluzione 1920 x 1080, HDMI, DisplayPort, Nero
  • Dimensioni schermo 62.23 cm (24.5")
  • Tempo di risposta di aggiornamento 1.8 ms (da grigio a grigio)
  • Risoluzione FHD (1920 x 1080 a 144 Hz)
  • Luminosità 400 cd/m²
  • Proporzioni 16:9
OffertaBestseller No. 5
AOC C24G1 Monitor Gaming Curvo da 24", Pannello VA, FHD 1920 x 1080 a 144 Hz, 1 Porta D-SUB, 2 Porte HDMI, 1 Porta Display, Tempo di Risposta 1 msec, Nero
  • Monitor gaming con display da 23,6 pollici Curvo, pannello VA, Full HD con refresh a 144Hz RT 1 msec
  • Ampia connettività: 1 Porta D-SUB, 2 porte HDMI, 1 porta Display
  • Dotato della tecnologia FreeSync per eliminare il tearing e gli scatti delle immagini e il ritardo di input
  • Elegante Design, cornice framless e colore Nero - Rosso; base Regolabile in Altezza
  • Tecnologia Flicker free e Anti-Blue Light, che riduce l'affaticamento della vista per una visione più confortevole

Migliori Monitor PC dai 200 ai 300 euro

OffertaBestseller No. 1
Samsung S24F350 Monitor per PC 24 pollici Risoluzione 1920 x 1080, Full HD, 60 Hz D-Sub, HDMI, Pannello PLS, Nero
3.316 Recensioni
Samsung S24F350 Monitor per PC 24 pollici Risoluzione 1920 x 1080, Full HD, 60 Hz D-Sub, HDMI, Pannello PLS, Nero
  • Monitor PC LED Flat con risoluzione Full HD
  • Design sottile con uno spessore pari a 10 mm
  • Modalità Eye Saver per un alto confort visivo
  • Ingresso D-SUB e HDMI
  • Dimensioni con base: 547.7 x 418.0 x 206.5 mm, dimensioni senza base: 547.7 x 320.7 x 81.7 mm
OffertaBestseller No. 2
Samsung U28E570D Monitor 28 Pollici, UltraHD, 4K, Pannello TN, 3840 x 2160, 1 ms, 16:9, 60 Hz, 2160p, LED, AMD FreeSync, 2 HDMI, Display Port Incluso, Nero
  • Monitor 4K di 28 pollici con risoluzione UltraHD molto realistica (3840 x 2160)
  • Monitor UHD con 1 miliardo di colori per immagini nitide e ricche di dettagli
  • Esperienza di gioco fluida con un tempo di risposta di 1 ms, 60 Hz, AMD Freesync
  • Picture-In-Picture 2.0 per il multitasking, sostituendo il doppio schermo
  • 2 HDMI e 1 DisplayPort: tripla interfaccia per collegare il PC a dispositivi AV
Bestseller No. 3
Pc desktop Amd Cpu 3,50 GHz Turbo,Ram 8Gb Ddr4,Ssd M.2 256Gb,Lettore masterizzatore cd dvd,Windows 10 Pro Scheda Video Radeon,Pc assemblato Pc fisso ufficio casa completo Computer
  • Scheda Madre : Asus Prime A320M-K Con 1x VGA 1x HDMI 4x USB 3.0 2x USB 2.0 1x AUDIO 2x PS2 / Alimentatore : 500 Watt
  • Case : Case Atx GameMax Middle Tower G561 Black 0.5MM SPCC 3*USB3.0/2.0 3*Fan 15 LED Blu Ring Side Half Plexiglass / Cpu :...
  • Memoria Ram : 8Gb Ddr4 2400MHz / Ssd M.2 : 256Gb Sata / Wifi : USB 300MBPS TP-LINK
  • Sistema Operativo : Windows 10 Professional 64bit / Masterizzatore-Lettore : Cd-Dvd-Rw LG-Hitachi
  • La PJDIGITALSTORE offre 2ANNI di Garanzia e Supporto Tecnico Sempre Disponibile Per Qualsiasi Problema
OffertaBestseller No. 4
Lenovo L27i Monitor, Display 27" Full HD IPS, Bordi ultrasottili, Risoluzione 1920 x 1080, 250 nits, 4 ms, 75 Hz, HDMI+VGA, Black
  • Display 27" Full HD con risoluzione 1920 x 1080: questo monitor da 27 pollici Full HD IPS consente di godere di dettagli...
  • 250 nits: per la giusta luminosità del tuo schermo
  • Il tempo di latenza di 4 ms ottimizza la responsività dello schermo e la funzionalità adattiva AMD FreeSync è il condimento...
  • Input HDMI+VGA: le porte VGA, HDMI e Audio Out ti consentono di soddisfare ogni tua esigenza, che sia relativa al lavoro o per il...
  • Frequenza 75 Hz
OffertaBestseller No. 5
LG 24GL600F UltraGear Monitor Gaming 23.6' Full HD LED, 1920 x 1080, 1 ms, Radeon FreeSync 144 Hz, Contrasto Dinamico 5 M, 2 x HDMI, 1 x Display Port, Uscita Audio, Multitasking
697 Recensioni
LG 24GL600F UltraGear Monitor Gaming 23.6" Full HD LED, 1920 x 1080, 1 ms, Radeon FreeSync 144 Hz, Contrasto Dinamico 5 M, 2 x HDMI, 1 x Display Port, Uscita Audio, Multitasking
  • UltraGear Monitor Gaming 24" FullHD 1920 x 1080, Flicker Safe, Anti Glare
  • Tempo di risposta 1 ms, 300 cd/m²
  • Radeon FreeSync 144 Hz (Low Frame Compensation)
  • Black Stabilizer, Dynamic Action Sync (DAS), Crosshair
  • Schermo Multitasking, Screen Split, Reader Mode (Low Blue-Light)

Migliori Monitor PC dai 300 ai 400 euro

OffertaBestseller No. 1
LG 27UL650 Monitor 27' Ultra HD 4K LED IPS HDR 400, 3840 x 2160, Radeon FreeSync 60 Hz, 1x Display Port, 2x HDMI, Uscita Audio, Multitasking, Altezza Regolabile
649 Recensioni
LG 27UL650 Monitor 27" Ultra HD 4K LED IPS HDR 400, 3840 x 2160, Radeon FreeSync 60 Hz, 1x Display Port, 2x HDMI, Uscita Audio, Multitasking, Altezza Regolabile
  • Monitor 27" UltraHD 4K 3840 x 2160 HDR 400
  • Radeon FreeSync 60 Hz
  • Design Borderless 3 lati
  • Pannello IPS per una visione ottimale da qualsiasi angolazione (10 bit - sRGB 99%)
  • Schermo Multitasking; Screen Split
OffertaBestseller No. 2
LG 24GL600F UltraGear Monitor Gaming 23.6' Full HD LED, 1920 x 1080, 1 ms, Radeon FreeSync 144 Hz, Contrasto Dinamico 5 M, 2 x HDMI, 1 x Display Port, Uscita Audio, Multitasking
697 Recensioni
LG 24GL600F UltraGear Monitor Gaming 23.6" Full HD LED, 1920 x 1080, 1 ms, Radeon FreeSync 144 Hz, Contrasto Dinamico 5 M, 2 x HDMI, 1 x Display Port, Uscita Audio, Multitasking
  • UltraGear Monitor Gaming 24" FullHD 1920 x 1080, Flicker Safe, Anti Glare
  • Tempo di risposta 1 ms, 300 cd/m²
  • Radeon FreeSync 144 Hz (Low Frame Compensation)
  • Black Stabilizer, Dynamic Action Sync (DAS), Crosshair
  • Schermo Multitasking, Screen Split, Reader Mode (Low Blue-Light)
OffertaBestseller No. 3
MSI Optix MAG272CQR Monitor Gaming 27" Curvo, Display 16:9 WQHD (2560 x 1440), Freq 165Hz, HDR Ready, 1ms, Type-C, Pannello VA, Curvatura 1500R, Mystic Light RGB, Gaming OSD APP, VESA 100x100
  • Wqhd ad alta risoluzione - i titoli di gioco avranno un aspetto migliore, mostrando più dettagli
  • Frequenza di aggiornamento 165hz e tempo di risposta di 1ms - un'esperienza di gioco davvero fluida
  • App osd per giochi: crea le impostazioni di visualizzazione ottimali per il tuo gioco
  • Hdr ready-fornisce dettagli accattivanti attraverso la regolazione del contrasto e delle ombre
  • 3 anni di
OffertaBestseller No. 4
LG 32UK550 Monitor 32" 4K Ultra HD HDR, 3840x2160, 4ms, Speaker Integrati 10 W, Radeon FreeSync, Multitasking, Display Port, HDMI, Regolabile in Altezza
  • Monitor 31.5" UltraHD 4K 3840 x 2160, Flicker Free
  • HDR 10 (High Dynamic Range), 300 cd/m², colore calibrato
  • Tempo di risposta 4 ms
  • Pannello VA (1.07 miliardi di colori - DCI-P3 95%)
  • Radeon FreeSync 60 Hz, Black Stabilizer, Dynamic Action Sync (DAS)
OffertaBestseller No. 5
AOC 24B1XHS Monitor LED da 23.8", Pannello IPS, FHD, 1920 x 1080, VESA 75 x 75, VGA, HDMI, Senza Bordi, Nero
  • Il Design Sottile ne conferisce un aspetto elegante e richiede meno spazio sulla scrivania
  • Design senza cornice: Oltre ad avere un aspetto moderno e accattivante, i design senza cornice consentono configurazioni...
  • Il Pannello IPS offre livelli di profondità dei neri visualizzando immagini luminosissime dai colori estremamente intensi
  • Flicker Free che riduce i livelli di sfarfallio nelle immagini visualizzate
  • Modalità Low Blue Light di AOC; le onde di luce blu corte possono danneggiare la vista; la tecnologia Low Blue Light di AOC...

Monitor più venduti su Amazon

#AnteprimaProdottoPrezzo
1 Samsung S24F350 Monitor per PC 24 pollici Risoluzione 1920 x 1080, Full HD, 60 Hz D-Sub, HDMI, Pannello PLS, Nero Samsung S24F350 Monitor per PC 24 pollici Risoluzione 1920 x 1080, Full HD, 60 Hz D-Sub, HDMI,... 179,00 EUR 88,88 EUR
2 Philips Monitor 223V5LHSB2 Monitor LCD-TFT per PC Desktop 21,5' LED, Full HD, 1920 x 1080, 5 ms, HDMI, VGA, Attacco VESA, Nero Philips Monitor 223V5LHSB2 Monitor LCD-TFT per PC Desktop 21,5" LED, Full HD, 1920 x 1080, 5 ms,... 81,26 EUR 65,11 EUR
3 Philips Monitor 223V5LSB2 Monitor per PC Desktop 21,5' LED, Full HD, 1920 x 1080, 5 ms, VGA, Attacco VESA, Nero Philips Monitor 223V5LSB2 Monitor per PC Desktop 21,5" LED, Full HD, 1920 x 1080, 5 ms, VGA, Attacco... 69,90 EUR 49,19 EUR
4 LG 22MN430 Monitor 21.5' FullHD LED IPS, 1920 x 1080, Radeon FreeSync 75Hz, 2x HDMI, 1x VGA, Uscita Audio, Flicker Safe, Nero LG 22MN430 Monitor 21.5" FullHD LED IPS, 1920 x 1080, Radeon FreeSync 75Hz, 2x HDMI, 1x VGA, Uscita... 84,99 EUR
5 Samsung C27F396 Monitor Curvo per PC, 27'' Full HD, 1920 x 1080, 60 Hz, 4 ms, Freesync, D-sub, HDMI, Nero Samsung C27F396 Monitor Curvo per PC, 27'' Full HD, 1920 x 1080, 60 Hz, 4 ms, Freesync, D-sub, HDMI,... 159,99 EUR 144,68 EUR
6 Samsung Monitor S24D330 Monitor Computer 24'' Full HD, 1920 x 1080, 60 Hz, 1 ms, Game Mode, D-sub, Cavo HDMI Incluso, Nero Samsung Monitor S24D330 Monitor Computer 24'' Full HD, 1920 x 1080, 60 Hz, 1 ms, Game Mode, D-sub,... 169,00 EUR 94,54 EUR
7 Philips 221V8 Gaming Monitor 22' Adaptive sync 75 Hz, VA, Full HD, 4ms, HDMI, VGA, Attacco VESA, Nero Philips 221V8 Gaming Monitor 22" Adaptive sync 75 Hz, VA, Full HD, 4ms, HDMI, VGA, Attacco VESA,... 83,99 EUR
8 HP 22w Monitor per PC, Schermo 22 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 1920 x 1080, 60 Hz, Micro-Edge, Antiriflesso, Tempo di Risposta 5 ms, Comandi sullo Schermo, HDMI e VGA, Reclinabile, Nero HP 22w Monitor per PC, Schermo 22 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 1920 x 1080, 60 Hz, Micro-Edge,... 89,99 EUR 80,42 EUR
9 HP 24w Monitor, Schermo 24 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 1920 x 1080, Micro-Edge, Antiriflesso, Tempo di Risposta 5 ms, Comandi sullo Schermo, HDMI e VGA, Reclinabile, Nero HP 24w Monitor, Schermo 24 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 1920 x 1080, Micro-Edge, Antiriflesso,... 119,99 EUR 96,05 EUR
10 LG 24ML600S Monitor 24' Full HD MULTIMEDIALE LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR, Radeon FreeSync 75Hz, Audio Stereo 10W, 2x HDMI, 1x VGA, Uscita Audio, Flicker Safe, Multitasking, Bianco LG 24ML600S Monitor 24" Full HD MULTIMEDIALE LED IPS, 1920x1080, 1ms MBR, Radeon FreeSync 75Hz,... 179,00 EUR 130,19 EUR

 

Guida completa all’acquisto di un monitor per Pc

Questa è la prima domanda che dovreste porvi quando acquistate un nuovo monitor, poiché le sue caratteristiche dipenderanno molto dall’uso che ne farete. Per questo motivo elencheremo i possibili utilizzi dei monitor in modo che possiate identificare facilmente le vostre preferenze.

Ufficio e uso normale

Per compiti come la posta elettronica, i social network, la navigazione sul web e il pagamento delle bollette online, probabilmente non avrete bisogno di un monitor ad alte prestazioni con molte funzioni aggiuntive. Ci sono molti monitor a basso prezzo disponibili e non è necessario accontentarsi di un piccolo schermo. Anche i monitor di medie dimensioni (23″-24″) con Full HD sono probabilmente più convenienti di quanto si pensi.

Se nel vostro caso, oltre a guardare la posta, avete intenzione di usare il PC per diverse ore per scrivere o navigare in internet, avrete bisogno di un monitor che non stanchi troppo gli occhi, quindi in questo caso sceglietene uno di media grandezza, ad esempio 24 pollici. E anche questa è una risoluzione Full HD o almeno HD con un buon contrasto e una buona luminosità.

Monitor Multifunzione

I monitor multifunzione forniscono la qualità di visualizzazione e le prestazioni necessarie per le attività quotidiane come lo streaming di musica e film, la condivisione di foto e presentazioni, la videoconferenza e la creazione di fogli di calcolo. Un monitor Full HD a LED o IPS funziona bene per un uso multiuso. Se si prende un monitor più grande (27″ o più) o un monitor touchscreen, può funzionare come centro di intrattenimento domestico.

In questo caso, i monitor a pannello IPS o VA molto versatili funzioneranno bene, con buone angolazioni e colori poco saturi e più fedeli alla realtà.

Monitor Multimediale / Professionale

Fotografi, grafici, artisti della produzione video e altri professionisti della multimedialità entrano in questo campo. Tutti hanno bisogno di un monitor progettato per la creazione di contenuti. Ciò significa uno schermo più grande con almeno una risoluzione Full HD, 2K o 4K (UHD) per avere più spazio sullo schermo e immagini altamente dettagliate. Inoltre, si consiglia di utilizzare un pannello IPS, in quanto offre neri profondi, colori molto precisi e ampi angoli di visione.

Quale monitor per editing video

Se state modificando film e video, cercate un monitor con un tempo di risposta di 5ms o meno, per ridurre la sfocatura del movimento e il ghosting, che è una debole traccia lasciata sullo schermo dalle immagini precedenti. Si consiglia inoltre di procurarsi un monitor con supporto regolabile, se possibile compatibile con lo standard VESA per l’installazione su supporti multi-monitor.

I migliori monitor del mercato per giochi

I giocatori hanno bisogno di un monitor ad alte prestazioni il più delle volte. Un’apparecchiatura in grado di raggiungere risoluzioni elevate come il 4K e con una risposta rapida inferiore ai 4 ms, soprattutto se la useremo per l’eSPORT o per giochi online competitivi. Si consiglia almeno una risoluzione Full HD, un tempo di risposta di 4 ms o più veloce, una frequenza di aggiornamento di 60Hz o più veloce, e un angolo di visione orizzontale di 170° o più. I monitor 4K 144Hz non sono un’opzione molto attraente, in quanto poche schede possono attualmente raggiungere tale frequenza, essendo al massimo 90 o 95 FPS con un RTX 2080 Ti.

I monitor da gioco sono tipicamente dotati di tecnologia G-SYNC o FreeSync che, sebbene funzionino con qualsiasi PC, offrono anche ulteriori vantaggi se combinati con una scheda grafica compatibile. Queste tecnologie sincronizzano la frequenza di aggiornamento tra la GPU e il display per un’immagine più omogenea. Fortunatamente, Nvidia G-Sync ora supporta AMD FreeSync su tutti i monitor.

Migliori Monitor PC da 100 ai 200 euro | Guida Completa all'Acquisto | Classifica Luglio 2020

Caratteristiche da valutare quando si acquista un un monitor

Dimensione

Sicuramente la dimensione dello schermo è uno dei primi aspetti da valutare nell’acquisto di un monitor. Si misura come la distanza diagonale in pollici da un vertice dello schermo a quello opposto. L’offerta è molto ampia, inizia a 14-15 pollici di monitor mobili e finisce oltre i 50 pollici. L’ultima media globale conosciuta era di 21 pollici, anche se è aumentata negli ultimi anni e nei nuovi acquisti sono frequenti le diagonali di 24-27 pollici.

È conveniente valutare la dimensione insieme alla risoluzione cercando il bilanciamento. Un 40″ con bassa risoluzione o un 22″ con 4K dove lascerete i vostri occhi è inutile. Inoltre, prima dell’acquisto, assicuratevi di avere spazio sulla vostra scrivania perché i monitor diagonali di grandi dimensioni hanno una larghezza importante.

Come regola generale, più centimetri ha un monitor, più alto è il suo prezzo, ma non necessariamente più alta è la sua risoluzione, quindi la densità di pixel su di esso diminuisce. Ad esempio, un monitor con risoluzione 1080p e 23″ non è lo stesso di un monitor 32″. Se la guardiamo da vicino, la qualità dell’immagine in quella più grande sarà peggiore e dovremo stare più lontani dallo schermo per godere di una buona immagine.

20″ e più piccolo

Consideriamo già questi monitor piccoli per un PC desktop, poiché è qui che si trovano i computer portatili. L’ideale in questi monitor è una risoluzione HD (1280 x 720p) o Full HD (1920x1080p). In questo modo, otterremo una buona immagine per lavorare nell’office automation o per navigare in Internet.

Da 21″ a 26″

Con questi monitor si ottiene già una buona esperienza di immagine, sia per il lavoro, sia per la fruizione di contenuti multimediali e per la riproduzione. Questi monitor sono i più comuni da trovare alle risoluzioni da 1080p, fino a 2K a 4K.

Per quanto riguarda i prezzi, ce n’è una grande varietà, e sono quelli che consigliamo. Su un normale desktop, un monitor di questa risoluzione funzionerà bene, con una distanza di visualizzazione tagliata per i desktop di piccole e medie dimensioni.

27″ e più

Qui stiamo già parlando di grandi monitor, quasi come i televisori. In essi, una risoluzione Full HD è piccola, se vogliamo vederla da una breve distanza. Si consiglia una risoluzione 2K o 4K, quindi il costo sarà elevato.

Sono ideali per configurazioni entusiastiche di gioco o per la riproduzione di contenuti multimediali e di design.

Monitor a schermo largo e ultra wide screen.

In questa categoria abbiamo inserito monitor che hanno un rapporto di aspetto diverso rispetto ai tradizionali 16:9 (1920×1080, 2560×1440, 3840×2160). Quindi in questo caso avremo impostazioni 21:9 o anche superiori.

Questi monitor si distinguono chiaramente per essere molto più larghi di quanto non siano alti, e molti di essi saranno curvi. Questi monitor sono anche molto utilizzati per le configurazioni di gioco, dove potremo godere di un’ampia gamma di visione superiore a quella dei concorrenti e di una sensazione molto più coinvolgente.

Ma sono anche molto utili per lavorare, sia per la progettazione grafica, il CAD, sia per la scrittura e il foglio di calcolo. Questo perché sul desktop possiamo collocare un gran numero di cartelle e programmi per lavorare contemporaneamente con diversi di essi senza essere troppo stretti. Quindi, se vogliamo avere più spazio senza comprare due monitor, la cosa migliore da fare è comprarne uno, anche se fate attenzione, perché il suo costo sarà molto più alto di quelli “comuni”.
La risoluzione e la densità dei pixel determineranno la qualità dell’immagine

 

Risoluzione

È il numero di pixel che può essere visualizzato sullo schermo e lo vedremo come la risoluzione massima o come la risoluzione nativa dello schermo. Per la sua differenziazione controlleremo principalmente il prodotto della larghezza per l’altezza in pixel, anche se saremo in grado di trovarli anche per il nome dello standard o per la sua denominazione commerciale (HD, FHD, 2K, 4K, ecc.) Al momento, saremo in grado di trovare risoluzioni native a partire da 1024 x 768 pixel (XGA). Sono in arrivo monitor 8K, con risoluzioni impressionanti di 7680 × 4800 pixel (WHUXGA).

In un monitor per computer multiuso di consumo, non dovremmo valutare nulla al di sotto del Full HD (1920 x 1080 pixel). Come abbiamo detto nella sezione sulle dimensioni, cercate l’equilibrio tra risoluzione e dimensione.

Come regola generale, più pollici si ha un monitor, più alta è la risoluzione dell’immagine, per compensare l’aumento dello spazio con la qualità dell’immagine aggiungendo più pixel nel pannello immagine.

Densità dei pixel = qualità di immagine

Abbiamo già detto nella sezione precedente che con schermi molto grandi e piccole risoluzioni la qualità dell’immagine sarà scarsa, perché i pixel saranno più grandi e avremo una sensazione di grigliato. La quantità di pixel per pollice su uno schermo è chiamata densità di pixel.

Allo stesso tempo, per non vedere ogni singolo pixel su un grande schermo a bassa risoluzione, dovremo allontanarci da esso e quindi apprezzare un’immagine chiara e non pixelata. È come quando si ha una foto da una buona macchina fotografica e una cattiva macchina fotografica. In questa guida forniremo tutte queste informazioni più la densità dei pixel in modo che tutti voi sappiate cosa state acquistando.

HD (1280 x 720), (1366 x 768) e HD + (1600 x 900)

Questa risoluzione funzionerà bene per monitor di circa 20 pollici o più piccoli. Su di essi la sensazione di pixel sarà molto piccola, ma su dimensioni maggiori la qualità dell’immagine sarà scarsa.

Al momento non ne raccomandiamo l’uso, e pochi di essi sono già disponibili. I loro prezzi saranno ovviamente abbastanza accessibili.

Full HD (1920 x 1080)

Questa è la risoluzione dello schermo più utilizzata al giorno d’oggi, ed è quella che consigliamo di avere almeno su un monitor per godere di una buona esperienza.

Questa risoluzione sarà disponibile sulla maggior parte dei monitor da 20″ a 27″, ma anche su quelli più piccoli, soprattutto sui portatili. Su monitor più grandi di 24″ Full HD, dovremo allontanarci un po’ dallo schermo per non notare la pixellatura su di essi.

Quad HD (2560 x 1440)

Questa risoluzione viene solitamente chiamata 2K, anche se la troviamo anche come QHD o WQHD. Offre una risoluzione quattro volte superiore a 720p e la qualità dell’immagine è di alto livello, soprattutto su monitor tra i 20 e i 26 pollici e anche più grandi.

Per queste dimensioni, la densità dei pixel può superare i 160 dpi, quindi la sensazione di pixelatura sarà nulla, presentando un’immagine chiara con molta fluidità nella definizione. I monitor con questa risoluzione saranno ideali per i giochi, la progettazione grafica e i programmi CAD.

4K Ultra HD (3840 x 2160)

Questa risoluzione è attualmente la più alta che può essere implementata su monitor “normali”. Anche se è vero che esiste una risoluzione 8K, né i produttori né gli utenti la richiedono ancora in gran parte, poiché non esiste alcun contenuto creato e venduto a tale risoluzione. Questa risoluzione è chiamata anche 4K o UHD (Ultra HD).

I monitor 4K forniscono un’immagine impressionante, una volta che si vede un monitor 4K non si desidera altro perché la qualità dell’immagine, la definizione dell’oggetto, i colori e i dettagli sono così alti che sembrerà di vedere un’immagine reale. Lontano sono i 576 megapixel che l’occhio umano può catturare, ma non saremo in grado di vedere i pixel ad occhio nudo a causa della loro enorme densità.

I monitor 4K sono la migliore opzione per godersi un gioco al massimo, per i professionisti della grafica, del video o dell’ingegneria e dell’architettura. Ci sono modelli sotto i 500 euro in risoluzione 4K.

Rapporto di aspetto

È la proporzione tra le misure di larghezza e altezza di un monitor, calcolata dividendole entrambe e generalmente espressa come “X:Y”, anche se la troviamo anche con il suo nome commerciale, come esempio “ultrawide”. Ce ne sono molti, anche se i più frequenti nei monitor attuali sono 16:9, 16:10 o 21:9.

Migliori Monitor PC da 100 ai 200 euro | Guida Completa all'Acquisto | Classifica Luglio 2020

Tipo di pannello

Tralasciando i classici basati su tubi a raggi catodici (CRT di enorme peso e consumo, ma con buona qualità d’immagine e varietà cromatica) e fino al massiccio arrivo degli OLED che intendono rivoluzionare l’intero settore dello schermo, la scelta per tipologia di pannello che forma lo schermo passa attraverso l’LCD e il TFT LCD che, nelle loro diverse versioni, sono i più utilizzati al giorno d’oggi.

Qui troveremo – in ordine di qualità – le più basilari ed economiche TN, MVA, PVA e IPS con le loro varianti e la loro variante migliorata, PLS, sicuramente la più adatta nei monitor per uso generale. Un’altra caratteristica implementata è quella della tecnologia touch, anche se questa non è molto diffusa nei monitor dei computer.

Pannelli TN

Provenendo dall’acronimo (Twisted Nematic), i pannelli TN sono stati il primo tipo di pannello utilizzato dai monitor LCD a schermo piatto.

Ci sono diverse caratteristiche positive che questi pannelli portano ad un monitor. Per cominciare, consumano meno energia del resto e hanno un costo di produzione inferiore. Sono anche in grado di riprodurre immagini più chiare e non hanno sfarfallio o “sfarfallio”.

Questi pannelli sono ampiamente utilizzati dai produttori per costruire monitor “gaming”, poiché i tempi di risposta sono molto bassi, quindi le immagini non subiranno LAG o ritardi. Inoltre, anche la frequenza di aggiornamento di questi monitor sarà molto alta, tra 60 Hz e 144 Hz negli ultimi monitor, offrendoci un’incredibile fluidità nel movimento con i giochi.

Per quanto riguarda gli aspetti negativi di questo tipo di pannelli, ce ne sono anche molti. Forse uno dei problemi più significativi è la limitazione degli angoli di visione. Altri svantaggi sono che possono causare sfocatura del movimento, retroilluminazione irregolare su grandi schermi e rappresentazione non molto accurata dei colori. Se è vero che vedremo colori brillanti e saturi su questi monitor, non saranno troppo reali. Pertanto, questi monitor non sono raccomandati per l’uso in lavori di progettazione grafica

Allineamento verticale (VA)

I pannelli di Allineamento Verticale offrono una fusione delle caratteristiche dei pannelli TN e IPS per offrire il meglio di ciascuno.

Questi pannelli offrono frequenze di aggiornamento fino a 144 Hz, e hanno anche una migliore riproduzione dei colori, una maggiore luminosità massima e migliori angoli di visione. Alcuni di questi pannelli raggiungono fino al 95% di spazio colore P3 e hanno un angolo di visione di 178 gradi, proprio come l’IPS. Ci sono anche monitor VA con tecnologia di aggiornamento dinamico AMD FreeSync o G-Sync di Nvidia, ottimizzati per il gioco, e con tempi di risposta di 1 millisecondo a 144 Hz.

Ma anche così, non saranno più veloci dei TN e non sono nemmeno così bravi come gli IPS per lavorare in modo professionale nella progettazione grafica. Invece, grazie alla combinazione di proprietà, uno di questi monitor ci offrirà una buona esperienza in entrambi i campi, diciamo che sono molto equilibrati.

IPS (In Plane Switching)

IPS sta per In-Plane Switching, ed è un pannello che è stato creato in risposta alle limitazioni dei primi pannelli TN presenti sul mercato.

Questi pannelli hanno un angolo di visione molto più ampio (178 gradi) rispetto al TN, inoltre migliorano notevolmente la qualità della riproduzione dei colori, grazie ad un migliore rapporto di contrasto con neri e colori migliori molto più fedeli a quelli che vediamo nella realtà.

Il lato negativo è che hanno un costo di produzione più elevato rispetto ai pannelli TN. Inoltre, i tempi di risposta sono più lenti (circa 4-5 millisecondi), le frequenze di aggiornamento sono più basse (60 Hz) e il consumo di energia è più elevato. Una cosa da tenere a mente su questi pannelli è l’effetto “sanguinante” sui bordi dello schermo, che sono sfumature anomale che appaiono sui bordi dello schermo.

Queste caratteristiche rendono questi monitor ideali per la progettazione grafica in quanto alcuni hanno uno spazio colore di oltre il 90% P3 e 100% sRGB, quindi i colori saranno molto fedeli e le fotografie avranno un aspetto più naturale. Anche se non sono consigliati per il gioco competitivo e gli eSport, saranno quelli giusti per i giocatori occasionali che vogliono sperimentare un’alta qualità dell’immagine con una grafica spettacolare, sacrificando il tempo di risposta.

IGZO (Ossido di zinco indio gallio)

Queste sigle si riferiscono ai materiali da costruzione utilizzati: indio, gallio e ossido di zinco. Questa tecnologia può essere utilizzata in altri tipi di pannelli per migliorarli, come TN, VA, IPS e persino schermi OLED.

Una delle migliori proprietà di questi pannelli è che consumano pochissima energia e forniscono colori molto fedeli e vibranti, proprio come i pannelli IPS di base. Tuttavia, i costi di costruzione e di marketing sono notevolmente più elevati. I tempi di risposta sono più rapidi e la riproduzione dei colori può arrivare fino al 99% nello spazio colore Adobe RGB.

Touchscreen

I monitor touchscreen sono popolari per l’intrattenimento domestico e l’uso generale. Con questi schermi possiamo interagire con il nostro computer e i contenuti multimediali. Di solito questi schermi sono implementati nei computer portatili, ma ci sono anche monitor con questa funzione.

 

Monitor Pannelli curvi

Questa è un’altra delle tecnologie emergenti che promettono una maggiore “immersione” e una migliore visione laterale nei modelli più grandi, come abbiamo detto nel nostro speciale sugli schermi curvi. Il raggio di curvatura indica una curva maggiore o minore ed è praticamente l’unico parametro diverso da quelli di uno schermo piatto che dovremmo valutare. Tra i suoi vantaggi, dobbiamo sottolineare che in grandi diagonali la sensazione di immersione esiste e permette di godere di un campo visivo più ampio con meno distorsione ai bordi dello schermo.

 

È importante notare che, spendendo lo stesso, possiamo acquistare un televisore piatto meglio dell’equivalente modello curvo. E provate a guardarlo in diretta perché non tutti gli utenti ci si abituano.

Luminosità – Contrasto – Colore – Angoli di visione

Dobbiamo anche tener conto delle caratteristiche tecniche degli schermi. I minimi assoluti sono la luminosità massima a partire da 200 cd/m2; il tasso di contrasto statico di almeno 850: 1; angoli di visualizzazione di 176 gradi o più e il supporto in % per le diverse palette di colori, anche se questi ultimi parametri sono più importanti sui monitor professionali che sui modelli consumer, dove i creativi devono utilizzare modelli con la migliore rappresentazione dei colori.

Tempo di risposta – Frequenza di aggiornamento

Questi sono altri aspetti da valorizzare, pensando soprattutto all’esecuzione dei videogiochi, uno dei segmenti che stanno guidando le vendite. I pannelli più veloci offrono un tempo di risposta più basso nell’intervallo di 1 millisecondo (il tempo necessario ad un pixel per passare da un colore o tonalità ad un altro e tornare all’originale), mentre ci sono monitor che offrono alti valori di refresh rate (frequenza con cui un’immagine viene disegnata sullo schermo di un monitor) e che vanno da 60 a 240 Hz.

FreeSync – G-Sync

Se state cercando un monitor specializzato per l’esecuzione di videogiochi, dovreste considerare che ha il supporto per alcune delle tecnologie di sincronizzazione, dedicate a migliorare la comunicazione tra il processore grafico e il monitor, eliminando i tagli di immagine o i guasti che causano sfarfallio o lampeggiamento. Lo fanno sincronizzando le velocità di aggiornamento dello schermo e della GPU, garantendo prestazioni fluide e prive di artefatti, riducendo al minimo il clipping del flusso e il ritardo del segnale di ingresso per migliorare la velocità di risposta, praticamente a qualsiasi frame rate.

AMD FreeSync e NVIDIA G-Sync sono disponibili, e in futuro vedremo un Intel FreeSync. FreeSync di AMD si basa su standard aperti ed è gratuito per i produttori, quindi i monitor sono meno costosi del modulo proprietario di NVIDIA.

Frequenza o frequenza di aggiornamento di un monitor

La frequenza di aggiornamento di un monitor è il numero di volte al secondo che l’immagine dello schermo viene aggiornata. È rappresentato sotto forma di Hertz (Hz). E più alto è il numero di Hertz (Hz), più alto è il numero di volte che il monitor viene rinfrescato.

Come si può supporre, se la velocità di aggiornamento è piccola, guardando il nostro monitor noteremo a prima vista come questa immagine si rinnova, questo accade nei vecchi monitor di meno di 50Hz, per esempio, CRT. Più alta è la frequenza di aggiornamento, maggiore è la continuità che si percepisce quando si vede l’immagine.

La gamma di monitor sul mercato va da 60 Hz a 240 Hz, anche se il più normale è trovare monitor da 60 a 144 Hz. Quando avete davanti a voi un monitor a 144 Hz, noterete un’enorme differenza di fluidità rispetto a un monitor a 60 Hz. Se ne avete la possibilità, scegliete uno di questi perché lo apprezzerete molto.

Cosa sono AMD FreeSync e Nvidia G-Sync?

Nei monitor ad alte prestazioni e sempre più spesso nei monitor da gioco di fascia media, è molto comune trovare una di queste due tecnologie dei produttori di schede grafiche. Vediamo cosa sono e quali benefici otterremo.

La tecnologia FreeSync è un’invenzione del produttore di schede AMD per ottenere velocità di aggiornamento dinamico del display, o in altre parole, per fornire una sincronizzazione adattiva (VRR) nei monitor collegati tramite DisplayPort e HDMI. FreeSync risolve i problemi di taglio delle immagini e balbuzie nei monitor quando il tasso di immagini al secondo che una scheda grafica invia, non corrisponde a quello del monitor stesso.

Nvidia G-Sync, è fondamentalmente lo stesso, ma da Nvidia. Fa esattamente la stessa cosa, sincronizzando il refresh rate delle schede grafiche Nvidia con il refresh rate dei monitor che implementano questa tecnologia. Oltre a ciò, la tecnologia HDR G-Sync è stata implementata anche per migliorare le prestazioni dei monitor compatibili con HDR

Migliori Monitor PC da 100 ai 200 euro | Guida Completa all'Acquisto | Classifica Luglio 2020

Connettività

I migliori monitor di oggi offrono un buon numero di connettori d’ingresso. Dalle vecchie connessioni VGA analogiche a quelle digitali più recenti, come quelle che utilizzano USB Type-C e/o Thunderbol 3. I più utilizzati al giorno d’oggi passano attraverso la porta HDMI e/o la porta del display. (Se avete dei dubbi potete consultare la nostra guida delle interfacce di visualizzazione).

Molti monitor offrono anche un hub con diverse porte USB che possiamo utilizzare per collegare le periferiche o per ricaricare le batterie dei dispositivi mobili. Alcuni includono i propri altoparlanti, ingressi/uscite audio, ma solo i grandi monitor multimediali offrono soluzioni di qualità.

Connettività di un monitor

Le porte e le connessioni del monitor sono importanti, non solo per il collegamento al nostro PC, ma anche per il collegamento di altri monitor, unità di memorizzazione portatili, telefoni cellulari, una tastiera e un mouse, una macchina fotografica, un lettore Blu-ray, una videocamera o altri dispositivi.

Per questo motivo è anche importante esaminare quali sono i nostri collegamenti disponibili e se siamo interessati ad uno in particolare.

HDMI

La maggior parte dei monitor per PC ha una porta HDMI, che trasmette segnali video e audio. È ottimo per riprodurre contenuti HD dal computer, console di gioco, lettore Blu-ray e altri dispositivi.

La versione della porta HDMI influenzerà la capacità dell’immagine che potremo estrarre dalla scheda e inserire nel nostro monitor. Ovviamente il monitor che compriamo avrà la versione di connettore HDMI di cui avete bisogno, a seconda delle sue caratteristiche. Quindi dovremo anche averne una uguale o superiore nella nostra scheda grafica.

La versione attuale è l’HDMI 2.0b, che ci permette di collegare monitor 4K a 60 Hz, e la sincronizzazione dinamica come G-Sync e AMD FreeSync.

DisplayPort

DisplayPort la scelta migliore per risoluzioni e frame rate molto elevati, i connettori DisplayPort trasportano segnali video e audio come HDMI.

Come prima, la versione di questa porta sarà importante, e l’ultima versione è la 1.4, che ha il supporto per la riproduzione di 8K a 60 Hz e 4K a 144 Hz. Supporta anche la sincronizzazione dinamica, che consigliamo di utilizzare nei monitor 2K e 4K.

DVI

Le connessioni DVI forniscono un segnale video digitale proprio come DP e HDMI, ma di solito non portano l’audio. Alcuni tipi di connessioni DVI possono portare una risoluzione di 1920 x 1200 pixel, anche se è possibile anche 4K. In ogni caso, si sconsiglia di utilizzare questo connettore con i due precedenti.

VGA

Mentre HDMI, DVI e DisplayPort sono connessioni digitali, VGA è la vecchia tecnologia analogica. Può fornire risoluzioni fino a 1080p, ma non otterrete le immagini nitide che le connessioni digitali forniscono.

Porte USB

Con le porte USB sul monitor, è possibile collegare unità USB e qualsiasi altro dispositivo compatibile. Sono un’estensione perfetta e maneggevole per il nostro PC. Inoltre, sulla maggior parte dei monitor, i dati viaggiano direttamente attraverso il connettore video, senza la necessità di connessioni aggiuntive, a meno che il monitor non possa essere gestito da un software.

Thunderbolt

Operando attraverso un’interfaccia USB Type-C, la tecnologia Thunderbolt è al centro dell’attenzione di molti dispositivi, in particolare laptop ed eGPU. Con Thunderbolt 3 è possibile collegare il monitor direttamente al PC e ricevere video e dati. La capacità di trasferimento non è inferiore a 40 GB/s e supporta anche la tecnologia DisplayPort.

VESA – Ergonomia

Se si vuole appendere il monitor alla parete si dovrebbe cercare un supporto VESA. Se avete intenzione di posizionarlo su una scrivania, assicuratevi che abbia una base che permetta di regolare il monitor almeno in altezza. Altre regolazioni sono la rotazione, l’inclinazione o il perno.

Altre tecnologie – HDR – Varie

Tutti i produttori offrono tecnologie di visualizzazione che promettono ogni tipo di miglioramento dell’immagine. C’è molto marketing ed è preferibile valutare da soli con i parametri di cui sopra. Si consiglia di valutare se supporta l’HDR, lo standard che definisce e fornisce l’alta gamma dinamica o la proporzione di luce contro le aree scure in un’immagine. Interessanti sono anche quelli che hanno una protezione contro la luce blu per ridurre i danni ai nostri occhi da lunghe esposizioni.

Nei monitor di gioco, vedremo anche caratteristiche estetiche come sistemi di illuminazione RGB personalizzabili o modalità di gioco predefinite che regolano il monitor per l’uso con diversi generi.

Migliori Monitor PC da 100 ai 200 euro | Guida Completa all'Acquisto | Classifica Luglio 2020

Monitor HDR

Che cos’è l’HDR?

È l’acronimo di “High Dynamic Range” ed è una tecnologia creata per consentire ad un monitor di fornire immagini più realistiche, con un contrasto e una riproduzione dei colori più accurati.

A questo punto, dobbiamo definire la gamma di colori che un monitor è in grado di rappresentare. Per vedere quanti colori un monitor è in grado di rappresentare dobbiamo sapere quanti bit ha. Qualsiasi colore può essere generato con tre colori di base, Rosso, Verde e Blu (RGB). Se abbiamo un monitor a 8 bit, saremo in grado di rappresentare 28 o 256 toni di rosso per esempio, lo stesso per il verde e il blu. Se combiniamo questi tre, possiamo rappresentare 16.777.216 colori (2563). Allo stesso modo un monitor a 10 bit può rappresentare 1,073 milioni di colori.

I monitor che hanno HDR nella maggior parte dei casi avranno uno spazio colore più grande, di solito 1,07 miliardi di colori a 10 bit. In questo modo HDR fornirà un’immagine il più fedele possibile alla realtà, o se necessario con colori più vividi e suggestivi.

Attualmente esistono due standard che implementano questa tecnologia, HDR10 e Dolby Vision. Il primo è uno standard aperto e quindi molto più utilizzato. Quando un monitor o un televisore dice che è compatibile con l’HDR, farà implementare questa tecnologia. Inoltre, in HDR ci sono tre diverse certificazioni, DisplayHDR 400, DisplayHDR 600 e Display HDR 1000, rispettivamente per i monitor di luminosità 400, 600 e 1000 nit.

Dolby Vision è uno standard proprietario (a pagamento) e ha ancora più potenza di HDR. In primo luogo, supporta più illuminamento, 10.000 pidocchi invece dei 1.000 di HDR, e in secondo luogo, ha una profondità di colore di non meno di 12 bit, che è molto più colore.

HDR sarà molto utile per i monitor da gioco e per la visualizzazione di contenuti multimediali, per godere di immagini incredibili e di un’esperienza unica.

Monitor 4K

Il catalogo dei monitor 4K è in crescita ed è uno dei formati più interessanti nel panorama attuale degli schermi di visualizzazione ed è per questo che li menzioniamo espressamente. Lo standard che regola l’altissima definizione prevede diverse risoluzioni a partire da 3840 x 2160 pixel e, in futuro, risoluzioni di  7680 x 4320 pixel (8K).

Oltre alla risoluzione, lo standard richiede una maggiore qualità del pannello, con tecnologia PLS o Plane to Line Switching, che copra almeno il 100% della gamma di colori sRGB e sia certificato Technicolor. Anche se il prezzo è stato ridotto, non sta andando così velocemente come vorremmo che andassero i consumatori, né nella misura promessa all’epoca, e questo è uno degli aspetti da risolvere per poter godere di questa risoluzione.

In un computer desktop, un altro problema da risolvere è che non tutte le applicazioni sono ottimizzate per funzionare in queste risoluzioni. I principali sistemi operativi, Windows, OS X e Linux, offrono un supporto, anche se deve essere migliorato.

Per quanto riguarda i giochi, se avete avuto l’opportunità di giocarli in 4K avrete trovato un’esperienza incredibile. Ma ha un grosso problema, c’è bisogno di attrezzature di fascia alta e quindi di un grande investimento per spostare i giochi a prezzi ragionevoli, perché la caduta dei fotogrammi in 4K è brutale. Per giocare in risoluzione 4K con filtri attivati che spremono la qualità dei grandi giochi ed evitano la caduta dei fotogrammi, bisogna scommettere sì o sì per l’alta gamma di grafica dedicata. E non solo perché a 60 FPS si consiglia di utilizzare configurazioni multigrafiche direttamente in SLI o Crossfire.

Se avete un grosso budget per acquistare uno dei nuovi monitor 4K, andate avanti. È un grande investimento se si ha l’hardware giusto per spostarlo. Il supporto del sistema operativo sta migliorando ad ogni versione, così come le sue capacità di scalatura. I contenuti multimediali stanno lentamente arrivando (Blu-ray 4K in arrivo) così come le applicazioni ottimizzate per questa risoluzione. I giochi sono una gioia nelle configurazioni multi-grafiche e ci saranno sempre più titoli, ma si sa, hanno anche degli svantaggi. Oltre ai 4K, sul mercato ci sono già monitor 5K. I monitor 8K sono già in arrivo, ma al momento non hanno mercato se non per nicchie professionali molto, molto determinate.

Monitor UltraWide

I monitor ultra-large sono un’altra delle attuali priorità del settore per incrementare le vendite di queste periferiche, che sono un must per qualsiasi desktop di computer. La caratteristica che definisce questi monitor è il loro rapporto d’aspetto, una misura della proporzione tra la larghezza e l’altezza dello schermo. abbiamo visto nelle caratteristiche generali.

Se nei vecchi monitor a raggi catodici (e nei televisori) il rapporto più esteso era di 4:3 (4 pixel di larghezza per 3 pixel di altezza), l’arrivo dei modelli LCD e TFT offriva altri formati che fino ad allora vedevamo solo negli schermi cinematografici: 15;9, 16:10 o 16:9 che è il più esteso oggi.

Per offrire alcuni dei vantaggi di aumentare la quantità di informazioni (su tutta la larghezza) dei sistemi multischermo, l’industria ha iniziato ad offrire un formato 21:9, che è lo standard utilizzato nella maggior parte delle registrazioni di film e nella loro proiezione nelle sale cinematografiche. Da lì è arrivata sul mercato dei monitor anche se la sua presenza massiccia è relativamente recente e non per tutti gli utenti.

La designazione del monitor UltraWide corrisponde, come abbiamo visto, al formato 21:9, un nome commerciale utilizzato dal marketing e che in realtà è definito più correttamente dal suo effettivo rapporto 2,37:1. Lo schermo è ampio, molto ampio, rispetto al 16:9, il più utilizzato sul mercato per il suo utilizzo nella televisione ad alta definizione e nella maggior parte dei monitor dei computer, e con un rapporto effettivo di 1,77:1.

I sostenitori di questo tipo di formato desktop del computer apprezzano il maggiore spazio di visualizzazione verticale che consente di avere finestre più aperte, una maggiore immersione nei videogiochi e una perfetta esperienza di visione dei film.

Non sono tutti vantaggi. Lo spazio di visualizzazione orizzontale si perde, il che può influenzare la navigazione sul web o il lavoro con un foglio di calcolo, ad esempio. Nei videogiochi, è vero che è una gioia nei giochi con supporto per il formato, soprattutto nei simulatori di guida o di volo o in alcuni giochi di strategia, ma in altri non è supportato né la scalatura è corretta.

È più redditizio acquistare un monitor Full HD da 23 pollici che includa un pannello di qualità e buoni livelli di luminosità, contrasto o colore, piuttosto che un monitor curvo da 30 pollici da 4K o di bassa qualità.Nuovi modelli top di gamma con G-Sync HDR e 4K a 144 Hz; modelli fino a 240 Hz di frequenza di aggiornamento; pannelli più curvi; modelli che superano le risoluzioni 4K o che utilizzano l’interfaccia USB Type-C e/o Thunderbolt 3 porte.

I filtri per la luce blu

Essere esposti per molte ore ad un’immagine a monitor come si può immaginare non è un bene, soprattutto se si parla di luce blu. Cos’è la luce blu? Per rispondere a questa domanda, dobbiamo prima di tutto tenere presente che la luce e i colori che vediamo non sono altro che un insieme di onde di energia dove la loro lunghezza d’onda varia. I colori che siamo in grado di vedere sono quelli corrispondenti al tipico arcobaleno, dal nero (lunghezza d’onda più corta) al viola (lunghezza d’onda più lunga).

Ebbene, più lunga è la lunghezza d’onda, maggiore è l’energia che la luce trasporta, ed è per questo che la luce blu è giustamente posizionata come quella con la maggiore quantità di energia. Il problema dei monitor di oggi è che generano grandi quantità di luce blu, con i loro tubi fluorescenti e LED, e che l’energia influisce direttamente sulla nostra vista ed è altamente dannosa. Ci stanca e ci fa perdere la vista, ci asciuga gli occhi e ci fa venire il mal di testa.

Ecco perché i monitor attuali, quasi tutti, e naturalmente quelli che vedremo qui, hanno filtri di luce blu per eliminare parte di quella luce generata dai pannelli. Qui entra in gioco anche l’ente di certificazione TÜV, che assegna al prodotto un marchio che indica che il prodotto è ecologico, e anche qui entra in gioco la protezione dalla luce blu.

Certificazioni dello spazio colore DCI-P3, sRGB e Adobe RG

Anche lo spazio colore è strettamente legato al concetto di HDR e alla quantità di colori e alla loro fedeltà quando sono rappresentati da un monitor. Lo spazio di colore non è altro che la quantità di colori che un monitor può rappresentare, ed è sempre misurato in bit.

A questo punto, dobbiamo avere la fedeltà del colore, più simile al colore che un monitor rappresenta alla realtà, maggiore sarà la fedeltà del colore. Ci sono diversi standard che hanno definito il proprio spazio cromatico, che non è altro che la gamma di colori con cui potremmo lavorare in un programma. Quindi, se il nostro monitor può rappresentare esattamente quei colori che lo standard ha definito, avremo uno spazio colore al 100%.

Ci sono fondamentalmente tre spazi di colore:

sRGB: il più antico e diffuso di tutti. È definito da HP e Microsoft e la gamma di colori è piuttosto limitata, non essendo disponibili molti dei colori con saturazione più alta che ci sono. Un monitor di livello medio-alto è in grado di rappresentare questi colori in più del 99%. Questo spazio colore è su Internet, telecamere e monitor economici. sRGB comprende circa il 69,4% dei colori che l’occhio umano può vedere.

Adobe RGB: fornisce una gamma più ampia di colori da rappresentare ed è destinato ai professionisti della progettazione grafica che utilizzano i prodotti Adobe, naturalmente. In questo caso, copre fino all’86,2% dei colori che l’occhio umano può vedere.

DCI-P3: questo spazio colore è utilizzato nel cinema, quindi sarà di grande rilevanza per i professionisti del montaggio video HD. Un monitor HDR dovrebbe avere un’alta percentuale di DCP-P3. Questo standard copre l’86,9% dello spettro dell’occhio umano.

709 e Rec.2020: sono standard utilizzati rispettivamente per la televisione HD e UHD. Attualmente ha una gamma di colori a 10 bit, ed è quella utilizzata per confrontare i monitor HDR. La Rec.2100 con spazio colore a 12 bit è attualmente in fase di implementazione.

ProPhoto: non appare normalmente sui monitor, copre il 100% della gamma di colori visibili all’occhio umano, ed è implementato da Kodak.

Questo tema dello spazio colore è particolarmente importante per i monitor orientati alla grafica, poiché la fedeltà del colore deve essere molto alta, per generare contenuti il più possibile fedeli alla realtà. Un buon monitor di design dovrebbe avere almeno il 90% di DCP-3 e 100 o più sRGB e Adobe RGB.

Delta E

Qui appare anche l’espressione Delta E o ΔE, che è il grado di calibrazione implementato dai monitor orientati al design che misura la sensazione dell’occhio umano sui colori. L’occhio umano non può differenziare i colori di un grado Delta inferiore a 3, se non nelle sfumature di grigio. Quindi quando un monitor è calibrato Delta≤2 significa che i colori rappresentati su di esso e i colori reali sono in grado di essere differenziati dai nostri occhi.
I migliori monitor con risoluzione Full HD sul mercato (1920x1080p)

La risoluzione Full HD è la più utilizzata oggi, e troviamo tutti i tipi di monitor sia in configurazione piatta che curva. Anche con tutti i tipi di pannelli, TN per monitor da gioco, VA per monitor versatili con buone prestazioni e IPS per offrire qualità d’immagine ai professionisti del design.

 

 

 

Ultimo aggiornamento 2020-07-09 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API