Migliori Hard Disk sotto 100 euro | Classifica Settembre 2020 | Guida all’Acquisto

cerchi hard disk economici a meno di 100 euro ?

Hard Disk: per la maggior parte delle persone, i dischi rigidi sono più di un semplice oggetto. Memorizzano i nostri ricordi, i file di lavoro, la musica preferita e i video personali. In sostanza, sono l’archivio digitale della nostra vita! Ma, l’acquisto di un hard disk sotto 100 euro può essere una decisione difficile.

Sul mercato infatti a seconda dell’utilizzo si trova l’hard disk esterno o interno, l’hard disk SSD o stato solido, in varie dimensioni come 1Tb 2Tb fino a 4Tb e più.
Ma anche chi ha le console necessita di un supporto di memorizzazione come ad esempio la ps4 o l’xbox.

Le marche e i modelli che si possono acquistare sul web spaziono da Western Digital, a Seagate, Samsung, Toshiba, Maxtor, Hitachi, Lacie.

In base all’utilizzo si opterà per un hard disk per NAS, magari da 8Tb, che sia di rete per la condivisione dei contenuti, USB e portatile per la comodità, compatibile con PC e Mac, per Windows per Apple o per Linux, che serva come backup oppure per il sistema operativo o come disco di editing video.

Dato che sono così importanti per così tante persone, abbiamo pensato che fosse una buona idea rivedere alcune delle considerazioni principali prima di acquistarne uno.

Devo acquistare un HDD o SDD?

Questa è una delle domande più comuni che la gente si pone quando vuole acquistare un dispositivo di memorizzazione. Entrambi i tipi di unità hanno i loro pro e i loro contro, anche se ciò che si sceglie dipende da come si vuole utilizzare l’unità.

Ad esempio, se si desidera acquistare un’unità per l’archiviazione di backup a lungo termine, allora un HDD tradizionale è la scelta migliore. Gli HDD sono molto più economici per gigabyte rispetto agli SSD, quindi pagherete un prezzo molto più basso per avere molto più spazio di archiviazione.

D’altra parte, se si vuole accedere regolarmente al drive e questo conterrà un sistema operativo, allora un SSD è probabilmente meglio. Gli SSD leggono e scrivono i dati più rapidamente e sono più adatti a memorizzare i dati a cui si accede più frequentemente.

Che capacità devo cercare?

Supponiamo che abbiate scelto un HDD, piuttosto che un SSD – prima di tutto pieno! Quale capacità dovreste scegliere?

Questo dipende interamente da ciò che si vuole conservare. Se si desidera trasferire e memorizzare solo una quantità limitata di file tra il computer e un disco rigido, allora si consiglia di acquistare un disco rigido portatile. Questi tipi di dischi rigidi offrono accessibilità e facilità d’uso e sono generalmente disponibili in capacità comprese tra 1 TB e 4 TB.

D’altra parte, se si desidera eseguire il backup di tutto il computer, o di più computer, allora si avrà bisogno di un’unità più grande. La maggior parte delle unità per desktop sono disponibili con capacità da 4 TB a 16 TB e, poiché un disco rigido da 10 TB può memorizzare circa 1,8 milioni di file di foto, per la maggior parte delle persone questo è sufficiente.

Lista dei migliori hard disk per tipo e capacità

Una classifica dei dischi rigidi magnetici e allo stato solido interni ed esterni con varie capacità.
i prezzi possono variare, al momento dell’inserimento ci sono grosse offerte.

 

Miglior hard disk esterno sotto 100 euro

Offerta
Maxtor M3 HDD Esterno da 4TB, 2,5', Nero/Antracite
  • Seagate maxtor m3; tipo di dispositivo: hdd, capacità hard disk: 4000 gb, dimensione hard disk: 2.5"; versione usb: 3 (3.1 gen...
  • Seagate maxtor m3; tipo di dispositivo: hdd, capacità hard disk: 4000 gb, dimensione hard disk: 2.5"; versione usb: 3 (3.1 gen...
  • Seagate maxtor m3; tipo di dispositivo: hdd, capacità hard disk: 4000 gb, dimensione hard disk: 2.5"; versione usb: 3 (3.1 gen...

 

Miglior hard disk ssd interno sotto 100 euro

Offerta
Samsung Memorie MZ-76E500 860 EVO SSD Interno da 500 GB, SATA, 2.5"
  • Velocità di lettura sequenziale fino a 550 MB/s e velocità di scrittura sequenziale fino a 520 MB/s
  • Interfaccia SATA 6 Gb/s e retrocompatibile con SATA 3 Gb/s e SATA 1.5 Gb/s
  • Fattore di forma 2.5 pollici, ottimo sia per computer portatili che fissi
  • Capacità disponibile: fino a 4 TB
  • Progettato per PC e laptop tradizionali per uso personale, di gioco e aziendale
  • SSD con tecnologia V-NAND Samsung

 

Miglior hard disk interno da 4tb a meno di 100 euro

WD WD40EZRZ Blu Hard Disk Desktop da 4 TB, 5400 RPM, SATA 6 GB/s, 64 MB Cache, 3.5 "
  • WD40EZRZ
  • Interfaccia utilizzata: SATA III
  • Velocità di rotazione di 5400 RPM
  • 64 MB di cache; Velocità di trasferimento dati fino a 6 Gbit / s

 

Miglior hard disk esterno ps4 xbox sotto 100 euro

 

Miglior hard disk SATA a meno di 100 euro

Seagate, ST4000DM004, Barracuda, drive da 4TB, 3,5” SATA 6 Gb/s 256 MB
  • Espansione della memoria per computer portatile o computer desktop.
  • Conserva tutti i tuoi giochi, musica, film e molto altro ancora fino a 4 TB di memoria.
  • L’interfaccia SATA da 6 Gb/s ottimizza le prestazioni.
  • Un prodotto Seagate Secure per la sicurezza dei dati su hardware.
  • La funzione Instant Secure Erase permette una facile e sicura rimozione del drive, inoltre i dati sono protetti dal...

 

Miglior hard disk m2 sotto 100 euro

WD Blue 3D NAND SATA SSD Unità allo Stato Solido Interna M.2, 500 GB
  • Unità SSD 3D NAND SATA per capacità fino a 2 TB e affidabilità ottimizzata
  • Consumo energetico attivo inferiore fino al 25% rispetto alle generazioni precedenti di SSD WD Blue
  • Velocità di lettura sequenziali fino a 560 MB/s e velocità di scrittura sequenziali fino a 530 MB/s
  • Un MTTF (Mean Time To Failure) di 1,75 milioni di ore da leader del settore e fino a 500 terabyte scritti (TBW) per...
  • Certificazione F.I.T. Lab di WD per compatibilità con una vasta gamma di computer
  • Software gratuito disponibile per il download per monitorare lo stato dell'unità e clonarla oppure per eseguire il backup dei...
  • Attenzione! Questo SSD si aggancia alla scheda madre via interfaccia M.2. Assicurati che la tua scheda madre sia compatibile

 

Miglior hard disk nas sotto 100 euro

Offerta
Western Digital WD Red 3 TB NAS hard disk interno 3.5", 5400 RPM Class, SATA 6 Gb/s, CMR, 64 MB Cache, WD30EFAX
  • Progettato per sistemi NAS personali, in ambienti domestici e piccole aziende che utilizzano fino a 8 vani
  • Per avere velocità e facilità nell'utilizzo per lo streaming multimediale, il backup dei PC, la condivisione dei file e la...
  • Classe B/NMB
  • Con tecnologia NASware 3.0 costruita per bilanciare le prestazioni e l'affidabilità in ambienti NAS e RAID
  • Nota! Il WD30EFAX è il restyling del WD30EFRX. Nulla cambia tranne il numero di parte.

 

Miglior hard disk per videosorveglianza sotto 100 euro

 

Miglior hard disk Nvme intorno ai 100 euro

Offerta
Samsung Memorie MZ-V7S500 970 EVO Plus SSD Interno da 500GB, PCle NVMe M.2
  • Velocità di lettura e scrittura sequenziale rispettivamente fino a 3500/3300 MB/s; le performance possono variare in base al...
  • Interfaccia NVMe (Pcle Gen 3.0 x 4)
  • Fattore di forma m.2
  • Capacità disponibile: fino a 2 TB
  • Progettato per gli appassionati di tecnologia, giocatori esperti e professionisti che hanno bisogno di performance elevate

 

Hard Disk più venduti su Amazon

Guida Acquisto Hard Disk Stato Solido SSD

Le unità allo stato solido SSD sono decisamente cresciute come il grande standard di memorizzazione per il mercato consumer, sostituendo i dischi rigidi. Confermato l’uso di SSD in tutti i segmenti e formati di mercato, laptop e desktop dove almeno l’unità principale si basa su una memoria allo stato solido.

Se la tendenza è chiara per gli OEM, l’utilizzo di un SSD per aggiornare i computer più vecchi è uno dei migliori aggiornamenti hardware che un utente possa fare. Sia che si sostituisca l’hard disk in un laptop o che si installi un SSD (da solo o insieme ad esso) in un computer desktop, i vantaggi sono tangibili fin dal primo minuto in termini di prestazioni, ma anche in termini di riduzione del rumore, dell’emissione di calore o del consumo di energia, derivati dalla sua base in memoria flash NAND e dall’assenza di parti in movimento.

Il miglioramento della sua robustezza e resistenza ai guasti nelle ultime generazioni, l’arrivo di nuovi formati più piccoli e veloci e un costante calo dei prezzi, ha aggiunto ulteriori attrattive per rendere l’SSD il componente raccomandato per l’archiviazione di massa.

Video Benchmark Windows HDD vs SSD vs Nvme

Come funziona un SSD

Per capire perché queste unità sono così utili, è importante capire come funziona l’architettura di memoria di un computer e ciascuna delle sue parti: la cache, la RAM e l’unità di archiviazione di massa. La cache è l’unità di memoria più interna, mentre la RAM è il punto intermedio. L’unità di memorizzazione è il luogo in cui vengono memorizzati tutti gli altri dati che necessitano di persistenza e dove vengono memorizzati i dati del sistema operativo, le applicazioni, i giochi, i file di configurazione e tutti i file degli utenti, i documenti, i video o la musica.

Come funziona un Hard Disk Magnetico

Nei dischi rigidi magnetici, i dati sono memorizzati su dischi di alluminio o di vetro (da cui il nome) che copiano fisicamente le informazioni attraverso i campi magnetici. A questo scopo, c’è una testa che registra e legge i dati. Per darvi un’idea, funziona come un giradischi.

In questo tipo di disco rigido, mentre la testina si muove, i dischi ruotano. La velocità di rotazione dei dischi definisce il tempo che la testina impiegherà per raggiungere il punto giusto per recuperare o registrare le informazioni. Più giri al minuto (RPM), più veloce è la velocità.

Il più grande svantaggio dei dischi rigidi magnetici è la velocità con cui il mandrino accede alle informazioni che si trovano sul disco. Ecco perché è importante deframmentarli periodicamente. Deframmentare significa collocare le informazioni in modo contiguo sul disco in modo che siano meglio ordinate e più velocemente accessibili.

Un altro inconveniente è che, sebbene i dischi siano abbastanza ben protetti all’interno della custodia, possono essere danneggiati da colpi e urti.

Il tempo di accesso è il tempo necessario al computer per accedere ai dati richiesti sul disco rigido.

Nel caso di dischi rigidi magnetici, il tempo di accesso è la somma del tempo medio di ricerca (il tempo medio che impiega la testina ad arrivare nella posizione desiderata per iniziare a leggere o scrivere le informazioni), del ritardo di rotazione (il tempo che impiega il disco a ruotare per posizionare il settore corretto davanti alla testina e che dipende dalla velocità di rotazione) e del tempo di trasferimento, che è il tempo in cui le informazioni vengono lette o scritte sul disco.

La velocità di rotazione vale solo per i dischi magnetici. Misura il numero di giri che i dischi fanno al minuto (giri al minuto). Maggiore è la velocità di rotazione, minore è il tempo necessario per accedere alle informazioni e iniziare a trasmettere i dati. Oggi i più comuni sono 5.400 e 7.200 giri al minuto, anche se ci sono anche 10.000 giri al minuto.

Velocità di rotazione del disco rigido

Senza parti mobili all’interno, i dischi a stato solido (SSD) hanno tempi di accesso molto più rapidi e costanti. Tuttavia, una volta che il disco rigido accede alle informazioni, la velocità di trasferimento determinerà il tempo necessario per recuperare o scrivere tutti i dati, cosa molto importante nel caso di file di grandi dimensioni e che non dipende dal fatto che il disco sia magnetico o allo stato solido.

Velocità di trasferimento di un Hard Disk

Un altro aspetto molto importante nell’utilità e nelle prestazioni di un disco rigido è la velocità di trasferimento. Questo è definito come il volume di dati al secondo che il disco rigido può inviare, che è particolarmente importante per i file di grandi dimensioni come film o video.

La velocità di trasferimento dipende dal tipo di interfaccia o dalla tecnologia che il disco rigido utilizza per connettersi alla scheda madre del computer. Fino al 2000 circa le interfacce più popolari erano gli IDE (noti come ATA o PATA) e le SCSI. Da quell’anno in poi, il Serial ATA (SATA) è stato esteso.

Assicuratevi prima di acquistare un disco rigido che sia l’interfaccia della vostra scheda madre per acquistarne uno compatibile.

Tipi di interfaccia Hard Disk

PCIe Questi dischi rigidi sono collegati al computer tramite una porta PCI Express allo stesso modo di una scheda interna e possono offrire velocità di lavoro più elevate.

IDE (Integrated Electronic Device, o anche ATA o PATA) La connessione IDE ha 40 connettori e accetta fino a due dispositivi collegati alla stessa sorgente. Tuttavia, si tratta di una tecnologia obsoleta che è rimasta indietro sia in termini di velocità che di compatibilità.

SATA (Serial ATA) Questa è l’interfaccia più comune per i dischi rigidi interni oggi. Ci sono già diverse versioni e quelle nuove sono compatibili con quelle vecchie. In questo modo un dispositivo SATA 1.0 sarà pienamente compatibile con un collegamento via cavo SATA 3.0.

SATA 1.0 offre velocità di trasferimento fino a 150 MB/secondo ma non è più disponibile in commercio.

SATA 2.0 permette velocità di trasferimento fino a 300 MB/secondo ed è probabilmente il più popolare al momento

SATA 3.0 raggiunge velocità di trasferimento fino a 300 MB/secondo e consente l’hot-plugging (connessione o disconnessione dal computer senza doverlo spegnere).

Connessione dati e alimentazione SATA

eSATA o eSATAp utilizza il cavo stesso per ricevere l’alimentazione, quindi viene utilizzato per collegare dischi rigidi esterni alla scheda madre del computer. È facile da usare come collegare l’hard disk al computer (come se fosse una USB), purché sia dotato di una porta eSATA. La sua velocità di trasferimento varia da 300 MB a 750 MB al secondo.

USB L’interfaccia USB offre il grande vantaggio di utilizzare un’unica porta per collegare la maggior parte dei dispositivi esterni. La versione 3.0 è già in grado di trasferire fino a 625 MB/secondo, 10 volte di più di USB 2.0. È lo standard più utilizzato per i dischi rigidi esterni grazie alla sua versatilità.

Vale la pena ricordare, tuttavia, che la maggior parte dei dischi rigidi non può sfruttare queste velocità di trasferimento di quasi 600 MB/secondo. Se ad esempio si acquista un disco rigido esterno USB 3.0 e lo si collega ad una porta USB 3.0, la velocità di trasferimento dati non sarà più limitata dall’USB ma dalle caratteristiche del disco stesso.

È anche importante sapere che la differenza tra la velocità di trasferimento di un disco rigido magnetico e quella di un disco a stato solido è chiaramente favorevole a quest’ultimo, perché non ci sono parti meccaniche che influenzano la trasmissione delle informazioni.

Formattazione su dischi rigidi magnetici

Qualsiasi dispositivo di memorizzazione dei dati dovrebbe essere strutturato in un formato logico prima dell’uso per indicare come le informazioni saranno memorizzate e organizzate. In questo caso, il formato di un disco rigido viene configurato dal file system, che dipende dal sistema operativo.

Il file system organizza e dà accesso ai file sul disco rigido, specificando il percorso di ciascuno di essi, come D:\ \Utenti\Video\Film.mp4

I file system più comuni sono Windows NTFS e FAT, Linux ext2, ext3 ed ext4, e Mac OS HFS e HFS+. FAT è il file system più comune oggi presente sulle unità di archiviazione esterne, anche se NTFS è un sistema che lo supera in efficienza e affidabilità.

I dischi rigidi sono di solito formattati come standard, quindi il vostro file system assegnerà i settori corrispondenti ai pacchetti di dati salvati.

Formattazione di un disco SSD

Formattare un disco rigido significa riportarlo allo stato iniziale e strutturare dove ogni file verrà collocato in modo che i nuovi dati possano essere nuovamente memorizzati. Formattando nuovamente un disco si rimuovono i dati memorizzati perché si modifica l’allocazione delle informazioni nei settori del disco rigido, in modo che il vecchio percorso che indicava il percorso dei file diventi obsoleto.
Formattazione su unità a stato solido (SSD)

I sistemi di file sono progettati per funzionare con le caratteristiche e le funzioni di un disco rigido magnetico e organizzare le informazioni nello spazio fisico dei dischi.

Tuttavia, questo tipo di organizzazione dei dati non è utile in un disco a stato solido, quindi di solito non sono formattati o deframmentati (organizzare le informazioni in sequenza in modo che richiedano meno spazio).

Un disco a stato solido diminuisce le prestazioni man mano che memorizza le informazioni e lo spazio disponibile viene occupato, ma è possibile tornare allo stato iniziale formattando l’intero disco. Ecco perché spesso si consiglia di acquistare SSD con una capacità maggiore di quella che si intende utilizzare, in modo che il disco abbia abbastanza spazio libero per funzionare.

Differenza di prestazioni tra Cache Ram Unità di archiviazione

C’è una grande differenza di prestazioni tra i tre. La memoria cache è molto veloce, ma di bassa capacità. Anche la RAM funziona a velocità di nanosecondi, ma è molto costosa e la sua capacità è limitata. Al contrario, un disco rigido tradizionale funziona a velocità di millisecondi. Di conseguenza, il sistema di archiviazione ha rappresentato un grosso collo di bottiglia per le prestazioni dell’intero PC. Ed è qui che entra in gioco l’SSD molto più veloce, riducendo significativamente i tempi di caricamento dei programmi e dei processi, facendo sentire il computer molto più veloce.

Gli SSD o “unità a stato solido” hanno lo stesso scopo di un disco rigido: memorizzare dati e file per un uso a lungo termine. La differenza è che i moderni SSD utilizzano un tipo di memoria flash (simile a quella utilizzata nella RAM) ma a differenza di queste si basano su porte NAND che non cancellano i dati ogni volta che il computer viene spento. I dati in un SSD persistono anche quando non ha energia. Trattandosi di memorie non volatili, non richiedono alcun tipo di alimentazione costante o batterie per evitare di perdere i dati memorizzati, anche in caso di blackout improvvisi.

Rispetto ad un tipico disco rigido con piastre magnetiche e testina di lettura, la struttura di un SSD cambia completamente. Non ha parti meccaniche o in movimento e utilizza un sistema di celle elettriche per inviare e ricevere dati rapidamente. Di conseguenza, e in aggiunta ad altri vantaggi, anche gli SSD con le prestazioni più basse offrono prestazioni di trasferimento dati tre volte superiori a quelle di un disco rigido.

Formati SSD

Il formato più popolare e versatile è quello che utilizza gli stessi standard dei dischi rigidi, 2,5 pollici. Se avete intenzione di montarlo su un portatile dovete assicurarvi che la sua altezza sia supportata, perché ci sono unità di 9,5 mm e 7 mm di spessore. Per i computer desktop, è possibile utilizzare tutti quelli esistenti. È possibile utilizzarle così come vengono consegnate, anche se l’ideale è acquistare un adattatore da 3,5 pollici per un migliore montaggio su una torre per PC.

SSD M2

Il secondo formato più importante da valutare è il cosiddetto M.2, con vantaggi in termini di dimensioni, peso e consumo rispetto a quelli che utilizzano i 2,5-3,5 pollici standard con dimensioni di 80 x 22 e 3,5 mm.

SSD mSATA

Una variante è mSATA, ancora più piccola con dimensioni di 50,8 mm x 29,85 mm x 4,5 mm, ma meno supportata. Tra i suoi svantaggi, possiamo citare un costo leggermente più alto e una minore versatilità, poiché non tutte le schede madri lo supportano. La sezione delle prestazioni è identica alle precedenti se usano SATA, anche se è molto più alta quando si usa PCIe, come vedremo più avanti. È il formato che si sta imponendo e che si raccomanda di utilizzare nelle nuove schede che lo supportano.

Un terzo formato che possiamo trovare per i computer desktop è il tipo di scheda direttamente punzonata in uno slot PCI sulla scheda madre. Questo formato comprende le unità che montano i loro chip direttamente sulla scheda o se la scheda viene utilizzata come accessorio per poter montare il precedente M.2 su schede che non hanno un connettore specializzato.

Interfacce SSD

Un altro elemento distintivo quando si acquista un SSD è il bus di collegamento a cui sono collegati. Le unità da 2,5-3,5 pollici si collegano all’interfaccia SATA (non comprate nulla che non supporti SATA-III – 6 Gbps), mentre M.2 può collegarsi sia a SATA che a PCIe. Questi ultimi sono i più diffusi e fanno la differenza in termini di prestazioni.

Valore minimo di velocità disco SSD

Tuttavia, non tutti gli SSD offrono le stesse prestazioni anche sotto lo stesso bus di collegamento, derivato dalle memorie utilizzate e soprattutto dal loro controllore. L’utente che acquista un SSD oggi non dovrebbe accontentarsi di meno di un’unità che non raggiunge i 500 Mbyte al secondo su SATA sia in lettura che in scrittura. Ci sono SSD molto economici che abbassano questi dati soprattutto per iscritto.

SSD M2 su PCIe

Gli M.2 che utilizzano PCIe sono le unità più veloci che si trovano nello storage solido di consumo. Utilizzano l’interfaccia nativa PCI-e per aumentare le loro prestazioni fino a un massimo teorico di cinque volte superiore a quello delle unità a stato solido collegate a SATA e quindici volte superiore a quello dei dischi rigidi. Anche se inizialmente il prezzo era proibitivo per il consumo di massa, il divario rispetto a SATA si è ridotto drasticamente, come vedrete nella guida all’acquisto di SSD alla fine. Se ve lo potete permettere, non esitate, il futuro dell’archiviazione su PC è nelle loro mani.

NVM Express

Vale anche la pena di sapere che le nuove generazioni di SSD M.2 PCIe supportano lo standard NVM Express, progettato da zero per sfruttare la bassa latenza e il parallelismo delle SSD PCI Express, offrendo prestazioni spettacolari e rendendo l’unità avviabile, permettendo di fare completamente a meno di altre unità di storage. Se si acquista questo tipo di SSD per sostituire completamente un disco rigido, assicurarsi che la scheda supporti o possa essere aggiornata per supportare il protocollo NVM e rendere l’unità avviabile. Altrimenti non è possibile utilizzarlo come unità principale per l’installazione del sistema operativo, ma è possibile utilizzarlo per la memorizzazione dei dati.

Capacità di memorizzazione SSD

C’è un’importante differenza tra il modo in cui un SSD e un HDD gestisce i dati. Un SSD scrive i dati in pezzi chiamati “pagine”. Un gruppo di pagine viene chiamato blocco e per scrivere nuovi dati in un blocco occupato, l’intero blocco deve essere prima cancellato. Per evitare la perdita di dati, tutte le informazioni del blocco devono essere prima spostate in un’altra posizione prima che il blocco possa essere cancellato. Una volta che i dati sono stati spostati e il blocco è stato cancellato, solo allora può essere scritto.

Perchè lasciare spazio vuoto su un SSD

Questo processo è quasi istantaneo ma richiede spazio vuoto per funzionare correttamente. Se non c’è abbastanza spazio libero il processo perde efficienza e rallenta. Commentiamo questa sezione tecnica perché influisce sulla capacità quando acquistiamo un SSD. Per la massima efficienza dovremmo lasciare libero circa il 20% dell’unità.

Ecco perché attualmente consigliamo di acquistare un’unità di almeno 250GB se si desidera installarla in un portatile per sostituire l’hard disk installato. Eviteremmo i drive da 128 e 64 Gbyte, tranne se il budget è critico o se il laptop ha il doppio dello spazio di installazione e vogliamo combinare SSD con un hard disk. Oppure PCIe M.2 SSD e SATA SSD, possibile su molti portatili e su tutti i nuovi desktop.

In un PC desktop le esigenze di capacità di memorizzazione sono più elevate sia che si sostituiscano tutti i dischi rigidi (costosi ma più efficaci) sia che si faccia coesistere l’SSD (come prima unità di avvio del sistema e delle applicazioni) con i dischi rigidi installati. Le possibilità sono molto ampie.

Il montaggio di un SSD a bassa capacità e a basso prezzo che funziona a fianco del disco rigido è una buona opzione per non spendere troppo. Se il vostro budget è maggiore e volete il meglio, potete optare per l’SSD completo. Le unità da 1, 2 e 4 Tbyte sono già comuni; Fixstars ha in vendita modelli da 6 Tbyte; SanDisk o Samsung venderanno quest’anno 8 unità da 8 Tbyte, così come Intel di Micron offrirà modelli da 10 Tbyte.

Quanto dura un SSD?

Nonostante i loro componenti meccanici, i dischi rigidi sono ancora la “norma” in termini di durata delle unità di memorizzazione, da cui il loro uso massiccio nei data center 24/7 dove l’affidabilità viene prima di tutto. Inoltre, richiedono test e certificazioni che possono durare mesi e finora l’afflusso di SSD è stato piuttosto timido.

A differenza dei dischi rigidi, gli SSD non hanno parti mobili, il che dà loro un grande vantaggio in termini di guasti meccanici. Al contrario, gli SSD sono più soggetti a interruzioni di corrente mentre l’unità è in funzione, causando la corruzione dei dati o addirittura il guasto totale del dispositivo. Inoltre, i blocchi di memoria di un SSD hanno un numero limitato di operazioni di scrittura.

Fortunatamente, le nuove generazioni hanno apportato enormi miglioramenti in termini di affidabilità. Tutti gli SSD includono ulteriori celle di memoria libere in modo che quando le altre falliscono non perdano capacità, riallocando i settori danneggiati. I test di resistenza hanno confermato questa maggiore affidabilità con alcune serie di unità sopravvissute dopo aver superato un test di scrittura di oltre 2 petabyte. Un’enorme quantità di dati che un utente in condizioni reali (uso normale) impiegherebbe decine di anni per completare

Va notato che nelle ultime generazioni di SSD, i produttori stanno scommettendo sulla memoria flash NAND TLC, livello triplo per cella, e QLC o quad core per cella sarà il prossimo. Questa tecnologia aumenta la densità di memorizzazione e riduce i costi, ma riduce la resistenza dei formati precedenti come MLC e soprattutto SLC, Single-Layer Cell, che memorizza solo un bit per cella e non si vede nel mercato consumer.

Per compensare questo, i migliori produttori hanno aumentato la garanzia a 5 anni sulle unità di consumo, mentre ci sono modelli professionali con una garanzia fino a 10 anni.

“La vita media ufficiale di un SSD è stimata tra i 5 e i 7 anni.”

Tutti i grandi produttori (Samsung, Kingston, OCZ-Toshiba, SanDisk-WD, Crucial, Seagate…) ci offriranno modelli interessanti, variegati nei formati, nelle prestazioni e nella capacità. E, la buona notizia continua per quanto riguarda il suo costo, a prezzi più convenienti.

Da allora, ci sono state molte notizie interessanti, soprattutto nei formati PCI NVMe, anche se non tutte sono ancora disponibili per l’acquisto. Da evidenziare:

Se siete pronti per l’acquisto, vi offriamo una selezione dell’attuale offerta di unità a stato solido, con diverse capacità. Li separiamo in base ai formati SATA e PCIe che abbiamo visto nell’articolo. Non si può sbagliare, c’è un’ampia gamma di prodotti di tutti i produttori, e dall’ultimo trimestre offriamo una vasta gamma di riduzioni di prezzo, soprattutto nei formati più grandi.

La situazione ad oggi dei prezzi e dei modelli degli hard disk sul mercato:

SSD PCIe – NVMe

Samsung SSD 970 EVO Plus La versione da 500 GB per 154 euro e quella da 1 Tbyte per 200 euro.
Samsung 970 EVO. Uno dei best seller del segmento, offre 3.200 Mbyte al secondo in modalità lettura. Il prezzo è sceso di nuovo e ora è possibile acquistare l’unità da 250 GB per 79 euro, il modello da 500 GB per 124 euro e la versione da 1 Tbyte per 262 euro. La versione a 2 TB costa 472 EUR.
WD Black SN750. Un’altra grande novità per il 2019 con versioni da 250 GB, 500 GB e 1 TB per 89, 134 e 259 EUR rispettivamente.
WD Black NVMe SSD. Uno dei migliori SSD PCIe che si possono acquistare. Con 256 Gbyte costa solo 69 euro e con 512 GB per 119 euro.
Kingston A1000. Un’altra delle serie M.2 raccomandate (prestazioni inferiori rispetto alle precedenti, ma più economiche). Con velocità di lettura fino a 1500 MB/s e scrittura fino a 1000 MB/s. Offre un adattatore HHHL opzionale per collegarlo ad uno slot PCI se non ha un connettore M.2 dedicato. La versione da 240 Gbyte costa 53 euro e la versione da 480 GB ha un prezzo di 95 euro, mentre la versione da 960 GB costa 196 euro. Se ne avete abbastanza con le sue prestazioni è uno degli SSD PCIe più economici.
Corsaro MP500. Utilizza la memoria Toshiba ed è molto veloce secondo la nostra analisi (3.000 / 2.400 MB/s). In formato M.2, offre versioni da 240, 480 e 960 Gbyte, con prezzi rispettivi di 83, 130, 253 euro. Tutti sono stati ridotti di prezzo, compresa la versione da 2 Tbyte per 520 euro.
Toshiba OCZ RDV400. Toshiba offre un modello MLC NAND con una memoria di 15 nanometri e buone prestazioni. La variante da 256 GB costa 99 euro, dopo un forte calo dei prezzi.
Intel – 600p. Interessante per essere il gigante del chip, un M.2 con 512 GB per 246 euro.

SSD SATA

Samsung EVO 860. Una serie che offre 250 GB, 500 GB e 1 TB per 52, 83 e 152 EUR rispettivamente. Le nuove versioni aggiunte sono il 2 TB per 333 EUR e il 4 TB per 699 EUR, con una forte riduzione di prezzo nell’ultimo trimestre.
Kingston SUV500. Alta velocità, criptato, 5 anni di garanzia e prezzo molto interessante, con 480 GB di capacità per 84 EUR e 960 GB per 166 EUR. Se ne servono di più, l’unità da 2 TB costa 347 sterline. Come la precedente serie Samsung, con un grande sconto.
Crucial BX500. Un’aggiunta recente, offre versioni da 240GB e 480GB a prezzi eccezionali: 34 e 59 euro. L’unità da 960 GB costa solo 157 euro.
SanDisk SSD Plus. Un’altra potenza del settore, acquistata da WD, con un ottimo rapporto qualità-prezzo, che offre versioni da 240 GB a 43 euro, 480 GB a 68 euro e la versione da 960 GB a 180 euro.
Toshiba TR200. Un’altra buona ed economica è la Toshiba TR200, disponibile in capacità di 240, 480 Gbyte per 42 e 78 euro, rispettivamente. La versione da 960 Gbyte costa 176 euro.
WD Blu SSD. Esempi dell’ingresso dei grandi produttori nel settore SSD sono i nuovi convertitori Western Digital, con capacità di 250 e 500 Gbyte per 92 e 181 euro, rispettivamente, e sono tra i pochi modelli che sono aumentati di prezzo. L’unità superiore con 1 Tbyte costa 224 euro e questo è sceso di prezzo.
Barracuda di Seagate. Un altro sviluppo recente dell’altro grande produttore di hard disk, con 250 GB per 81 euro, i 500 GB per 137 euro e i 2 TB per 350 euro.

SSD PCIe – NVMe

Samsung SSD 970 EVO Plus Grandi notizie questa settimana. La versione da 500 GB per 154 euro e quella da 1 Tbyte per 200 euro.
Samsung 970 EVO. Uno dei best seller del segmento, offre 3.200 Mbyte al secondo in modalità lettura. Il prezzo è sceso di nuovo e ora è possibile acquistare l’unità da 250 GB per 79 euro, il modello da 500 GB per 124 euro e la versione da 1 Tbyte per 262 euro. La versione a 2 TB costa 472 EUR.
WD Black SN750. Un’altra grande novità per il 2019 con versioni da 250 GB, 500 GB e 1 TB per 89, 134 e 259 EUR rispettivamente.
WD Black NVMe SSD. Uno dei migliori SSD PCIe che si possono acquistare. Con 256 Gbyte costa solo 69 euro e con 512 GB per 119 euro.
Kingston A1000. Un’altra delle serie M.2 raccomandate (prestazioni inferiori rispetto alle precedenti, ma più economiche). Con velocità di lettura fino a 1500 MB/s e scrittura fino a 1000 MB/s. Offre un adattatore HHHL opzionale per collegarlo ad uno slot PCI se non ha un connettore M.2 dedicato. La versione da 240 Gbyte costa 53 euro e la versione da 480 GB ha un prezzo di 95 euro, mentre la versione da 960 GB costa 196 euro. Se ne avete abbastanza con le sue prestazioni è uno degli SSD PCIe più economici.
Corsaro MP500. Utilizza la memoria Toshiba ed è molto veloce secondo la nostra analisi (3.000 / 2.400 MB/s). In formato M.2, offre versioni da 240, 480 e 960 Gbyte, con prezzi rispettivi di 83, 130, 253 euro. Tutti sono stati ridotti di prezzo, compresa la versione da 2 Tbyte per 520 euro.
Toshiba OCZ RDV400. Toshiba offre un modello MLC NAND con una memoria di 15 nanometri e buone prestazioni. La variante da 256 GB costa 99 euro, dopo un forte calo dei prezzi.
Intel – 600p. Interessante per essere il gigante del chip, un M.2 con 512 GB per 246 euro.

Ultimo aggiornamento 2020-09-24 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More