Pannello di Riscaldamento ad Infrarossi sui 100 euro

I riscaldatori a infrarossi stanno diventando sempre più popolari man mano che la gente si rende conto degli incredibili vantaggi che hanno rispetto ai sistemi di riscaldamento a convezione.

La logica è semplice: preferireste riscaldare gli oggetti in una stanza o l’aria stessa?

A differenza dei sistemi di riscaldamento a convezione che riscaldano l’aria, i riscaldatori a infrarossi emettono raggi infrarossi che riscaldano tutti gli oggetti (voi compresi!) in una stanza. Pensate al calore che si prova quando si è sotto il sole. Una sensazione simile si prova anche con i riscaldatori a infrarossi.

L’uso di questa tecnologia può ridurre la bolletta del riscaldamento del 50%, poiché convertono quasi tutta l’energia in calore.

La scelta di un riscaldatore a infrarossi per il riscaldamento della vostra casa è un gioco da ragazzi. Ma come si fa a determinare il migliore?

Migliore Pannello Radiante ad Infrarossi 100 euro

Pannello per riscaldamento elettrico a infrarossi, 1000, 800, 600, 450, 300,180 Watt, produttore tedesco, da inserire nella spina, con protezione da surriscaldamento, testato per la sicurezza da parte del TÜV e di una rinomata società di ingegneria tedesca, riscalda secondo il principio del sole nella gamma di lunghezze d'onda ottimale di 8-15μ, riscaldamento solare, bianco, 300
  • Watt/superficie riscaldante: 130 Watt/3 m²; 300 Watt/8 m²; 450 Watt/12 m²; 600 Watt/16 m², 800 Watt/22 m², 1000 Watt/26 m².
  • Con montaggio a parete.
  • -
  • Colore del telaio: bianco; riscaldamento sano (senza polveri disperse), perfetto per soggetti asmatici e pazienti con reumatismi.
  • Cavo e spina inclusi.

 

Pannello radiante decorativo

KLARSTEIN Wonderwall Air Art - Pannello di Riscaldamento a Infrarossi, 60x101cm, 600W,Carbon Crystal Infrared, IR ComfortHeat, Silenzioso, Antiallergico, Termostato, Kuss, Bianco
  • TECNOLOGIA MODERNA: il Wonderwall Air Art Kuss, non solo apporta calore ad alta efficienza e risparmio di spazio in qualsiasi...
  • SALVASPAZIO: il riscaldatore a infrarossi Wonderwall Air Art Kuss rivoluziona il modo di riscaldare grazie alla tecnologia...
  • EFFICIENZA ENERGETICA: con una potenza di 600W, il pannello è estremamente efficiente anche dal punto di vista energetico: grazie...
  • TIMER SETTIMANALE: con il termostato, la funzione di autospegnimento e OpenWindow Detection, il riscaldatore soddisfa tutti i...
  • IDEALE PER ALLERGIE: E poiché il Wonderwall funziona senza ventola, non smuove polvere - questo rende il riscaldatore la scelta...

 

 

Guida all’acquisto di un pannello radiante.

 

Cos’è un pannello ad infrarossi e come funziona?

Il modo più semplice per spiegare il funzionamento del riscaldamento a infrarossi è il confronto con il sole. Quando si esce in una giornata di sole e si sente il calore del sole sulla pelle, è simile a come si sente il calore degli infrarossi.

Pannello di Riscaldamento ad Infrarossi sui 100 euro

I raggi solari (compresa la radiazione infrarossa) riscaldano qualsiasi oggetto che toccano. In modo simile, i raggi infrarossi di un riscaldatore a infrarossi riscaldano qualsiasi oggetto con cui entrano in contatto, facendo oscillare le molecole e rilasciando calore.
Con i metodi tradizionali di riscaldamento a convezione, come un condizionatore d’aria, l’aria calda sale e si raffredda. Ciò significa che l’aria deve essere riscaldata più volte, il che richiede molta energia. Poiché il riscaldamento a infrarossi utilizza il calore radiante, gli oggetti in una stanza sono invece riscaldati direttamente, con l’aria nella stanza che si riscalda anche a causa del calore generato da quegli oggetti.

Questo rende i riscaldatori a infrarossi un metodo di riscaldamento molto efficiente ed efficace per le case.

I riscaldatori a infrarossi disponibili in commercio sono tipicamente alimentati a corrente elettrica e hanno diversi componenti. Questo include una fonte di generazione di infrarossi come una lampadina a raggi infrarossi, uno scambiatore di calore per assorbire il calore, e poi un componente per rilasciare il calore come un ventilatore o un riflettore.

La maggior parte dei pannelli ad infrarossi che si possono acquistare oggi utilizzano un tubo di quarzo o un elemento in ceramica come scambiatore di calore. Questi materiali sono estremamente efficienti e hanno una lunga durata. Possono convertire più del 95% dell’elettricità in ingresso in calore! Alcuni riscaldatori a infrarossi hanno anche un’efficienza del 100% che supera molti altri metodi di riscaldamento.
Contrariamente a quanto pensano alcuni (e altre guide!), i riscaldatori a infrarossi possono anche fare uso di ventilatori che funzionano per spingere l’aria calda (generata dal meccanismo a infrarossi) in una stanza tramite convezione.

Perché il riscaldamento a infrarossi è una buona scelta?

Ci sono numerosi vantaggi del riscaldamento a infrarossi:

L’efficienza. Con il riscaldamento a convezione, l’aria calda sale e l’aria fredda scende. Questo comporta la necessità di riscaldare nuovamente l’aria fredda. Non è molto efficiente! Come già detto, il riscaldamento a infrarossi supera questo problema riscaldando direttamente gli oggetti e non l’aria stessa. In questo modo si raggiunge molto più rapidamente la temperatura desiderata. Anche con i riscaldatori a infrarossi che usano una ventola per soffiare via il calore, il meccanismo che sta dietro al riscaldamento dell’aria è molto più efficiente dei metodi di riscaldamento tradizionali.

Ottimo per l’esterno. Mentre entrambi i tipi di riscaldamento possono essere utilizzati per gli spazi chiusi, il riscaldamento a infrarossi eccelle anche in un ambiente esterno, poiché gli oggetti (come te stesso, una tenda o una sedia) vengono riscaldati al posto dell’aria che può facilmente sfuggire all’area che si vuole riscaldare.

Una scelta più sana. Avete mai visto utilizzare i riscaldatori a infrarossi in una sauna o in uno studio medico? I raggi infrarossi hanno numerosi benefici per la salute del corpo, tra cui il miglioramento della circolazione sanguigna, il rafforzamento del sistema immunitario e l’alleggerimento della rigidità delle articolazioni.

Umidità costante e aria più pulita. I riscaldatori a infrarossi sono ottimi per mantenere i livelli di umidità costante, poiché l’aria non viene riscaldata direttamente. Questo è particolarmente vantaggioso durante l’inverno, dove i riscaldatori tradizionali rendono l’aria extra secca, costringendo i consumatori a investire in un umidificatore. Inoltre non spingono polvere o allergeni nell’ambiente.

Silenzioso. Molti riscaldatori a infrarossi funzionano in silenzio virtuale in quanto hanno parti mobili minime. Anche quelli con soffiatore incorporato sono generalmente molto silenziosi.

Facili da mantenere. I riscaldatori a infrarossi sono molto più facili da mantenere rispetto al riscaldamento a convezione. Non ci si deve preoccupare di cose come il filtro o lo scarico. È sufficiente pulire l’unità di tanto in tanto quando la polvere si accumula.

Economico. Un alto livello di efficienza combinato con la capacità di riscaldare una stanza molto rapidamente significa che i riscaldatori a infrarossi sono una soluzione economica rispetto ad altri sistemi di riscaldamento.

Se da un lato i vantaggi del riscaldamento a infrarossi sono sufficienti per acquistare un’unità , dall’altro è anche importante capire il motivo che sta dietro all’acquisto di un’unità.

Considerate i seguenti scenari che trarrebbero vantaggio dall’uso di un riscaldatore a infrarossi:

Avete stanze che hanno bisogno di riscaldamento o di un riscaldamento supplementare.
Si vuole risparmiare sulle bollette dell’elettricità utilizzando il riscaldamento a infrarossi rispetto a opzioni di riscaldamento più costose come un condizionatore d’aria.
Ci sono punti freddi nella vostra casa. Potreste scoprire che la vostra soluzione di riscaldamento esistente non è in grado di coprire tutte le aree di una stanza o di una casa. Ad esempio, si può desiderare il riscaldamento nella zona del bagno o del lavandino della cucina. Qualunque sia il punto freddo, un riscaldatore a infrarossi può risolvere il problema.
Si desidera un riscaldatore per uso esterno o per altri ambienti ariosi (come un garage).

Se si può rispondere sì a una di queste domande, allora si dovrebbe prendere in considerazione un riscaldatore a infrarossi. Tuttavia, prima di decidere quale unità acquistare, è meglio identificare i fattori che entrano in gioco. Dopotutto, si vuole ottenere il massimo dal proprio acquisto.

Fattori da considerare nella scelta del pannello a infrarossi

Prima di scegliere quale pannello ad infrarossi acquistare, è importante considerare tutti i fattori che entrano in gioco. Ecco una lista di controllo da consultare:

 

1) Fisso o portatile?

La maggior parte dei riscaldatori a infrarossi prodotti per i consumatori sono portatili per natura. Sono leggeri e relativamente piccoli e possono essere arrotolati o trasportati da una stanza all’altra. Tuttavia, alcuni sono destinati ad essere apparecchi fissi.

Un riscaldatore a infrarossi fisso è generalmente più grande e in grado di riscaldare almeno una stanza. È una buona scelta quando si desidera una soluzione di riscaldamento permanente.

In genere viene fornito in un kit pronto per essere avvitato a parete o a soffitto. Pertanto, è importante identificare la posizione del riscaldatore nella stanza prima di decidere di acquistarlo.

Un riscaldatore portatile a infrarossi è dotato di ruote e/o maniglie per il trasporto ed è abbastanza leggero da potersi spostare in casa. È perfetto per il riscaldamento da stanza a stanza (o zona).
Tuttavia, troverete alcuni riscaldatori sono meno portatili di altri. Per esempio, i riscaldatori più ornamentali con un display di fuoco a legna o la finitura in legno non sono dotati di ruote. L’intenzione è che siano concepiti per sedersi in una stanza per completare l’arredamento.

2) E la sicurezza?

Non sorprende che i produttori di stufe prendano molto sul serio la sicurezza. Dopo tutto, abbiamo a che fare con un dispositivo che a volte può funzionare molto caldo. L’ultima cosa che vogliamo è che qualcuno si bruci o, peggio ancora, che si incendi la casa!

La maggior parte dei modelli (e la maggior parte di quelli che abbiamo menzionato) sono dotati delle seguenti caratteristiche di sicurezza:

Un interruttore di sicurezza per il ribaltamento che spegne il riscaldatore quando viene ribaltato. Non capita spesso, ma è meglio essere sicuri che dispiaciuti. Dopotutto, non si vuole che le griglie calde esposte o il riflettore tocchino qualcosa di infiammabile come la moquette.
Un esterno fresco al tatto. A parte l’area che emette aria calda o raggi nella stanza, la maggior parte del riscaldatore sarà fresco al tatto. Impedirà a te stesso e a chiunque altro in casa di ricevere una sorpresa bruciacchiata.
L’autospegnimento è un altro elemento di sicurezza che di solito entra in funzione quando si raggiunge una certa temperatura o si spinge il riscaldatore. Questo spegnimento automatico spegne completamente il riscaldatore o lo spegne temporaneamente fino a quando la temperatura inizia a scendere, nel qual caso riaccenderà l’unità.

 

3) Funzionalità aggiuntive

Al giorno d’oggi, i riscaldatori a infrarossi sono dotati di numerose funzioni per massimizzare la loro usabilità. Ecco quelle a cui bisogna prestare attenzione:

Telecomando: Chi vuole alzarsi da una comoda poltrona e cambiare l’impostazione del riscaldatore stesso? Nessuno! I telecomandi sono la soluzione. Di solito permettono di impostare la temperatura e il timer e di accendere o spegnere l’apparecchio. Fondamentalmente, aiutano a coprire la maggior parte delle funzioni che si trovano sul riscaldatore vero e proprio.

Impostazioni del riscaldamento: I riscaldatori a infrarossi sono già rinomati per farvi risparmiare sulle bollette del riscaldamento. Tuttavia, per sfruttare al massimo questa possibilità, molti riscaldatori sono dotati di 2 o più impostazioni di riscaldamento. Queste possono essere a watt diversi. In questo modo è possibile ottenere il massimo dal riscaldatore a infrarossi utilizzando la minima quantità di energia possibile. Molti riscaldatori sono anche dotati di un’impostazione eco-mode che spegne l’unità quando viene raggiunta la temperatura impostata. Il riscaldatore si riaccenderà una volta che la temperatura ambiente inizierà a scendere.

Timer: I timer sono molto utili dal punto di vista dell’usabilità. Permettono di impostare quando il riscaldatore si spegnerà o quando si accenderà. Questo è utile se si sta sonnecchiando o se si è fuori per la giornata e si vuole tornare in una casa calda. I timer vanno da 1 a 24 ore.

Oscillazione: Mentre la maggior parte dei riscaldatori a infrarossi utilizzano una piccola ventola per soffiare via il calore, altri riscaldatori utilizzano anche una funzione oscillante che fa ruotare il riscaldatore e fornisce una migliore copertura termica di una stanza.

Termostato: Tipicamente visualizzato tramite un pannello digitale (o come una manopola), il termostato assicura che il riscaldatore raggiunga e mantenga la temperatura desiderata.

 

4) Posizione

Anche la posizione del riscaldatore all’interno di una stanza è molto importante. Se è portatile, è possibile spostarlo fino a quando non si è soddisfatti. Tuttavia, se si acquista un’unità che è più un apparecchio permanente che considerare la sua linea di ubicazione.

Se il vostro riscaldatore non utilizza un ventilatore, allora assicuratevi che qualsiasi cosa vogliate riscaldare abbia una visuale libera in quanto richiede una linea di vista. Tenete presente che gli oggetti più vicini saranno riscaldati più velocemente e in misura maggiore rispetto ad altri oggetti.

Per uso esterno, garage, bagni e altri ambienti dove l’aria è meno contenuta, i riscaldatori a infrarossi sono un’opzione perfetta. Sono anche eccellenti per applicazioni più pratiche, come l’essiccazione della vernice.
La maggior parte dei riscaldatori sono dotati di un’impostazione per cambiare le modalità di alimentazione e quindi aumentare la quantità di calore generato. Questo è perfetto per le unità fisse ma soprattutto per quelle portatili, poiché è possibile modificare l’impostazione in base alle dimensioni della stanza.
Determinate dove si trova esattamente l’unità in una stanza in modo da sapere se si deve ottenere un riscaldatore in piedi o orizzontale, se deve oscillare e/o utilizzare un ventilatore.

 

5) Le dimensioni di un pannello radiante

Questo vale per il riscaldatore stesso e per le dimensioni della stanza.

In generale, i riscaldatori a infrarossi sono più adatti per ambienti di piccole e medie dimensioni. La ragione di questo è che sentirete il calore quando i raggi vi colpiranno direttamente.

Quindi, una stanza più grande con angoli più ampi renderà più difficile che questo accada. Naturalmente, si può sempre optare per un riscaldatore che emette i raggi su una superficie più ampia o uno che ha anche un ventilatore incorporato.

Per quanto riguarda il riscaldatore stesso, un’unità più grande occuperà ovviamente più spazio. Dovrete anche considerare se si posizionerà in verticale o in orizzontale.

 

6) Potenza di un pannello radiante

Generalmente, un’unità più grande avrà più potenza di una più piccola. Si vuole provare a scegliere la giusta quantità di potenza per la giusta dimensione della stanza. La maggior parte dei riscaldatori varia da 250 a 1500 Watt. L’estremità inferiore di questa scala è la migliore per una stanza piccola. Più vicino a 1500 Watt è ideale per una stanza di medie e grandi dimensioni.

E’ meglio leggere la descrizione del produttore di un prodotto per vedere cosa consiglia. Generalmente forniscono il livello di potenza e la corrispondente dimensione della stanza (in piedi quadrati o metri quadrati) che è raccomandata.

In questo modo non sprecherete energia per riscaldare una stanza troppo piccola. Al contrario, non investirete in un riscaldatore che semplicemente non è abbastanza potente per riscaldare adeguatamente una stanza più grande.
Prima di effettuare un acquisto, è una buona idea prendere le misure della stanza in cui si vuole che il riscaldatore sia, in modo da sapere quanto dovrebbe essere potente.

 

Di quanta potenza ho bisogno?

Questo è probabilmente l’aspetto più importante da considerare quando si acquistano i  pannelli. Troppa poca potenza e rimarrete al freddo, e troppa potenza significherà spendere più energia di quella necessaria.

Per fortuna, c’è un metodo semplice per risolvere la questione. Le uniche cose di cui avrete bisogno sono un metro a nastro, una calcolatrice e un po’ di conoscenza della vostra casa.

Fase 1: Misurare la lunghezza, la larghezza e l’altezza della vostra stanza in metri.

Fase 2: Moltiplicate la lunghezza per la larghezza, e poi moltiplicate il risultato per l’altezza. In questo modo otterrete il volume della vostra stanza in metri cubi (m3).

Fase 3: Valutate il grado di isolamento della vostra casa. La tabella sottostante vi dà un’indicazione approssimativa dell’isolamento.

Livello di isolamento

Potenza per m3 Richiesto

Scarso isolamento (costruito in casa prima del 1930)

35W per m3

Isolamento moderato (casa costruita tra il 1930-1980)

30W per m3

Buon isolamento (costruito in casa dopo il 1980, o è stato reinserito di recente)

25W per m3

Fase 4: Moltiplicate il volume della vostra stanza per la potenza consigliata per m3. In questo modo si ottiene il numero totale di watt necessari per quella particolare area della vostra casa.

Ora che avete la potenza necessaria per riscaldare la vostra stanza, potete iniziare a decidere di quanti pannelli avete bisogno. Lavoreremo con un esempio per metterlo in pratica.

Come calcolare la potnza che ci serve di un pannello radiante

Diciamo che abbiamo una stanza che misura 4 m di lunghezza, 3 m di larghezza e 2,5 m di altezza. Il volume di questa stanza è di 4 x 3 x 2,5, che equivale a 30m3.

Ora diciamo che l’edificio in cui si trova questa stanza è moderatamente isolato. Ciò significa che dobbiamo moltiplicare il volume, 30m3, per la potenza richiesta per m3 , che in questo caso è di 25W per m3.

Questo ci dà un totale di 750W per la stanza. Utilizzando questa cifra, possiamo guardare i pannelli disponibili e prendere una decisione. Per esempio, sarebbe sufficiente un set di due pannelli da 350W, così come un singolo pannello da 700W.

Una stanza a “L” potrebbe essere migliore con 2 pannelli separati per evitare “punti morti”, mentre un singolo riscaldatore potrebbe essere sufficiente per stanze più convenzionali di forma quadrata o rettangolare.

I wattaggi principali disponibili sui  pannelli sono 350W, 580W, 700W, 700W, 900W e 1200W.

È importante ricordare che questo è solo a titolo indicativo, e che se avete bisogno di un po’ più o un po’ meno calore dipende dalle vostre preferenze personali.

Di che dimensione di pannello ho bisogno?

Questo dipenderà in gran parte dai vostri gusti, in quanto la potenza del pannello sarà determinata dalle dimensioni e dall’isolamento della vostra stanza.

Le dimensioni principali che sono disponibili per l’acquisto sono 595 x 595mm, 595 x 995mm, 595 x 1195mm, 795 x 1195mm e 995 x 1195mm.

Dove montare un pannello radiante

Per l’uso domestico, consigliamo vivamente il montaggio a parete dei pannelli.

Con il montaggio a parete dei vostri pannelli, liberate all’istante tutto il vostro spazio a pavimento. Non dovrete più preoccuparvi di bloccare il calore con un divano, ad esempio. Questo è davvero vantaggioso in stanze che non sono troppo spaziose.

A volte, però, alcuni tipi di parete non sono adatti per il montaggio a parete e, in queste circostanze, è possibile montare il pannello sul pavimento utilizzando il supporto per pannelli venduto separatamente. Questa è anche una buona opzione per coloro che vogliono mantenere il loro pannello un po’ portatile.

Questo metodo di posizionamento del pannello è adatto praticamente a qualsiasi punto della casa.

 

7) Progettazione

I riscaldatori a infrarossi sono disponibili in tutte le forme, dimensioni e materiali. Alcuni hanno effetti visivi in 3D come le fiamme per simulare un caminetto. Altri sono realizzati in legno, plastica o alluminio e rivestiti in una varietà di colori. Qualunque sia il tipo di stanza che avete, c’è un riscaldatore a infrarossi che sicuramente farà al caso vostro.

8) Garanzia

Come molti prodotti che si acquistano, i riscaldatori a infrarossi di solito vengono forniti con una garanzia che dura un anno o più. Assicuratevi di leggere la garanzia per capire cosa è coperto.

 

Come funzionano i pannelli radianti ad infrarossi

Un riscaldatore a infrarossi funziona utilizzando i raggi infrarossi, proprio come il sole emette per riscaldare il nostro pianeta. Questi raggi hanno una frequenza compresa tra i 9 e i 14 micron e permettono di riscaldare lo spazio in modo uniforme e sicuro. Le onde infrarosse riscaldano le particelle nell’atmosfera, facendole circolare e questo fa sì che la stanza si senta più calda e che la persona o le persone nella stanza con il riscaldatore si sentano come se fossero riscaldate.

A differenza della maggior parte degli altri sistemi di riscaldamento disponibili sul mercato, i riscaldatori a infrarossi sono sorprendentemente economici da far funzionare. Questo perché altri riscaldatori richiedono una maggiore quantità di energia per creare molto calore. Altri riscaldatori si basano su correnti di convezione, che comportano il riscaldamento dell’aria in modo da farla salire, e forniscono una fornitura costante di aria riscaldata per continuare questo processo. A causa del modo in cui gli altri tipi di riscaldamento utilizzano l’energia, a titolo di confronto, è possibile risparmiare circa il 50% dell’energia con l’uso di un riscaldatore a infrarossi.

Un altro ottimo modo in cui l’infrarosso riduce le bollette energetiche è che il calore non può fuoriuscire attraverso i condotti di ventilazione o le porte aperte. Poiché il metodo di riscaldamento non si basa sulla circolazione di aria calda, non c’è aria calda che possa fuoriuscire dalla stanza. Questo fornisce vantaggi economici all’utente.

Non solo il calore infrarosso è meno costoso di altre forme di riscaldamento, ma si può anche beneficiare di un calore più confortevole. Invece di far sembrare l’aria secca e soffocante, i riscaldatori a infrarossi rilasciano il calore nell’aria utilizzando i raggi infrarossi, che riscaldano e bloccano delicatamente il calore. Un riscaldatore a infrarossi funziona in modo molto simile al sole e quindi vi sentirete caldi ma non a disagio come vi sentireste in un giorno d’estate.

Riscaldamento a infrarossi contro il riscaldamento elettrico

È possibile che in passato abbiate usato un riscaldatore elettrico per integrare l’alimentazione del riscaldamento, quindi come si confrontano i riscaldatori a infrarossi con quelli elettrici?

Prima di tutto, i riscaldatori elettrici spesso usano un ventilatore per distribuire il calore nella stanza. Un riscaldatore a infrarossi non ha bisogno di una ventola. Questo perché i riscaldatori elettrici si basano su correnti di convezione. L’aria viene riscaldata davanti al riscaldatore elettrico, e poi, per spostare l’aria all’esterno della stanza, è necessario che il riscaldatore abbia un ventilatore per espellere l’aria calda dall’apparecchio in modo da poter riscaldare più aria al suo posto. I riscaldatori a infrarossi, invece, utilizzano i raggi infrarossi per riscaldare gli oggetti direttamente davanti al riscaldatore e non è necessaria alcuna ventola poiché la luce viaggia attraverso le particelle nell’aria, proprio come i raggi del sole. Ciò significa che un riscaldatore a infrarossi è molto silenzioso nel suo funzionamento rispetto a un riscaldatore elettrico.

Poiché il riscaldatore elettrico deve riscaldare l’aria e poi farla circolare nella stanza, si può notare che ci vuole un po’ di tempo prima che l’aria si riscaldi nella stanza. Se c’è una corrente d’aria, l’aria calda fuoriesce dal luogo in cui l’aria fredda entra nella stanza. Troverete anche che il calore può fuoriuscire attraverso la ventilazione. Con il riscaldamento a infrarossi, non dovete preoccuparvi di questo, perché le onde infrarosse vi riscaldano direttamente, invece di riscaldare l’aria. Meno energia viene sprecata e ne sentirete immediatamente gli effetti.

I riscaldatori elettrici riscaldano l’aria e, di conseguenza, tutta l’umidità si asciuga rapidamente. Questo può farvi sentire come se aveste la gola secca e i seni paranasali. In generale, l’aria può diventare semplicemente sgradevole. In confronto, un riscaldatore a infrarossi non asciuga l’umidità nella stanza. Così, potrete godere della sensazione di essere riscaldati senza dovervi sedere in un’atmosfera asciutta. Potete controllare le nostre recensioni sui riscaldatori elettrici a parete per saperne di più sui riscaldatori elettrici.Riscaldamento a infrarossi-vs.-Riscaldamento elettrico
Importanti suggerimenti per la sicurezza del riscaldatore a infrarossi

Consigli per la sicurezza dei riscaldatori a infrarossi

Anche se i riscaldatori a infrarossi sono incredibilmente sicuri da usare in casa e non richiedono ventilazione, si dovrebbe riconoscere il fatto che questi apparecchi producono calore e come tali, ci sono alcuni consigli di sicurezza di base sui riscaldatori a infrarossi che si dovrebbe sapere.

Se si utilizza un cavo di prolunga con il riscaldatore, è necessario assicurarsi sempre di utilizzarne uno progettato per le correnti più elevate necessarie per alimentare un apparecchio di riscaldamento.

Un’altra cosa che dovrete ricordare se state usando una prolunga è che i cavi di prolunga sono pericolosi se inciampano.

Quando il riscaldatore a infrarossi è acceso, è necessario assicurarsi che nulla ostacoli il flusso delle onde infrarosse e che nulla sia posizionato sul riscaldatore stesso. Questo potrebbe potenzialmente provocare un incendio.

È necessario assicurarsi sempre che il riscaldatore sia spento quando non ci si trova nella stanza. Se si riesce a trovare un riscaldatore con un timer di spegnimento automatico, questo è un modo per assicurarsi che il riscaldatore non sia acceso quando non è necessario.

I riscaldatori a infrarossi vengono spesso forniti con imballaggi in polistirolo e altri articoli di plastica come le borse. Prima di accendere il riscaldatore a infrarossi, è necessario assicurarsi che tutti gli imballaggi siano stati rimossi completamente e smaltiti correttamente.

Riscaldamento a infrarossi e salute

Molte persone ritengono che la scelta di un nuovo riscaldatore sicuro da usare in casa sia un compito importante, e lo è. È necessario garantire che la vostra salute e quella della vostra famiglia siano protette con qualsiasi sistema di riscaldamento scelto. Quindi, il riscaldamento a infrarossi è pericoloso per la vostra salute?

Il riscaldamento a infrarossi non asciuga l’aria. L’aria secca può essere pericolosa per la salute in quanto aggrava le condizioni esistenti e può anche causare problemi di salute. L’aria secca può causare o peggiorare gli effetti di asma, bronchite e sinusite. Può anche causare la perdita di acqua dal corpo durante la respirazione, che non viene poi respirata di nuovo, causando la disidratazione. Grazie al calore infrarosso, non si verificano questi problemi. Ci sono anche alcuni riscaldatori a infrarossi che vengono forniti con un umidificatore incorporato per rendere l’aria un po’ più umida per un maggiore comfort.

Il calore a infrarossi è anche noto per aiutare la circolazione sanguigna. Durante i mesi invernali più freddi, è molto probabile che vi riposerete più del solito, e questo può portare a una diminuzione del flusso sanguigno. Il calore infrarosso riscalda dolcemente il vostro corpo utilizzando le frequenze della luce infrarossa e questo può effettivamente aiutare il sangue a circolare meglio.

 

FAQ

I raggi infrarossi sono pericolosi?

Un comune malinteso è che i raggi infrarossi possono essere pericolosi per gli esseri umani. Questo perché molte persone inconsapevolmente accomunano la dannosa reputazione dei raggi UV (ultravioletti) per essere associati ai raggi infrarossi.

La Commissione Internazionale per la Protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti (ICNIRP) è un’organizzazione indipendente che fornisce consulenza e guida scientifica di questi tipi di radiazioni sulla salute e sull’ambiente.

Per quanto riguarda le radiazioni infrarosse, non hanno concluso alcun rischio di cancro o di danni all’organismo. Infatti, il principale rischio associato è stato quello di lesioni termiche che possono verificarsi con la maggior parte dei tipi di riscaldatori.

Detto questo, qualsiasi tipo di radiazione può essere pericolosa se sufficientemente concentrata (si pensi al laser). Naturalmente, i produttori di riscaldatori a infrarossi si assicurano che il loro prodotto non emetta nulla che si avvicini ad un livello pericoloso.

Quanti soldi posso risparmiare usando un riscaldatore a infrarossi?

Non esiste un modo assoluto per determinare quanto si può risparmiare utilizzando un riscaldatore a infrarossi. Sì, il riscaldamento a infrarossi è estremamente efficiente dal punto di vista energetico, ma il risparmio si riduce principalmente all’efficacia dell’uso del riscaldatore.

Il riscaldamento a zone è l’opzione migliore per massimizzare l’efficienza. Il riscaldamento a zone è quando si riscaldano gli ambienti che si utilizzano più spesso.

L’uso di un riscaldatore a infrarossi può portare al cancro?

Non proprio, ma si sconsiglia anche un’esposizione prolungata. Fondamentalmente, il nostro corpo è in grado di sostenere la radiazione infrarossa, in quanto è la stessa che emette il sole. Il sole emette tre tipi di radiazioni, rispettivamente raggi UV, luce solare e raggi infrarossi. L’ultimo è responsabile del calore che si sente quando si sta sotto il sole. La radiazione infrarossa proveniente dai riscaldatori è la stessa. Pertanto, non rappresentano un rischio. Ma può essere dannoso usarlo troppo a lungo e se ci si sta troppo vicini, soprattutto se lo si fa spesso – quindi, non è consigliabile farlo. Ma non c’è nessuna conferma che il cancro possa essere causato da questi riscaldatori.

I riscaldatori a infrarossi sono più efficienti dal punto di vista energetico?

Rispetto ad altri tipi di riscaldatori, sì, sono più efficienti dal punto di vista energetico. Utilizzano tutto il calore che producono, il che significa che non si perde calore durante il trasferimento. Ciò che rende possibile tutto ciò è il modo in cui funzionano i riscaldatori a infrarossi. Non riscaldano l’intera stanza come gli altri riscaldatori. Riscaldano solo ciò che si trova sulla loro strada, rispettivamente ciò che la radiazione è in grado di raggiungere. È proprio come se ci si sedesse sotto il sole. Il sole emette anche radiazioni IR. Se si conosce la sensazione di calore che si prova quando i raggi del sole toccano la pelle, è la stessa sensazione che si prova con i riscaldatori a infrarossi.

Un riscaldatore a infrarossi è meglio di uno elettrico?

Nel complesso, i riscaldatori a infrarossi sono l’opzione migliore tra le due. Prima di tutto, sono più portatili grazie all’opzione della fonte di alimentazione, poiché il dispositivo funziona a gas naturale, elettricità o propano, a seconda della scelta. Al contrario, possono anche essere collegati alle utenze esistenti. I riscaldatori elettrici utilizzano l’elettricità, quindi si è limitati a seconda di dove si può collegare il dispositivo. Potete anche dare un’occhiata alle nostre recensioni sui riscaldatori a propano.

I riscaldatori a infrarossi sono sicuri da lasciare durante la notte?

I riscaldatori a infrarossi sono sicuri da lasciare accesi durante la notte in quanto non producono sostanze tossiche e non rischiano di provocare un incendio. Riscaldano semplicemente qualsiasi cosa si trovi nel loro raggio d’azione. Tuttavia, è importante tenerli sotto controllo e non limitarsi ad accendere il dispositivo per poi lasciarlo spento. Assicuratevi di abbassare la temperatura e di posizionare il riscaldatore a una distanza adeguata per sentirvi a vostro agio. Anche se non sono pericolosi, l’esposizione continua alle radiazioni non è raccomandata, quindi assicuratevi di fare attenzione al modo in cui usate questi dispositivi.

Ultimo aggiornamento 2020-10-24 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More