In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Miglior Smartphone 200 euro | Quale Comprare | Ottobre 2021

Ottobre 2021 : migliore smartphone 200 euro? daremo un consiglio su quale smartphone comprare cerchiamo di rispondere con il miglior telefono attualmente disponibile per questa fascia di prezzo ovvero il miglior cellulare del momento.

I migliori smartphone 200 euro da comprare rappresentano una buona scelta per il rapporto qualità prezzo, se sei alle ricerca di quali smartphone acquistare di fascia media, su questa pagina troverai consigli utili.
Escono sul mercato cellulari con nuovi modelli, di fascia medio bassa o alta, di telefoni belli a poco prezzo ce ne sono, spetta a te la valutazione dell’acquisto migliore, il best buy, l’ottimo compromesso che soddisferà le tue esigenze, un buon telefono a 200 euro.

Prima di iniziare potresti essere interessato anche ad altre fasce di prezzo:

Migliori Smartphone 100 euro
Migliori Smartphone 150 euro
Migliori Smartphone 300 euro
Migliori Smartphone 400 euro
Migliori Smartphone 500 euro
Migliori Smartphone 5G
Migliori Smartphone Ottobre 2021

Migliori Smartphone per la fotografia

Migliori Cellulari tra 150 e 200 euro

Di seguito una lista dei cellulari più comprati su Amazon nella categoria da 150 a 200 euro.
Verifica quale, secondo gli utenti del web, risulta essere il miglior smartphone qualità prezzo

OffertaPiù Venduto 1
Xiaomi Redmi Note 8 (2021) - Smartphone 64GB, 4GB RAM, Dual Sim, Space Black
Xiaomi Redmi Note 8 (2021) - Smartphone 64GB, 4GB RAM, Dual Sim, Space Black
Display: 6.3", 1080 x 2340 pixel; Processore: Mediatek Helio G85 2GHz; Fotocamera: Quad, 48MP + 8MP + 2MP + 2MP
155,79 EUR −4,89 EUR
OffertaPiù Venduto 4
Nokia G20 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 128GB, 4GB RAM, Quadrupla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
Nokia G20 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 128GB, 4GB RAM, Quadrupla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
Novità Smartphone 2021; Batteria da 5050 mAh che garantisce fino a 2 giorni di utilizzo; Dimensioni schermo: 6.5 inches
189,99 EUR −27,99 EUR
OffertaPiù Venduto 5
realme 8 Smartphone, Quad camera da 64 MP con AI, Display Super AMOLED da 6.4”, Ricarica rapida da 30W, Grande batteria da 5.000mAh, Dual Sim, NFC, 6+128GB, Punk Black
realme 8 Smartphone, Quad camera da 64 MP con AI, Display Super AMOLED da 6.4”, Ricarica rapida da 30W, Grande batteria da 5.000mAh, Dual Sim, NFC, 6+128GB, Punk Black
Quad camera da 64 MP con AI: Modalità Starry e Tilt-shift; Ricarica rapida da 30W Batteria carica al 100% in 65 minuti
229,00 EUR −43,01 EUR
OffertaPiù Venduto 6

Cellulari Xiaomi 200 euro

Una selezione dei telefoni Xiaomi tra 100 e 200 euro.
Se ti chiedi che telefono comprare, uno Xiaomi potrebbe essere la scelta adatta.
Di seguito il miglior smartphone Xiaomi

OffertaPiù Venduto 2
Xiaomi Redmi Note 8 (2021) - Smartphone 64GB, 4GB RAM, Dual Sim, Space Black
Xiaomi Redmi Note 8 (2021) - Smartphone 64GB, 4GB RAM, Dual Sim, Space Black
Display: 6.3", 1080 x 2340 pixel; Processore: Mediatek Helio G85 2GHz; Fotocamera: Quad, 48MP + 8MP + 2MP + 2MP
155,79 EUR −4,89 EUR
OffertaPiù Venduto 3
Redmi 9 Samartphone - 4Gb 64Gb Ai Quad Kamera 6.53' Full Hd + Display 5020Mah (Typ) Nero [Versione Globale]
Redmi 9 Samartphone - 4Gb 64Gb Ai Quad Kamera 6.53" Full Hd + Display 5020Mah (Typ) Nero [Versione Globale]
Ottima idea regalo per appassionati; Gamma affidabile; Prodotto che unisce tradizione ed innovazione
244,00 EUR −94,10 EUR
OffertaPiù Venduto 4
Xiaomi Redmi 9AT Smartphone, 2 GB + 32 GB, Dual Sim, Grigio (Granite Grey)
Xiaomi Redmi 9AT Smartphone, 2 GB + 32 GB, Dual Sim, Grigio (Granite Grey)
Xiaomi Redmi 9AT Smartphone, 2 GB + 32 GB, Dual Sim, Grigio (Granite Grey); Xiaomi Redmi 9AT Smartphone, 2 GB + 32 GB, Dual Sim, Grigio (Granite Grey)
133,28 EUR −31,82 EUR

Telefonini Huawei 200 euro

Una selezione dei telefoni Huawei tra 100 e 200 euro.
Che telefono compro? se vai sugli Huawei sei sicuro di avere sempre l’ultima tecnologia disponibile.
Se sei un fan di questa marca e ti poni la domanda “Huawei quale comprare” potresti optare per il seguente.

Più Venduto 2
Huawei P smart 2021 - Smartphone 128GB, 4GB RAM, Dual Sim, Midnight Black
Huawei P smart 2021 - Smartphone 128GB, 4GB RAM, Dual Sim, Midnight Black
Quadrupla fotocamera con Intelligenza Artificiale da 48 MP
OffertaPiù Venduto 3
Huawei Y6p Phantom Purple 6.3' 3gb/64gb 5000mah Dual Sim
Huawei Y6p Phantom Purple 6.3" 3gb/64gb 5000mah Dual Sim
Sistema Operativo: Android 10 Open Source ed EMUI 10.1; Fotocamera: 13 MP, f/1.8 + 5 MP Ultra Grandangolare,f/2.2 + 2 MP Bokeh f/2.4.
159,90 EUR −17,90 EUR

Huawei P40 lite

Versione OS Android 10 Q
Interfaccia del produttore EMUI
Dimensione dello schermo 6,4 pollici
Definizione 2310 x 1080 pixel
Densità dei pixel 398 PPP
Tecnologia LCD
SoC Kirin 810
Chip grafico (GPU) Mali G52 MP6
Memoria ad accesso casuale (RAM) 6 G
Memoria interna (flash) 128 G
Fotocamera (posteriore) Sensore 1: 48 MP
Sensore 2: 8 MP
Sensore 3: 2 MP
Sensore 4: 2 MP
Fotocamera (anteriore) 16 Mpx
Registrazione video 1080p
Wi-Fi 5 (ac)
Bluetooth 5.0
Bande supportate 2100 MHz (B1), 800 MHz (B20), 1800 MHz (B3), 2600 MHz (B7), 700 MHz (B28)
NFC Sì
Sensore di impronte digitali Sì
Porte (ingressi / uscite) USB Type-C
Batteria 4200 mAh
Dimensioni 76,3 x 159,2 x 8,7mm
Peso 183 grammi
Colore Nero, Verde, Rosa
Prezzo 200$+
Design semplice ma piacevole

OffertaPiù Venduto 1
Huawei P40 Lite Smartphone 6.4" 6gb/128gb Dual Sim, Nero (Midnight Black)
  • Sistema operativo: EMUI 10.0.1 (basato su Android 10.0)
  • Fotocamera: 48 + 8 + 2 + 2 mp apertura grandangolo f/1.8
  • Obiettivo ultra grandangolare, obiettivo macro, lente bokeh
  • Nota: Il prodotto utilizza/esegue HUAWEI Mobile Services al posto di Google Mobile Services e Google App.

Il Huawei P40 Lite non sfrutta le finiture dei suoi fratelli di fascia alta.  Un’impressione rafforzata dallo schermo piatto del dispositivo incorniciato da bordi abbastanza visibili. Ancora una volta, questo non è un difetto, ma semplicemente la prova che il telefono è più sul rapporto qualità-prezzo che sull’eccellenza.

Lo schermo è perforato con precisione nell’angolo superiore sinistro per fare spazio al fotosensore anteriore.

Sul retro, la superficie in plastica cerca di imitare un effetto vetro. Non ci si può ingannare, ma è comunque ben fatto. Il modulo fotografico quadrato in alto a sinistra che ospita quattro sensori sporge appena in rilievo: un ottimo punto per il Huawei P40 Lite quando è posizionato in piano.

Il lettore di impronte digitali è posizionato sul lato destro del telefono, ben al centro del bordo, e funge anche da pulsante di sblocco. Appena sopra, si trovano i tasti del volume. Sul fondo, la spina jack da 3,5 mm è accanto alla porta USB-C.

Ha una spina jack Lo schermo forato di Huawei P40 Lite Il lettore di impronte digitali funge anche da pulsante di sblocco

Nel complesso, quindi si tratta di un design molto classico. Apprezziamo soprattutto la leggerezza del P40 Lite: 183 grammi sulla bilancia. Inoltre, senza essere compatto, il telefono offre dimensioni abbastanza contenute.

Schermo più leggero

Lo schermo IPS LCD da 6,4 pollici del Huawei P40 Lite è abbastanza decente con la sua definizione Full HD +, anche se la sua luminosità fatica a raggiungere nuove vette. Con un massimo valutato a 411 cd/m², la lastra può effettivamente essere un po’ giusta in certe situazioni in cui il sole batte molto forte. Fortunatamente, possiamo contare su un contrasto molto soddisfacente di 1317:1.

Il bordo inferiore del Huawei P40 Lite

Inoltre, il Huawei P40 Lite si mostra capace di visualizzare una tavolozza di colori abbastanza ampia che è sempre una qualità interessante per chi vuole guardare comodamente contenuti video.

La nostra sonda colorimetrica e il software Calman di Portrait Displays misurano la copertura dello spazio RGB al 143%. Lo spazio DCI-P3, che è più grande e quindi più complicato da riempire è coperto al 96%. È tutt’altro che ridicolo per uno smartphone a questo prezzo.

Per impostazione predefinita, il telefono è impostato sulla modalità di visualizzazione di colori brillanti. Ci ritroviamo così con una temperatura che attinge molto al blu – 8180 K quando l’ideale è a 6500 K – e toni che mancano un po’ di fedeltà alla realtà. Misuriamo un Delta E medio a 5,21 sul DCI-P3 quando questo indice dovrebbe invece tendere a 3.

Il Delta E medio del Huawei P40 Lite è di 5,21 sul DCI-P3 con la modalità colore predefinita

Per controbilanciare questo, si può optare per i colori “normali” che cambiano la temperatura a circa 6700 K. Ahimè, così facendo si perde nella pluralità dei colori. Quindi l’idea sembra mantenere i toni vivaci regolando il cursore della tavolozza verso le tonalità del rosso per trovare un buon equilibrio.

Si noti che il refresh dello schermo del Huawei P40 Lite non varia dai convenzionali 60 Hz.

La schermata iniziale di default del P40 Lite Il pannello delle scorciatoie del P40 Lite Huawei P40 Lite sfrutta una modalità scura.

A grandi linee, Huawei ha fatto sforzi francamente notevoli per migliorare la vitalità del suo ecosistema senza Google, ma c’è ancora molta strada da fare prima di potervi consigliare l’esperienza.
Il P40 lite può essere uno dei migliori smartphone a 200 euro sul mercato.

Va notato che qualche settimana prima della pubblicazione di questo test, Huawei ha distribuito l’applicazione Petal Search che raggruppa tre funzionalità: la ricerca di applicazioni da diverse fonti (AppGallery, negozi di terze parti o siti ufficiali di sviluppatori), un news feed e il motore di ricerca Qwant che si è alleato con i produttori cinesi.

Audio: Un altoparlante potente ma classico

Non è una sorpresa per un telefono a questo prezzo: la qualità dell’altoparlante non è nulla di eccezionale, né deludente. Si può dimenticare l’esperienza stereo e accontentarsi di un suono potente che trascrive abbastanza bene i diversi toni, nonostante qualche difficoltà sugli alti che saturano di tanto in tanto, quando i bassi potrebbero essere un po’ più enfatizzati.

Niente da segnalare sulla qualità audio con le cuffie cablate.

Uno smartphone fotografico versatile

Il Huawei P40 Lite segue la moda e ha una quadrupla fotocamera sul retro. Il sensore principale da 48 megapixel (f/1.8) è dotato di un obiettivo ultra-wide-angle da 8 megapixel con un campo visivo di 120 gradi (f/2.4). Gli altri due sensori hanno ciascuno una definizione di 2 megapixel e un’apertura dell’obiettivo a f/2.4 e sono utilizzati per gestire la profondità per ritratti e scatti macro.

La fotocamera del Huawei P40 Lite

Il telefono è in grado di scattare foto di giorno molto belle con immagini dettagliate e colori che risaltano bene, con un contrasto che li mette bene in evidenza, senza fare troppo nel complesso.

Anche la dinamica è molto buona. Alcune aree possono essere molto leggermente sottoesposte quando un’altra zona della scena è molto luminosa, ma non è niente di sconvolgente.

Di notte, la qualità delle foto è molto deteriorata a causa della sfocatura che permea tutti gli scatti effettuati in queste condizioni. C’è una grana piuttosto sgradevole che appare nell’immagine.

Modalità notte Modalità notte

Fortunatamente, l’attivazione della modalità notte compensa ampiamente. La qualità in sé non è necessariamente migliore, ma la scena meglio illuminata diventa più piacevole da guardare.

Per quanto riguarda l’ultra-wide-angle, è molto efficace nel complesso e alla fine sarà criticato per offrire scatti un po’ giusti in termini di luminosità.

ultra grandangolo ultra grandangolo ultra grandangolo ultra grandangolo

La modalità ritratto ha molto successo, anche se lo sfondo può essere rapidamente sovraesposto a seconda della situazione. Ma nel complesso, il viso è sempre ben messo in avanti con un ritaglio abbastanza preciso rispetto alla sfocatura.

Infine, la modalità macro non è affatto male, ma, anche se è ridondante da un test di smartphone all’altro, ricordate che questa funzione non è davvero essenziale. La bassa definizione delle immagini così generate la rende irrilevante.

Modalità Macro

Sul fronte, il sensore frontale da 16 megapixel permette di scattare ottimi selfie con dettagli molto ben salvati sul viso. Perfetto per i narcisisti, questo telefonino è uno tra gli smartphone con fotocamera migliore.

Per quanto riguarda i video, è possibile riprendere fino a 1080p a 30 fps.
Sulla carta, il Huawei P40 Lite è tutt’altro che privo di prestazioni. Con il suo Kirin 810, ha infatti la capacità di far girare molto bene certi videogiochi 3D . Purtroppo, Fortnite non include il telefono nella sua lista di dispositivi compatibili e anche un gioco popolare come Call of Duty Mobile si rifiuta di lanciare, questa volta per motivi che sembrano legati all’assenza del Google Play Store – il gioco funziona ancora sul P40 Pro.
PUBG, tuttavia, funziona senza problemi con qualità HD e un’alta frequenza di visualizzazione. In altre parole, una volta trovato un titolo compatibile con il Huawei P40 Lite, si può godere di un’esperienza di gioco quasi impeccabile e sempre fluida. Ma bisogna trovarlo …
Uno smartphone ben duraturo

Il Huawei P40 Lite è davvero molto buono in termini di durata della batteria. Non è il dispositivo più duraturo del pianeta, ma sa chiaramente come essere rassicurante. Il calo della percentuale di batteria è molto lento durante la giornata, anche lanciando diverse applicazioni in successione e moltiplicando gli utilizzi (scattare una foto, guardare video, navigare sul web…).

Niente di troppo sorprendente data la sua batteria da 4200 mAh. Il telefono non disonora i suoi fratelli maggiori di fascia alta che sono anche tra i buoni studenti in questo settore. Così, il Huawei P40 Lite regge bene per un giorno e mezzo di carica con un uso attivo. I due giorni pieni sono ancora un po’ più difficili da raggiungere ma non fatevi prendere dal panico, il caricabatterie fornito con il dispositivo offre una potenza di 40 W per una carica veloce.
Inoltre, il telefono non ha problemi a dirti la tua posizione con precisione – basta ricordare a questo proposito che l’applicazione Google Maps non è disponibile per evitare spiacevoli sorprese.

Da prendere in considerazione, rimane una valida scelta su quale smartphone acquistare.

Smartphone Samsung 200 euro

Una selezione dei telefoni Samsung tra 100 e 200 euro.
La tua domanda ricorrente : quale cell comprare con i Samsung potrebbe avere la giusta risposta.

Samsung A12

Samsung ha anche offerte decenti nel segmento di prezzo sotto i 200 euro, e l’unico dispositivo che ha attirato la nostra attenzione è il nuovo Samsung Galaxy A12. Questo dispositivo è stato annunciato nel novembre 2020 e ha il chipset Mediatek MT6765 Helio P35. Questo è un SoC a 12nm e offre prestazioni accettabili per un dispositivo in questa fascia di prezzo.

OffertaPiù Venduto 1
Samsung Galaxy A12, Smartphone, Display 6.5" HD+, 4 Fotocamere Posteriori, 128 GB Espandibili, RAM 4 GB, Batteria 5000 mAh, 4G, Dual Sim, Android 10, 205 g, Ricarica Rapida [Versione Italiana], Blu
  • Il design ergonomico ed elegante di Galaxy A12 e le sue linee arrotondate ti offrono una presa confortevole. Lasciati conquistare dai colori e dalla finitura opaca per uno stile unico e alla moda.
  • Con il display Infinity-V da 6,5" di Galaxy A12 puoi guardare video, streaming e giocare in qualità HD+. E grazie al rapporto di forma 20:9 la tua esperienza sarà a livello cinematografico.
  • Quattro fotocamere posteriori per permetterti di scattare fotografie chiare e nitide da 48 MP, immortalare panorami sconfinati o mettere in risalto il tuo soggetto grazie all'effetto Fuoco Live.
  • Grazie alla sua batteria da 5.000 mAh, Galaxy A12 ti supporta per tutta la giornata. Sfrutta la tecnologia di Ricarica Rapida da 15W per riportare il tuo smartphone al 100% più velocemente.

Il display utilizzato dal Samsung Galaxy A12 è un pannello PLS TFT che supporta la risoluzione HD+. Il telefono ha quattro fotocamere posteriori con un sensore primario da 16MP, un sensore secondario da 5MP e due sensori da 2MP. La fotocamera frontale è alloggiata all’interno di un notch a V e utilizza un sensore da 8MP. Il Samsung Galaxy A12 esegue Android 12 al momento, ma sarà presto aggiornato ad Android 12.
Un valido modello tra i telefonini Samsung da 200 euro.

Cellulari Motorola 200 euro

OffertaPiù Venduto 1
Motorola Moto G10 - Smartphone 128GB, 4GB RAM, Dual Sim, Aurora Grey
Motorola Moto G10 - Smartphone 128GB, 4GB RAM, Dual Sim, Aurora Grey
Display: 6.5", 720 x 1600 pixel; Processore: Snapdragon 460 1,8 GHz; Fotocamera: Quad, 48MP + 8MP + 2MP + 2MP
189,99 EUR −21,01 EUR
Più Venduto 2
Motorola Moto G30 - Smartphone 128GB, 6GB RAM, Dual Sim, Black
Motorola Moto G30 - Smartphone 128GB, 6GB RAM, Dual Sim, Black
Display: 6.5", 720 x 1600 pixel; Processore: Snapdragon 662 2GHz; Fotocamera: Quad, 64MP + 8MP + 2MP + 2MP
Più Venduto 3
Motorola Moto G30 - Smartphone 128GB, 6GB RAM, Dual Sim, Pastel Sky
Motorola Moto G30 - Smartphone 128GB, 6GB RAM, Dual Sim, Pastel Sky
Display: 6.5", 720 x 1600 pixel; Processore: Snapdragon 662 2GHz; Fotocamera: Quad, 64MP + 8MP + 2MP + 2MP

Moto G Power 2021

Il Moto G Power (2021) ha dovuto affrontare la dura concorrenza del suo più recente compatriota della serie G – il Moto G Play (2021). Nel complesso, tuttavia, abbiamo ritenuto che il (leggermente) più vecchio Moto G Power sia più conveniente.

Il Moto G Power è alimentato dal Qualcomm Snapdragon 662 SoC (al contrario del meno potente chip SD 460 del Moto G Play). Entrambi questi chip sono basati su un processo produttivo a 11nm, ma l’SD662 ha un clock più alto e, quindi, sulla carta, offre prestazioni leggermente migliori.

Più Venduto 1
Motorola Moto G8 Power (64GB, 4GB, Dual Sim) Smoke Black
  • Schermo: 6,4 ", 1080 x 2300 pixel
  • Processore: Snapdragon 665 2GHz
  • Fotocamera: Quad, 16MP + 8MP + 2MP + 2MP
  • Batteria: 5000 mAh

Il Moto G Power (2021) vince anche la battaglia per avere più fotocamere (triple) rispetto alla configurazione a doppia fotocamera del Moto G Play. Il primo ha anche un sensore da 48MP rispetto alla fotocamera da 12MP del G Play. Anche la risoluzione della fotocamera frontale è più alta sul Moto G Power (8MP contro i 5MP).

Per quanto riguarda la batteria – entrambi i dispositivi sono uguali grazie alla massiccia batteria da 5.000mAh. Tuttavia, il Moto G Power ancora una volta prende la corona qui perché supporta anche la ricarica rapida 15W mentre il G Play è limitato a 10W.
Indubbiamente rappresenta una buona scelta di acquisto tra i telefoni a 200 euro.

Moto G Fast

Il Moto G Power (2021)  vincitore assoluto, è un dispositivo abbastanza grande e pesante. Se vuoi un telefono con capacità simili ma vuoi anche che sia un po’ più facile da tenere in mano, il Moto G Fast potrebbe essere una grande opzione per te. Il Moto G Fast offre quasi le stesse dimensioni dello schermo (6,4 pollici) pur essendo 20g più leggero del Moto G Power con soli 189g. Diamo un’occhiata al resto delle specifiche.

OffertaPiù Venduto 1
Motorola Moto G10 - Smartphone 128GB, 4GB RAM, Dual Sim, Aurora Grey
  • Display: 6.5", 720 x 1600 pixel
  • Processore: Snapdragon 460 1,8 GHz
  • Fotocamera: Quad, 48MP + 8MP + 2MP + 2MP
  • Batteria: 5000 mAh

Questo telefono viene alimentato dal Qualcomm Snapdragon 665 SoC e offre 32GB di storage, e ha 3GB di RAM. Il telefono ha anche un lettore di impronte digitali montato sul retro. La configurazione della fotocamera include una fotocamera primaria da 16MP, una fotocamera ultrawide da 8MP e una fotocamera macro da 2MP.

La riduzione delle dimensioni significa anche che si deve fare i conti con una minore durata della batteria. Ma la batteria da 4.000 mAh è più che capace di tirare attraverso più di un giorno di uso normale.Tra i più interessanti come cellulari a 200 euro.

Smartphone OnePlus 200 euro

OnePlus è forse l’unico marchio cinese di smartphone che è riuscito a tener testa a Xiaomi.

OnePlus Nord N100

Ciò che si compra per questo One Plus Nord N100 prezzo inferiore ai 200 euro è un SoC Qualcomm Snapdragon 460, 4GB di RAM e 64GB di storage con espansione di memoria. Il display misura 6,52 pollici e si tratta di un pannello HD+ IPS LCD con supporto per 90Hz di frequenza di aggiornamento e 18W di ricarica veloce!

OffertaPiù Venduto 1
OnePlus N100 Smartphone Display LCD HD + da 6,52 ", 4 GB di RAM + 64 GB di spazio di Archiviazione, Tripla Fotocamera, Batteria da 5000 mAh, Doppia SIM, 4G, Midnight Frost
  • OnePlus N100 Smartphone Display LCD HD + da 6,52 ", 4 GB di RAM + 64 GB di spazio di Archiviazione, Tripla Fotocamera, Batteria da 5000 mAh, Doppia SIM, 4G, Midnight Frost
  • OnePlus N100 Smartphone Display LCD HD + da 6,52 ", 4 GB di RAM + 64 GB di spazio di Archiviazione, Tripla Fotocamera, Batteria da 5000 mAh, Doppia SIM, 4G, Midnight Frost
  • OnePlus N100 Smartphone Display LCD HD + da 6,52 ", 4 GB di RAM + 64 GB di spazio di Archiviazione, Tripla Fotocamera, Batteria da 5000 mAh, Doppia SIM, 4G, Midnight Frost
  • OnePlus N100 Smartphone Display LCD HD + da 6,52 ", 4 GB di RAM + 64 GB di spazio di Archiviazione, Tripla Fotocamera, Batteria da 5000 mAh, Doppia SIM, 4G, Midnight Frost

La tripla configurazione della fotocamera del OnePlus Nord N100 include una fotocamera principale da 13MP, una fotocamera macro da 2MP e un’altra fotocamera da 2MP per il bokeh. La fotocamera frontale utilizza un sensore da 8MP. Il OnePlus Nord N100 esegue OxygenOS 10, che è basato su Android 10. È anche probabile che ottenga il cenno ufficiale per Android 11.Smartphone quale scegliere? ardua la risposta ma varie le soluzioni come questa.

Smartphone Nokia 200 euro

OffertaPiù Venduto 1
Nokia 3.4 Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.39” HD+, 64GB, 4GB RAM, Tripla Camera, Android 10, Batteria 4000mAh Blue [Italia]
Nokia 3.4 Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.39” HD+, 64GB, 4GB RAM, Tripla Camera, Android 10, Batteria 4000mAh Blue [Italia]
Sensori: sensore posteriore per le impronte digitali; tasto google assistant dedicato; Batteria da 4000mAh
179,99 EUR −40,99 EUR
Più Venduto 3
Nokia G10 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 32GB, 3GB RAM, Tripla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
Nokia G10 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 32GB, 3GB RAM, Tripla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
Novità Smartphone Primavera-Estate 2021; Batteria da 5050 mAh che garantisce fino a 2 giorni di utilizzo
OffertaPiù Venduto 4
Nokia C20 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 32GB, 2GB RAM, Camera, Android 11 Go, Batteria 3000mAh, Dark Blue [Italia]
Nokia C20 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 32GB, 2GB RAM, Camera, Android 11 Go, Batteria 3000mAh, Dark Blue [Italia]
Novità Smartphone Primavera-Estate 2021; Tipo di connetore: Micro-USB; Tipo di schermo: LCD
109,99 EUR −3,82 EUR
OffertaPiù Venduto 5
Nokia G20 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 128GB, 4GB RAM, Quadrupla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
Nokia G20 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 128GB, 4GB RAM, Quadrupla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
Novità Smartphone 2021; Batteria da 5050 mAh che garantisce fino a 2 giorni di utilizzo; Dimensioni schermo: 6.5 inches
189,99 EUR −27,99 EUR

Nokia 5.4

Rilasciato all’inizio di quest’anno, il Nokia 5.4 è una versione aggiornata del Nokia 5.3 dello scorso anno.

OffertaPiù Venduto 1
Nokia 5.4 Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.39" HD+, 128GB, 4GB RAM, Quad Camera, Android 11, Batteria 4500mAh, Blue [Italia]
  • Cattura i dettagli più belli delle cose che ami con la potente fotocamera; quadrupla camera posteriore con sensore principale da 48mp più sensore da 5mp con ottica grandangolare, sensore di profondità da 2mp e sensore da 2mp per Macro; camera frontale da 16mp
  • Sistema Operativo: Android 11; Nokia 5.4 fa parte del programma ufficiale Google Android One che garantisce un telefono “Puro, Sicuro e Sempre Aggiornato”; gli aggiornamenti alle future versioni di Android saranno garantiti e immediatamente disponibili sul Nokia 5.4 per un periodo di almeno due anni
  • Display HD+ 19:9 da 6.39” (1560x720), Processore Qualcomm Snapdragon 662, RAM da 4 GB e memoria interna da 128 GB espandibile con MicroSD fino a 512 GB
  • Sensori: sblocco facciale biometrico, sensore posteriore per le impronte digitali; tasto Google assistant dedicato

Il Nokia 5.4 è alimentato dallo stesso Snapdragon 662 usato nel Moto G Power (2021). Il telefono viene spedito con 4GB di RAM e 128GB di storage, che è in realtà più di quello che offre il Moto G Power (2021). Tuttavia, il suo prezzo attuale di 180 euro è applicabile per un breve periodo di tempo, ed è probabile che possa tornare presto al suo prezzo regolare di 249 euro. Se il dispositivo rimane a 180 euro, non avremmo scrupoli a sostituire il Moto G Power (2021) con il Nokia 5.4 e renderlo il miglior smartphone sotto i 200 euro in una data successiva.

Altre specifiche del telefono includono un display HD+ da 6,39 pollici, il supporto per le schede Dual SIM e un setup quad-camera composto da una fotocamera primaria da 48MP, una fotocamera macro da 5MP e due fotocamere gemelle macro e ultrawide da 2MP. Il telefono ha anche una fotocamera selfie da 16MP nella parte anteriore. Il Nokia 5.4 esegue anche Android 10 al lancio ed è probabile che riceva il cenno ufficiale ad Android 11.

Nokia G10

Non ti è piaciuto molto il Nokia 5.4 che hai visto prima in questa lista e stai cercando un modello alternativo di Nokia? Immaginiamo che potrebbe piacerti il prossimo suggerimento di Nokia – il Nokia G10 appena lanciato.

Più Venduto 1
Nokia G10 - Smartphone 4G Dual Sim, Display 6.5” HD+, 32GB, 3GB RAM, Tripla Camera, Android 11, Batteria 5050mAh, Blue [Italia]
  • Novità Smartphone Primavera-Estate 2021
  • Sistema Operativo: Android 11; Nokia G10 ti garantisce 3 anni di aggiornamenti di sicurezza e 2 anni di aggiornamenti software
  • Display HD+ da 6.5”, 1600x720 Processore Octa-Core, RAM da 3 GB e memoria interna da 32 GB espandibile con MicroSD fino a 512 GB
  • Batteria da 5050 mAh che garantisce fino a 2 giorni di utilizzo

Il Nokia G10 ha il SoC entry-level MediaTek Helio G25 e offre 3GB di RAM e 32GB di storage con espansione di memoria. Il dispositivo supporta anche la doppia SIM. Il Nokia G10 è un grande telefono con un pannello LCD HD+ da 6,5 pollici. La configurazione della fotocamera del dispositivo include una fotocamera primaria posteriore da 13MP e due sensori da 2MP per gli scatti macro e il rilevamento della profondità. La fotocamera frontale ha un sensore da 8MP. La capacità della batteria è di 5050 mAh – tuttavia – non c’è supporto per la ricarica veloce.

Ed ora i nostri consigli con le recensioni dei modelli:

Miglior Smartphone 200 euro : Quale Comprare a Ottobre 2021

XIAOMI POCO X3 NFC

L’X3 NFC lascia il SoC Snapdragon 865 e il modem X55 5G dell’F2 Pro per l’ultimo chip 4G di Qualcomm, lo Snapdragon 732G. Mentre questo processore non offre prestazioni grafiche da ammiraglia, è ottimizzato per i giochi (da cui la G), e si sente super veloce nell’uso quotidiano. Inoltre è ancora accoppiato con 6GB di RAM e fino a 128GB di storage, e supporta la microSD.

La cosa più importante è che l’X3 NFC scambia il display a 60Hz dell’F2 Pro con un delizioso schermo IPS a 120Hz, e ottiene una massiccia batteria da 5160 mAh (contro 4700 mAh). Come bonus, il sensore di impronte digitali si sposta da sotto il display al tasto di accensione/chiusura. La configurazione della fotocamera quadrupla da 64MP è quasi identica su entrambi i telefoni, con l’X3 NFC che perde il  selfie popup motorizzato dell’F2 Pro per uno IP53 resistente agli schizzi.

Oh, e il  5MP AF macro lascia il posto al 2MP macro a fuoco fisso, perché il numero di telecamere conta in questo momento. Infine, l’X3 NFC scambia la parte posteriore in vetro dell’F2 Pro con una parte posteriore in finto vetro (plastica), ma guadagna altoparlanti stereo decenti e una radio FM. Nonostante queste differenze hardware, MIUI 12 si sente notevolmente coerente in entrambi i dispositivi.Indubbiamente uno dei migliori smartphone sotto i 200 euro se trovato in offerta su Amazon.

Xiaomi Poco X3 NFC - Smartphone 6 GB + 64 GB, Dual Sim, Grigio (Shadow Grey)
  • Display: 6,67 ",1080 x 2400 pixel
  • Processore: Snapdragon 732G 2,3 GHz
  • Fotocamera: Quad,64MP + 13MP + 2MP + 2MP
  • Batteria: 5160 mAh

✅ Uno schermo incredibile da 6,67″ a 120hz FHD+ (2400 x 1080 pixel, 395ppi) HDR10
Fotocamera selfie frontale  ottima
✅ Batteria da 5160 mAh (tipo) ad alta capacità, ricarica rapida 18 W.
✅ Processore Qualcomm Snapdragon 732G, processore ad alta efficienza da 11 nm
Altoparlanti stereo, led di notifica, jack cuffie e porta usb type C

Poco X3 NFC Specifiche complete

Data di uscita 7 Ottobre 2020
Fattore di forma Touchscreen
Dimensioni (mm) 165,30 x 76,80 x 9,40
Peso (g) 215,00
Capacità della batteria (mAh) 5160
Ricarica rapida Proprietario
Colori Blu cobalto, Nero ombra
Display
Dimensione dello schermo (pollici) 6,67
Touchscreen Sì
Risoluzione 1080×2400 pixel
Tipo di protezione Gorilla Glass
Rapporto d’aspetto 20:9
Pixel per pollice (PPI) 395
Hardware
Processore octa-core
Marca del processore Qualcomm Snapdragon 732G
RAM 6GB
Memoria interna 64GB
Archiviazione espandibile Sì
Tipo di archiviazione espandibile microSD
Archiviazione espandibile fino a (GB) 256
Fotocamera
Fotocamera posteriore 64 megapixel (f/1.73) + 13 megapixel (f/2.2) + 2 megapixel (f/2.4) + 2 megapixel (f/2.4)
Autofocus posteriore Sì
Flash posteriore Sì
Fotocamera anteriore 20 megapixel (f/2.2)
Fotocamera pop-up No
Software
Sistema operativo Android 10
MIUI 12
Connettività
Wi-Fi Sì
GPS Sì
Bluetooth Sì
NFC Sì
Infrarosso Sì
USB Tipo-C Sì
Cuffie 3.5mm
Numero di SIM 2
SIM 1
Tipo di SIM Nano-SIM
GSM/CDMA GSM
3G Sì
4G/ LTE Sì
SIM 2
Tipo SIM Nano-SIM
GSM/CDMA GSM
3G Sì
4G/ LTE Sì
Sensori
Sensore di impronte digitali Sì
Sensore di prossimità Sì
Accelerometro Sì
Sensore di luce ambientale Sì
Giroscopio Sì

Design, hardware, cosa c’è nella scatola

È difficile non confrontare il Poco X3 NFC con il Poco F2 Pro. Entrambi sono grandi telefoni con un design simile, tra cui uno schermo da 6,67 pollici e un pod circolare nero con quadrupla fotocamera. Con 165,3 x 76,8 x 9,4 mm e 215 g, l’X3 NFC è leggermente più grande e pesante anche del Galaxy Note 20 Ultra di Samsung. Tuttavia, non lo noterete veramente fino a quando non li vedrete fianco a fianco.

Invece di un sandwich di vetro e metallo come l’F2 Pro, l’X3 NFC è a strati di vetro, alluminio e finto vetro. Sì, la parte posteriore è fondamentalmente in plastica trasparente, ma sarebbe difficile notare la differenza – a meno che non si faccia cadere il telefono, suppongo.

L’X3 NFC batte anche l’F2 Pro in altre tre aree: Resistenza agli spruzzi IP53, espansione dell’archiviazione microSD e altoparlanti stereo. Inoltre, in un cenno ai telefoni del passato, c’è anche un LED di notifica incorporato nell’auricolare, e un blaster IR lungo il bordo superiore – A/V nerds gioire. Come bonus, quegli altoparlanti stereo suonano molto meglio del poco degno di nota singolo driver dell’F2 Pro.

Ovviamente, una delle caratteristiche principali dell’X3 NFC è il display a 120Hz. Si tratta di un pannello IPS da 6,67 pollici FHD+ (2400 x 1080 pixel, 395ppi) con un rapporto di aspetto 20:9 e supporto HDR10, molto bello. C’è un buco nella parte superiore centrale, e le cornici sono sottili a parte un piccolo mento nella parte inferiore. I colori sono vibranti, il contrasto è alto e gli angoli di visualizzazione sono buoni. È anche abbastanza luminoso alla luce diretta del sole.

Il sensore di impronte digitali capacitivo montato lateralmente vi terrà soddisfatti – è veloce e reattivo. Parlando dei bordi, c’è un jack per le cuffie, una porta USB Type-C, un microfono primario e un altoparlante lungo la parte inferiore, e il blaster IR, il microfono secondario e lo sfiato dell’auricolare sulla parte superiore.

Il tasto di accensione/blocco con sensore di impronte digitali e il bilanciere del volume si trovano sul lato destro, e il vassoio ibrido dual SIM/microSD card vive sulla sinistra – le solite cose. L’X3 NFC viene spedito con un caricatore veloce da 33W, un cavo da USB Type-A a C e una custodia in TPU trasparente nella confezione. Supporta la tecnologia di ricarica veloce da 33W di proprietà di Xiaomi e USB PD (fino a 18W).

Software, prestazioni e batteria

Come il Poco F2 Pro, il Poco X3 NFC esegue Android 10 con MIUI 12.

Il design della MIUI 12 è più raffinato rispetto alle versioni precedenti, e a differenza degli altri telefoni di Xiaomi, il launcher unico di Poco è abbastanza standard e include Google Discover. Ciò che mi ha colpito di più nel rivedere l’X3 NFC subito dopo l’F2 Pro è quanto entrambi si sentano coerenti, anche con le differenze di specifiche. Xiaomi ha chiaramente lavorato sodo per rendere i miglioramenti delle prestazioni di MIUI 12 vantaggiosi su tutta la linea.

Allo stesso tempo, devo dare a Qualcomm un po’ di credito. Il nuovo Snapdragon 732G dell’X3 NFC nei compiti quotidiani, si sente veloce come lo Snapdragon 765G. Per confermarlo, ho eseguito alcuni benchmark, e abbastanza sicuro, entrambi i chip sono a un tiro di schioppo l’uno dall’altro. Mentre le prestazioni grafiche sono vicine tra questi due processori della serie 7, lo Snapdragon 865 dell’F2 Pro è ovviamente in una lega diversa.

In breve, sono sinceramente sorpreso. L’X3 NFC è adeguatamente veloce, e ha gestito tutto.

L’X3 NFC viene fornito con 6GB di RAM e 64GB o 128GB di memoria UFS 2.1. Xiaomi mi ha mandato il modello da 6/64GB. La durata della batteria è eccezionale, senza dubbio grazie all’enorme cella da 5160mAh. Spesso ho visto ben oltre 12 ore di tempo di schermo, e sono sicuro che questo telefono durerà due giorni tra le cariche per la Ottobrer parte delle persone. Inoltre, la ricarica è un gioco da ragazzi grazie alla ricarica veloce da 33W – 0-100% richiede poco più di un’ora.

Fotocamere

Il Poco X3 NFC e il Poco F2 Pro hanno anche sistemi di fotocamere simili e producono risultati di qualità simile. Intorno alla parte posteriore, l’X3 NFC ha un sensore  Sony IMX 682 da 64MP f/1.9 0.8-micron senza OIS, un 13MP f/2.2 1.0-micron 119-degree ultrawide, un 2MP f/2.4 1.75-micron macro, e un sensore di profondità 2MP f/2.4 1.75-micron. Entrambi i telefoni condividono lo stesso identico obiettivo selfie da 20MP f/2.2 0.8-micron.

Ecco le principali differenze. L’X3 NFC usa un sensore principale da 64MP leggermente diverso (Sony IMX 682 contro IMX 686), un altro obiettivo ultrawide da 13MP (f/2.2, 1.0 micron e 119 gradi contro f/2.4, 1.12 micron e 123 gradi) e una macro più semplice (2MP f/2.4 1.75 micron a fuoco fisso contro 5MP f/2.2 1.12 micron con AF).

L’IMX 682 di Sony è sicuramente il top. Questo sensore Quad-Bayer da 64MP utilizza 4 a 1 “pixel binning” per combinare quattro pixel vicini da 0,8 micron in “superpixel” da 1,6 micron per migliorare le prestazioni in condizioni di scarsa luminosità, ottenendo immagini da 16MP di qualità superiore.

L’app fotocamera è familiare e semplice.Oltre a una modalità a piena risoluzione di 64MP, l’X3 NFC offre le modalità ritratto, pro (manuale), notte e panorama per le foto. La modalità pro è esclusiva dello scatto principale, e proprio come con la F2 Pro, la modalità notturna non è disponibile sull’ultrawide.

L’X3 NFC arriva  a 4k 30fps / 1080p 60fps sia sul sensore principale che sull’obiettivo ultrawide – entrambi stabilizzati, con audio stereo. La fotocamera per i selfie supporta fino a 1080p 30fps e la macro 720p 30fps. Inoltre, c’è una modalità super stabile (1080p 30fps), una modalità slow motion (fino a 1080p 960fps), e una modalità time lapse (fino a 4k 30fps).

Nel complesso, le foto e i video fatti con la X3 NFC sono più belli di quelli catturati con la F2 Pro. Le prestazioni in condizioni di scarsa luminosità sono migliori su tutta la linea – soprattutto la gamma dinamica – e le immagini in modalità notturna sono significativamente più luminose. Lo zoom digitale è ora utilizzabile fino a 3-4x (contro 2-3x) prima che le immagini inizino a sembrare dipinti ad olio. I selfie sono dannatamente belli!

Dovreste comprarlo?

Sì. A meno che non giochiate a giochi ad alta intensità di GPU o abbiate davvero bisogno di un dispositivo 5G, penso che il Poco X3 NFC da meno di 200 euro sia una scelta più intelligente del Poco F2 Pro. Entrambi i telefoni offrono un valore incredibile, ma l’X3 NFC ha un equilibrio migliore per meno soldi.

Tra il suo design unico, il display liscio a 120Hz, le prestazioni , la durata della batteria fenomenale e le fotocamere solide, l’X3 NFC un masterclass di valore.

Non ci sono molte alternative all’X3 NFC a questo prezzo. Il Note 9 Pro Max di Redmi  è da prendere in considerazione se si può vivere con uno schermo a 60Hz. Il Mi 10T Lite di Xiaomi è quasi identico all’X3 NFC, ma include il 5G . E se sei un appassionato di fotografia, c’è sempre l’eccellente Pixel 4a di Google da 300 euro.

Cellulare da comprare sui 200 euro a Ottobre 2021 : REALME 7

Data di uscita 3 Ottobre 2020
Fattore di forma Touchscreen
Dimensioni (mm) 162,30 x 75,40 x 9,40
Peso (g) 196,50
Capacità della batteria (mAh) 5000
Batteria rimovibile No
Ricarica veloce Proprietario
Colori Blu nebbia, Bianco nebbia
Display
Dimensione dello schermo (pollici) 6,50
Touchscreen Sì
Risoluzione 1080×2400 pixel
Rapporto d’aspetto 20:9
Hardware
Processore octa-core
Marca del processore MediaTek Helio G95
RAM 8GB
Stoccaggio interno 128GB
Archiviazione espandibile Sì
Tipo di archiviazione espandibile microSD
Slot microSD dedicato Sì
Fotocamera
Fotocamera posteriore 64 megapixel (f/1.8) + 8 megapixel (f/2.3) + 2 megapixel (f/2.4) + 2 megapixel (f/2.4)
Autofocus posteriore Sì
Flash posteriore Sì
Fotocamera anteriore 16 megapixel (f/2.0)
Software
Sistema operativo Android 10
Pelle Realme UI
Connettività
Wi-Fi Sì
Standard Wi-Fi supportati 802.11 a/b/g/n/ac
GPS Sì
Bluetooth Sì, v 5.00
USB Tipo-C Sì
Cuffie 3.5mm
Numero di SIM 2
SIM 1
Tipo di SIM Nano-SIM
GSM/CDMA GSM
3G Sì
4G/ LTE Sì
Supporta 4G in India (banda 40) Sì
SIM 2
Tipo SIM Nano-SIM
GSM/CDMA GSM
3G Sì
4G/ LTE Sì
Supporta 4G in India (banda 40) Sì
Sensori
Sblocco facciale Sì
Sensore di impronte digitali Sì
Bussola/ Magnetometro Sì
Sensore di prossimità Sì
Accelerometro Sì
Sensore di luce ambientale Sì
Giroscopio Sì

Realme ha lanciato la sua nuova serie 7, che per ora comprende il Realme 7 e il 7 Pro.

Il Realme 7 porta tre aggiornamenti principali – un nuovo SoC, una batteria più grande e un nuovo sensore della fotocamera primaria.

realme 7 smartphone, 6.5'', 5000 mAh, Fotocamera Quad da 48 mp con AI, Carga Dart de 30 W, Dual SIM, NFC - 6+64 GB, Mist White
  • Helio G95: Benchmark AnTutu 300K
  • Ricarica rapida da 30W: Ricarica al 50% in 26 minuti
  • 4 fotocamere con AI da 48MP: Foto più nitide e brillanti. Più funzioni.
  • Display a 90 Hz: Schermo intero FHD+ da 16,5 cm (6,5")

Design e display del Realme 7

Nessun nuovo smartphone Realme è completo senza un nuovo design per la parte posteriore. Il Realme 7 presenta un design a specchio, che crea alcuni modelli interessanti quando la luce lo colpisce. L’opzione di colore che si chiama Mist Blue, ma c’è anche il bianco. Il modulo della fotocamera posteriore ora ha un design leggermente diverso, rispetto al Realme 6. Nel complesso, il Realme 7 sembra fresco e nuovo dal retro, cosa di cui l’azienda aveva disperatamente bisogno visto che il resto del telefono non è cambiato molto.Questo modello rientra nella selezione del miglio smartphone sotto i 200 euro.

Fianco a fianco, il Realme 7 sembra praticamente identico al Realme 6. Il posizionamento dei pulsanti, dei sensori di impronte digitali, dei vassoi SIM e di tutte le porte nella parte inferiore di entrambi i telefoni è praticamente lo stesso. Il Realme 7 è effettivamente più spesso (9,4 mm) e più pesante (196,5 g) del 6, a causa della sua batteria più grande, e questo è molto evidente nell’uso quotidiano.

Ergonomia a parte, il Realme 7 è ben costruito e robusto. Usa ancora la plastica per il telaio e il pannello posteriore. Il vassoio SIM ha tre slot per due Nano-SIM e una scheda microSD. Il display sembra essere stato preso direttamente dal Realme 6. Si tratta di un pannello LCD da 6,5 pollici full-HD+ con un ritaglio a foratura, e Gorilla Glass 3 per la protezione dai graffi. Realme ha mantenuto la frequenza di aggiornamento di 90Hz del 6. Il display può diventare molto luminoso, e i colori sono ben saturi.

Il contenuto della scatola è quello che ci si aspetta, tra cui un caricabatterie veloce da 30W, un cavo USB e una custodia.

Prestazioni e software di Realme 7: veloce

Il Realme 7 è il primo telefono a debuttare con il SoC MediaTek Helio G95. Questa è una versione aggiornata dell’Helio G90T, che è stato visto nel Realme 6, ma non è un grande aggiornamento. L’unico vero cambiamento è che la GPU Mali-G76 integrata ha ora una velocità di clock superiore di 900Mhz, contro gli 800MHz del G90T.

Il resto delle specifiche del SoC sembrano identiche. È ancora un chip octa-core a 12nm, con due core di performance Cortex-A76 che possono funzionare fino a 2.05GHz, insieme a sei core di efficienza Cortex-A55 con una velocità di clock massima di 2GHz. In teoria, dovremmo vedere numeri leggermente migliori nei benchmark di gioco, ma nel complesso, le prestazioni non dovrebbero essere così diverse dal Realme 6.

Il Realme 7 ha un sensore di impronte digitali montato lateralmente

La variante base del Realme 7 ha 6GB di RAM e 64GB di storage  e c’è una seconda variante con 8GB di RAM e 128GB di storage. Proprio come prima, si tratta di RAM LPDDR4X e archiviazione flash UFS 2.1.

Le prestazioni sono abbastanza soddisfacenti. Il Realme 7 utilizza la Realme UI, basata su Android 10, che ha funzionato senza problemi. Il riconoscimento del volto e il sensore di impronte digitali montato lateralmente sono  veloci. La navigazione attraverso l’interfaccia si è sentita scattante sulla variante da 8GB di RAM che ho avuto. Le app sono state generalmente veloci da caricare, e la frequenza di aggiornamento di 90Hz ha reso lo scorrimento dei menu più fluido. C’è anche una buona selezione di sfondi dal vivo e un sacco di utility come Smart Sidebar, un registratore di schermo integrato e diversi gesti e scorciatoie.

Il Realme 7 è buono anche con i giochi. Battle Prime ha un aspetto fantastico con le impostazioni grafiche più alte e il gameplay è fluido. Anche i titoli di corse come CarX Drift Racing 2 hanno offerto una buona esperienza. L’app Game Space aiuta a organizzare tutti i tuoi giochi in un unico posto e ti permette di accedere facilmente a cose come la registrazione dello schermo e i messaggi WhatsApp mentre giochi.

Un rapido sguardo ad alcuni benchmark conferma che il nuovo SoC Helio G95 è solo marginalmente più veloce dell’Helio G90T. Nei benchmark della CPU come Geekbench, il Realme 6 ha sorprendentemente registrato punteggi più alti rispetto al 7, anche dopo molteplici tentativi. Tuttavia, il Realme 7 ha registrato numeri leggermente superiori in alcuni degli altri benchmark come AnTuTu e GFXBench.

Il Realme 7 supporta due Nano-SIM e una scheda microSD

Il Realme 7 non si è scaldato troppo quando è stato sollecitato. Ho notato un po’ di riscaldamento intorno al modulo della fotocamera posteriore, ma questo è tutto. Realme dice di aver usato un sistema di raffreddamento in fibra di carbonio nel 7, che sembra fare bene il suo lavoro.

Guardare i video è stata un’esperienza abbastanza piacevole sul Realme 7. Non si ottiene alcun fronzolo come il supporto HDR, ma gestisce bene le basi. L’altoparlante sul fondo diventa forte ma ho trovato la sua qualità abbastanza media.

Durata della batteria del Realme 7

Il Realme 7 ha una batteria massiccia da 5.000mAh, che è un grande aggiornamento rispetto alla capacità di 4.300mAh del Realme 6. Anche con un uso medio-pesante, ho facilmente ottenuto un giorno e mezzo di autonomia con una carica. Per una certa prospettiva, il Realme 7 ha funzionato per poco più di 24 ore nel nostro test di loop video HD, che è eccellente.

Fortunatamente, è possibile caricare la batteria abbastanza rapidamente. Il Realme 7 supporta la ricarica rapida Dart Charge 30W, che può portarlo da zero a 100 in circa 65 minuti. Nel caso in cui non abbiate il caricabatterie di Realme a portata di mano, potete anche utilizzare la ricarica veloce USB-C Power Delivery da 15W.

Fotocamere realme 7

La fotocamera primaria posteriore del Realme 7 è l’unica novità rispetto al Realme 6

Il terzo grande cambiamento nel Realme 7, rispetto al 6, è la fotocamera primaria posteriore. È ancora 64 megapixel, ma Realme è passato al sensore Sony IMX682, invece del sensore Samsung GW1. Realme dice anche che sta usando un nuovo algoritmo “ultra alta definizione” per la modalità da 64 megapixel, che promette una migliore chiarezza e dettaglio rispetto al sensore del Realme 6.

Tuttavia, quando si scatta nella modalità foto predefinita, c’è un notevole miglioramento nelle immagini pixel-binned catturate dal Realme 7. Mostra una migliore gamma dinamica ed esposizione, con dettagli migliori rispetto al Realme 6. Anche le foto con poca luce sembrano più pulite, con meno grana. Gli scatti catturati utilizzando la modalità notturna sembrano più piacevoli, rispetto a ciò che il Realme 6 può produrre. Nel complesso, il nuovo sensore è leggermente migliore di quello vecchio, e questo non è mai un male.

Il Realme 7 fa un buon lavoro anche con i primi piani. I dettagli e i colori sono spesso molto buoni e l’autofocus funziona bene. Tuttavia, il resto delle fotocamere è molto simile a quello che abbiamo già visto sul Realme 6, in termini di specifiche così come i tipi di foto che ci si può aspettare.

La fotocamera ultra grandangolare cattura una prospettiva più ampia, ma i dettagli e i colori sono più deboli rispetto al sensore principale. Questo è più evidente una volta che si inizia a ritagliare la foto. I ritratti sono generalmente buoni, e si ha la possibilità di regolare la sfocatura dello sfondo prima di scattare.Il giusto compromesso quando si tratta di cellulari 200 euro.

Ho trovato la fotocamera per i selfie da 16 megapixel  ok. I selfie scattati durante il giorno sembrano decenti, ma l’HDR avrebbe potuto essere gestito meglio. La modalità ritratto è utile perché riesce a ritagliare correttamente lo sfondo. Di sera o di notte, è possibile ottenere dei selfie utilizzabili a condizione che ci siano fonti di luce abbastanza luminose in giro. La modalità notturna è disponibile, ma i selfie sembrano troppo nitidi nella mia esperienza.

Il Realme 7 può girare video fino a 4K, ma senza stabilizzazione. I colori sono un po’ più caldi. I video girati con la fotocamera ultra-wide angle sono stabilizzati, ma i dettagli sono scarsi e la risoluzione è limitata a 1080p. La modalità Ultra Steady offre la migliore stabilizzazione, ma l’inquadratura è pesantemente ritagliata e il filmato appare un po’ morbido. I video girati in condizioni di scarsa luminosità sembrano sgranati e i dettagli sono deboli. Direi di non preoccuparsi nemmeno di registrare con la fotocamera ultra grandangolare e di attenersi solo a quella principale in condizioni di scarsa illuminazione.

L’app fotocamera del Realme 7 presenta la modalità Starry, che abbiamo visto per la prima volta sul Realme X3 SuperZoom.
Il Realme 7 non è un grande aggiornamento rispetto al Realme 6, ma è un aggiornamento abbastanza buono con la sua batteria più grande e un migliore sensore della fotocamera primaria. Le prestazioni complessive sono molto buone, la durata della batteria è eccellente, e il display a 90Hz rende l’uso generale fluido e scorrevole. Il Realme 7 sembra anche grande, ma è più pesante e più spesso del Realme 6.

Penso che i possessori di Realme 6 non debbano preoccuparsi dell’aggiornamento, perché ci sarebbe poco da guadagnare con il Realme 7. La variante base del Realme 7 è comunque una scelta decente al suo prezzo per coloro che vogliono uno schermo ad alta frequenza di aggiornamento e hanno un budget limitato.

Xiaomi nel segmento che va dai 100 ai 200 euro regna sovrana ma RealMe esce con un modello interessante.Se ti chiedi che smartphone comprare questo potrebbe essere un’ottima scelta.

SUPER CONSIGLIATO !

Miglior telefonino da comprare in Ottobre 2021 : Xiaomi 9S

Xiaomi Redmi Note 9S Smarphone, 6 GB + 128 GB, 48 MP AI Quad Camera, 6.67”FHD + 5020mAh Typ18W Caricamento Rapido, Alexa Hands-Free, Grigio (Interstellar Grey)
  • Quad camera AI da 48 MP, fotocamera frontale in-display da 19 MP.
  • 6,70" FHD+ DotDisplay, sensore di impronte digitali montato lateralmente.
  • Batteria da 5020 mAh (tipo) ad alta capacità, ricarica rapida 21 W.
  • Design simmetrico, estetica straordinaria e design migliorato.

Con una offerta così il 9S diventa in assoluto il top su questa fascia di prezzo dei 200 euro.
Da non lasciarselo scappare!
Oltre 10mila recensioni positive!

✅ Uno schermo incredibile da 6,70″ FHD+ DotDisplay con ottimi dettagli
Fotocamera selfie frontale  da ben 16MP
✅ Batteria da 5020 mAh (tipo) ad alta capacità, ricarica rapida 21 W.
✅ Processore Qualcomm Snapdragon 720G, processore ad alta efficienza da 11 nm

Smartphone best buy tra 100 e 200 euro

REALME 6

La fotocamera da 64MP con Quad System ti permette di scattare in modo versatile e divertente grazie a una risoluzione fino a 9280×6944, alla lente Ultra-grandangolare, al sensore Macro da 4cm e alla fotocamera per ritratti in bianco e nero.

Realme 6 è dotato di una configurazione a quattro telecamere posteriori che include un sensore primario da 64MP f/1,8, un grandangolo da 8MP f/2,3 con FOV a 119 gradi, un obiettivo macro da 2MP f/2,4 e un sensore di profondità monocromatico da 2MP f/2,4.

Le modalità di ripresa includono Nightscape, Expert, HDR, Beauty, Ultra-macro, Portrait, ecc. Oltre a questo, c’è anche una modalità dedicata alla fotocamera da 64MP per le foto ad alta risoluzione. Lo smartphone supporta anche video 4K a 30fps.

Il telefono ha un display da 6,5 pollici con 2400×1080 FHD+ e un rapporto schermo/corpo di oltre il 90% . Realme è riuscita a tenere sotto controllo le cornici e la qualità del display.

Un altro fatto notevole del display è la sua frequenza di aggiornamento a 90Hz che è piuttosto rara negli smartphone di questa fascia di prezzo. Il display a 90Hz è un plus per il Realme 6 rispetto agli altri smartphone della concorrenza.

L’Helio G90T è un processore gaming octa-core con clock a 2.0GHz e viene fornito con la G76GPU Mali basata su ARM. Il Realme 6 è disponibile in tre varianti di RAM 4GB/6GB/8GB.

Lo smartphone riesce anche a mantenere l’applicazione in background in funzione senza influire sulle prestazioni complessive del dispositivo.
Come già detto, l’Helio G90T è un processore di gioco, abbiamo deciso di mettere alla prova lo smartphone giocando un paio di giochi come PUBG Mobile, Call of Duty: Mobile, Asphalt 9 insieme ad alcuni giochi leggeri. Lo smartphone li fa funzionare tutti in modo più fluido ed è qui che 90Hz viene in aiuto.

Anche le prestazioni audio dello smartphone sono buone sia dall’auricolare che dall’altoparlante a fondo singolo. L’altoparlante è forte e offre un’uscita audio chiara e nitida.
Nel complesso, in termini di prestazioni, il Realme 6 è alla pari con la concorrenza e gli acquirenti non rimarranno affatto delusi.
Perchè dovrei acquistare il RealMe 6?

✅ Una fotocamera da 64MP su questa fascia di prezzo è un plus da non sottovalutare!
✅ Il refresh dello schermo a 90Hz era impensabile vederlo su questa fascia di prezzo.
✅ Processore Gaming G90T fa girare gli ultimi giochi in maniera fluida.

Honor 9X

Perchè dovrei acquistare l’Honor 9X?

✅ Uno schermo da 6.59″ e il 91% di visualizzazione
Fotocamera selfie da 16MP nascosta
✅ Sistema Super Night AIS per foto notturne wow!

Se ti stai chiedendo ancora quale cell compro ecco utili consigli, questo è un valido acquisto tra gli smartphone da 200 euro.

Miglior Smartphone economico a meno di 200 euro

Xiaomi Redmi Note 9 4GB 128GB Smartphone 48MP Quad Camera MTK Helio G85 Octa core 6.53″FHD

Xiaomi Redmi Note 9 4GB 128GB Smartphone 48MP Quad Camera MTK Helio G85 Octa core 6.53"FHD Telefono cellulare (Green)
  • Schermo: 6,53 ", 1080 x 2340 pixel
  • Processore: Mediatek Helio G85 2GHz
  • Fotocamera: Quad, 48MP + 8MP + 2MP + 2MP
  • Batteria: 5020 mAh

Lo smartphone viene fornito con il design Aura Balance. È lo stesso design che caratterizza Redmi Note 9 Pro e Redmi Note 9 Pro Max. Il retro del telefono ha una finitura lucida che lo rende riflettente. Xiaomi Redmi Note 9 Note 9 è disponibile in tre opzioni di colore: Grigio , Bianco Artico e Verde Acqua.Uno dei modelli più venduti nella classifica del miglior telefono 200 euro.

Sul lato destro del telefono si trovano i pulsanti di controllo del volume insieme al pulsante di accensione. Il vassoio della scheda SIM è posizionato sul lato sinistro. Redmi Note 9 offre 2+1 slot per schede – uno per scheda microSD e due per scheda SIM ciascuno.

Xiaomi Redmi Note 9 è dotato di jack per cuffie da 3,5 mm posto sul bordo inferiore. Il telefono viene fornito con un caricatore USB Type-C. Anche la porta di ricarica è posizionata nella parte inferiore insieme alle griglie dell’altoparlante e ad un microfono. Sul bordo superiore del telefono si trova il blaster IR.

Lo smartphone è dotato di un display da 6,53 pollici con risoluzione 1080×2340 FHD+. Il punch-hole che ospita la fotocamera frontale è posizionato nell’angolo in alto a destra, quindi difficilmente ostacola l’esperienza di visualizzazione. Il display è un punto di forza del telefono. Esso fornisce colori nitidi con una luminosità adeguata. Anche gli angoli di visualizzazione sono buoni.

Nonostante il retro lucido, il telefono offre una presa salda. Lo smartphone è robusto e resistente e può essere utilizzato facilmente con una sola mano.

Xiaomi Redmi Note 9: Prestazioni

Redmi Note 9 è alimentato da un processore MediaTek Helio G85 octa-core con una frequenza massima di 2.0GHz, una frequenza della GPU di 1000MHz e fino a 6GB di RAM LPDDR4X. C’è anche una variante di 4GB di RAM del telefono. Il portatile è disponibile in due opzioni di memorizzazione: 64GB e 128GB. Il processore MediaTek è in grado di gestire facilmente l’uso quotidiano senza dare molto di cui lamentarsi.

Considerando che Redmi Note 9 è un telefono economico la velocità di caricamento delle app è buona. Il passaggio da un’applicazione all’altra è stato immediato. Anche l’esperienza di gioco molto buona.

Xiaomi lo invia con Android 10 con MIUI 11.

Xiaomi Redmi Note 9 è dotato di uno scanner di impronte digitali montato sul retro e della tecnologia Face Unlock per la sicurezza e la privacy del dispositivo. La velocità di sblocco con entrambe queste caratteristiche di sicurezza è stata ottima.

Xiaomi Redmi Nota 9: Fotocamera

In linea con la tendenza di questi giorni, Xiaomi ha introdotto un sistema di telecamere a quattro lenti sul retro con il Redmi Note 9. Il telefono offre una fotocamera posteriore primaria da 48MP abbinata ad altri tre sensori: un grandangolo, un obiettivo macro e un obiettivo di profondità, ha aggiunto a Redmi Note 9 una modalità Documenti separata che può essere utilizzata per la scansione di documenti e carte importanti. Considerando che l’app CamScanner non è più disponibile, si tratta di un’aggiunta importante.

La fotocamera da 48MP rende giustizia: in grado di conservare  i dettagli e i colori reali, offre un sensore Ultra wide da 8MP con campo visivo di 118 gradi.Il rilevamento dei bordi con il sensore di profondità da 2MP è stato buono. Gli scatti dei ritratti hanno un bell’aspetto ed erano nitidi, con l’oggetto da cliccare mantenuto evidenziato e ben separato dallo sfondo. Infine, c’è una lente macro da 2MP che fa un buon lavoro.

Perchè dovrei acquistare il Redmi Note 9?

✅ Una fotocamera da 48MP ottima con dettagli
✅ Sensore di riconoscimento molto affidabile con Face Unlock

Smartphone economico a meno di 200 euro: miglior acquisto

Xiaomi Redmi Note 8 | 4 GB di RAM + 128 GB di Rom, Display a Schermo Intero da 6,3″

Xiaomi Redmi Note 8 Teléfono 4 GB di RAM + 128 GB di Rom, Display a Schermo Intero da 6,3", processore Octa-Core Snapdragon 665, Versione Globale con Fotocamera Frontale da 13 MP e AI da 48 MP (Nero)
  • Aspetto: smartphone Xiaomi Redmi Note 8 realizzato con display FHD + Dot Drop da 6,3 ”, corpo in vetro 2.5D, mento più piccolo, bordo più stretto, rapporto schermo elevato del 90%. Retro curvo 3D a 4 lati Design aerodinamico, si adatta comodamente alla mano.
  • Obiettivo della fotocamera: la fotocamera selfie da 13 MP con modalità ritratto AI con regolazione della sfocatura dello sfondo. Selfie perfetto in ogni momento. La fotocamera principale ad altissima risoluzione 48MP + obiettivo grandangolare 8 ° 120 ° + obiettivo ultra-macro 2MP 2cm + sensore di profondità 2MP Quad camera posteriore.
  • Batteria 4000mAh e ricarica rapida: batteria ad alta capacità 4000mAh, supporta la ricarica rapida cablata 18W. Supporta 2 ore di carica al 100%.
  • Altoparlante: altoparlante super lineare 1217, PA intelligente, ampio volume esterno, ricevitore 0810 ad alta potenza, chiamate ambientali rumorose che possono essere ascoltate chiaramente. Non solo rumoroso, buona qualità del suono. Con abilità nascoste, rimozione della polvere sonora degli altoparlanti.

Perchè dovrei acquistare il Redmi Note 8?

Il Note 8 di Redmi è qui e riprende da dove è partita la il Note 7 di Redmi. Il telefono non solo aggiorna le specifiche ma tiene sotto controllo i prezzi. Il Redmi Note 8 ha un nuovo processore e implementa un setup di fotocamera da 48MP con obiettivo macro, ultrawide e bokeh.Quale cellulare comprare? con tutti questi modelli hai un’ampia varietà di scelte.

Xiaomi ha imparato dalla sua precedente esperienza con la serie Note 7 e questa volta ha messo il caricatore veloce nella scatola.

Specifiche Redmi Note 8: Schermo FHD+ da 6,3 pollici | Processore Snapdragon 665 | 48MP+8MP+2MP+2MP+2MP fotocamera posteriore | fotocamera anteriore da 13MP | batteria da 4.000 mAh con ricarica rapida da 18W | Android 9 Pie

Redmi Nota 8 recensione: Design

Dal punto di vista del design, lo smartphone Redmi Note 8 presenta più somiglianze con il design del Redmi Note 7. Anche se il telefono ha il retro piatto, è comodo da tenere in mano, a differenza del suo predecessore.

La configurazione della quad-camera è allineata verticalmente al lato superiore sinistro del retro, ma molto simile al suo predecessore, è troppo sconnessa per rimanere piatta sulla superficie. Venendo al pannello frontale, Redmi Note 8 presenta una tacca in stile goccia  sulla parte superiore, ma la tacca occupa ora uno spazio minore.

I dispositivi Redmi Note non hanno ancora incorporato il display AMOLED. Il Redmi Note 8 ha uno schermo FHD+ da 6,3 pollici FHD+ certificato TUV Rheinland con rapporto d’aspetto 19,5:9, risoluzione 2340×1080 pixel, rapporto schermo/corpo del 90% e 450  di luminosità.

La riproduzione dei colori è buona, gli angoli di visualizzazione sono buoni, e anche i livelli di nitidezza sono buoni. Il telefono può essere usato all’aperto per telefonare e per altri compiti .

Prestazioni, interfaccia utente e gioco

Il Redmi Note 8 è alimentato dal processore Snapdragon 665 abbinato alla GPU Adreno 610. Anche se l’SD 665 non è un grande salto rispetto al processore SD 660, è certamente migliore data la sua minore dimensione del semiconduttore a 11nm rispetto ai 14nm dell’SD 660.

Il Redmi Note 8 gestisce le attività quotidiane abbastanza facilmente come la navigazione sui social media, l’apertura e il passaggio da un’applicazione all’altra, le chiamate e altro ancora.

Il Redmi Note 8 esegue MIUI 10 basato su Android 9 Pie.

Fotocamera:

L’obiettivo macro dedicato è la cosa migliore sul Note 8 di Redmi. La modalità è a portata di tap sull’interfaccia utente della fotocamera e consente di avvicinarsi a un oggetto fino a 5 cm. Se usato nel modo giusto, si possono avere delle belle immagini degli oggetti più piccoli. Le immagini portano colori nitidi e i dettagli sono fantastici. Non appena si attiva la modalità, è possibile ottenere una percezione completamente nuova delle cose quotidiane che vi circondano.

Il Redmi Note 8 è dotato anche di un obiettivo  ultra wide. Il sensore di profondità sul Redmi Note 8 funziona bene con il corretto rilevamento dei bordi. La modalità bokeh vi dà anche la libertà di regolare i livelli di sfocatura a vostro piacimento.

In condizioni di scarsa luminosità, l’obiettivo primario riesce ad ottenere buone immagini.I risultati sono migliori se l’oggetto è vicino a voi. La modalità Notte

Redmi Note 8 permette lo zoom digitale 2x e risulta utile quando si vuole catturare un oggetto specifico. Si può zoomare fino a 8x.
Ora avrai sicuramente più idee su quale smartphone scegliere.

Lista dei Migliori smarpthone sui 200 euro più venduti su amazon oggi

Ecco una lista dei migliori smartphone rapporto qualità prezzo più venduti su Amazon.

Speriamo che questa nostra pagina possa averti aiutato a quali cellulari max 200 euro scegliere, l’impresa può sembrare ardua ma sicuramente potrai trovare il cellulare giusto per le tue esigenze, tra tutti i telefonini belli ed economici.

Guida all’acquisto del miglior cellulare sui 200 euro

Ecco gli aspetti da tenere in considerazione per acquistare il tuo tra i telefoni 200 euro:

Sistema Operativo Smartphone

La quota di mercato dei sistemi operativi mobili è dominata da Android e iOS.

Un sistema operativo mobile (OS) è il software che permette ai dispositivi mobili come telefoni, tablet e altri dispositivi intelligenti come la tecnologia indossabile di eseguire applicazioni e altri programmi. La maggior parte dei sistemi operativi mobili funziona solo su un hardware specifico. Per esempio, un iPhone gira su iOS e un Google Pixel gira su Android.

Quali sono i diversi sistemi operativi per telefoni cellulari?

Android (Google)
iOS (Apple)
Bada (Samsung)
Blackberry OS (Research in Motion)
Windows OS (Microsoft)
Symbian OS (Nokia)
Tizen (Samsung)

Quindi, torniamo al primo punto. Quante persone conoscete che hanno un telefono Windows? E un Blackberry? Esattamente. Ora, Samsung è l’eccezione qui, ma è un po’ fuorviante. La maggior parte degli smartphone Samsung, come i dispositivi di marca Galaxy, in realtà girano su Android. Bada è stato interrotto nel 2013, quando gli sviluppatori Samsung lo hanno fuso con il progetto Tizen. Tizen gira su telefoni Samsung Z, smartwatch, fotocamere e altri dispositivi intelligenti come i frigoriferi. Sì, avete letto bene.

I due più grandi sistemi operativi mobili sono Android e iOS, con un 98,7% combinato della quota di mercato. Android ha una base di utenti leggermente più grande che è in gran parte attribuita alla sua disponibilità su dispositivi di una varietà di produttori tra cui HTC, LG, Motorola, Samsung e altri. D’altra parte, iOS funziona solo su prodotti Apple.Da valutare con attenzione quindi il suo sistema operativo nellas celta del miglior cellulare 200 euro.

Android vs iOS

Google ha avuto un vantaggio su Apple, con Android rilasciato per la prima volta nel 2008. Conosciuto allora come “Astro”, è passato attraverso una tonnellata di aggiornamenti a “Cupcake”, “Donut”, “Eclair”, “Froyo”, ecc. Vedi uno schema qui? Gli sviluppatori Android hanno reso i nomi in codice degli aggiornamenti a tema dolciario, in ordine alfabetico, naturalmente. L’ultimo aggiornamento di Pie, alias Android 9.0, è stato rilasciato nel 2018.

iOS 1.0, chiamato internamente “Alpine”, è stato rilasciato per la prima volta nel 2011 con il primo iPhone. Apple non usa nomi in codice pubblici per iOS come fa per macOS, ma non preoccupatevi che esistono ancora all’interno dell’azienda – con nomi di località sciistiche come “Big Bear” e Telluride”. L’ultimo aggiornamento di iOS 12, o “Pace”, è stato rilasciato nel 2018.

Qual è il miglior sistema operativo per cellulari?

I vari sistemi operativi mobili hanno diversi punti di forza, quindi devi capire cosa conta di più per te. Come utente, se sei alla ricerca di opzioni di personalizzazione avanzate, Android potrebbe essere la strada da percorrere. Se possiedi un Mac, un iPad o un Apple Watch – o tutti e tre – iOS è ottimo per la compatibilità tra i dispositivi.

Per quanto riguarda la disponibilità di app, le piattaforme sono abbastanza simili con 2,6 milioni e 2,2 milioni di app nel Google Play Store e Apple App Store rispettivamente. Tuttavia, lo sviluppo di app per più di un sistema operativo può diventare complicato in quanto richiede tipicamente più build.

App per iOS

Lo sviluppo di app per iOS richiede un set specifico di strumenti per aiutare i programmatori a costruire applicazioni per dispositivi Apple come iPhone, iPad e iPod touch. Tuttavia, con il recente aggiornamento annunciato a iOS 13, gli iPad non funzioneranno più su iOS. Invece, ci sarà un iPadOS dedicato, simile al watchOS e tvOS separati. È importante tenere a mente che gli sviluppatori iOS devono pensare a molti modelli diversi che sono attualmente utilizzati quando si costruiscono app con funzioni avanzate.

CONSIGLIO: Se sei interessato a costruire app per i dispositivi Apple, abbiamo messo insieme questi consigli per lo sviluppo iOS da parte di sviluppatori professionisti.

Applicazioni Android

Costruire app per lo sviluppo di app Android è un po’ diverso perché i programmatori devono considerare le differenze di hardware. In generale, lo sviluppo del software è sempre più difficile quando si mischia con l’hardware. Prendete la dimensione dello schermo per esempio – pensate a quante dimensioni di schermo ci sono tra gli Android.

App multipiattaforma

Le migliori app sono tipicamente costruite due volte, una per iOS e una per Android. Ma ci sono casi in cui lo sviluppo mobile multipiattaforma ha senso. A seconda delle caratteristiche delle app, gli sviluppatori potrebbero essere in grado di scrivere un programma ed eseguirlo su entrambi o su molti sistemi operativi.

Sono finiti i giorni in cui i telefoni cellulari erano solo un dispositivo per fare telefonate e inviare testi occasionali.

Gli smartphone moderni sono più vicini ai computer palmari che ci permettono di inviare e-mail, giocare, guardare le notizie e fare videochiamate ai nostri cari. E molto altro ancora.

iOS

Il sistema operativo Apple iOS multi-touch e multi-tasking è quello che fa funzionare l’iPhone, l’iPad e l’iPod della Apple. Una versione speciale del software è ciò che alimenta anche l’Apple Watch.

iOS risponde al tocco dell’utente – permettendoti di toccare lo schermo per aprire un programma, pizzicare le dita per minimizzare o ingrandire un’immagine, o passare il dito sullo schermo per cambiare pagina.

L’Apple iOS non può essere usato in sistemi di terze parti, quindi potrete usarlo solo su prodotti fatti da Apple. Viene fornito con il browser web Safari per l’uso di internet, un’applicazione iPod per riprodurre la musica e Mail di Apple per gestire le tue e-mail.

È possibile scaricare milioni di applicazioni attualmente disponibili sull’App Store direttamente su qualsiasi dispositivo con iOS, sia esso un iPhone o un iPad. Queste comprendono tutto, dai libri di ricette ai tutorial di chitarra ai giochi.

Android

Android OS è di proprietà di Google e alimentato dal kernel Linux, che può essere trovato su una vasta gamma di dispositivi.

Android è un sistema operativo open source che permette agli sviluppatori di accedere all’hardware sbloccato e sviluppare nuovi programmi come desiderano.Diffusissimo ormai e lo troverai sul tuo smartphone android 200 euro.

Questo significa accesso illimitato a chiunque voglia sviluppare applicazioni per il telefono e pone pochissime restrizioni sulle sue licenze, così gli utenti beneficiano di masse di contenuti gratuiti.

Android è attualmente la piattaforma smartphone dominante grazie alla sua enorme trazione con un ampio spettro di utenti.

Alcune delle migliori caratteristiche di Android includono la possibilità di personalizzare più homescreen con utili widget e applicazioni che ti danno un accesso più facile e veloce ai contenuti e alle funzioni che ti interessano di più.

Ha anche un’eccellente capacità di multitasking – con la possibilità di chiudere i programmi semplicemente strisciando via.

Ultimo ma non meno importante, l’Android Market, che è l’equivalente Android dell’App Store di Apple, ospita milioni di applicazioni, molte delle quali sono completamente gratuite.

Windows Phone

Microsoft ha rilasciato una versione enormemente rinnovata della sua piattaforma Windows per cellulari alla fine del 2010, dopo che il suo software è rimasto indietro rispetto a iOS e Android.

Riprogettato e ricostruito da zero con una maggiore enfasi sull’esperienza dell’utente, il risultato è stato un sistema operativo chiamato Windows Phone.

Window Phone è riconoscibile dalla sua interfaccia basata su piastrelle – soprannominata Metro – che presenta sezioni quadrate rimovibili e intercambiabili sulla schermata iniziale, ognuna con il proprio scopo e funzione.

Ha anche aggregatori chiamati ‘hub’, che raggruppano tutte le foto da tutte le applicazioni, o tutta la musica in una libreria, il che significa che le tue foto di Facebook possono essere trovate con le foto della tua fotocamera e i tuoi documenti da diverse fonti raggruppati insieme in una posizione di facile accesso.

Windows Phone viene fornito con una versione ottimizzata per cellulari di Internet Explorer per accedere al web, e Exchange, che supporta account di posta elettronica aziendali sicuri con supporto push.

Come scegliere il giusto processore

Il processore è come il cervello di uno smartphone. Nella tua ricerca su che cellulare comprare dovrai valutare questo parametro. Quasi tutto quello che fai sul tuo smartphone, più o meno dipende da esso. Naturalmente quindi, la regola del pollice è di scegliere il meglio di ciò che è disponibile. Tuttavia, ottenere un processore di fascia alta, significa investire in un costoso smartphone di punta. Otterrai sicuramente le prestazioni per cui stai pagando, ma è importante chiedersi se ne hai davvero bisogno. La quantità di potenza di elaborazione di cui hai bisogno dipende dai compiti e dalle applicazioni che eseguirai sul telefono. È importante scegliere uno smartphone con un processore che offra la giusta quantità di potenza, pur rientrando comodamente nel tuo budget. Scegliere uno smartphone solo in base al processore è difficile per la maggior parte delle persone, inoltre anche il miglior telefono al mondo andrà incontro all’obsolescenza. Ci sono così tanti gerghi e termini tecnici da seguire, che lo rendono un po’ complicato. Quindi, per aiutarvi, ecco una guida rapida per capire i processori e scegliere uno smartphone con quello giusto.

Cominciamo con una comprensione di base dei processori per smartphone. Per cominciare, si chiamano anche SoC (system-on-chip) e chipset. Un processore è direttamente responsabile delle prestazioni del tuo smartphone. L’esperienza di qualsiasi cosa tu faccia sul telefono, a partire dall’apertura delle applicazioni, la navigazione in internet, la riproduzione di film o giochi, tutto dipende da esso. Migliore è il processore, più fluida e senza lag è l’esperienza con questi compiti.

Non si tratta solo di calcolare i numeri. Un processore porta anche moduli che supportano diversi hardware e caratteristiche dello smartphone. Questo include la fotocamera, il Wi-Fi, lo schermo, la sicurezza, la grafica, il Bluetooth, la connettività di rete e molti altri. Un processore di fascia alta quindi supporterà e offrirà le ultime caratteristiche disponibili con ciascuno di questi componenti.

Le prestazioni di un processore dipendono principalmente da due specifiche: il numero di core e le velocità di clock che ha da offrire. Esploriamo come andare a sceglierne uno in base a questi due numeri.

Un core è un elemento del processore che implementa ed esegue i compiti. Gli smartphone di oggi sono dotati di più core. Ogni core è progettato per gestire ed eseguire compiti. Più il numero di core, più e più pesanti app può eseguire simultaneamente. Le attuali generazioni di smartphone sono disponibili in una gamma di processori multi-core. I più comuni sono dual-core (due), quad-core (quattro) e octa-core (otto), e questi ultimi sono i più potenti. Alcuni processori vengono anche con hexa-core (sei), ma sono piuttosto rari.

I processori sono anche definiti dalla loro velocità di clock, che è menzionata in Gigahertz (GHz). Questo spesso si riferisce alla velocità alla quale ciascuno dei core può eseguire dei compiti. Naturalmente, più alto è il numero, migliori sono le prestazioni. Tuttavia, potresti trovare più numeri di GHz per i processori multi-core, anche su alcune varianti di fascia alta. Questo perché la maggior parte dei produttori cerca di creare un equilibrio tra potenza ed efficienza. Per esempio, il nuovo chipset Snapdragon 845 di Qualcomm dispone di otto core, quattro dei quali sono clockati a 2.8GHz per fornire prestazioni di punta, e quattro sono clockati a 1.7GHz, per fornire efficienza e consumare meno batteria.

Quindi, quando scegliete un processore, assicuratevi non solo di guardare il numero di core, ma anche di confrontare le velocità di clock per avere un’idea migliore.

Anche con tutte le informazioni di cui sopra, scegliere un processore può essere difficile. Dopo tutto, non è facile quantificare il tuo utilizzo e confrontarlo con il numero di core e le velocità di clock (GHz), comunicati dall’azienda. Se questo ti confonde troppo, allora puoi semplicemente scegliere un processore basandoti sulle marche e sulle serie di chipset da esse definite.

Ci sono solo una manciata di aziende che producono processori per smartphone, tra le quali ce ne sono due su cui bisogna davvero concentrarsi: Qualcomm e MediaTek. Anche altre aziende come Apple, Samsung e Huawei producono processori, ma sono generalmente utilizzati nei loro dispositivi. Qualcomm è più popolare, soprattutto perché i loro processori sono spesso utilizzati da OEM popolari come Samsung, LG, HTC e Motorola. MediaTek d’altra parte ha una maggiore presenza con marchi emergenti come Vivo, Oppo, Intex e Honor. Potreste comunque trovarli su alcuni degli altri produttori.

Uno degli equivoci più comuni è che i processori Qualcomm sono migliori, soprattutto in base ai punteggi dei benchmark. Tuttavia, quando si tratta di scenari del mondo reale, i processori Mediatek possono essere altrettanto buoni, soprattutto nei segmenti economici. Si concentrano sull’offerta di caratteristiche di fascia alta a prezzi molto più bassi. Qualcosa che si riflette anche nei marchi che li utilizzano.

Entrambe le aziende hanno una gamma di chipset impostati su più classi. Qualcomm ha Snapdragon 200, 400, 600 e 800, con prestazioni anche basate su questo ordine. Ogni serie porta un numero di varianti che sono state lanciate negli ultimi anni. Più grande è il numero, più recenti e potenti sono le prestazioni in quella serie. Qualcomm ha recentemente lanciato lo Snapdragon 845, che è il loro processore di punta e il più performante finora. La maggior parte dei dispositivi di fascia alta che vedrete quest’anno saranno molto probabilmente dotati di questo SoC.

L’approccio di MediaTek per identificare i loro processori è diverso. Le loro varianti entry e mid-level sono generalmente coniate con ‘MT67’, seguito da un numero di due cifre. Più alto è il numero, migliore è il processore nella sua serie. Salendo di livello, le offerte premium di media gamma di MediaTek sono chiamate Helio P, mentre quelle di fascia alta sono chiamate Helio X. Ci sono diverse varianti in ognuno di questi segmenti. Quello con il numero di modello più grande è il più potente.

Naturalmente, un buon processore non è l’unica ragione per ottenere uno smartphone, ma aiuta sempre ad essere in grado di determinare di quale si ha bisogno. Aiuta a eliminare tutto il disordine e a prendere una decisione informata. Al di sopra di questo si sa anche per cosa si sta effettivamente pagando.

La Ram degli smartphone

Ci sono due tipi principali di memoria

la memoria volatile.
memoria non volatile.

Quindi cosa sono e quale serve a quale scopo sul nostro smartphone? Controlliamo.

memoria volatile

La memoria volatile è la memoria che perde il suo contenuto quando il dispositivo è spento. Principalmente si presenta sotto forma di RAM. RAM è l’acronimo di Random Access Memory (significa che ogni posizione di memoria ha un indirizzo diretto e unico che può essere letto o scritto indipendentemente da qualsiasi altra posizione/indirizzo).Un parametro fondamentale nell’acquisto del miglior smartphone sul mercato.

La RAM è molto veloce da accedere, ed è usata principalmente per una cosa: la memoria run-time delle applicazioni software (compreso il sistema operativo del dispositivo e qualsiasi applicazione).

C’è anche un uso secondario della RAM, dove una parte di essa viene allocata/riservata e usata come se fosse un’unità di memorizzazione. Questo è noto come disco RAM. Sugli smartphone questo è generalmente visibile ad alcune applicazioni (come i file manager) come il disco D. Essendo una memoria volatile, solo piccoli oggetti/file temporanei dovrebbero essere memorizzati lì, poiché il suo contenuto scompare quando il dispositivo viene spento.

Memoria non volatile

La memoria non volatile è una memoria che mantiene il suo stato anche se il dispositivo è spento. In altre parole, ciò che è nella memoria non volatile sopravvive a un riavvio del dispositivo.
Fondamentalmente ci sono due tipi di memoria non volatile. La prima è la ROM e la seconda è la Flash-RAM.
La maggior parte di voi conosce questo tipo di memoria con il suo nome da PC, ROM. ROM sta per Read Only Memory e di solito si basa su una memoria flash. cosa significa memoria flash? semplice. Significa che possiamo riprogrammare questa memoria per contenere nuovi dati.
Quindi quali dati sono memorizzati nella Flash ROM? di solito memorizza il sistema operativo e alcune altre parti relative alle applicazioni che non vogliamo essere cancellate.

Negli smartphone alcune applicazioni vedranno/mostreranno la ROM come l’unità Z. Può essere vista/letta, ma non scritta. E sui dispositivi più recenti basati su Symbian 9.1/S60 3rd Edition, l’accesso a specifiche directory (o “cartelle”, se preferite questo termine) è anche protetto dalle applicazioni senza privilegi.

(Nota: ci sono anche due diverse tecnologie Flash ROM in uso in questi giorni; “NOR Flash” e “NAND Flash”. Un dispositivo può avere uno o l’altro, o entrambi i tipi. Senza entrare nei dettagli, le cose principali da ricordare sono che i programmi su NOR Flash possono essere eseguiti senza prima caricare il file eseguibile in RAM. I programmi su NAND Flash devono prima essere caricati in RAM prima di essere eseguiti. La NAND Flash è più economica, ma poi richiede che il dispositivo abbia più RAM per adattarsi a ciò).

Il secondo tipo di memoria non volatile può essere chiamato “Flash RAM” in quanto è ancora basato sulla stessa tecnologia di memoria Flash, ma è anche scrivibile (da qui “RAM”, al contrario di “ROM). Questo tipo di memoria è caratterizzato come “memoria [di archiviazione] dell’utente”, o talvolta “memoria del telefono”. Questa è visibile come C-drive.

Il drive C è inizializzato con file/dati di cui il sistema operativo ha bisogno per vari scopi (qualsiasi cosa che abbia bisogno di una posizione di memoria scrivibile che sopravviva allo spegnimento del dispositivo). Questa è anche la memoria dove per default vengono salvate cose come contatti, messaggi o foto, quando vengono salvate nella “memoria del telefono”. Lo stesso vale per le applicazioni software (giochi o altro) e i loro file di dati, quando anch’essi sono installati nella “memoria del telefono”.

Un’altra soluzione di archiviazione scrivibile che si basa anche sulla tecnologia di memoria Flash, sono le schede di memoria.

Schede di memoria

Le schede di memoria sono un altro tipo di memoria, come implica il suo nome. Ci sono molti tipi diversi di schede di memoria; diverse dimensioni e forme. Tenere traccia di tutti i vari tipi diversi è un po’ un dolore, perché ce ne sono molti. Cerco di coprire i più rilevanti che mi ricordo.

MMC – sta per schede di tipo MultiMedia Card.
Schede SD – Un tipo di scheda correlato è la scheda SD (Secure Digital). Le schede SD sono fisicamente molto simili alle schede MMC (solo leggermente più spesse e con alcuni connettori/cavi extra). Tuttavia, possono essere molto diverse nelle funzioni (supportano caratteristiche di sicurezza aggiuntive e possono anche essere usate per le periferiche; le cosiddette schede SDIO).
RS-MMC – Una scheda MMC “half-size” è conosciuta come RS-MMC (Reduced Size MMC). Le prime RS-MMC e i dispositivi che le supportavano operavano ad un range di tensione di circa 3.3V (Volt). Si potrebbero chiamare anche queste schede RS-MMC ad alto voltaggio.
MicroSD – Una causa correlata alla scheda SD full size che è la metà della sua dimensione (approssimativamente) e con un diverso consumo energetico.
SIM – Possiamo riferirci alla buona vecchia SIM (Subscriber Identity Module) come a una scheda di memoria, se proprio vogliamo.

Display Smartphone

Tipi di pannelli

Negli ultimi anni, i display degli smartphone hanno sviluppato molte più sigle che mai, con ognuna di esse caratterizzata da un diverso tipo di tecnologia. AMOLED, LCD, LED, IPS, TFT, PLS, LTPS, LTPO… la lista continua a crescere.Un aspetto da tenere presente cercando tra gli smartphone con ottima fotocamera.

Come se le diverse tecnologie disponibili non fossero abbastanza, i produttori di componenti e smartphone adottano nomi sempre più glorificati come “Super Retina XDR” e “Dynamic AMOLED”, il che finisce per aumentare il potenziale di confusione tra i consumatori. Quindi diamo un’occhiata ad alcuni di questi termini usati nei fogli di specifiche degli smartphone e decifriamoli.

Ci sono molti tipi di display utilizzati negli smartphone: LCD, OLED, AMOLED, Super AMOLED, TFT, IPS e alcuni altri che si trovano meno frequentemente sugli smartphone oggi, come TFT-LCD. Uno di quelli che si trovano più frequentemente sui telefoni di fascia medio-alta ora è IPS-LCD. Ma cosa significano tutte queste cose?

In breve, ci sono due tipi di tecnologie disponibili sul mercato per i display degli smartphone: LCD e OLED. Ognuno di essi ha diverse varianti e generazioni, il che dà origine a più acronimi, simili ai televisori e alle loro diverse gamme come LED, QLED, miniLED – che sono tutte in realtà variazioni della tecnologia LCD.

Cos’è un display LCD?

LCD significa Liquid Crystal Display, e il suo nome si riferisce alla serie di cristalli liquidi illuminati da una retroilluminazione, e la loro ubiquità e il costo relativamente basso li rende una scelta popolare per gli smartphone e molti altri dispositivi.

Gli LCD tendono anche a funzionare abbastanza bene alla luce diretta del sole, dato che l’intero display è illuminato da dietro, ma soffrono di una rappresentazione dei colori potenzialmente meno accurata rispetto ai display che non richiedono una retroilluminazione.

Negli smartphone, ci sono sia display TFT che IPS. TFT sta per Thin Film Transistor, una versione avanzata di LCD che usa una matrice attiva (come l’AM in AMOLED). Matrice attiva significa che ogni pixel è collegato a un transistor e a un condensatore individualmente.

Il vantaggio principale del TFT è il suo costo di produzione relativamente basso e l’aumento del contrasto rispetto agli LCD tradizionali. Lo svantaggio degli LCD TFT è una maggiore richiesta di energia rispetto ad altri LCD, angoli di visione e riproduzione dei colori meno impressionanti. È per queste ragioni, e per il calo dei costi delle opzioni alternative, che i TFT non sono più comunemente usati negli smartphone.

Display IPS

La tecnologia IPS (In-Plane Switching) risolve il problema dei display LCD di prima generazione, che adottano la tecnica TN (Twisted Nematic): la distorsione dei colori si verifica quando si guarda il display di lato – un effetto che continua a verificarsi su smartphone e tablet più economici.

Nei pannelli IPS, i cristalli liquidi sono allineati al display, con il risultato di angoli di visione superiori – di solito elencati a 178º sui televisori, che è un’altra caratteristica dei display IPS. Un’altra caratteristica dei display IPS rispetto ad altre tecnologie LCD è la riproduzione superiore dei colori, il che spiega l’uso di tali pannelli nei monitor che sono destinati a lavori di editing delle immagini.

Display LCD PLS

Lo standard PLS (Plane to Line Switching) utilizza un acronimo molto simile a quello di IPS, e c’è da stupirsi che anche il suo funzionamento di base sia simile? La tecnologia, sviluppata da Samsung Display, ha le stesse caratteristiche dei display IPS – buona riproduzione dei colori e angoli di visione, ma un livello di contrasto inferiore rispetto ai display OLED e LCD/VA.

Secondo Samsung Display, i pannelli PLS hanno un costo di produzione più basso, tassi di luminosità più alti e anche angoli di visione superiori rispetto ai pannelli IPS della rivale LG Display. In definitiva, se viene usato un pannello PLS o IPS, si riduce alla scelta del fornitore dei componenti.

Il display è LED o LCD?

Questa è una domanda molto comune dopo il lancio dei TV “LED”, e la risposta breve è semplicemente LCD. La tecnologia usata in un display a LED è quella dei cristalli liquidi, con la differenza che i LED generano la retroilluminazione.

I LED hanno il vantaggio di consumare pochissima energia – il che spiega l’enfasi data dai dipartimenti di marketing nell’evidenziare il termine nelle TV, ma non così tanto quando si tratta di smartphone con le loro ridotte dimensioni del display. D’altra parte, il funzionamento della retroilluminazione rende difficile per i display LCD/LED offrire un livello di contrasto che sia competitivo con i display OLED, poiché il controllo dell’illuminazione non viene effettuato da ogni singolo pixel, ma da regioni sul display.

Display AMOLED

AMOLED sta per Active Matrix Organic Light-Emitting Diode. Anche se può sembrare complicato, in realtà non lo è. Abbiamo già incontrato la matrice attiva nella tecnologia LCD TFT, e OLED è semplicemente un termine per un’altra tecnologia di visualizzazione a film sottile.

L’OLED è un materiale organico che, come implica il nome, emette luce quando viene attraversato da una corrente. Al contrario dei pannelli LCD, che sono retroilluminati, i display OLED sono ‘sempre spenti’ a meno che i singoli pixel non siano elettrificati.

Questo significa che i display OLED hanno dei neri molto più puri e consumano meno energia quando il nero o i colori più scuri sono visualizzati sullo schermo. Tuttavia, i temi di colore più chiaro sugli schermi AMOLED utilizzano molta più energia di un LCD che utilizza lo stesso tema. Gli schermi OLED sono anche più costosi da produrre rispetto agli LCD.

Poiché i pixel neri sono ‘spenti’ in un display OLED, i rapporti di contrasto sono anche più alti rispetto agli schermi LCD. Gli schermi AMOLED hanno anche una frequenza di aggiornamento molto veloce, ma il lato negativo è che non sono così visibili alla luce diretta del sole come gli LCD retroilluminati. Il burn-in dello schermo e la degradazione dei diodi (perché sono organici) sono altri fattori da considerare.

Il lato positivo è che gli schermi AMOLED possono essere resi più sottili degli LCD (perché non richiedono uno strato retroilluminato) e possono anche essere resi flessibili.

Qual è la differenza tra OLED, AMOLED e Super AMOLED?

OLED sta per Organic Light Emitting Diode. Un display OLED è composto da sottili fogli di materiale elettroluminescente, il cui vantaggio principale è che producono luce propria e quindi non richiedono una retroilluminazione, riducendo il fabbisogno energetico. I display OLED sono più comunemente chiamati display AMOLED quando sono usati su smartphone o TV.

Come abbiamo già detto, la parte AM di AMOLED sta per Active Matrix, che è diverso da un OLED a matrice passiva (P-OLED), anche se questi sono meno comuni negli smartphone.

Super AMOLED è il nome dato da Samsung ai suoi display che una volta si trovavano solo nei modelli di fascia alta, ma ora sono scesi a dispositivi con specifiche più modeste. Come gli IPS LCD, i Super AMOLED migliorano la premessa di base degli AMOLED integrando lo strato di risposta al tocco nel display stesso, piuttosto che come uno strato extra in cima.

Come risultato, i display Super AMOLED gestiscono la luce del sole meglio dei display AMOLED e richiedono anche meno energia. Come il nome implica, Super AMOLED è semplicemente una versione migliore di AMOLED. Non si tratta solo di un’affermazione di marketing: I display Samsung sono regolarmente recensiti come alcuni dei migliori in circolazione.

L’ultima evoluzione della tecnologia è stata battezzata “Dynamic AMOLED”. Samsung non è entrata nel dettaglio del significato del termine, ma ha sottolineato che i pannelli con tale identificazione includono la certificazione HDR10+ che supporta una gamma più ampia di contrasto e colori, così come la riduzione della luce blu per un migliore comfort visivo.

Sulla stessa linea, il termine “Fluid AMOLED” utilizzato da OnePlus sui suoi dispositivi più avanzati evidenzia fondamentalmente l’alta frequenza di aggiornamento impiegata, che si traduce in animazioni più fluide sullo schermo.

Display pieghevoli e arrotolabili

Un altro vantaggio dei display OLED è questo: facendo a meno di uno strato di illuminazione, il componente non solo può essere più sottile, ma è anche più flessibile. Questa caratteristica è già in azione negli smartphone con display pieghevoli ed è anche impiegata in dispositivi concettuali con un display pieghevole.
La tecnologia ha debuttato con l’oscuro Royole FlexPai, dotato di un pannello OLED fornito dalla cinese BOE, ed è stato poi utilizzato nel Huawei Mate X (foto sopra) e nel Motorola Razr (2019), dove entrambi sfoggiano anche il pannello di BOE – e nelle linee Galaxy Flip e Fold, utilizzando il componente fornito da Samsung Display.

Retina, Super Retina XDR: cosa sono?

Parlando di densità di pixel, questo è stato uno dei punti forti di Apple nel 2010 durante il lancio dell’iPhone 4. L’azienda battezzò lo schermo LCD (LED, TFT e IPS) usato nello smartphone come “Retina Display”, grazie all’alta risoluzione del pannello usato (960 per 640 pixel allora) nel suo display da 3,5 pollici.

Il nome coniato dal dipartimento marketing di Apple è applicato agli schermi che, secondo l’azienda, l’occhio umano non è in grado di discernere i singoli pixel da una distanza di visione normale. Nel caso degli iPhone, il termine è stato applicato ai display con una densità di pixel superiore a 300 ppi (punti per pollice).

Da allora, altri produttori hanno seguito l’esempio, adottando pannelli con risoluzioni sempre più elevate. Mentre l’iPhone 12 mini offre 476 dpi, mentre modelli come il Sony Xperia 1 vantano un enorme 643 dpi.

Avrete mai bisogno della risoluzione 4K sul vostro smartphone?

Per differenziarsi, Apple ha lanciato il termine “Super Retina”, che fondamentalmente definisce gli schermi OLED utilizzati sull’iPhone X in poi, o gli alti tassi di contrasto e la precisione dei colori di cui godono i possessori di smartphone Galaxy S, ed è stato persino avvistato in alcuni

Con l’iPhone 11 Pro, un altro termine è stato introdotto nell’equazione: “Super Retina XDR”. Sempre utilizzando un pannello OLED (che viene fornito da Samsung Display o LG Display), lo smartphone porta specifiche ancora più elevate in termini di contrasto – con un rapporto di 2.000.000:1 e un livello di luminosità di 1.200 nits, che sono stati appositamente ottimizzati per la visualizzazione di contenuti in formato HDR.

Come una sorta di premio di consolazione per gli acquirenti di iPhone XR e iPhone 11, che hanno continuato a fare affidamento su pannelli LCD, Apple ha classificato il display utilizzato negli smartphone con un nuovo termine, “Liquid Retina”. Questo è stato poi applicato anche ai modelli iPad Pro e iPad Air, con il nome che definisce gli schermi che vantano un’elevata gamma e accuratezza dei colori, almeno in base agli standard dell’azienda.

Nits e livelli di luminosità

Il nit, o candela per metro quadro nel sistema internazionale (cd/m²), è un’unità di misura della luminanza, cioè dell’intensità della luce emessa. Nel caso degli schermi degli smartphone e dei monitor in generale, tale valore definisce quanto è luminoso il display – più alto è il valore, più intensa è la luce emessa dallo schermo.

Refresh rate: cosa significano 60Hz, 90Hz e 120Hz?

Reso popolare nel 2019 e 2020 dagli smartphone di fascia alta e anche da alcuni smartphone di fascia media, i termini “120 Hz”, “90 Hz” e altri con una misura simile in Hertz rappresentano la frequenza di aggiornamento del pannello, sia esso LCD o OLED. Più alto è il valore, più fotogrammi al secondo vengono visualizzati sullo schermo.

Il risultato sono animazioni più fluide sul telefono, sia durante l’uso regolare che nei giochi, rispetto agli schermi che hanno una frequenza di aggiornamento di 60 Hz che rimane il tasso standard sul mercato quando si tratta di display.

Originariamente propagandata come una “trovata” nel 2017, con il lancio del Razer Phone, la funzione ha guadagnato sempre più slancio a tempo debito, anche con una corrispondente diminuzione della durata della batteria. Per sfruttare al meglio questa caratteristica, i produttori hanno iniziato ad adottare schermi con frequenze di aggiornamento variabili, che possono essere regolate in base al contenuto visualizzato – che è 24 fps nella maggior parte dei film, 30 o 60 fps nelle registrazioni video domestiche, e così via.

La stessa unità di misura è usata per la frequenza di campionamento. Anche se simile, il valore qui rappresenta il numero di volte al secondo che lo schermo è in grado di registrare i tocchi. Più alta è la frequenza di campionamento, più velocemente lo smartphone registra tali tocchi, il che si traduce in un tempo di risposta più veloce.

Mito o fatto: la ricarica veloce danneggia la batteria dello smartphone?

TFT, LTPS, LTPO, IGZO

Per confondere ulteriormente la zuppa di alfabeto in cui ci siamo imbattuti, vi imbatterete anche in altri termini meno comuni che sono spesso evidenziati nel materiale promozionale degli smartphone.

TFT(Thin Film Transistor) – un tipo di display LCD che adotta un sottile strato di semiconduttore depositato sul pannello, che permette il controllo attivo dell’intensità del colore in ogni pixel, con un concetto simile a quello di matrice attiva (AM) usato nei display AMOLED. Viene utilizzato nei pannelli TN, IPS/PLS, VA/PVA/MVA, ecc.

LTPS (Low Temperature PolySilicon) – una variante del TFT che offre risoluzioni più elevate e un consumo energetico inferiore rispetto agli schermi TFT tradizionali, basato sulla tecnologia a-Si (silicio amorfo).

IGZO (Indium Gallium Zinc Oxide) – un materiale semiconduttore utilizzato nelle pellicole TFT, che permette anche risoluzioni più elevate e consumi inferiori, e vede l’azione in diversi tipi di schermi LCD (TN, IPS, VA) e display OLED

LTPO (Low Temperature Polycrystaline Oxide) – una tecnologia sviluppata da Apple che può essere utilizzata in entrambi i display OLED e LCD, in quanto combina le tecniche LTPS e IGZO. Il risultato? Un minor consumo di energia. È stata utilizzata nell’Apple Watch 4 e nel Galaxy S21 Ultra.

Come prolungare la durata della batteria del tuo smartphone

I display del futuro: microLED

Tra i televisori, la tecnologia da sempre in primo piano è il miniLED – che consiste nell’aumentare il numero di zone di illuminazione nella retroilluminazione pur utilizzando un pannello LCD. Si mormora che gli smartphone e gli smartwatch cercheranno presto di incorporare la tecnologia microLED nei loro dispositivi, che è radicalmente diversa dai display LCD/LED in quanto presenta caratteristiche d’immagine simili a quelle degli OLED.

Un display microLED ha un diodo emettitore di luce per ogni subpixel dello schermo – di solito una serie di diodi rossi, verdi e blu per ogni punto. È probabile che utilizzi un tipo di materiale inorganico come il nitruro di gallio (GaN).

Adottando una tecnologia di auto-emissione della luce, i display microLED non richiedono l’uso di una retroilluminazione, con ogni pixel che viene “spento” individualmente. Il risultato è impressionante: gli occhi vedono lo stesso livello di contrasto dei display OLED, senza soffrire del rischio di ritenzione dell’immagine o di burn-in dei diodi organici.

Un altro vantaggio della tecnologia microLED è il potenziale di visualizzare immagini con livelli di luminosità più elevati, pur beneficiando di un consumo energetico inferiore, combinando i punti di forza di entrambi i pannelli OLED e LCD.

D’altra parte, l’uso di più diodi per ogni pixel pone una sfida in termini di miniaturizzazione dei componenti. Per esempio, una risoluzione Full HD ha poco più di due milioni di pixel (1.920 x 1.080 punti), il che richiede 6 milioni di LED microscopici utilizzando una struttura RGB (rosso, verde e blu) tradizionale.

Questa è una delle ragioni che spiegano l’adozione di tale tecnologia fino ad oggi rimane piuttosto limitata. Li vedrete principalmente in grandi schermi da 75 a 150 pollici soltanto, che permettono una risoluzione 4K (3.840 x 2.160 di risoluzione, che è vicino a 8,3 milioni di pixel o 24,8 milioni di subpixel RGB). Questo è un numero enorme di pixel da guardare!

Un’altra cosa di cui diffidare è il prezzo – a 170 milioni di won coreani (circa 150.330 dollari USA dopo la conversione), sono certamente un sacco di soldi da sborsare per un display da 110 pollici.

Pro e contro dell’avere un rapporto schermo 18:9

Qual è meglio: LCD/LED o AMOLED?

Ogni tecnologia ha i suoi vantaggi e svantaggi, ma negli ultimi anni gli schermi OLED hanno guadagnato importanza, soprattutto con l’adozione del componente negli smartphone di fascia alta. Ha guadagnato un grado di popolarità ancora maggiore dopo il lancio dell’iPhone X, che ha cementato la posizione dei pannelli OLED nel segmento premium.

Come già detto, gli schermi OLED/AMOLED hanno il vantaggio di un livello di contrasto vario, derivante dal controllo individuale della luminosità dei pixel. Un altro risultato di ciò è la riproduzione più realistica del nero, così come il basso consumo energetico quando lo schermo mostra immagini scure – che ha anche contribuito a rendere popolari le modalità scure sugli smartphone.

Il rovescio della medaglia è che gli schermi OLED hanno un costo di produzione più alto, così come un minor numero di fornitori – dominato dalla Corea del Sud Samsung Display e LG Display, con la cinese BOE al terzo posto e pochi altri produttori cinesi che riempiono la domanda rimanente rispetto ai pannelli LCD.

Inoltre, i diodi organici che danno il nome agli schermi OLED possono perdere la loro capacità di cambiare le loro proprietà nel tempo, e questo accade quando la stessa immagine viene visualizzata per un lungo periodo di tempo. Questo problema, noto come “burn-in”, tende a manifestarsi quando si applicano impostazioni di luminosità più elevate per lunghi periodi di tempo.

Mentre questa è una possibilità molto reale, non è qualcosa che colpisce la maggior parte degli utenti, che spesso confondono il burn-in con un problema simile – la ritenzione dell’immagine, che è temporanea e di solito si risolve dopo pochi minuti.

Come risolvere il burn-in dello schermo o la ritenzione d’immagine sul tuo display AMOLED

Nel caso dei display LCD, il vantaggio principale sta nel basso costo di produzione, con decine di attori sul mercato che offrono prezzi competitivi e un alto volume di produzione. Alcune marche hanno approfittato di questa caratteristica per dare la priorità a certe caratteristiche – come una frequenza di aggiornamento più alta – invece di adottare un pannello OLED, come lo Xiaomi Mi 10T.
Speriamo di aver risposto alla domanda iniziale : quale telefono comprare?

Qual è il miglior telefonino a 200 euro?

Il miglior telefonino a 200 euro è lo Xiaomi Poco X3 NFC : guarda il prezzo –>

Qual è il cellulare con schermo migliore sui 200 euro?

Il cellulare con schermo migliore sui 200 euro è il Realme 7 : guarda il prezzo –>

Ultimo aggiornamento 2021-10-20 at 06:34 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Home » Informatica » Miglior Smartphone 200 euro | Quale Comprare | Ottobre 2021