La trasmissione del segnale 5G

Trasmettitori segnale 5G

Un’altra variazione minore è la portata di ogni trasmettitore. Per la televisione, la maggior parte dei trasmettitori in uso oggi ha una portata da 65 a 90 chilometri.Per la radio FM, la portata è probabilmente fino a 45 chilometri. I trasmettitori delle torri di telefonia mobile, al contrario, hanno tipicamente una portata tra i 50 metri e i 20 chilometri, con la maggioranza dei trasmettitori a bassa portata inferiore ai 500 metri. La portata media per stazione base è generalmente diminuita nel tempo con l’aumento del numero di stazioni base, e la maggior parte delle stazioni base aggiuntive copre molto meno territorio. Con il lancio delle reti 5G, le dimensioni delle celle possono essere di appena 10 metri di raggio (note come piccole celle), con una potenza di trasmissione di 100 milliwatt.(La logica per ridurre le dimensioni delle celle è quella di consentire prestazioni più elevate per quanto riguarda la velocità di download o il numero di utenti per chilometro quadrato). Con le celle piccole, le stazioni base sono abbastanza piccole da poter essere montate a muro o attaccate ai lampioni.Man mano che le dimensioni della cella diminuiscono, la potenza di trasmissione richiesta diminuisce.

La ragione per menzionare queste somiglianze è quella di sottolineare che la telefonia mobile, incluso l’ultimo standard 5G, si basa sugli stessi metodi di trasmissione di base che sono stati usati per decenni. Il contenuto viene creato, ritrasmesso su onde radio e ricevuto – una tecnica che ha fornito contenuti senza fili per più di 100 anni e che vale quindi anche oggi per i nostri cellulari 5G.

Come la tecnologia stessa, le preoccupazioni sugli effetti sulla salute della trasmissione wireless non sono nuove. Alcuni individui erano preoccupati per gli impatti delle precedenti generazioni di reti mobili e di altri tipi di reti senza fili, principalmente Wi-Fi e TETRA (un tipo di rete privata di comunicazioni radio spesso usata dai servizi di emergenza). Guardando ancora più indietro, alcune persone si preoccupavano anche dell’impatto sulla salute delle emissioni dei trasmettitori televisivi.

Ciò che è stato diverso riguardo al 5G è che i mezzi per amplificare i malintesi sui suoi impatti sulla salute, deliberatamente o per ignoranza, sono più grandi che mai, perché la capacità di condividere informazioni vere o false è più grande che mai. Molti individui che credono che il 5G possa causare loro dei danni hanno avuto queste idee suggerite loro, più tipicamente attraverso i social network, in un linguaggio sensazionale ma plausibile.
Potenza estremamente bassa, rischio estremamente basso

Naturalmente, le radiazioni non ionizzanti non sono sempre completamente innocue. La forma più comune di radiazione non ionizzante è la luce visibile, che ha un livello di energia più alto delle onde radio. Un eccesso di luce visibile – o anche di onde radio – può produrre calore, e in casi estremi causare ustioni e danni ai tessuti del corpo. Tuttavia, la potenza delle radiazioni a radiofrequenza generate dalle reti mobili è controllata e non comporta praticamente alcun rischio per i consumatori.

La potenza trasmessa dalla telefonia mobile, compreso il 5G, è di gran lunga inferiore a quella delle lampadine, della TV, delle torri radio, o anche della luce del sole in una giornata nuvolosa. La quantità di questa potenza si misura in watt, e un singolo watt è una minuscola quantità di energia. La potenza trasmessa dai telefoni cellulari usati nel 2021 e nel prossimo futuro può arrivare fino a due watt, a seconda dell’età del telefono; può arrivare fino a 0,001 watt, con la stragrande maggioranza dei dispositivi in uso quest’anno che raggiunge 1 watt. In confronto, la potenza trasmessa dalle radio CB, che sono in uso da decenni, arriva fino a quattro watt.

Come per un viaggio in auto, più breve è la distanza, minore è la potenza richiesta. Un telefono tenuto vicino alla testa o tenuto in tasca avrebbe l’impatto maggiore. Il livello di radiazioni di un telefono o di un altoparlante posto su un tavolo vicino all’utente sarebbe inferiore. Uno smartphone trasmetterà più potenza quando le stazioni di base sono relativamente distanti, ma la maggior parte degli smartphone sono utilizzati prevalentemente in ambienti chiusi, e tendono ad essere collegati a router Wi-Fi (che sono effettivamente stazioni di base in miniatura), che sono spesso a pochi metri di distanza. In tutti questi casi, la quantità di potenza trasmessa è minima, sicuramente molto inferiore a quella necessaria per essere dannosa. Inoltre, uno smartphone trasmette energia solo quando invia o riceve dati, un meccanismo progettato per prolungare la durata della batteria.

La potenza generata dalle stazioni base delle reti mobili è altrettanto bassa. Le trasmissioni di una stazione base variano in potenza da un quarto di watt per una piccola cella (che spesso sarebbe al chiuso e coprirebbe un piccolo raggio) a 200 watt per una minoranza di stazioni base 5G.10 Più tipicamente, una stazione base all’aperto con la massima portata avrebbe una potenza di uscita compresa tra 10 e 100 watt. L’output delle stazioni base indoor, che di solito hanno una portata di centinaia di metri o meno, è molto più basso.

Come per un telefono, il livello di potenza di una stazione base diminuisce con la distanza dal suo trasmettitore. Un individuo a 100 metri di distanza da un’antenna 5G macrocellulare situata a 30 metri di altezza assorbirebbe meno di un microwatt (un millesimo di watt) di potenza. Quando ci si trova direttamente accanto a una stazione base che supporta qualsiasi generazione di standard mobile (non solo 5G), i limiti di esposizione possono essere superati. Ma queste aree sono inaccessibili al pubblico, a volte a causa della loro altezza (20 metri o più per i siti più grandi), della loro posizione (spesso in cima agli edifici), o del loro design (perché le unità sono chiuse). Nel caso di stazioni base al chiuso, l’esposizione eccessiva avverrebbe solo entro pochi centimetri dal trasmettitore.

La potenza media di trasmissione è diminuita man mano che è aumentato il numero di stazioni di base distribuite, con il risultato di una minore distanza tra le stazioni di base e gli utenti. I livelli di potenza dei trasmettitori per le reti 1G e 2G erano molto più potenti, in media, di quelli utilizzati per il 4G o il 5G, poiché i trasmettitori 1G e 2G coprivano un raggio molto più ampio, spesso decine di chilometri in ogni direzione. Al contrario, le antenne 4G e 5G nei centri città e in altre aree tradizionalmente congestionate possono coprire solo 100 metri.

Vale la pena ribadire quanto sia minuscolo un watt. Una lampadina a incandescenza, che irradia luce attraverso un filamento di filo che viene riscaldato fino a quando non si illumina, è valutata tra i 25 e i 200 watt. In ambienti domestici, le persone possono trovarsi a meno di mezzo metro da una lampadina. Una persona a questa distanza da una lampadina da 25 watt sarebbe esposta a migliaia di volte più radiazioni di un individuo che si trovasse a 10 metri (insolitamente vicino) a una stazione base 5G relativamente potente.Questo non è solo il caso nel 2021 – dovrebbe essere vero sempre. Allo stesso modo, le persone assorbono cinque volte di più l’esposizione alle radiofrequenze dalle trasmissioni radiofoniche e televisive FM che dalle stazioni base delle reti mobili.I livelli di potenza dei trasmettitori usati per la TV e la radio FM possono arrivare fino a 100.000 watt. Per la radio AM, la potenza di trasmissione può raggiungere i 500.000 watt.

Gli esseri umani hanno coesistito con le lampadine a incandescenza, e con le loro radiazioni, fin dal 1880 senza effetti maligni conosciuti (eccetto, naturalmente, l’essere bruciati toccando una lampadina accesa). Per quanto riguarda la potenza di trasmissione, la prima stazione televisiva è andata in onda nel 1928,e la prima stazione radio commerciale è stata lanciata nel 1920 – eppure non è mai stato riportato alcun resoconto affidabile di persone danneggiate dalle radiazioni generate da queste stazioni.

Il 5G è ancora più sicuro delle precedenti generazioni di reti mobili

Nel 2021, i consumatori che sono preoccupati per gli impatti sulla salute delle reti mobili sono probabilmente più preoccupati per il 5G, l’ultima generazione di tecnologia mobile. Tuttavia, per certi versi, è probabile che il 5G abbia impatti potenziali sulla salute ancora più bassi rispetto alle precedenti generazioni di telefonia mobile.

Il 5G è stato progettato per utilizzare meno energia rispetto alle generazioni precedenti per ridurre i costi operativi; di conseguenza, emette anche meno energia. Questo viene realizzato attraverso la nuova architettura radio e core avanzata utilizzata nello standard 5G, con le reti 5G che assistono i dispositivi 5G nel ridurre al minimo i livelli di potenza di trasmissione. Le stazioni base 5G possono anche essere messe in modalità sleep quando non ci sono utenti attivi (per esempio, di notte). Questa capacità non è disponibile con le reti 4G, che trasmettono segnali di controllo anche quando non ci sono utenti nel raggio d’azione.

Il 5G incorpora anche una tecnica nota come beamforming, un approccio che comporta la direzione di un fascio stretto di onde radio verso il dispositivo dell’utente (come uno smartphone). Questo metodo è equivalente a dirigere un fascio stretto di luce da una torcia tascabile verso un obiettivo, concentrando le onde radio sul dispositivo. Questo metodo non solo permette una maggiore velocità di connessione, ma porta anche a una minore esposizione alle onde radio rispetto alle precedenti generazioni di reti, che spesso diffondono le onde radio su un ampio arco, simile ai fari di un’automobile.

Alcune persone potrebbero confondere i rischi associati al beamforming con i raggi laser di livello industriale. Un raggio laser di livello industriale, che è 100 milioni di volte più potente di un tipico puntatore laser, è in grado di fondere l’acciaio. Ma il beamforming nelle reti 5G comporta livelli innocui di potenza.