Radiazioni 5G : sono pericolose per la salute?

Il 5G è una pericolosa escalation della tecnologia cellulare tradizionale, una carica di radiazioni ad alta energia che offre potenziali effetti dannosi sugli esseri umani. Alcuni teorici della cospirazione 5G sostengono che la nuova rete genera radiazioni a radiofrequenza che possono danneggiare il DNA e portare al cancro; causare danni ossidativi che possono causare l’invecchiamento precoce; interrompere il metabolismo cellulare; e potenzialmente portare ad altre malattie attraverso la generazione di proteine di stress. Alcuni articoli citano studi di ricerca e opinioni di organizzazioni rispettabili come l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sembra preoccupante, ma diamo un’occhiata alla scienza reale.

Cos’è il 5G?

Con l’inizio della pandemia del Coronavirus, un certo numero di teorie di cospirazione virali sui social media hanno ipotizzato che il 5G sia la causa degli attuali problemi del mondo. In poche parole, queste affermazioni sono di fatto false. Il 5G non causa il Coronavirus.

Il 5G offre almeno un miglioramento di dieci volte nelle prestazioni di rete. L’ultimo grande aggiornamento di rete è stato il 4G, che ha debuttato nel 2009, con una velocità di picco di circa 10 Mbps. In confronto, il 5G è pronto a fornire velocità di picco tra 10 e 20 Gbps. E la latenza della rete scenderà da 30ms a circa 1ms, ideale per lo streaming di videogiochi, video online e l’Internet delle cose, che sta anticipando il 5G per collegare sensori, computer e altri dispositivi con una latenza ultra-bassa.

Le preoccupazioni sul 5G sono l’ultima iterazione di decenni di titoli sui pericoli delle radiazioni elettromagnetiche. Abbiamo visto polemiche su tutto, dai rischi per la salute del Wi-Fi ai contatori intelligenti ed ora l’attenzione è sui telefoni 5G.

Ipersensibilità elettromagnetica, per esempio, è una malattia ipotetica in cui alcune persone sperimentano sintomi debilitanti in presenza di radiazioni come telefoni cellulari e Wi-Fi.

Allo stesso modo, decenni di studi non hanno trovato alcun legame tra i telefoni cellulari e tumori come i tumori al cervello.

Quanto sono pericolose le radiazioni a radiofrequenza?

Alla radice di tutte le preoccupazioni sulle reti di telefoni cellulari c’è la radiazione a radiofrequenza (RFR). RFR è qualsiasi cosa emessa nello spettro elettromagnetico, dalle microonde ai raggi X alle onde radio alla luce del tuo monitor o alla luce del sole. Chiaramente, la RFR non è intrinsecamente pericolosa, quindi il problema diventa scoprire in quali circostanze potrebbe esserlo.

Gli scienziati dicono che il criterio più importante per sapere se una particolare RFR è pericolosa è se rientra nella categoria delle radiazioni ionizzanti o non ionizzanti. In poche parole, qualsiasi radiazione non ionizzante è troppo debole per rompere i legami chimici. Questo include gli ultravioletti, la luce visibile, gli infrarossi, e tutto ciò che ha una frequenza più bassa, come le onde radio. Anche le tecnologie quotidiane come le linee elettriche, la radio FM e il Wi-Fi rientrano in questa gamma. (Le microonde sono l’unica eccezione: non ionizzanti ma in grado di danneggiare i tessuti, sono precisamente e intenzionalmente sintonizzate per entrare in risonanza con le molecole d’acqua). Le frequenze sopra gli UV, come i raggi X e i raggi gamma, sono ionizzanti.

“Usare il termine radiazioni è fuorviante perché la gente pensa alle armi nucleari – pensa alle radiazioni ionizzanti che possono assolutamente causare danni. Può uccidere le cellule. Può causare mutazioni del DNA”. Ma poiché le radiazioni non ionizzanti non causano danni al DNA o ai tessuti, Novella dice che la Settembrer parte delle preoccupazioni sulla RFR dei telefoni cellulari è fuori luogo. “Non c’è nessun meccanismo conosciuto per la Settembrer parte delle forme di radiazioni non ionizzanti per avere un effetto biologico”.

Naturalmente, solo perché non c’è un meccanismo conosciuto per le radiazioni non ionizzanti per avere un effetto biologico, questo non significa che sia sicuro o che non esista alcun effetto. Infatti, i ricercatori continuano a condurre studi. Uno studio recente è stato pubblicato dal National Toxicology Program (NTP), un’agenzia gestita dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani. In questo studio ampiamente citato sulle radiazioni di radiofrequenza dei telefoni cellulari, gli scienziati hanno scoperto che l’alta esposizione alla RFR 3G ha portato ad alcuni casi di tumori cardiaci cancerosi, tumori al cervello e tumori nelle ghiandole surrenali dei ratti maschi.

Una lamentela comune sul 5G è che, a causa della minore potenza dei trasmettitori 5G, ce ne saranno di più. L’Environmental Health Trust sostiene che “il 5G richiederà la costruzione di centinaia di migliaia di nuove antenne wireless nei quartieri, nelle città e nei paesi. Una piccola cella cellulare o un altro trasmettitore sarà collocato ogni due a dieci case secondo le stime”.

“1G, 2G, 3G e 4G usano tra 1 e 5 gigahertz di frequenza. Il 5G usa da 24 a 90 gigahertz di frequenza”, e poi afferma che “All’interno della porzione di radiazioni RF dello spettro elettromagnetico, più alta è la frequenza, più è pericolosa per gli organismi viventi”.

Ma affermare che la frequenza più alta è più pericolosa è solo un’affermazione, e c’è poca scienza reale per sostenerla. Il 5G rimane di natura non ionizzante.

 

Dispositivi che emettono campi elettromagnetici in casa

“Per le apparecchiature 5G, i segnali dai trasmettitori wireless commerciali sono tipicamente molto al di sotto dei limiti di esposizione RF in qualsiasi luogo che è accessibile al pubblico”.

Nel 2011, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato le radiazioni RF come un agente del gruppo 2B, che è definito come “Possibilmente cancerogeno per gli esseri umani”. Anche questo è sfumato.  Lo mettono nella stessa classe di cose come la caffeina. Questo è uno standard così debole che fondamentalmente non significa nulla. È come dire ‘tutto causa il cancro'”.

Parte del problema con la dichiarazione dell’OMS è che si concentra sul pericolo, non sul rischio – una sottile distinzione spesso persa dai non scienziati, non diversamente dalla rigorosa distinzione tra “precisione” e “accuratezza”. (La precisione si riferisce a quanto strettamente raggruppati sono i vostri dati; l’accuratezza si riferisce a quanto vicini sono quei dati al valore reale. Potreste avere una dozzina di termometri mal calibrati che vi dicono tutti la temperatura sbagliata con un grado di precisione molto alto). Quando l’OMS classifica il caffè o il nichel o i sottaceti come possibili cancerogeni, sta affermando il pericolo senza considerare il rischio del mondo reale.

Gli scienziati continueranno a testare nuove reti man mano che la tecnologia si evolve, per assicurarsi che la tecnologia che usiamo ogni giorno rimanga sicura.

Prevediamo che nel 2021, è molto improbabile che le radiazioni delle reti mobili 5G e dei telefoni 5G influiscano sulla salute di qualsiasi singolo individuo, sia esso un utente 5G, un utente di qualsiasi altra generazione di telefoni cellulari, o qualsiasi individuo nelle vicinanze di una rete mobile ma che non utilizza effettivamente un dispositivo mobile. Non c’è alcun legame tra la crescita delle infezioni da COVID-19 e l’introduzione delle reti 5G

Purtroppo, mentre ampie prove scientifiche dimostrano che le tecnologie di telefonia mobile non hanno impatti negativi sulla salute – non solo per il 5G ma anche per le generazioni precedenti – prevediamo anche che tra il 10% e il 20% degli adulti in molte economie avanzate equiparerà erroneamente il 5G a possibili danni alla loro salute.

Cosa ha portato a questo alto livello di preoccupazione per gli impatti sulla salute del 5G? Può avere le sue radici in una semplice confusione di terminologia.

Si presume comunemente che le radiazioni coinvolgano la radioattività, ma non è necessariamente così. La confusione nasce perché le parole “radiazione” e “radioattività” sono state confuse, una confusione che persiste dal lancio delle bombe nucleari di Hiroshima e Nagasaki nel 1945. Come risultato di questi eventi, così come degli incidenti in diverse centrali nucleari nei 75 anni successivi, il termine “radiazione” è stato spesso erroneamente associato alla distruzione su vasta scala. In modo simile, la “radiazione” – in realtà, la radioattività – è anche associata al cancro, rafforzando la connotazione di pericolo mortale della parola.

Il punto qui è che la radiazione non è intrinsecamente radioattiva. La definizione letterale di radiazione è semplicemente qualsiasi processo attraverso il quale un oggetto (da un essere umano a un radiatore a una stella) emette energia (sia calore, luce o particelle radioattive), che poi viaggia attraverso un mezzo (come l’aria o l’acqua calda) e viene assorbita da un altro oggetto (un corpo umano, una padella, un motore a vapore o qualsiasi altra cosa). Le radiazioni abbracciano quindi molteplici processi quotidiani a cui la Settembrer parte delle persone non dà un momento di considerazione. Nella nostra vita quotidiana, la Settembrer parte di noi è regolarmente esposta a molteplici tipi di radiazioni, più comunemente sotto forma di luce solare.

Secondo questa definizione, il 5G genera radiazioni, ma a livelli molto sicuri, e nessuna di queste è una radiazione radioattiva. Le stazioni base e i telefoni 5G, e le gamme di frequenza all’interno delle quali opera il 5G, sono molto probabilmente in funzione entro parametri sicuri nel 2021 e per tutta la vita del 5G, che può estendersi a due decenni. Le radiazioni all’interno di questi parametri non aumentano significativamente il rischio di cancro. Inoltre non indebolisce il sistema immunitario, e quindi non ha contribuito alla diffusione del COVID-19.

Come funziona la trasmissione 5G?

Le reti di telefonia mobile sono una variazione su una configurazione radio convenzionale. Un trasmettitore centrale trasmette il suono tramite onde radio a un dispositivo dotato di un’antenna (in effetti, ciò che oggi viene comunemente chiamato “radio” è un riferimento all’uso delle onde radio per distribuire i contenuti delle stazioni radio). Le onde radio, note anche come campi elettromagnetici a radiofrequenza (EMF), sono una forma di radiazione, ma innocua. Anche la televisione tradizionale usa la stessa tecnica di distribuzione: Un trasmettitore centrale trasmette suoni e immagini che vengono poi ricevuti da antenne.

Oggi, miliardi di persone ricevono contenuti televisivi e radiofonici attraverso una rete di trasmettitori che si collegano a ricevitori nelle case, negli uffici e nei veicoli di tutto il mondo. Anche se la proporzione di contenuti video consegnati su richiesta è aumentata costantemente nell’ultimo decennio, la Settembrer parte delle ore di video consumate a livello globale sono ancora probabilmente trasmesse senza fili attraverso reti nazionali di torri di trasmissione.

Tutte le generazioni di tecnologia di telefonia mobile, compreso il 5G, adottano lo stesso approccio di base familiare. Una rete mobile consiste in una griglia nazionale di siti di celle. Questi siti sono dotati di trasmettitori che generano onde radio, che vengono ricevute dall’antenna di un telefono cellulare.

Le onde radio generate dalle reti mobili, dalle stazioni TV e dalle stazioni radio sono innocue. Nello spettro molto ampio (noto come spettro elettromagnetico) in cui esistono le radiazioni, le onde radio cadono sulla fascia a bassa frequenza e a bassissima energia. Tali radiazioni sono talvolta indicate come radiazioni non ionizzanti. Questo contrasta con le radiazioni come i raggi X, i raggi gamma e alcuni tipi di luce ultravioletta, che rientrano nell’estremità ad alta frequenza e ad altissima energia . Questi tipi di radiazioni sono indicati come radiazioni ionizzanti, così chiamate perché hanno energia sufficiente per danneggiare il DNA rimuovendo gli elettroni dagli atomi, portando potenzialmente al cancro.

Certo, una differenza tra la radio e la TV e la telefonia mobile è che il dispositivo ricevente può anche trasmettere. Ma anche questa capacità non è del tutto nuova. I walkie-talkie sono stati usati per la prima volta negli anni ’40; le reti di telefonia mobile, anche se progettate per essere scalabili a paesi interi e usate per chiamate da persona a persona, funzionano sullo stesso principio.

Aggiornato il Luglio 4, 2021 da Simone Pellizzari