Migliori PC Portatili per Hackintosh

Hackintosh è una versione modificata di macOS di Apple che può essere eseguita su dispositivi diversi dall’Apple MacBook. Ma a differenza del sistema operativo Windows o Linux, non si può semplicemente scegliere un qualsiasi portatile e installarlo. Per poterlo utilizzare, è necessario un dispositivo con un hardware compatibile con il sistema operativo.

A differenza di altre liste di computer portatili compatibili con Hackintosh OS, non abbiamo solo elencato i modelli compatibili, ma abbiamo anche elencato i MIGLIORI modelli che possono funzionare senza grandi problemi di prestazioni, ritardi, ecc.

Cos’è l’Hackintosh?

Le due parole Hacking e Mackintosh si combinano per formare Hackintosh.

Come accennato in precedenza, Hackintosh è una versione modificata di macOS di Apple che può essere eseguita su hardware non previsto per esso (in pratica, un macOS modificato che può essere installato su dispositivi MacBook non Apple o hardware non previsto per esso).

Inoltre, non è illegale usare un computer portatile o un sistema Hackintosh finché lo si usa per uso personale e non lo si vende per scopi commerciali. Questi portatili rientrano fondamentalmente nelle categorie dei sistemi informatici di lusso per l’appassionato di ultra-tecnologia che cerca sempre di improvvisare.
Ci sono problemi con il sistema operativo Hackintosh?

Hackintosh è un ottimo modo per eseguire macOS su dispositivi diversi dall’Apple MacBook. Ma eseguirlo su un hardware per il quale non è previsto causerà certamente dei problemi. Per tua informazione, nessun sistema operativo è perfetto, anche le ultime versioni degli aggiornamenti di macOS hanno problemi significativi. Abbiamo elencato alcuni problemi legati ad Hackintosh, ma le soluzioni a ciascuno di questi variano da un computer portatile all’altro.

Problemi di panico del kernel.
Problemi con la schermata di avvio.
Congelamento se lasciato incustodito.
Problemi di gestione dell’energia.
Il cursore del mouse si blocca.

Perché Hackintosh?

Ci sono alcune ragioni per cui molte persone preferiscono usare Hackintosh, eccone alcune:

Le persone non possono permettersi un Apple MacBook Air o Pro, quindi comprano computer portatili Windows di fascia alta con cui Hackintosh è compatibile e lo installano sul loro portatile risparmiando un’enorme quantità di denaro.
Il costo di un Macbook o di un sistema Apple è molto più alto di quanto ci si aspetti. Potresti prendere in considerazione l’idea di prendere una macchina compatibile con Hackintosh e impostarla.
A differenza dello sviluppo di app Android che può essere sviluppato su qualsiasi computer portatile, sia esso Windows, Linux o anche macOS, lo sviluppo di app iOS, WatchOS o macOS richiede un computer portatile Apple MacBook, ma se non si vuole spendere un sacco di soldi per i MacBook, si dovrebbe considerare di ottenere un computer portatile hackintosh di buona qualità.

Abbiamo passato ore a ricercare diversi computer portatili per arrivare a questa lista definitiva. Ecco perché tutti i portatili menzionati qui offriranno la migliore esperienza hackintosh.

1. Migliore per Hackintosh: Dell XPS 15 9570

Processore: Intel Core i7-8750H a 2,2 GHz
RAM: 16 GB
Storage: 512 GB SSD
Display: 15.6″ 4K Touch (3840 x 2160)
GPU: 4 GB NVIDIA GeForce GTX 1050 Ti (non funzionante)
Batteria: fino a 8 ore
Peso: 4,5 libbre

Molte persone considerano il Dell XPS 15 9570 un killer del MacBook Pro, grazie alle sue prestazioni e alla qualità costruttiva. È anche una grande scelta se si vuole costruire una macchina Hackintosh affidabile che offre la migliore compatibilità della categoria.

Questo portatile di punta è alimentato da un Intel Core i7-8750H, che ha una velocità di clock di base di 2,2 GHz. Quindi, anche se avete intenzione di usare FPC o Adobe Premiere Pro, siete a posto. Il dispositivo è dotato di una NVIDIA GeForce GTX 1050 Ti, che viene fornito con 4GB di VRAM.

Purtroppo, la GPU dedicata, cioè la NVIDIA GTX 1050 Ti, non funziona con macOS, e bisogna disabilitare la GPU NVIDIA durante la configurazione del dispositivo. Tuttavia, questa GPU discreta potrebbe essere utile quando si esegue il sistema operativo Windows.

In omaggio al suo omonimo, questo portatile Dell ha 16GB di RAM DDR4 e 512GB di storage SSD. Quasi il doppio della RAM delle varianti base del MacBook Pro, questo significa che puoi facilmente fare multitasking. Nel caso dello storage, tuttavia, c’è molto spazio per archiviare documenti e file multimediali, anche dopo una configurazione dual-boot di macOS Catalina.

Il portatile ha un display da 15,6 pollici 4K, che è compatibile con il touchscreen. La parte migliore è che è possibile mantenere l’input touch di questo display 3840 x 2160 anche su macOS Mojave. Questo significa che è possibile navigare e interagire con gli elementi di macOS utilizzando i gesti sul touchscreen. Quindi si potrebbe dire che questo è il portatile non ufficiale del MacBook Pro abilitato al tocco sul mercato.

La tastiera retroilluminata del Dell XPS 15 9570 è superiore alla configurazione della tastiera che si trova in un Mac. L’unica parte della tastiera che non funziona è lo scanner di impronte digitali, il che significa che non si ottiene il Touch ID sicuro di Apple. Sul lato trackpad, l’esperienza non è così fluida come sui MacBooks di Apple, ma è superiore ad altri portatili non-Apple.

Quando siamo tornati al MacBook Pro dopo aver provato l’hackintosh su quel dispositivo, ci è mancata la navigazione touch. Inoltre, i gesti del trackpad sono abbastanza precisi e siamo stati in grado di utilizzare tutte le opzioni normalmente disponibili sui MacBook.

A 4,5 libbre e 0,66 pollici di spessore, questo Dell Hackintosh può competere con qualsiasi dispositivo MacBook sul mercato. Sul lato della connettività, si ottengono diverse porte, tra cui Thunderbolt 3 via USB C. La scheda WiFi non funziona. Quindi è necessario sostituirlo con un chip DW560 WiFi (disponibile su Amazon). Questo è un processo semplice e dovrebbe essere fatto prima di flashare il macOS.

Non ci si può aspettare nulla di strano dal reparto batteria, però. Nei nostri test, il dispositivo è durato circa 8 ore e tutte le funzioni hanno funzionato bene. Si possono anche usare le funzioni sleep e wake che si vedono su un Mac (il che significa che si può chiudere il coperchio quando si vuole e quando lo si accende, tutte le attività sono ancora lì). La maggior parte della gente compra un Mac per questo, no?

Eccellente compatibilità.
Ha entrambe le GPU (dedicata + integrata)
Supporto per touchscreen 4K
Tastiera di alta qualità
Supporta macOS Catalina
Facile installazione

Le GPU dedicate non funzionano
Durata insufficiente della batteria

2. Miglior portatile leggero per Hackintosh: Acer Swift 5

CPU: 1.8GHz Intel Core i7-8550U
RAM: 16 GB
Stoccaggio: 512GB SSD
Display: 14 pollici FHD IPS Touch (1920 x 1080)
GPU: Intel UHD 620 integrata
Batteria: fino a 8 ore
Peso: 2,14 libbre

Vuoi costruire un Hackintosh veramente leggero e performante? Se è così, è una buona idea dare un’occhiata all’Acer Swift 5, che è un popolare Ultrabook a sé stante. Tuttavia, ha alcuni svantaggi.

Come gli altri portatili che abbiamo coperto finora, anche questo usa l’Intel Core i7-8550U di settima generazione, che ha una velocità di clock di base di 1,8 GHz. Se stai eseguendo applicazioni di fascia alta sul tuo Hackintosh, puoi spingerlo fino a 4.0GHz.

Non ci si può aspettare una scheda grafica dedicata su un portatile così sottile, ma la scheda grafica Intel UHD fa un lavoro decente in primo luogo (e se anche ce ne fosse una, si dovrebbe averla disabilitata durante l’esecuzione dell’Hackintosh).

Una delle cose che rende l’Acer Swift 5 un Hackintosh capace è il massiccio 16GB di RAM LPDDR3. Questo significa che si può godere di un multitasking competitivo senza incidere tanto sulla durata della batteria. Allo stesso modo, i 512GB di storage SSD completo ti mettono in una posizione comoda. Anche se decidete di avviare sia Windows che macOS Mojave, avrete ancora molto spazio.

Il touchscreen da 14 pollici full HD del portatile porta qualcosa che un normale MacBook Pro o Air NON può portare: il supporto del touchscreen. Combinato con la risoluzione 1920 x 1080, questo display è un piacevole compagno sia per gli utenti quotidiani che per i professionisti. La natura flessibile e le cornici relativamente sottili aggiungono anche il fascino dell’aspetto portatile.

Un altro elemento che ci impressiona di questo pacchetto è la tastiera retroilluminata. Offre una sensazione superiore durante la digitazione, grazie al layout ben progettato e al movimento dei tasti (molto utile per gli scrittori professionisti e i codificatori.) Naturalmente, i tasti speciali possono richiedere un po’ di tempo per abituarsi. I tasti di controllo della luminosità non funzionano, a proposito. Sul lato positivo, la costruzione raccomandata dell’Hackintosh supporta tutti i tipi di gesti, il che rende la navigazione più facile.

Vi abbiamo già detto che è un Ultrabook, e ha un profilo ancora più sottile, grazie al peso totale di 2,14 libbre e uno spessore incredibile di soli 0,59 pollici. Ma la connettività è un affare complicato. La costruzione permette di avere porte Type-C e la porta HDMI per applicazioni standard. Tuttavia, non si ottiene il supporto Thunderbolt 3, che può essere una delusione per i progettisti. Lo stesso problema si presenta con il suo scanner di impronte digitali.

In definitiva, questo Acer Swift 5 dichiara di funzionare fino a 8 ore con una singola carica. Ma, a causa dell’instabilità di quasi tutte le build di Hackintosh, uno dovrebbe sempre avere basse aspettative.

Design ultra-portatile
Touch screen e supporto per i gesti
RAM e spazio di archiviazione sufficienti
Buona connettività
Funziona con macOS Mojave

Scanner di impronte digitali non supportato
Nessun supporto Thunderbolt 3

3. Il meglio di HP: HP Spectre x360

CPU: 1.8GHz Intel Core i7-8565U
RAM: 16 GB
Stoccaggio: 512GB SSD
Display: 13.3 pollici FHD Touch (1920 x 1080)
GPU: Intel UHD integrata
Batteria: fino a 7 ore
Peso: 2,92 libbre

L’HP Spectre x360 è un’altra grande scelta quando si vuole costruire un Hackintosh leggero e portatile per portare le migliori prestazioni. Mentre alcune funzioni esclusive di Apple non funzionano su questo dispositivo, è possibile ottenere un’esperienza macOS fluida in generale.

Come molti altri dispositivi che abbiamo coperto in questa lista Hackintosh, lo Spectre x360 utilizza anche un Intel Core i7-8565U, che viene fornito con una velocità di clock di base di 1.8GHz. Può andare fino a 4.0GHz, che è ottimo per l’utilizzo di applicazioni che richiedono molta CPU come QuickBooks, Microsoft Excel, compilatori, motori di sviluppo di giochi, applicazioni di editing di foto, ecc. Naturalmente, essendo un leggero dispositivo 2-in-1, questo non viene fornito con una scheda grafica dedicata. Dovrete accontentarvi della scheda grafica UHD integrata di Intel.

Questa macchina ultraleggera non fa compromessi quando si tratta di memoria o stoccaggio. 16GB di RAM DDR4 è più che sufficiente per tenerti occupato con tutti i tipi di esigenze multitasking. Allo stesso modo, 512GB di storage SSD sembra un buon affare per coloro che vogliono fare il dual-boot di Windows e macOS. Un problema è che la costruzione può avere qualche problema di stoccaggio. In questo caso è necessario utilizzare un SSD/HDD esterno.

HP ha incluso uno dei migliori touchscreen in questo dispositivo. Fortunatamente, la build che raccomandiamo per Hackintosh sfrutta al meglio questo touchscreen da 13,3 pollici Full HD. Dal momento che è possibile cambiare l’angolo di questo pannello 1920×1080, utilizzare il touchscreen HP e lo stilo è un gioco da ragazzi. Che si tratti di disegnare o di consumare media, tutto funziona bene con la configurazione dello schermo.

Si ottiene una tastiera abbastanza standard con questo set. Ma, grazie al touchscreen, potreste non aver bisogno della tastiera dopo tutto (a meno che non digitiate molto). Una cosa che potrebbe mancarvi è lo scanner di impronte digitali che è attaccato vicino alla tastiera. D’altra parte, il trackpad funziona molto bene, offrendo pieno supporto per i gesti. Tuttavia, la fotocamera non funziona come ci si aspettava, ma non siamo tutti soliti usare una webcam esterna per scopi lavorativi?

In termini di design, l’HP Spectre x360 è davvero un tipico dispositivo 2-in-1. È possibile scegliere tra diversi angoli di visualizzazione per diverse esigenze di utilizzo. Per quanto riguarda la connettività, è possibile accedere a tutte le porte essenziali tramite macOS, tra cui HDMI tramite USB Tipo C. Un problema è che, mentre il WiFi funziona benissimo, non è possibile accedere a iMessage o FaceTime (non per gli amanti dell’ecosistema). Manca anche il supporto Bluetooth, ma ci sono alcune correzioni che troverete.

HP sostiene che il dispositivo funzionerà per 7 ore con una singola carica. Tuttavia, con questa build Hackintosh, dovreste aspettarvi di meno. Mentre la versione di MacOS Catalina mostra lo stato della batteria, la sua precisione è un’altra cosa.

Modello convertibile 2 in 1
Supporto completo del touchscreen
Connettività standard
Un sistema veramente leggero
RAM e memoria sufficienti

Non supporta lo scanner di impronte digitali
iMessage e FaceTime non sono supportati

4. Miglior hackintosh convertibile: Lenovo Yoga 920

CPU: 1.8GHz Intel Core i7-8550U
RAM: 16 GB
Stoccaggio: 512GB SSD
Display: 13,9 pollici 4K Touch (3840 x 2160)
GPU: Intel UHD 620 integrata
Batteria: fino a 10 ore
Peso: 3,02 libbre

Un tipo di Mac che Apple non produce è un MacBook Air o Pro convertibile. Tuttavia, utilizzando il Lenovo Yoga 920, è possibile creare un Hackintosh che offre prestazioni notevoli e la potenza di un design portatile.

In primo luogo, vediamo l’Intel Core i7-8550U, che ha un clock di 1,8 GHz per impostazione predefinita. Il processore può andare fino a 4.0 GHz tramite Turbo Boost se la situazione lo richiede. Non si ottiene una scheda grafica dedicata con il pacchetto (e anche se l’aveste, non funzionerebbe), ma questo significa anche che non si hanno problemi extra all’inizio. È possibile iniziare l’installazione di macOS Catalina senza sostituzione dell’hardware o failover, ma ci sono ancora alcuni problemi di grafica.

Vediamo l’eccellente combinazione di 16GB di RAM DDR4 e 512GB di storage SSD completo. Questi elementi aggiungono valore a un portatile dove si vuole installare sia Windows che macOS. Anche nel caso in cui gli interni del sistema operativo consumino risorse di RAM, non avrete a che fare con problemi di multitasking. Inoltre, con 512GB di SSD, hai abbastanza spazio per archiviare file, applicazioni, ecc.

Anche se è un portatile convertibile, non c’è alcun compromesso quando si tratta di filtrare l’immobile. Il pannello da 13,9 pollici 4K ha un touchscreen e supporto per la penna. Se siete interessati a progetti artistici, lo schermo 3840 x 2160 è una scelta eccellente per la creazione di precisione. È anche impressionante che il touchscreen possa funzionare perfettamente con macOS Catalina.

Quando si tratta della tastiera e del trackpad, le cose sono un po’ complesse. La tastiera è elegante e offre una tipica esperienza di digitazione. Tuttavia, i tasti funzione non funzionano in questa build, nel caso foste preoccupati. Allo stesso modo, il trackpad non funziona perfettamente come sulle macchine Apple. Ecco perché potrebbe essere necessario tenere un topo nelle vicinanze. Ora che lo sai, siamo sicuri che apprezzerai l’input tattile.

Quando si tratta di design e connettività, l’Hackintosh che utilizza il Lenovo Yoga 920 non ha problemi. Avete accesso a tutte le porte, incluse USB e HDMI, il che è fantastico se ci chiedete. In termini di design hardware, un peso minimo di 3,02 libbre e uno spessore di 0,5 pollici è circa giusto per un Ultrabook.

Come dispositivo Windows 10, questo convertibile Lenovo offre fino a 10 ore di durata della batteria con una singola carica. Su macOS, tuttavia, un piccolo problema con la funzione di sospensione può ridurre la durata della batteria e il tempo di standby.

Design convertibile
Supporto per il touchscreen
Buone opzioni di connettività
Installazione leggera
RAM e spazio di archiviazione sufficienti

Il sensore di impronte digitali non funziona
A volte si possono verificare problemi grafici
La modalità sleep non funziona correttamente

5. La migliore alternativa al MacBook Pro da 13 pollici: Dell XPS 13 9350

Processore: 2.3GHz Intel Core i7-6560U
RAM: 8GB
Storage: 256GB SSD
Display: 13.3 pollici QHD+ Touch (3200 x 1800)
GPU: Intel Iris Plus 540 integrata
Batteria: fino a 8 ore
Peso: 2,84 lbs

Il prossimo è un portatile Hackintosh con un touchscreen, ma è ancora sotto i 1.000 dollari se si considera il budget totale. Spoiler alert, dovete fare alcune sostituzioni sul Dell XPS 13 9350 per rendere possibile questo oldie ma goodie Hackintosh.

Una cosa che potrebbe deludervi in questo pacchetto è il processore Intel Core i7-6560U di sesta generazione. Ma, considerate che questo è un vecchio dispositivo di punta e supporta ancora macOS Catalina. Il processore ha una velocità di clock di base di 2,3 GHz ma può facilmente raggiungere i 3,2 GHz. Naturalmente, si ottiene la Iris Graphics 540 integrata, che funziona senza problemi.

Questo vecchio portatile XPS non può competere con gli attuali dispositivi MacBook e altri portatili Windows in termini di archiviazione, tuttavia. Si ottengono 8GB di RAM DDR3, che può essere un po’ lento rispetto agli altri modelli che abbiamo elencato sopra, ma a differenza dei dispositivi MacBook di Apple, è possibile aggiornare a 16GB se necessario. Inoltre, 256GB di storage SSD non sono sufficienti per eseguire facilmente un dual boot. Quindi, affinché la configurazione raccomandata funzioni, è necessario ottenere un SSD NVMe da 512 GB da Samsung.

Non puoi sbagliare con questa macchina se stai cercando un grande touchscreen per un’esperienza macOS potenziata. Il display QHD+ da 13,3 pollici ha una risoluzione avanzata di 3200 x 1800, che offre una nitidezza incredibile. Nonostante abbia qualche anno, questo portatile ha una lunetta minima, che assicura un’esperienza visiva immersiva alla fine.

Questo dispositivo offre tutti i vantaggi di una tastiera di alta qualità. I tasti sono robusti e funzionano bene. Si possono anche usare i tasti funzione, che sono molto comodi. Ancora una volta, essere vecchio non causa alcuna incompatibilità con la costruzione dell’Hackintosh. Si può continuare ad usare il trackpad senza problemi, e questo può essere una buona cosa se si vuole viaggiare con questo Hackintosh.

Naturalmente, si può godere del design elegante di Dell senza costi aggiuntivi. Con uno spessore di 0,6 pollici e un incredibile peso di 2,84 libbre, questo dispositivo può competere con gli Ultrabook contemporanei. Ma il vero problema arriva quando si vede la connettività. Anche nella migliore build Catalina possibile, non è possibile utilizzare la Thunderbolt USB Type C o la scheda multimediale. C’è anche la questione dell’hot-plugging, nel caso ve lo steste chiedendo.

Come altri dispositivi XPS, il Dell XPS 13 9350 dichiara una durata della batteria fino a 8 ore. Mentre questa è una stima corretta per Windows, ci si può aspettare molto meno per macOS. L’indicatore della batteria però funziona.

Prezzi accessibili
Supporto per il touch screen
Incredibile display
Supporta Catalina
Design leggero

La porta Thunderbolt 3 non funziona
Il lettore di schede SD non funziona

6. Il migliore pc portatile per Hackintosh sotto gli 800 euro: ASUS ZenBook UX310UA

Processore: Intel Core i7-6500U a 2,3 GHz
RAM: 8 GB
Storage: 256 GB SSD
Display: 13,3 pollici FHD (1920 x 1080)
GPU: Intel HD integrata
Batteria: fino a 6 ore
Peso: 3,20 libbre

Se vuoi costruire un Hackintosh per meno di 800 dollari, dovresti considerare l’ASUS ZenBook UX310UA come una delle migliori opzioni. Anche se è vecchio di qualche anno, questo contiene abbastanza hardware per eseguire la build di MacOS Catalina senza problemi. A proposito, qui stiamo usando una variante usata del portatile (si risparmia, ma si può anche ottenere una variante non utilizzata)

Come il dispositivo precedente di cui abbiamo parlato, anche questo portatile ASUS gira su un processore Skylake di sesta generazione. Tuttavia, è alimentato da un Intel Core i7-6500U, che può avere una velocità tra 2.3GHz e 3.2GHz. Utilizza anche un processore grafico integrato Intel, che fortunatamente non è un problema con la versione di macOS Catalina che state usando attualmente.

Un’altra area di somiglianza è la memoria e lo stoccaggio. La combinazione di 8GB di RAM DDR3 e 256GB di storage SSD rende questo dispositivo in grado di gestire molto bene macOS. Inoltre, non è necessario sostituire l’SSD integrato. Dovreste tenere a mente che la versione più compatibile del dispositivo non funziona in modalità dual-boot con Windows e macOS. Quindi avrete comunque abbastanza spazio libero.

Ma non c’è niente di strano nello scomparto del display. Il pannello da 13,3 pollici Full HD ha la tipica risoluzione 1920 x 1080, che fornisce un’eccellente esperienza visiva nel complesso. Dato che non c’è supporto per il touchscreen o la grafica discreta, il display non è un problema. Naturalmente, questo è un portatile del 2016, e noterete sicuramente le cornici ingombranti su tutti e quattro i lati dello schermo.

A parte il fatto che funzionano ugualmente bene in macOS e Windows, la tastiera e il trackpad non offrono nulla di così strabiliante. È la solita tastiera retroilluminata, con un’esperienza di digitazione abbastanza decente. Dovremmo anche provare a goderci l’enorme trackpad, che supporta anche i gesti nativi. Infine, la tastiera e il mouse danno a questo dispositivo un aspetto molto elegante.

Si può indovinare praticamente tutto sul design di questo dispositivo. Non lo chiameremmo pesante, dato il suo peso di 3,20 libbre e lo spessore di 0,72 pollici. Nel reparto connettività, tuttavia, tutte le porte funzionano senza problemi su macOS, comprese Type-C e HDMI. In termini di Wi-Fi e Bluetooth, tuttavia, la scheda nativa deve essere sostituita con un chip WiFi DW1560 per entrambi i Wi-Fi e Bluetooth per funzionare su macOS.

La durata della batteria è però un po’ deludente. Avete un backup di appena 6 ore su questo portatile, che non è il massimo per coloro che vogliono andare in giro con il loro Hackintosh.

Prezzi davvero convenienti
Design leggero
Supporta Catalina
Nessun errore evidente
Connettività eccellente

Scarsa durata della batteria
La scheda Wi-Fi deve essere sostituita

7. Il migliore per la portabilità: ASUS VivoBook S

CPU: 1.8GHz Intel Core i7-8550U
RAM: 8GB
Storage: 128GB SSD + 1TB HDD
Display: 15.6 pollici Full HD (1920 x 1080)
GPU: Intel HD integrata
Batteria: fino a 8 ore
Peso: 3,7 libbre

Se vuoi costruire un portatile Hackintosh senza spendere un sacco di soldi per un portatile di punta, dovresti prendere un ASUS VivoBook S. Con un prezzo di circa 1.000 euro, questo portatile leggero offre un’esperienza macOS di prim’ordine così come il supporto hardware.

Questo VivoBook S è alimentato da un Intel Core i7-8550U, che ha una velocità di clock di base di 1.8 GHz. Può arrivare fino a 4.0 GHz, che è sufficiente anche per compiti intensivi. È dotato di un processore grafico Intel HD, che funziona perfettamente su MacOS Catalina. Quindi non c’è bisogno di fare alcuna modifica prima di installare questo Hackintosh, il che semplifica le cose per i nuovi utenti.

Il dispositivo contiene 8GB di RAM DDR4, che è lo standard per i portatili che si possono ottenere per meno di 1000 dollari, anche se si tratta di un Apple MacBook Air. Sul lato dello storage, invece, si può vedere un doppio sistema SSD da 128GB e un disco rigido da 1TB. La cosa migliore è creare una partizione con Utility Disco e installare macOS sulla parte SSD. Solo allora avrete accesso a velocità superveloci e a un avvio veloce.

Per quanto riguarda il display, ASUS ha incluso nel pacchetto un pannello standard da 15,6 pollici Full HD. Ha una risoluzione di 1920 x 1080 e viene fornito con una cornice più sottile, che migliora l’esperienza visiva complessiva. Vale la pena notare che il modello Hackintosh di questo portatile è compatibile con macOS Catalina e lo schermo è super-sottile su questo sistema operativo.

Come gli altri prodotti della gamma VivoBook, anche questo dispositivo è dotato di una tastiera standard. È completamente retroilluminato e utilizza un design ergonomico. Il supporto per lo scanner di impronte digitali è un affare complicato, e potresti dover dimenticare quella parte su un Mac. Il touchpad, che offre una buona esperienza, permette tutti i gesti che si conoscono su un Mac.

VivoBook S è anche un dispositivo ultra-portatile, con un peso complessivo di 3,7 libbre e uno spessore di 0,7 pollici. Tuttavia, ASUS ha integrato più porte USB, una porta HDMI e un lettore di schede multimediali dedicato nel dispositivo. È semplicemente incredibile che tutte queste porte I/O funzionino perfettamente sul sistema Hackintosh macOS Catalina. Si può anche approfittare del sistema audio incorporato.

Infine, ci si può aspettare circa 8 ore di durata della batteria da questo dispositivo. Mi sembra giusto, a giudicare dagli standard del PC o del Mac.

Tutto l’hardware nativo è supportato
Funziona con macOS Catalina
Facile configurazione di Hackintosh
Opzioni di connettività versatili
Buone prestazioni

Non supporta lo scanner di impronte digitali
RAM limitata

8. Il migliore pc portatile per hackintosh con Intel i5: Lenovo IdeaPad S540

Stai cercando un’alternativa Hackintosh all’Apple MacBook Air? Allora il Lenovo IdeaPad S540 è una delle migliori opzioni. La maggior parte delle specifiche sono simili all’ultimo MacBook Air. È più economico e ha 4 gigabyte di RAM extra, ma non ha una porta Thunderbolt 3.

CPU: 1.8GHz Intel Core i5-8265U
RAM: 12GB
Storage: 256GB SSD
Display: 14 pollici FHD Touch (1920 x 1080)
GPU: Intel UHD 620 integrata
Batteria: fino a 9 ore
Peso: 3,92 libbre

Dovresti considerare il Lenovo IdeaPad S540 se stai cercando un Hackintosh completo che offra prestazioni di alto livello. Ancora più importante, questo dispositivo Lenovo mira a offrire un pacchetto così competitivo per un prezzo inferiore ai 1000 dollari.

Prima di tutto, il processore Intel Core i5-8265U di ottava generazione all’interno del dispositivo va benissimo. Ha una velocità di clock di base di 1.6GHz e arriva fino a 3.9GHz, senza che la durata della batteria sia troppo lunga. Come ci si potrebbe aspettare, non c’è una scheda grafica dedicata nella confezione, ma la scheda grafica Intel UHD funziona bene con l’installazione di MacOS Catalina.

Ma Lenovo non ci sorprende molto quando si tratta di storage e memoria. Si ottengono 12GB di RAM DDR4 con questo prodotto, che è meglio dello standard industriale. Quindi, si può certamente mettere questo dispositivo sotto pressione. Tuttavia, i 256GB di storage SSD completo si traducono in uno spazio appena sufficiente per una configurazione dual-boot e l’archiviazione dei media.

Il pannello del display da 14 pollici Full HD a cornice stretta non è niente di speciale rispetto ai portatili più costosi. Tuttavia, la risoluzione 1920 x 1080 significa che si può godere di una qualità visiva simile al Retina sul vostro sistema Hackintosh. Inoltre, la risoluzione standard mantiene basso il consumo della batteria.

Ancora una volta, la tastiera soddisfa le aspettative del settore per un portatile sotto i 1000 dollari. È una tastiera retroilluminata che permette una digitazione fluida. Fortunatamente, la tastiera funziona molto bene sotto macOS e permette controlli facili. Per quanto riguarda il touchpad, l’ultima versione di Hackintosh fornisce il controllo dei gesti. Il lettore di impronte digitali integrato non funzionerà mai, a proposito.

Anche se non è sottile come le nostre scelte precedenti, il Lenovo IdeaPad S540 non diventa un pacchetto enorme. Il suo peso di 3,52 libbre e lo spessore di 0,6 pollici sono piuttosto interessanti. Per quanto riguarda la connettività, è possibile utilizzare tutte le porte I/O di base e il lettore di schede dedicato su macOS è semplicemente fantastico. A differenza di alcune altre configurazioni Hackintosh, la connettività HDMI funziona perfettamente qui. Devi però sostituire la scheda Wi-Fi integrata.

Lenovo dichiara piuttosto audacemente un backup della batteria fino a 9 ore. Dovresti aspettarti di meno quando usi la configurazione di macOS, ma la configurazione raccomandata è dotata di opzioni di gestione della batteria e dell’alimentazione.

Prestazioni al top
Connettività HDMI senza soluzione di continuità
Supporto I/O versatile
Enorme deposito doppio
Buona durata della batteria

Il lettore di impronte digitali non funziona
Mancanza di supporto per il touchscreen

9. Il migliore con 32GB di RAM: HP ProBook 450 G6

CPU: 1.6GHz Intel Core i5-8265U
RAM: 32GB
Storage: 1TB SSD
Display: 15,6 pollici HD antiriflesso (1366 x 768)
GPU: Intel UHD 620 integrata
Batteria: fino a 8 ore
Peso: 4,41 libbre

Vuoi costruire un Hackintosh che possa soddisfare le tue esigenze di multitasking? Se è così, dovreste controllare l’HP ProBook 450 G6, che supporta una build di macOS Catalina senza errori notevoli o componenti disfunzionali.

A differenza degli altri portatili che abbiamo trattato qui, questa macchina HP utilizza un processore Intel Core i5-8265U. Anche se ha una velocità di clock di base di soli 1.6GHz, ci si può aspettare che questo processore quad-core si comporti molto meglio di un processore di sesta o settima generazione. Il chipset dispone anche di Turbo Boost fino a 3.9GHz, che è ottimo dal punto di vista delle prestazioni. Naturalmente, avete ancora la grafica integrata.

La caratteristica più impressionante del pacchetto HP ProBook 450 G6 è la grande quantità di storage e RAM. Si ottengono 32GB di RAM DDR4, che è enorme per qualsiasi standard. Allo stesso modo, l’SSD aggiornato da 1TB ti dà abbastanza spazio per archiviare video e file di grandi dimensioni, anche se hai attivato il dual-boot con macOS e Windows.

Lo schermo da 15,6 pollici del dispositivo è una grande delusione in quanto non si avvicina a quelli che si trovano sui MacBook di Apple. Tuttavia, a causa della risoluzione HD di 1366 x 768, è probabile che tu abbia un’atmosfera da vecchio MacBook Air. Per mantenere questa vibrazione, questo dispositivo HP ha anche una notevole combinazione di lunette. Dato che si affida alla grafica integrata di Intel, non ci si può aspettare immagini cristalline.

Il che rende questo dispositivo un Hackintosh affidabile: dopo tutto, la tastiera e il trackpad funzionano come dovrebbero. Inoltre, si può godere di un’esperienza di digitazione di alta qualità. Anche se l’installazione richiede alcuni script aggiuntivi, è possibile godere di tutti i gesti familiari su questo dispositivo senza problemi. Anche i tasti funzione funzionano perfettamente.

Anche se non è così sottile come gli altri dispositivi Ultrabook che abbiamo coperto, il ProBook 450 G6 cerca certamente di tenere il passo con l’aspetto delle prestazioni. Pesa 4,41 libbre ed è un tollerabile 0,8 pollici di spessore. Per quanto riguarda la connettività, non fa una piega. Non solo puoi approfittare delle porte I/O hardware come USB ed Ethernet, ma anche della continuità e dell’AirDrop via Bluetooth e Wi-Fi (a differenza di molte altre opzioni, non richiede la sostituzione del chip).

Infine, questa potente macchina sostiene di lavorare per 8 ore con una sola carica. Pensiamo che questo sia vero perché lo schermo a bassa risoluzione e i processori di ultima generazione lo rendono possibile.

Pacchetto compatto
Multitasking
Connettività eccellente
Versione stabile di macOS
Buona durata della batteria

Solo display HD subparallelo
Nessuna grafica discreta

10. Più economico per Hackintosh: Lenovo Ideapad 330S

CPU: 1.6GHz Intel Core i5-8250U
RAM: 8GB
Stoccaggio: 512GB SSD
Display: 15.6 pollici HD (1366 x 768)
GPU: Intel UHD 620 integrata
Batteria: fino a 6 ore
Peso: 4,85 libbre

Il Lenovo Ideapad 330S è attualmente il portatile più economico sul mercato che puoi trasformare in un Hackintosh. Meglio ancora, si ottiene un Hackintosh che non compromette molto in termini di caratteristiche e funzioni Mac-centriche come iMessage.

Come la maggior parte dei portatili da 600 dollari, anche questo è dotato di un Intel Core i5-8250U, un chip Intel di ottava generazione che può facilmente superare un processore i7 della generazione precedente. Per esempio, questo chip i5 può darvi una velocità massima di 3,4 GHz o una velocità di base di 1,6 GHz. È anche impressionante che la CPU aiuti a mantenere la durata della batteria il più a lungo possibile.

Tuttavia, vediamo la regolare combinazione di 8GB di RAM DDR4 e 512GB di storage SSD sui rispettivi lati. Se comprate una variante con archiviazione su disco rigido, dovreste sostituirla con una SSD, anche se ha meno capacità. Si potrebbe anche considerare l’aggiunta di un po’ più di RAM al mix se si desidera aumentare le prestazioni complessive di macOS Catalina.

Il Lenovo Ideapad 330S utilizza anche un display da 15,6 pollici HD-ready. Questo significa che sarete testimoni di una grave mancanza di chiarezza a causa della bassa risoluzione di 1366 x 768. Dal lato positivo, questo aiuta il portatile a mantenere il consumo di risorse al minimo. Così si può godere di una lunga durata della batteria.

Ma non ci si dovrebbe aspettare che la tastiera o il touchpad abbiano prestazioni migliori. Ci è piaciuto il fatto che il produttore abbia incluso una tastiera a grandezza naturale con un tastierino numerico. Il suo trackpad è anche collocato in una posizione molto comoda. Quindi, se avete intenzione di utilizzare l’Hackintosh per studi informatici (codifica) o per una comoda digitazione, potreste aver bisogno di una tastiera e un mouse esterni.

Per un portatile che costa molto meno dei vostri dispositivi di base, il design generale di questo sistema Lenovo è superbo. Pesa 4,85 libbre, il che esenta il dispositivo dalla lista degli Ultrabook. Tuttavia, lo spessore di 0,8 pollici significa che si può facilmente portare in giro il dispositivo. Per quanto riguarda la connettività, ogni porta hardware funziona bene, ma non si ottiene iMessage e FaceTime.

Grazie allo schermo di fascia bassa e a un processore più efficiente all’interno, ci si può aspettare quasi la stessa durata della batteria che Lenovo dichiara fino a 6 ore.

Prezzi davvero convenienti
Chip Intel di nuova generazione
Tastiera completa
Supporto Catalina
Connettività eccellente

Visualizzazione della sottoparte
Qualità costruttiva moderata

Hackintosh FAQ

Usare l’Hackintosh è illegale?

Beh, la risposta è NO. Non è illegale usare computer portatili Hackintosh. Se sperate di assemblare il portatile da soli e usarlo per uso personale, allora non c’è niente di sbagliato in questo. Ma può certamente essere un problema se si spera di vendere il portatile sul mercato per altri scopi.

I portatili Hackintosh sono affidabili?

I portatili Hackintosh sono meglio usati solo per progetti e hobby. È più un articolo di lusso che un articolo commerciale. Sì, potete contare sull’uso e la funzionalità di questi portatili. A volte si possono incontrare problemi che possono renderli inaffidabili. Altrimenti, questa è una grande opzione per coloro che non stanno cercando di investire denaro in un Macbook e vogliono comunque utilizzare il sistema operativo di Apple.

Hackintosh può eseguire tutti i software Mac?

Si è scoperto che tutti i programmi e le applicazioni che girano sul Mac OS girano anche sui sistemi Hackintosh. È possibile che alcune applicazioni non funzionino, come Boot Camp. Ma ci sono alternative a queste applicazioni e software.

Perché scegliere Hackintosh?

Come abbiamo già detto, i portatili Hackintosh sono per lo più utilizzati dagli appassionati di tecnologia che sono alla ricerca di esperienze e vogliono imparare di più. È noto che agli utenti piace usare il sistema operativo di Apple, ma non sono soddisfatti delle proprietà hardware di un Mac. Quindi, installando ed eseguendo facilmente Apple Macintosh su un portatile compatibile, è possibile ottenere un sistema migliore e più potente.

Sarà costoso costruire un portatile Hackintosh?

Questo dipende dal tipo di sistema o di hardware che volete integrare con Mac OS. Non sarà così costoso come comprare un Macbook con poche caratteristiche. Un piccolo investimento sarà sufficiente per cambiare il sistema operativo e alcune modifiche all’hardware se necessario.
Conclusione

I computer portatili Hackintosh sono cresciuti nel mercato da quando sempre più appassionati di tecnologia si rivolgono a caratteristiche migliori. Oltre a quelli menzionati sopra, ci sono molte altre opzioni compatibili con i computer portatili che si possono scegliere. Tuttavia, i modelli che abbiamo elencato offrono una migliore compatibilità e funzionano bene (con alcune modifiche, ovviamente).

L’hackintosh può essere un concetto completamente nuovo per molti utenti, quindi è meglio saperne di più, consultare varie guide prima di scegliere una macchina. La cosa più importante è assicurarsi che i tutorial di costruzione provengano da utenti rispettabili (abbiamo aggiunto i link a ragazzi rispettabili per i modelli di cui sopra). Assicuratevi anche che le caratteristiche di cui avete bisogno funzionino per quel particolare modello.

Se questa è la vostra prima esperienza, vi suggeriamo di comprare un’opzione usata o rinnovata e di fare una prova. Se avete intenzione di avviare sia Windows che Hackintosh, allora avrete bisogno di un portatile con una GPU dedicata. Tuttavia, una scheda grafica discreta non funzionerà con Hackintosh.

Inoltre, si può sempre tornare a usare il sistema operativo Windows se le cose non vanno come previsto. Per andare sul sicuro, fate sempre un backup del vostro sistema e poi usatelo. Per tutti i principianti, potete semplicemente chiedere o lasciare un commento se avete domande o osservazioni su questo particolare portatile.

Esperienza di installazione di Hackintosh su PC

Prima di iniziare a parlare dell’installazione dell’Hackintosh stesso, parliamo della configurazione hardware. Perché sì, quando si ha il progetto di fare un hackintosh, la configurazione hardware è molto importante.

Uso questo computer principalmente per montare video, scrivere articoli, eseguire alcune VM, ma anche per giocare un po’, insomma, un po’ di tutto. Quindi sì, la mia configurazione non è quella definitiva che vi permetterà di fare rendering in pochi secondi e giocare agli ultimi giochi ultra. Ma è anche secondo il mio budget, e si può benissimo adattarlo cambiando processore e scheda grafica.

Perché questa configurazione?

Spiegherò rapidamente perché ho scelto questi componenti.
La scheda madre ASUS Prime Z390-A

Ho scelto questa scheda madre, perché dopo aver cercato sui vari forum Hackintosh, ho visto che era nativamente compatibile con Hackintosh, o quasi.

Ho scelto un dual boot Windows / macOS per questo hackintosh, i due slot M.2 NVMe saranno ideali per ospitare Windows 10 da un lato e macOS Mojave dall’altro. A volte può essere complicato collegare gli altoparlanti a un hackintosh, qui nessun problema con l’ACL1220. Lo stesso per la rete. A parte questo, questa scheda è ben attrezzata in termini di connettività, il che la rende una scelta ideale, sia in termini di qualità che di prezzo.
E la CPU?

Per la CPU, è più facile fare un Hackintosh su un chipset Intel che su uno AMD. Così ho scelto un i5 overcloccabile di ultima generazione per far funzionare il mio Hackintosh. Perché non un i7? Il mio cuore vorrebbe un i7 naturalmente, il mio banchiere mi ha consigliato un i5.
NVMe, cosa scegliere?

Qui, non molta esitazione possibile, ho sempre usato Samsung per i miei SSD qui ancora una volta mi fido del NVMe da Samsung che ci permetterà di raggiungere velocità fino a 3.500 MB/s in lettura e fino a 2.500 MB/s in scrittura. Bello.
Per la parte grafica?

Per rendere la mia macchina più armoniosa, ho scelto una scheda grafica ASUS. Mi sarebbe piaciuto prendere una Radeon 5700 di AMD, ma ho letto che c’erano ancora molti problemi o incompatibilità quando ho costruito il mio Hackintosh. Così mi sono rivolto a una scommessa sicura, una ASUS Radeon RX580. Non è pazzesca, ma è ampiamente sufficiente per le mie esigenze. Final Cut, il mio software di editing, funziona bene e ho potuto godere di alcune serate su Apex senza alcun blocco o lag.
RAM

Non sto parlando dell’eccellente libro di Snowden, ma della RAM del mio Hackintosh. Di nuovo, con la mia esperienza come tecnico di computer e risolutore di problemi, conosco le marche affidabili. HyperX, il marchio di gioco di Kingston è uno di questi. Così ho scelto due chiavette di memoria da 16GB, che mi permetteranno di eseguire tutto ciò che voglio, ma anche di aggiungere facilmente alcune macchine virtuali sul mio Hackintosh.
Case, alimentatore, ventola…

Classico per il resto, un caso un po’ pesante e imponente, ma così bello da cablare! Potete vedere tutto questo nel video di presentazione del mio nuovo Hackintosh.

Come al solito ora, ho preparato un piccolo video di presentazione della mia nuova configurazione, ma anche dell’installazione del famoso hackintosh!

Metodo per fare un Hackintosh

Ci sono diversi metodi per fare un hackintosh, qualche anno fa, vi ho mostrato il metodo tramite strumenti Tonymacx86 (Unibeast / Multibeast) o il metodo Vanilla.

È quest’ultimo metodo che vedremo oggi.

Cos’è un’installazione Hackintosh “Vanilla”?

È un’installazione il più pulita possibile, con kexts e patch solo nella partizione EFI e che ci permetterà di avere una partizione di sistema identica o quasi a un vero macOS.

Glossario

Se volete fare un hackintosh, dovrete abituarvi ad alcuni nuovi termini. Vedremo qui i più importanti.

Clover : Clover è il bootloader, lo strumento che vi permetterà di avviare su macOS, ma anche su altri sistemi se scegliete di fare un hackintosh multiboot (con macOS + Windows per esempio). I veri mac hanno un firmware personalizzato che permette loro di avviare macOS. Ma nel nostro caso, dovremo usare un bootloader come Clover. Clover non agisce solo come bootloader, ma gestisce anche l’iniezione di kext, ACPI, la correzione di kext e molte altre cose.

Kexts – la parola “kext” è in realtà un’amalgama di KErnel Extension, ma si può pensare ai kexts più semplicemente come driver per macOS.

Config.plist – questo è il file che dice a Clover cosa fare. È una lista di proprietà in formato XML (che assomiglia molto all’HTML) ed è una delle parti più importanti della vostra configurazione Hackintosh.

Ora che abbiamo parlato dei termini, affrontiamo la forma.

I prerequisiti

Lo dirò spesso, ma fare un hackintosh non è sempre facile. Ecco perché, se vogliamo che vada bene, abbiamo bisogno di alcuni prerequisiti.

Scegliete un hardware adatto e, se possibile, già testato dalla comunità. 
Avete molto tempo davanti a voi, non abbiate paura di testare, reinstallare, ritestare e cercare. In breve, pazienza e persistenza saranno le vostre parole chiave.
Una chiave USB da 8GB minimo (e se possibile, una chiave veloce)
Un Mac, Hackintosh o macOS su una macchina virtuale.
Il file di installazione di macOS (se possibile scaricato da App Store)
Pacchetto Clover
Clover Configurator (prendere l’edizione globale)
VirtualSMC.kext questo kext è essenziale per iniziare su Hackintosh
e un sacco di altri kexts a seconda della vostra scheda madre / configurazione (ne parliamo un po’ più in basso)

Preparazione della chiave USB avviabile di installazione

Per preparare la chiave USB avviabile, avrete bisogno di un Mac, non c’è scelta qui. Per questo, o avete già un hackintosh, o avete un mac, o fate come me durante il mio primo hackintosh, create una macchina virtuale con macOS dentro. Ho fatto due articoli di recente su come installare macOS su VMware o VirtualBox, controllateli se ne avete bisogno.

Una volta che avete il mac nelle vostre mani, scaricate la versione di macOS che volete, dal vostro mac. Nel mio caso, resterò qui su Mojave che mi sembra più stabile al momento.

Una volta che hai scaricato la tua versione di macOS, puoi ora lanciare la creazione della tua chiave USB avviabile.

Creazione della chiave USB avviabile macOS “Hackintosh

Ora abbiamo tutto il necessario per creare la nostra chiave USB avviabile di Hackintosh. L’unico problema per la creazione di questa chiave, è che avrete bisogno di un Mac a disposizione. O un mac fisico o un hackintosh o puoi virtualizzare macOS e creare una macchina virtuale con macOS.

Una volta sul mac, prendi una chiave USB da 16GB minimo, una chiave veloce e non pubblicitaria se vuoi che funzioni bene 

Per tutto questo useremo la guida di Apple per farlo dalla linea di comando.

Inserisci la tua chiavetta USB nel mac e formattala con i seguenti parametri:

GUID
1 partizione
OSX esteso (journaled)

Ecco come creare la tua chiavetta USB avviabile.

Lanciate il terminale, poi eseguite il seguente comando per elencare i vostri dischi:

diskutil list

Questo elencherà tutti i dischi collegati e le loro partizioni. Prendete nota dell’ID del disco della vostra chiavetta USB. Poi formattate la vostra chiavetta USB con il seguente comando:

Fate attenzione, questo metodo cancellerà la totalità della vostra chiavetta USB. Non usare il disco sbagliato.

diskutil partitionDisk /dev/disk# GPT JHFS+ “USB” 100% Ora il vostro disco apparirà con il

Ora il vostro disco apparirà con il nome “USB”.

Ora puoi eseguire il seguente comando per creare il tuo drive USB avviabile con Mojave qui:

sudo “/Applications/Install macOS Mojave.app/Contents/Resources/createinstallmedia” –volume /Volumes/USB

Questo potrebbe richiedere 30-40 minuti per copiare i dati sulla chiavetta USB. Quando questo è completo, avrete un installatore USB che è in grado di avviarsi su un vero Mac. Dovremo ancora adattarlo per funzionare sul nostro computer. E qui c’è l’applicazione Clover di cui avremo bisogno.
Installare Clover sulla nostra chiavetta USB avviabile di macOS

Per rendere la vostra chiave avviabile sul vostro computer, sarà necessario utilizzare Clover. Per farlo, sempre da un Mac, scaricate Clover e lanciatelo.

Scaricare Clover

Quando lo si esegue per la prima volta, sarà certamente necessario sbloccare l’applicazione nelle impostazioni di sicurezza.

Su Clover, ricordatevi di cliccare su “Change installation location”. Questo è essenziale qui, poiché installeremo Clover sulla nostra chiavetta USB.

Seleziona la tua chiavetta USB avviabile.

Poi clicca su Personalizza.

Anche qui, la configurazione dipenderà dal vostro hardware, ma ecco le impostazioni raccomandate dalla guida Hackintosh Vanilla.

Clicca su Install per iniziare il processo di installazione.
Configurazione del nostro file Config.plist

Qui arriviamo alla parte meno divertente, la configurazione del file “Config.plist”. Come spiegato all’inizio di questo articolo, questo è il file che dice a Clover cosa fare. È una lista di proprietà in formato XML (che assomiglia molto all’HTML) ed è una delle parti più importanti della vostra configurazione Hackintosh.

Non entrerò nei dettagli della configurazione di questo file, ma potete basarvi su questo articolo e meglio ancora, avere un buon inizio con i modelli config.plist forniti nella guida Vanilla.

Questo è quello che ho fatto, nel mio caso ho usato il config.plist disponibile per il mio processore (Cofee Lake).

Potete scaricare i campioni config.plist su questo github:

Config.plist per IvyBridge
Config.plist per Haswell
Config.plist per Skylake
Config.plist per KabyLake
Config.plist per CoffeeLake

Tutto è dettagliato nella guida vanilla, ma se avete la stessa scheda madre come me, allora potete usare il file di esempio per CoffeeLake con poca o nessuna modifica.
Modificare il file config.plist

È possibile utilizzare un semplice editor di testo per modificare il file config.plist, ma è anche possibile utilizzare un editor grafico che è molto più facile, soprattutto quando si è nuovi nel mondo di Hackintosh.

Ti consiglio di scaricare Clover Configurator per la creazione e/o la modifica del tuo config.plist.

Scaricare Clover Configurator

Una volta che Clover Configurator è installato sul tuo macOS, lancialo.

La tua chiavetta USB avviabile su cui abbiamo installato Clover dovrebbe essere ancora inserita nel tuo Mac.

Normalmente, se hai appena creato la tua chiave, una cartella EFI dovrebbe apparire sul desktop del Mac, in caso contrario, Clover Configurator ti permette di montare questa cartella. Per farlo, nella sezione Strumenti, cliccate su “Monta EFI” e poi montate la partizione EFI della vostra chiave USB.

Ora dovreste avere la cartella EFI accessibile. Copiare il file config.plist nella partizione EFI nella cartella \Clover

Ora apri il tuo file config.plist con Clover Configurator.

Ora hai la possibilità di modificare il tuo file di configurazione di clover con un’interfaccia grafica.

Nel caso della mia scheda madre, l’unica cosa da fare è attivare il bug RTC Fix 300-series deselezionando la casella “Disabled”.

Poi clicca su Salva in basso a sinistra.

Dopo di che, si può andare oltre con Clover, cambiando un sacco di cose, ma questo potrebbe essere l’occasione di un altro tutorial. Qui l’idea è solo di mostrarvi come ho impostato un Hackintosh con la mia configurazione.

Una volta finito, salvate il vostro file config.plist e poi smontate la partizione EFI usando il configuratore del trifoglio.

Kexts

Parleremo qui dei kext, i driver che vi permetteranno di avere un hackintosh con le cose più funzionali e, se possibile, un hackintosh con tutto funzionante!

Tutti i kext sono disponibili su uno spazio di archiviazione online gestito da Goldfish64. Non appena un nuovo kext viene caricato, viene automaticamente replicato in questo spazio di archiviazione. Comodo per avere tutto in un unico posto.

Ora la più grande difficoltà sta nella scelta dei kexts. Quale driver integrare sul nostro Hackintosh? Di seguito i Kexts necessari per la mia configurazione, ma a volte, il modo più semplice è trovare qualcuno che ha già costruito un hackintosh con la vostra scheda madre per conoscere i Kexts utilizzati.

Nel mio caso, ecco i Kexts necessari per la mia scheda madre ASUS Prime Z390-A

Obbligatorio: VirtualSMC.kext (Questo kext, obbligatorio, emula il chip SMC che è disponibile sui Mac reali e che è possibile emulare con questo kext. Quindi dovete capire che se c’è un kext da mettere, è questo)
Ethernet: IntelMausiEthernet.kext
USB: USBInjectAll.kext
Audio: AppleALC.kext
GPU: Lilu.kext & WhateverGreen.kext

Scarichiamo tutto questo sul repository e lo copiamo sulla chiave nella partizione EFI nella cartella Kexts\Other.
Particolarità

Per questa configurazione, avevo anche bisogno di usare un driver EFI, se hai usato la mia stessa configurazione, allora dovrai scaricare il file OsxAptioFixDrv-64.efi e metterlo nella cartella Drivers\UEFI invece di Aptiomemoryfix.efi.

Senza questo, l’installazione si blocca a 2 minuti dalla fine.

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.