In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Migliori Monitor per Fotoritocco (Photo Editing) sotto 500 euro : quale schermo comprare per Photoshop?

Sei un photo editor alla ricerca di un monitor con colori super accurati e video di alta qualità? Sei venuto nel posto giusto se vuoi acquistare il miglior monitor per il fotoritocco sotto i 500 euro.

È sempre un investimento importante acquistare un monitor progettato per Photoshop. Può aiutarti a migliorare le tue capacità, oltre a rafforzare la tua fiducia come foto editor. Tuttavia, acquistare un monitor top di gamma significherebbe spendere più di 1000 euro. Ovviamente, non tutti possono permettersi questi costosi monitor. Le cose sono cambiate negli ultimi due anni. Oggi, i monitor disponibili per meno di 500 euro possono essere abbinati a monitor di fascia alta in termini di precisione del colore e qualità dell’immagine. Ma, trovare il miglior monitor per il photo e video editing sotto i 500 euro non è mai facile.

Leggi anche : Quale monitor comprare? la guida completa

 

 

I fotografi raramente ci pensano due volte prima di acquistare costose macchine fotografiche o obiettivi di qualità, ma quando si tratta di monitor, spesso sembrano voler risparmiare.

Perché succede? In molti casi, è perché tutti i monitor hanno lo stesso aspetto, soprattutto quando li compriamo su Internet.

Questo articolo vi aiuterà a capire a cosa dovete prestare attenzione quando acquistare un monitor adatto all’editing fotografico e video.

Non molto tempo fa, acquistare un monitor fotografico significava spendere un sacco di soldi, ma oggi c’è un’enorme selezione e una grande varietà di prezzi.

 

Monitor Gaming in base al prezzo : migliori monitor gaming 100 e 200 euro

Guida su : migliori monitor pc 100 e 200 euro

Schede video : migliori schede video

144h e 240Hz : migliori monitor 144Hz / migliori monitor 240hz

Monitor 4K : migliori monitor 4K

 

 

Monitor economico per fotoritocco sui 300 euro

ViewSonic VX3276-2K-MHD 32 pollici WQHD IPS con 99% sRGB, 2xHDMI, DisplayPort, Mini DisplayPort, Eye Care per lavoro ed intrattenimento
  • Grande schermo per il lavoro e l'intrattenimento domestico: questo monitor unisce una risoluzione 2k wqhd (2560x1440p) con la più sorprendente nitidezza
  • Intrattenimento domestico immersivo: la tecnologia superclear ips con una copertura cromatica srgb del 99% offre colori straordinari e immagini più nitide da qualsiasi angolazione visiva; abbinato ai due altoparlanti integrati offre un'esperienza di intrattenimento estremamente coinvolgente
  • Modern design: completa la tua casa con questo monitor dal design accattivante grazie al profilo ultra-sottile, bordi senza cornice e un supporto triangolare unico per uno stile inconfondibile
  • Comfort visivo: la tecnologia flicker-free e un filtro a luce blu aiutano ad eliminare l'affaticamento degli occhi causato da lunghi periodi di visualizzazione

Il ViewSonic VP2468 è il miglior monitor IPS da 24″ 1080p per PhotoShop.

Qualità dell’immagine

Anche se ci sono monitor IPS da 24″ 1080p più economici con una gamma di colori sRGB completa, il ViewSonic VP2468 offre connettività premium e opzioni ergonomiche.

La cosa più importante è che è calibrato in fabbrica a Delta E meno di 2, quindi è pronto appena acceso.

Supporta una profondità di colore a 8 bit tramite dithering (6 bit + 2 bit FRC), ma è dotato di LUT 3D a 14 bit con una tavolozza di 4,39 trilioni di colori per una precisione del colore superiore e prestazioni in scala di grigi.

Caratteristiche

Il monitor per il fotoritocco ViewSonic VP2468 supporta anche la calibrazione hardware tramite il kit di ViewSonic che si può comprare separatamente.

Si otterrà un rapporto di calibrazione per tutti i seguenti spazi colore: sRGB, EBU, SMPTE-C, Rec. 709 e DICOM-SIM.

Un’altra utile caratteristica è la funzione integrata di uniformità del colore che farà in modo che i colori e la luminosità siano sempre coerenti su tutto lo schermo.

Infine, il monitor offre regolazioni avanzate del colore a 6 assi, oltre a cinque preset gamma che vanno dalla gamma 1.8 alla gamma 2.6.

Design e connettività

Il design è robusto ed elegante con lunette sottili su tutti i lati ed ergonomia versatile che include la regolazione in altezza fino a 130mm, +/- 120° di rotazione, 90° di rotazione, -5°/21° di inclinazione e 100 x 100mm di compatibilità con il montaggio VESA.

Andando avanti, anche le opzioni di connettività sono ricche e comprendono due porte HDMI 1.4, DisplayPort 1.2, mini-DisplayPort, DisplayPort-Out, un jack per cuffie e un hub quad-USB 3.0.

Specifiche ViewSonic VP2468
Dimensioni dello schermo 23,8 pollici
Risoluzione 1920×1080 (Full HD)
Luminosità 250 cd/m2
Rapporto di contrasto 1000:1 (statico)
Profondità di colore 16,7 milioni (6 bit + FRC)
Gamma colori 100% sRGB
LUT (Look-Up Table) 3D 14-bit
Calibrato in fabbrica sì (Delta E < 2)
I pro

Valore imbattibile per il prezzo
Calibrato in fabbrica a Delta E < 2
Tante caratteristiche
LUT 3D a 14 bit
Design completamente ergonomico con ricche opzioni di connettività

Perchè dovrei comprare questo monitor per il fotoritocco?

Tutto sommato, non si può sbagliare con il ViewSonic VP2468; la sua precisione dei colori e le sue caratteristiche premium valgono molto di più del prezzo richiesto.

Su Amazon, troverete anche il ViewSonic VP2768 che è la versione da 27″ 1440p del VP2468 con profondità di colore a 8 bit reali. Se ve lo potete permettere, lo consigliamo vivamente.

 

 

Monitor 4K per fotoritocco sui 500 euro

Dell U2718Q Ultrasharp 68,6 cm (27") 4K Monitor
  • Ingresso segnale: Mini DisplayPort (digital), HDMI (digital), DisplayPort (digitale), Risoluzione fisica: 3.840 x 2.160
  • Formato: 16:9, Contrasto: 1.300:1
  • Dell - Monitor UltraSharp 27 4K - U2718Q - 68,5 cm (27IN), colore: Nero
  • Angolo di visione: 178° verticale/178° orizzontale.

Cercate il miglior monitor 4K per il fotoritocco? Il Dell U2718Q è il più conveniente, ma anche uno dei monitor 4K più popolari e affidabili per lavori a colori critici.

Qualità dell’immagine

Il monitor Dell U2718Q 4K copre il 99,9% della gamma di colori sRGB ed è calibrato in fabbrica a Delta E < 2 garantendo colori accurati.

Altre specifiche relative al pannello includono una luminosità di picco di 350 nit, un rapporto di contrasto statico di 1.300:1 e una profondità di colore a 10 bit dithered. La risoluzione UHD 4K fornisce una densità di pixel incredibilmente ricca su schermi di dimensioni 27″, il che significa che si dovrà scalare l’immagine per un uso ottimale.

Si noti che alcune applicazioni non scalano bene, lasciandovi con un’interfaccia utente troppo piccola o troppo grande, quindi assicuratevi di controllare due volte come il vostro software di editing gestisce la scalatura. Mentre i monitor IPS da 32″ 4K richiedono meno scalature (125% – 150%), sono molto più costosi.

Caratteristiche

Per una qualità ottimale dell’immagine, assicurarsi che il monitor abbia l’ultimo aggiornamento del firmware che risolve alcuni problemi con i colori e l’HDR.

Design e connettività

Il design del Dell U2718Q vanta una struttura robusta e un supporto regolabile. È possibile sollevare lo schermo fino a 130 mm, ruotarlo di 90°, ruotarlo di +/- 45°, inclinarlo di -5°/20° e montarlo con VESA.

La connettività include HDMI 2.0, DisplayPort 1.2, mini-DisplayPort, un hub quad-USB 3.0 e un jack per cuffie.

Riepilogo

Quando si tratta di valore/prezzo, il Dell U2718Q è il monitor migliore per i fotografi che cercano un display 4K sRGB.

Specifiche Dell U2718Q
Dimensioni dello schermo 27 pollici
Risoluzione 3840×2160 (UHD)
Luminosità 350 cd/m2
Rapporto di contrasto 1000:1 (statico)
Profondità di colore 1,07 miliardi (8 bit + FRC)
Gamma colori 99,9% sRGB
LUT (Look-Up Table) N/A
Calibrato in fabbrica sì (Delta E < 2)

 

Monitor per fotoritocco sui 400 euro

BenQ PD2700U Monitor da 68,58 cm (27 pollici) (LED, 4K UHD, 3840 X 2160 pixel, 100% sRGB e Rec. 709, HDR 10) nero
  • Monitor di design con 27 pollici e risoluzione 4K UHD di 3840 x 2160 pixel; Tecnologia del pannello IPS
  • 100% REC.709, 100% sRGB, HDR10, tecnologia EyeCare, Flicker-Free, Low Blue Light, Brightness Intelligence, funzione di rotazione automatica
  • Ricezione: HDMI 2.0, DisplayPort 1.4, miniDP, 4x USB 3.0, altoparlanti 2x2 watt
  • Garanzia del produttore: 3 anni. Le condizioni di garanzia si trovano alla voce "Ulteriori informazioni tecniche". I tuoi diritti di garanzia legali rimangono inalterati

Il BenQ PD2700Q è un monitor multidisciplinare, progettato per l’uso quotidiano in casa o in ufficio.

È caratterizzato da un design elegante che offre un’ampia flessibilità in altezza e offre un ampio margine di manovra per la regolazione dell’angolo.

La costruzione è solida, e c’è una sensazione generale di qualità nonostante il prezzo relativamente basso.

Una volta calibrato, è una taglia unica che si adatta a tutti i progetti, producendo un’eccellente rappresentazione dell’immagine o del video quando viene utilizzato per la produzione, ma è ugualmente adatto per il gioco, l’elaborazione di testi o il CADCAM.

La mia critica sarebbe la risoluzione. QHD è adatto per un uso a tutto tondo e sarà perfettamente adeguato per la Ottobrer parte dei fotografi fino a quando non si farà questo passo a livello professionale.

In un ambiente di imaging professionale, quella risoluzione extra è necessaria per vedere le immagini in tutto il loro splendore, pixel per pixel. È anche essenziale per poter guardare video 4K a piena risoluzione.

Il BenQ PD2700Q è un grande monitor a tutto tondo; se la fotografia è il vostro hobby, allora non potete sbagliare con un display a questo prezzo. Anche i professionisti troveranno che il BenQ PD2700Q è buono come secondo o terzo monitor.

Ci sono molti tipi di monitor diversi; alcuni sono luminosi, vibranti, con alte frequenze di aggiornamento appositamente progettati per il gioco. Poi ci sono gli accurati display a colori per l’imaging e il video.

Il BenQ PD2700Q da 27 pollici si inserisce in quest’ultima categoria, può essere grande a 27 pollici, ma è stato progettato principalmente come monitor per uso generale.

È, tuttavia, un gradino sopra molti altri monitor di questo tipo, anche monitor video dedicati. È snello, facile da configurare, utilizzabile da subito e, una volta acceso, offre un’immagine istantaneamente chiara e nitida.

Caratteristiche

Il BenQ PD2700Q è un monitor per uso generale; ciò significa che racchiude in sé le caratteristiche e le specifiche che soddisferanno il numero più significativo di utenti.

Principalmente è grande ma elegante, e il suo profilo aerodinamico sta comodamente seduto sulla scrivania senza dominare lo spazio. Il display da 27 pollici è capace di risoluzione QHD (2560×1440) a 10 bit sRGB.

Questa risoluzione QHD offre 109ppi a 27 pollici – questo significa che la grafica e le immagini sono prive di pixel e la copia di scrittura viene visualizzata in modo chiaro. Questa chiarezza è la ragione per cui BenQ ha stampato sulla scatola l’ideale per il CADCAM.

Assicurando la massima compatibilità ha quasi tutte le porte comuni conosciute sul retro. Queste porte includono HDMI, Display Port, Display Port Mini, 3 X USB e una presa per cuffie da 3,5 mm.

Una caratteristica che mi piace dei monitor BenQ è la retroilluminazione senza sfarfallio. Questo è stato ottenuto grazie al metodo di modulazione dell’ampiezza degli impulsi di BenQ per il controllo della luminosità.

Il monitor è IPS, che sta rapidamente diventando uno standard. Questa tecnologia esiste da una ventina d’anni circa e ha finalmente iniziato a filtrare i monitor di uso generale dai più comuni schermi creativi di fascia alta.

Il monitor consente inoltre un’ampia flessibilità di regolazione e il sistema di menu offre un’ampia gamma di regolazioni su luminosità, colore, contrasto, nitidezza e gamma.

Molti monitor più economici mantengono bassi i costi riducendo la quantità di regolazioni fisiche disponibili. In realtà, alcuni monitor e computer costosi fanno lo stesso. Qui il BenQ PD2700Q offre un’inclinazione di 25º e una rotazione di 45º in ogni direzione che generalmente vi permetterà di trovare la posizione corretta.

Il monitor ha anche un doppio orientamento: verticale o orizzontale.

Il peso è di 10,4 kg.

Qualità costruttiva e maneggevolezza

Raramente c’è molto da fare per il montaggio quando si tratta di monitor, in fin dei conti non sono mobili flatpack nonostante le dimensioni della scatola. La parte più difficile è estrarre lo schermo in modo sicuro dalla scatola.

Una volta che tutte le parti sono disposte, l’installazione è semplice: basta bullonare la base per stare in piedi e il gioco è fatto.

Come sempre il display dovrebbe essere pronto senza la necessità di calibrazione, come sempre è stato necessario un reset di fabbrica per riportarlo ai valori predefiniti.

Sul retro a destra dello schermo ci sono i pulsanti di controllo, una pressione rapida e il display su schermo (OSD) mostra cosa fa ogni pulsante.

La regolazione manuale del colore è abbastanza semplice con un sistema di menu chiaro e facile da navigare. Qui è possibile modificare la tonalità, la saturazione e il contrasto.

Tuttavia la regolazione manuale del colore del monitor è solo un problema, quindi per essere sicuri di ottenere il colore del monitor giusto per l’ambiente per il test che calibro utilizzando il Datacolor Sypder5 Studio,

Dopo la calibrazione la differenza è netta, c’era un leggero cast blu che ora è andato, e al suo posto ho un display sorprendentemente brillante. Molto meglio nell’aspetto di un display video che ho guardato di recente.

Non solo i colori e i toni sono molto più belli, ma la luminosità è stata ridotta del 25%, molto più bassa di quanto avessi immaginato quando ho regolato manualmente il monitor.

L’OSD vi dà un buon commento in esecuzione su dove vi trovate e quali sono le opzioni, e questa informazione si attiva dal momento in cui si collega il monitor.

Quando si collega l’OSD, viene visualizzato il tipo di connessione tra il monitor e il computer; porta di visualizzazione, HDMI, ecc.

Poi si può navigare fino alla modalità immagine che consente di selezionare le opzioni di calibrazione. Navigare fino a Picture Advanced e si può poi passare da Standard a Rec.709, sRGB e altre impostazioni pre-programmate.

Oltre alle consuete impostazioni di luminosità e contrasto, questo monitor offre anche la Nitidezza, Gamma da 1,8 a 2,6 e tre impostazioni di temperatura del colore, c’è anche un cursore di tonalità e saturazione regolabile dall’utente.

Un’opzione unica è la doppia visualizzazione, che consente un confronto affiancato di due modalità di immagine, molto pratico.

C’è molta regolazione, ma quando così tanti monitor nel settore dell’uso generale mirano a soddisfare le masse, la qualità della bassa luminosità può spesso risentirne.

Qui il BenQ resiste bene al test; la calibrazione ha impostato la luminosità al 25% che misura 121 cd/m2. Il BenQ valuta il monitor con un massimo di 350 cd/m2.

Il contrasto è stato buono come si ottiene con un rapporto che si è bilanciato intorno al valore 790:1 per il test Datacolor, questo ha portato ad un punteggio complessivo di 5/5.

Allo stesso modo, l’uniformità del colore su tutto lo schermo è stata eccellente con solo la minima variazione verso i bordi, ma non così che si noterebbe anche con un’attenta ispezione.

Anche l’accuratezza del colore, il fattore più cruciale per qualsiasi monitor di imaging, è stato buono a 3,5/5.

L’uniformità della luminanza era l’unica area che evidenziava eventuali problemi con un leggero punto caldo nell’angolo in basso a sinistra. Tuttavia, questa differenza di luminosità non è ancora sufficiente per essere individuata dall’occhio.

Test sul campo.

Una volta impostato e calibrato il profilo sottile del monitor, assicuratevi che sia ben posizionato sulla scrivania.

Il colore calibrato corrisponde al monitor del mio portatile, e c’è una transizione fluida tra i due display.

Avere connessioni multiple attraverso il monitor è anche un enorme vantaggio che consente di collegare gli accessori di tutti i giorni e tutti i fili possono essere riposti ordinatamente.

L’utilizzo del monitor per il miglioramento dell’immagine sia in Photoshop che in Lightroom si è rivelato una gioia.

Sono abituato a un monitor da 32 pollici, ma con un ridimensionamento a 27 pollici e non mi è mancato troppo lo spazio.

Per il miglioramento del video l’immobile dello schermo era appena sufficiente, un po’ più di spazio sarebbe stato buono, ma era più adeguato per l’editing e la riproduzione.

Verdetto

Questo monitor è stato un po’ una sorpresa; non è destinato principalmente al mercato della fotografia o del video, ma è un monitor di uso più generale progettato per CADCAM o fogli di calcolo. Tuttavia, le sue prestazioni sono eccezionali.

È facile da configurare e una volta calibrato lo schermo è luminoso e nitido. Il colore e la tonalità sono ben rappresentati e utilizzati per migliorare le immagini e modificare i video è sembrata una soluzione ideale.

Se state cercando un monitor di grandi dimensioni e la fotografia è il vostro hobby, allora sì, il BenQ PD2700Q è ottimo per il lavoro fotografico e video.

 

Monitor per fotoritocco più venduti

OffertaPiù Venduto 1
LG 27UL500 Monitor 27' UltraHD 4K LED IPS HDR 10, 3840x2160, 1 Miliardo di Colori, AMD FreeSync 60Hz, HDMI 2.0 (HDCP 2.2), Display Port 1.4, Uscita Audio, Flicker Safe, Bianco
LG 27UL500 Monitor 27" UltraHD 4K LED IPS HDR 10, 3840x2160, 1 Miliardo di Colori, AMD FreeSync 60Hz, HDMI 2.0 (HDCP 2.2), Display Port 1.4, Uscita Audio, Flicker Safe, Bianco
Monitor 27" UltraHD 4K 3840 x 2160, Flicker Safe; HDR 10 (High Dynamic Range), 300 cd/m2, colore calibrato
349,00 EUR −81,01 EUR
OffertaPiù Venduto 3
BenQ PD2700Q Monitor per Designer, 27 Pollici QHD, 2560 x 1440 QHD, CAD/CAM, Pannello IPS, Darkroom Mode, Low Blue Light, Flicker-Free, Nero
BenQ PD2700Q Monitor per Designer, 27 Pollici QHD, 2560 x 1440 QHD, CAD/CAM, Pannello IPS, Darkroom Mode, Low Blue Light, Flicker-Free, Nero
Monitor 27 pollici, risoluzione QHD, 2560 x 1440; 100% Rec 709 e sRGB con tecnologia IPS; Funzione DualView che permette la divisione in due dello schermo
427,00 EUR −103,01 EUR
OffertaPiù Venduto 4
BenQ BL2420PT Monitor per Designer, Display da 24 Pollici, Risoluzione 2560 x 1440 QHD, 2 Porte USB, Nero
BenQ BL2420PT Monitor per Designer, Display da 24 Pollici, Risoluzione 2560 x 1440 QHD, 2 Porte USB, Nero
Display IPS Panel, da 23.8" 4K 2560 x 1440; CAD / CAM Mode, animation mode; 1 VGA + 1 DVI + 1 HDMI + 1 Display Port + 2 porte USB
245,50 EUR −33,42 EUR
Più Venduto 7
OffertaPiù Venduto 8
HP - PC V27i Monitor, Schermo 27 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 1920 x 1080, Micro-Edge, Antiriflesso, Tempo di Risposta 5 ms, Comandi sullo Schermo, HDMI e VGA, Reclinabile, Nero
HP - PC V27i Monitor, Schermo 27 Pollici IPS Full HD, Risoluzione 1920 x 1080, Micro-Edge, Antiriflesso, Tempo di Risposta 5 ms, Comandi sullo Schermo, HDMI e VGA, Reclinabile, Nero
Tempo di risposta: 5 ms da grigio a grigio (con overdrive); Regolazione: Inclinazione da +5° a +35° - Angolo Visuale: 178°
179,99 EUR −10,33 EUR
Più Venduto 9
EIZO CG2420 Monitor LCD da 24.1', Nero
EIZO CG2420 Monitor LCD da 24.1", Nero
riproduzione ottimale del colore; modello professionale ideale per il campo della fotografia
OffertaPiù Venduto 10
BenQ PD2500Q Monitor per Designer 25 Pollici QHD, 2560 x 1440 QHD, CAD/CAM, Darkroom Mode, Low Blue Light, Flicker-Free, Grigio
BenQ PD2500Q Monitor per Designer 25 Pollici QHD, 2560 x 1440 QHD, CAD/CAM, Darkroom Mode, Low Blue Light, Flicker-Free, Grigio
Cornice sottile Edge to Edge: amplia il tuo spazio di lavoro con un impatto minimo; Dimensioni (AxLxP mm) (senza base) 59.51 x 570.2 x 58.79
409,00 EUR −82,31 EUR

 

 

Perchè acquistare un monitor fotografico

Il monitor fotografico è un monitor appositamente progettato per rappresentare le fotografie digitali nel modo più corretto possibile e secondo gli standard sRGB o Adobe RGB, ovvero gli spazi colore più utilizzati nel mondo della grafica, della fotografia e del design.

Infatti, per lavorare con software di fotoritocco come Lightroom o Photoshop, è importante avere a disposizione un monitor di qualità, in grado di rappresentare fedelmente i colori e di lavorare con l’immagine reale di quella che sarà la qualità finale della foto stampata.

Il monitor per il fotoritocco è, quindi, in grado di riprodurre l’immagine con la giusta risoluzione, permettendoci di vederla esattamente e in tutti i suoi dettagli.

Anche per i fotografi che pubblicano materiale sul web, avere un monitor di qualità superiore permette di calibrare correttamente il contenuto. Senza un buon schermo per il fotoritocco, sarà molto difficile avere un’idea precisa della qualità fotografica finale.

 

Pannelli dei monitor per photo editing

Una delle cose a cui bisogna pensare quando si sceglie un monitor è la tecnologia a pannello. Il “pannello” è la parte principale del monitor – lo schermo. Esso comprende strati polarizzanti, substrati di vetro, uno strato di cristalli liquidi (LCD) e un filtro a colori.

La differenza principale tra le tecnologie dei monitor sta nel modo in cui i cristalli liquidi sono orientati, che influenza fondamentalmente il modo in cui il monitor si comporta. Ecco i tre tipi principali di pannello:

Pannelli TN (Twisted Nematic)

Questo tipo di pannelli sono spesso preferiti dai giocatori per i loro rapidi tempi di risposta, che riducono gli effetti indesiderati di ghosting e sfocatura nelle immagini in movimento. Il più grande svantaggio dei pannelli TN è che i loro angoli di visualizzazione sono molto inferiori rispetto ad altri tipi di pannelli. Se ci si sposta davanti allo schermo, il colore e il contrasto sono suscettibili di cambiare aspetto. Questo difetto varia in gravità tra i vari monitor.

Siate consapevoli del fatto che, nelle specifiche dei monitor, i numeri degli angoli di visualizzazione sono altamente fuorvianti. Si basano su un test di contrasto indulgente, quindi si dovrebbe ignorare l’affermazione comune secondo cui un pannello TN ha un angolo di visione orizzontale e verticale di 170/160°. Queste cifre hanno poca rilevanza rispetto a ciò che si sperimenta quando si modifica una foto.

I portatili sono quasi sempre realizzati con pannelli TN, il che li rende sub-ottimali per il fotoritocco in un mondo perfetto. Sono più utilizzabili se si riesce a fissare la propria posizione davanti allo schermo e a mantenere un angolo di visione costante.

Pannelli IPS (In Plane Switching)

I pannelli di commutazione del piano sono coerenti nell’aspetto da quasi tutti i probabili angoli di visione. Da questo punto di vista, sono di gran lunga superiori alla Ottobrer parte dei pannelli TN e migliori dei pannelli VA. I pannelli IPS sono anche favoriti per la loro innata riproduzione dei colori di alta qualità. Nella Ottobrer parte dei casi, un monitor con un pannello IPS è migliore per il fotoritocco rispetto ad uno con un pannello TN.

Uno svantaggio della tecnologia IPS è un fenomeno noto come “IPS glow“, che è un effetto luminoso che appare su gran parte del pannello quando si visualizzano schermi scuri in luce soffusa. Più soldi si spendono per un monitor IPS, meno probabilità ci sono di incontrare questo fenomeno, ma è probabilmente giusto dire che è più problematico per i giocatori. Il bagliore IPS è diverso da quello della retroilluminazione, dove la luce sembra filtrare dai bordi dello schermo. Anche questo è più probabile nei monitor economici o di fascia media.

Ci sono varie sottocategorie di pannelli IPS, tra cui S-IPS, e-IPS, H-IPS e P-IPS. I vantaggi di base di un pannello IPS si applicano a tutte queste categorie, anche se i diversi tipi possono variare in aree come la profondità del colore o il tempo di risposta. Un pannello e-IPS, ad esempio, è di solito più economico, perché di solito ha una profondità di colore inferiore (cioè 6 bit) rispetto ad altri tipi di IPS. Esamineremo presto la profondità di colore.

Le tecnologie proprietarie che hanno un comportamento simile a quello dei pannelli IPS sono Super PLS (Samsung) e AHVA (AUO).

Pannelli VA (Vertical Alignment)

Questi tipi non sono considerati buoni come gli IPS in termini di angoli di visione o di riproduzione dei colori, ma migliori dei pannelli TN sotto entrambi i punti di vista. Sono una sorta di medium felice. La tecnologia è relativamente rara, ma ancora utilizzata da alcuni dei principali produttori in una minoranza di display (la parola giusta per i monitor).

Un pannello VA ha tipicamente un rapporto di contrasto maggiore di un pannello IPS, con la capacità di visualizzare toni scuri e neri in modo molto efficace. I grandi rapporti di contrasto non sono sempre così desiderabili per i fotografi come lo sono per i giocatori, tuttavia, perché rendono più difficile l’imitazione della gamma dinamica di una stampa quando si tratta di una stampa soft-proofing.

Gamma standard o ampia?

Confronto tra il colore del monitor a colori a gamma larga e quello a gamma standard

Non c’è una risposta giusta o sbagliata quando si decide se acquistare un monitor standard o wide-gamut, ma ci sono pro e contro ad entrambe le scelte.

Vediamone alcuni:

Monitor a gamut standard

Pro

Più economico.
Ampia varietà di modelli disponibili a tutti i prezzi.
Non necessita di calibrazione e profilazione immediata (un profilo del monitor OS troncherà il colore di un monitor a largo taglio).
Non visualizza colori sgargianti in programmi non gestiti a colori.
Meno incline alle bande (di solito compensate da una maggiore profondità di colore nel wide-gamut).
Le sincronizzazioni vanno bene con l’output della Ottobrer parte dei laboratori fotografici.
Una gamma più piccola potrebbe essere adatta ai fotografi di matrimoni o di eventi, per i quali una gamma di colori più ampia è meno attraente.

Contro

Non è così buona per la stampa a getto d’inchiostro a colori, poiché la gamma di monitor non comprende la stampa a colori della stampante
Meno attraente, soprattutto per gli amanti del paesaggio, che perdono un colore significativo soprattutto nei ciani e nei verdi

Monitor ad ampio spettro

Pro

Ha solo un aspetto migliore, soprattutto il cielo, il mare, l’erba, il fogliame, ecc. Dettagli più colorati e più sfumati nei ciani e nei verdi – una buona scelta per i tiratori di paesaggi.
Molto meglio per tutti coloro che vogliono rendere impermeabile (in anteprima) il colore di una stampa a getto d’inchiostro, dal momento che la gamma di monitor coprirà la Ottobrer parte delle stampanti a getto d’inchiostro.

Contro

Più costoso.
Idealmente richiede una profilazione immediata, altrimenti il colore del monitor del sistema operativo ne pota severamente la gamma.
I colori in ambienti non gestiti a colori appariranno sgargianti (ad esempio il desktop di Windows).
Più inclini alle bande, anche se questo è solitamente contrastato da una maggiore profondità di colore.

Rapporto di aspetto Monitor per photo editing

Troverete che i monitor più economici hanno tipicamente un rapporto di aspetto 16:9, che va bene per la visione di film, ma vale la pena di puntare su un rapporto di aspetto 16:10 se ve lo potete permettere. Quest’ultimo permette un po’ più di spazio di lavoro verticale e, come osserva Wiki, si adatta meglio al classico rapporto 3:2 utilizzato in molte foto.

 

Risoluzione monitor per fotoritocco

Per molti anni è circolato un mito che diceva che le tue foto avrebbero dovuto avere una risoluzione di 72ppi per il web. In realtà, come molti di noi oggi sanno, lo schermo di un monitor non conosce la risoluzione delle immagini. Questo è dimostrato, se ancora ce n’è bisogno, dal fatto che la funzione “Save for Web” di Photoshop non attribuisce risoluzione alle immagini, anche se queste appaiono come 72ppi alla riapertura.

 

Densità dei pixel di un monitor per photo editing

Anche se diversi fattori possono influenzare la nitidezza di un’immagine sullo schermo (ad esempio il contrasto, i filtri antiriflesso, la distanza tra il visore e lo schermo), la cosa centrale che detta la nitidezza è la densità dei pixel del monitor, o la spaziatura dei punti. Una maggiore densità dei pixel o un’inclinazione dei punti più fine è indicativa di un’immagine più nitida sullo schermo, a parità di tutte le altre cose. Se cercate su google “calcolatrice del passo dei punti” o “calcolatrice PPI”, troverete un modo semplice per calcolare la densità dei pixel di qualsiasi schermo.

Ad esempio, un monitor desktop medio potrebbe avere una densità di pixel di circa 90-100 ppi, mentre l’iMac da 27″ 5K con display Retina ha una densità di pixel di 217 ppi.

Un passo di pixel estremamente denso tende ad avere un effetto lusinghiero sulle foto, proprio come ogni foto appare nitida su uno smartphone, ma non è una necessità per un efficiente fotoritocco.

Dimensioni dello schermo di monitor per fotoritocco

Al giorno d’oggi, “più grande è meglio” sembra essere il mantra quando si tratta di scegliere un monitor. Certo, è piacevole vedere le proprie foto su un grande schermo, ma il mio consiglio è quello di comprare quello che ci si può permettere e non dare la precedenza alle dimensioni dello schermo rispetto ad altri importanti attributi. Ricordate anche che i grandi schermi hanno bisogno di grandi risoluzioni per apparire nitidi come schermi più piccoli dalla stessa distanza, quindi non fatevi ingannare dalle sole dimensioni dei pixel. Esaminate la densità dei pixel, come descritto sopra.

 

Filtri antiriflesso

A parte gli iMac Apple, quasi tutti i monitor da tavolo sono dotati di filtri antiriflesso per l’ovvio scopo di eliminare i riflessi che distraggono. Questo crea una finitura opaca sulla superficie dello schermo. Il grado in cui questo influisce sulla nitidezza dell’immagine dello schermo varia molto, andando dall’impercettibile all’aggiunta di un notevole effetto granuloso. Si potrebbe fare un’analogia con le stampe lucide rispetto a quelle opache; la stampa lucida in genere appare un po’ più nitida.

Un filtro antiriflesso non è qualcosa da evitare in un monitor (quasi impossibile, in ogni caso), ma vale la pena di fare una ricerca su quanto influisce sull’immagine sullo schermo desiderato prima dell’acquisto. Idealmente, naturalmente, è una buona idea dare un’occhiata a un monitor prima di investire. Controllate sempre le recensioni negative quando acquistate online.

Profondità di colore

Passiamo a un argomento un po’ complicato, che cercheremo di mantenere semplice. La profondità di colore si riferisce al numero di colori distinti che un monitor può visualizzare.

Teoricamente, più colori un monitor può visualizzare, più è in grado di riprodurre gradualmente i cambiamenti di tono e meno è incline a frustranti effetti di “banding” o posterizzazione (caratterizzati da brutti blocchi di colore pixelati).

La Ottobrer parte dei monitor sul mercato ha una delle due seguenti specifiche:

colore a 8 bit (nativo)
Colore 6 bit + FRC (2 bit)

Il secondo di questi usa il dithering per creare colori che non ci sono, che è teoricamente inferiore a un monitor che può visualizzare nativamente un colore a 8 bit. Un monitor con colore a 6 bit è più soggetto a problemi di banding, come descritto in precedenza.

Si noti che la calibrazione di un monitor aumenta la probabilità di bande, quindi una maggiore profondità di colore compensa questo fenomeno e rende effettivamente un monitor più regolabile. Gli schermi dei computer portatili usano quasi sempre il colore a 6 bit, quindi idealmente dovrebbero essere calibrati in modo conservativo.

Si può vedere il colore a 10 bit in monitor più costosi. Anche questo, ancora una volta, potrebbe essere una vera profondità di colore a 10-bit o 8-bit + FRC. Tenete presente che un monitor a 10 bit può visualizzare i suoi 1,07 miliardi di colori solo se 10-bit è supportato dal vostro processore grafico, software e connessione.video.

 

Calibrazione hardware LUT

La calibrazione hardware LUT è una caratteristica  che troverete in alcuni monitor di fascia alta di Eizo e NEC così come in alcuni marchi di consumo.

Cos’è la LUT?

Una LUT è una tabella di ricerca, che mappa i segnali in ingresso dal PC in, tipicamente, 8-bit RGB a colori in uscita dal monitor LCD.

In un monitor, una maggiore profondità di colore consente transizioni tonali più fluide e sfumate senza bande. Come un monitor, anche una LUT può variare nella profondità del colore; più colori è in grado di elaborare, più il monitor sarà in grado di visualizzare tonalità omogenee e colori precisi.

Quanto sopra è vero anche se l’uscita finale è un monitor a 8 bit, quindi una LUT a 10, 12, 14 o 16 bit produce un colore migliore in un monitor a 8 bit rispetto ad una LUT a 8 bit. La differenza tra una LUT a 10 e 16 bit può essere meno apprezzabile.

Calibrazione hardware

Il tipo di calibrazione hardware qui in discussione non si riferisce all’uso di un dispositivo hardware come uno Spyder. Invece di memorizzare una LUT a 8 bit nella scheda video, come fanno la Ottobrer parte dei monitor, i costosi monitor grafici di solito hanno una LUT ad alto bit incorporata nel proprio hardware per una calibrazione più raffinata. Si utilizzerà comunque un dispositivo di calibrazione per misurare il colore del monitor, ma la riproduzione finale del colore dovrebbe essere superiore.

I costosi monitor grafici spesso consentono di memorizzare e passare da un profilo di calibrazione all’altro, in modo da poter modificare le impostazioni di calibrazione con un clic del mouse utilizzando un software proprietario. Questo è impossibile nei normali monitor, dove i dati di calibrazione sono caricati nella scheda video LUT all’avvio e non possono essere modificati senza ricalibrare il monitor.

FAQ Monitor per Photo e Video Editing

Quando si tratta di monitor per computer, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Schermi di tutte le forme e dimensioni sono disponibili per soddisfare quasi tutti i budget. Se questa è la buona notizia, il problema è saper scegliere tra le varie tecnologie e opzioni. 4K o QHD? IPS e VA. sRGB contro Adobe RGB. Tabelle di ricerca, canali di colore e GPU. Tutto può essere assolutamente travolgente.

Ma cosa, esattamente, costituisce il miglior monitor per il fotoritocco? Ecco le risposte alle domande più comuni dei fotografi quando si tratta di scegliere un display per l’editing delle immagini.

 

Quale risoluzione è ottimale per un monitor per fotoritocco?

Consigliamo una risoluzione di 27 pollici e 1440p (2.560 per 1.440 pixel e conosciuta anche come QHD) o 32 pollici a 4K (3.840 per 2.160 pixel). Sono disponibili anche monitor più grandi da 40 pollici e 4K e spesso non sono costosi. Ma la dimensione del pannello più grande offre pochi vantaggi per l’editing delle immagini. Al contrario, tali schermi sono spesso basati su pannelli HDTV e, pur essendo grandi e robusti, non sono di solito ottimi quando si tratta di precisione del colore.

Ho bisogno di un monitor 4K per le fotografie?

La risposta semplice è no. Il 4K offre diversi vantaggi: quello più evidente è lo spazio sul desktop. Più pixel rendono più spazio di lavoro, anche se tenere presente che il 4K su schermi più piccoli al di sotto dei 30 pollici può costringere ad aumentare la scala e perdere parte di questo vantaggio.

L’altro ovvio vantaggio è la possibilità di visualizzare le immagini a – o almeno più vicino alla loro piena risoluzione. Certo, tutto, da uno smartphone medio a una DSLR di fascia alta, può superare di gran lunga il 4K in termini di risoluzione al giorno d’oggi. Ma avrete un’idea molto più precisa dei dettagli e della nitidezza di una foto ad altissima risoluzione con un monitor 4K.

Quale tecnologia dello schermo: TN, VA o IPS?

TN, VA e IPS sono le tre tecnologie di pannelli LCD più diffuse. Ognuna ha le sue caratteristiche, i suoi punti di forza e i suoi punti deboli. Ma solo una è ottimale per il fotoritocco. In parole povere, è l’IPS. La cosa più significativa è che l’IPS offre la migliore precisione del colore. L’IPS ha anche angoli di visualizzazione migliori, il che in pratica significa che mantiene questa precisione indipendentemente dal fatto che si stia visualizzando il pannello. La scelta migliore per l’editing delle immagini è la VA. Non è così preciso come l’IPS, ma offre una migliore fedeltà del colore rispetto al TN.

sRGB o Adobe RGB?

Tutti i buoni schermi adatti all’editing delle immagini supporteranno sia lo spazio colore sRGB che quello Adobe RGB. In questo senso, non è necessario scegliere. Avrete accesso ad entrambi. Ma quale dovreste usare? Certamente, sRGB è più semplice. È lo spazio colore predefinito per i dispositivi digitali e rende il flusso di lavoro più semplice.

Adobe RGB offre teoricamente più colori e una maggiore saturazione che può essere particolarmente rilevante per la stampa. Tuttavia, senza il pieno supporto end-to-end di Adobe RGB, il risultato può essere in realtà colori più opachi. In breve, rispondere? In caso di dubbio, attenersi a sRGB.

Di quale scheda grafica ho bisogno per il fotoritocco?

In senso stretto, per l’editing di immagini di precisione con 10 bit di colore per canale, avrete bisogno di una scheda grafica di classe professionale, il che significa o Nvidia Quadro o AMD Radeon Pro. In pratica, avrete anche bisogno di un supporto completo end-to-end a 10 bit, anche dal vostro monitor, per ottenere questo risultato. Quindi, per tutti i fotografi, tranne i più avanzati, una scheda Nvidia GeForce o AMD Radeon non professionale andrà bene.

Per quanto riguarda il livello di prestazioni di cui avete bisogno, la suite Creative Cloud di Adobe utilizza una certa accelerazione GPU tramite la scheda grafica. Le schede grafiche di fascia alta sono molto costose. Quindi, il miglior acquisto è una scheda di fascia media, per esempio una Nvidia GeForce GTX 1060 della serie di schede grafiche ‘Pascal’ di ultima generazione di Nvidia.

 

Quale scheda video per fotoritocco?

 

 

Cos’è un display a 10 bit?

La profondità di bit nel contesto dei display del computer e dell’elaborazione delle immagini si riferisce, in ultima analisi, alla gamma o alla profondità dei colori offerti, in questo caso da ciascuno dei canali primari di colore rosso, verde e blu (RGB). In parole povere, più bit per canale, più colori può visualizzare uno schermo. Fate i conti, e vi ritroverete con poco più di un miliardo di colori a partire da 10 bit per canale. Che è molto.

In pratica, non è sempre così semplice. Molti monitor che rivendicano il supporto del colore a 10 bit non lo fanno in modo nativo. Al contrario, l’uso di una tecnica nota come dithering per aumentare la capacità nativa a 8 bit del pannello (o 16,7 milioni di colori) per simulare il colore a 10 bit, grazie all’introduzione di transizioni rumorose tra i colori. Ma il dithering a 10 bit non fornisce veramente l’intero miliardo di colori di un pannello nativo a 10 bit.

LUT per monitor?

Il termine LUT o look-up table nel contesto dell’editing delle immagini e degli schermi può creare confusione. Questo perché le tabelle di ricerca non vengono utilizzate solo internamente nel software di editing di immagini e video per mappare gli spazi di colore. Le tabelle di ricerca fanno essenzialmente lo stesso lavoro anche in un monitor, mappando il segnale di ingresso video alle capacità del mondo reale del pannello LCD dello schermo.

In modo confuso, è necessaria una LUT con una precisione maggiore rispetto al pannello stesso. Per l’editing delle immagini, una LUT a 10 bit e un pannello a 8 bit sarebbero una specifica ideale minima. Ma le LUT a 12 bit e 14 bit daranno transizioni tonali più fluide, in particolare nelle immagini in condizioni di scarsa illuminazione, anche con un pannello LCD a 8 bit.

Cosa costituisce il miglior monitor per il fotoritocco?

Un buon monitor per computer consente di visualizzare le foto in tutto il loro splendore e di modificarle con precisione per evitare delusioni quando le condividete o le stampate. Ma cosa rende un “buon” monitor?

Le dimensioni sono davvero importanti e la nostra preferenza è per gli schermi da 27 pollici. Offrono proporzioni di visualizzazione generose senza essere troppo grandi per la distanza tipica a cui le utilizzerete.

C’è molto da dire sull’acquisto di un display UHD (Ultra High Definition). Vi permetterà di vedere più immagini durante lo zoom per controllare i dettagli, e di visualizzare i filmati 4k che possono essere catturati con un numero crescente di telecamere come la natura (o almeno la tecnologia) ha previsto.

 

Ultimo aggiornamento 2021-10-25 at 19:44 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Home » Informatica » Migliori Monitor per Fotoritocco (Photo Editing) sotto 500 euro : quale schermo comprare per Photoshop?