Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC


Se avete sentito parlare di Dolby Digital Plus e Dolby TrueHD, forse non ne conoscete veramente le differenze. Sebbene il loro aspetto e il loro funzionamento siano simili per il consumatore, in realtà sono molto diversi l’uno dall’altro. Ma come mai?

Il Dolby Digital Plus fornisce un segnale audio compresso o con perdite, mentre il Dolby TrueHD fornisce un segnale audio senza perdite o quasi completamente non compresso. Entrambi possono includere il Dolby Atmos, ma a livelli di qualità diversi. Il Dolby Digital Plus non fornisce la stessa quantità di dettagli nell’audio del Dolby TrueHD.

Grazie all’utilizzo di formati di compressione diversi, queste tecnologie presentano anche una serie di caratteristiche diverse. Ad esempio, i requisiti di larghezza di banda, le dimensioni e altro ancora. Per comprendere appieno le differenze tra questi formati audio, continuate a leggere!

Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC
dolby atmos : dolby digital vs dolby truehd

Che cos’è il Dolby Digital Plus?

Nel corso degli anni, Dolby ha ideato un gran numero di codec audio diversi. Tuttavia, in seguito alla necessità di risolvere il problema della larghezza di banda limitata con l’espansione della tecnologia audio surround, è nato il Dolby Digital Plus.

Con l’HDMI e le altre tecnologie che si occupano di varie risoluzioni, comprese le funzionalità 3D, il supporto di rete e altro ancora, la larghezza di banda residua per il supporto del suono surround era scarsa.

Inutile dire che la crescente tendenza dei dispositivi intelligenti non ha fatto altro che alimentare la necessità di formati audio surround efficienti e a bassa larghezza di banda.

Il Dolby Digital Plus è diventato la soluzione perfetta. Soprattutto a causa dello streaming online, questo formato audio è diventato sempre più richiesto.

Grazie al Dolby Digital Plus, gli utenti hanno potuto godere di un’incredibile qualità audio surround senza dover ricorrere a larghezze di banda elevate.

Tuttavia, questa tecnologia utilizza un formato di compressione audio con perdita. Per essere precisi, il file trasmesso perde una parte dei dati quando viene convertito in audio digitale.

Ciò contribuisce a ridurre i requisiti di larghezza di banda. Inoltre, la qualità del suono non differisce sensibilmente da quella del file originale.

Che cos’è il Dolby TrueHD?


Il Dolby TrueHD è un altro formato audio surround molto diffuso nei sistemi home theatre. Sviluppato da Dolby, il supporto del codec si estende ai contenuti di programmazione Blu-ray Disc e HD-DVD.

A differenza del Digital Plus, il formato audio Dolby TrueHD utilizza una compressione senza perdite. Pertanto, fornisce effetti audio quasi esattamente come sono stati registrati. Per questo motivo, utilizzando il codec audio Dolby TrueHD, i consumatori possono ottenere un’esperienza audio di altissima qualità dai loro sistemi audio.

Non solo, la tecnologia cattura le varie intensità del suono, imitando l’effetto esatto della registrazione reale. In parole povere, il suono proveniente da luoghi lontani risulterà debole. Al contrario, quelli vicini saranno più chiari.

La quantità di dati persi dal file originale è minima. Per la maggior parte degli esperti è quasi indistinguibile. La dimensione dei dati del Dolby TrueHD è maggiore e richiede una maggiore larghezza di banda per la trasmissione.

Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD

Come ci si può aspettare, la differenza principale tra questi due sistemi si trova in termini di compressione audio. Mentre il Digital Plus è una compressione con perdita, il secondo utilizza una compressione senza perdita.

Pertanto, anche se il Dolby Digital Plus ha un suono sorprendente, si verifica una certa perdita nella qualità dei dati. Il lato positivo è che occupa meno spazio e richiede meno larghezza di banda rispetto al formato Dolby TrueHD. È quindi perfetto per le piattaforme di streaming come Netflix, Disney+ e Amazon Prime Video per risparmiare sull’elaborazione dei dati.

Le migliori smart tv con supporto dolby atmos

D’altra parte, il Dolby TrueHD si riprende la concorrenza offrendo un’esperienza audio autentica. Dal suono impercettibile all’audio intenso, cattura tutto.

Ora che conoscete la differenza, sarà più semplice percepirla anche quando riprodurrete le vostre colonne sonore su ciascuno dei formati.

Tuttavia, se si utilizza un unico diffusore o un diffusore che non supporta i codec audio più recenti, sarà molto difficile distinguere tra i due formati.

Per sperimentare effettivamente le differenze tra TrueHD e Digital Plus, è necessario utilizzare un sistema audio surround con molti diffusori di qualità superiore. La maggior parte delle persone è in grado di notare la differenza utilizzando un sistema soundbar Dolby Atmos di fascia alta o un sistema surround tradizionale.

Quando si riesce a sentire l’audio più silenzioso, la differenza tra Dolby TrueHD e Dolby Digital Plus diventa più marcata.

Con il TrueHD, il suono sarà più dettagliato e l’esperienza sembrerà più impressionante rispetto al Digital Plus.

Nvidia Shield Pro : 4k ottimizzato con AI e pieno supporto Dolby Atmos

NVIDIA SHIELD Android TV Pro Streaming Media Player, film in 4K HDR, sport dal vivo, Dolby Vision-Atmos, upscaling potenziato da IA, GeForce NOW cloud gaming, Google Assistant integrato
  • Veloce, davvero veloce L'ultima tecnologia avanzata NVIDIA Il processore Tegra X1+ rende SHIELD fino al 25% più veloce rispetto alla generazione precedente.
  • Dolby Vision·Atmos La fusione dell'immagine Dolby Vision HDR e dell'audio Dolby Atmos trasforma la tua TV in una potenza di intrattenimento.
  • AI Upscaling di video HD a 4K utilizzando la potenza dell'intelligenza artificiale. Video più nitidi e chiari ottimizzati alla risoluzione 4K in tempo reale.
  • 4K HDR Il massimo dell'intrattenimento 4K HDR. Tutti i tuoi programmi preferiti con la massima qualità possibile. Periodo.
  • Nota: supporto SHIELD venduto separatamente

Come funziona la compressione audio nei formati Dolby


Il concetto di suono digitale ha dato origine alla compressione audio. A differenza dell’audio naturale, l’audio digitale richiede un po’ di lavoro per la trasmissione tra dispositivi diversi.

Non essendoci un cervello umano all’interno di questi dispositivi per comprendere il linguaggio, abbiamo bisogno di tecnologie per risolvere questi problemi.

Ecco perché la compressione audio è così importante da capire. In pratica, il processo consiste nel comprimere l’audio digitale in file di dati più piccoli e compatti.

Dato lo spazio limitato dei nostri dispositivi, il processo di compressione facilita l’archiviazione e il trasferimento di contenuti tra i dispositivi.

Tecnicamente parlando, il Dolby TrueHD e il Dolby Digital Plus sono diversi tipi di formati di compressione. Di conseguenza, utilizzano modi diversi di memorizzare il suono nei nostri dispositivi. A seconda del tipo di compressione utilizzato da questi formati, il file finale dopo la decompressione subirà o meno una perdita di dati.

LA MIGLIOR SOUNDBAR DOLBY ATMOS sotto 500 euro

Offerta
Sonos Beam (Gen 2) La soundbar intelligente per TV, musica e molto altro, Nero
  • Arricchisci il tuo intrattenimento con bassi profondi, dialoghi cristallini e un campo sonoro tridimensionale.
  • Goditi gli effetti sonori 3D dell’audio surround di Dolby Atmos.
  • Quando la TV è spenta, riproduci musica, radio, podcast e audiolibri tramite Wi-Fi.
  • Controlla tutto con l’app Sonos, Apple AirPlay 2, i comandi vocali e il telecomando della TV.
  • Configurazione semplice con solo due cavi e ottimizzazione automatica intelligente con Trueplay.

Compressione audio Dolby lossy e lossless


La compressione senza perdita, utilizzata dal Digital TrueHD, ripristina completamente i dati del file compresso dopo la decompressione. Pertanto, non vi è alcuna riduzione delle dimensioni del file. Conosciuta anche come compressione reversibile, questa tecnologia non comporta alcuna perdita di dati evidente.

Il vantaggio di utilizzare la compressione senza perdita è che si può mantenere completamente la qualità audio del file originale. Tuttavia, questa tecnica richiede una maggiore larghezza di banda e spazio di archiviazione nei dispositivi.

Al contrario, la compressione con perdita non è in grado di riportare il file decompresso alla sua forma originale a causa della perdita di dati. La perdita è permanente, quindi è nota anche come compressione irreversibile.

Di solito, la perdita di dati è ben lontana dall’essere percepita. Tuttavia, il processo influisce leggermente sulla qualità del suono rispetto alla compressione senza perdita di dati. La stessa differenza è visibile tra Dolby Digital Plus e Dolby TrueHD.

Conclusione – Il Dolby TrueHD è migliore del Dolby Digital Plus?


Sebbene i due codec audio siano diversi, può diventare difficile decidere quale sia il migliore tra Dolby TrueHD e Dolby Digital Plus.

Soprattutto perché i due codec si distinguono l’uno dall’altro solo se si dispone di un sistema audio altamente performante.

Il Dolby TrueHD è sicuramente una scelta migliore del Digital Plus in termini di qualità del suono. Tuttavia, non ha senso parlarne se il vostro dispositivo non supporta questi codec.

Quindi, per chi non è disposto a scendere a compromessi con la qualità del suono e possiede un sistema home theatre surround avanzato, il TrueHD sarà la scelta giusta.

D’altra parte, se il sistema non supporta il TrueHD, o se si vuole ignorare il piccolo vantaggio che il TrueHD porta con sé, anche il Digital Plus può andare bene.

Dopo tutto, anche se si tratta di un formato audio con perdita, il Dolby Digital Plus offre una qualità audio impressionante.

HDMI ARC e HDMI eARC: differenze ed utilizzo


Il fidato HDMI o “High-Definition Multimedia Interface” è il connettore digitale di riferimento per TV, proiettori e altre apparecchiature AV da oltre 15 anni. In questo arco di tempo si è evoluto fino a diventare la connessione all-in-one per eccellenza, che funge da condotto per vari formati video e audio, il che, purtroppo, richiede un numero ancora maggiore di acronimi.

L’HDMI ARC (Audio Return Channel) è un protocollo intelligente che fa parte dello standard HDMI e, in teoria, può aiutare a semplificare una configurazione AV complicata e a ridurre il numero di cavi necessari.

Ma qual è il suo scopo? E dove si colloca il più recente eARC in questo quadro?


Che cosa sono l’HDMI e l’HDMI ARC?


L’HDMI è stato lanciato nel 2002 e il primo kit di consumo dotato di questo connettore high-tech è arrivato nei negozi nel 2004.

È stato presentato come un modo conveniente per inviare immagini digitali di alta qualità e dati audio “a monte” da una sorgente a un televisore, un amplificatore o una soundbar. Poiché l’HDMI è diventato il collegamento AV di fatto, le prese analogiche tradizionali, come la SCART e il video a componenti, sono finite nel cestino.

L’interfaccia HDMI si è evoluta nel corso degli anni, con nuove versioni (HDMI 2.1 è la più recente) che hanno portato il supporto per nuove tecnologie audio e video come il 3D, il 4K, l’8K, l’HDR e l’high frame rate, solo per citarne alcune.

Solo nel 2009 è stato aggiunto alla scheda tecnica il protocollo HDMI ARC. È stato introdotto con la versione 1.4 di HDMI e da allora fa parte delle specifiche.

Avete un set-top box, una console di gioco e un lettore Blu-ray collegati al televisore tramite HDMI.

O forse la vostra smart TV utilizza un’applicazione video integrata come Netflix o Amazon Prime Video. In ogni caso, non volete utilizzare i diffusori del televisore per l’audio, ma preferite ascoltare tutto attraverso una soundbar o un amplificatore home cinema.

In precedenza, era necessario collegare un cavo ottico dal retro del televisore a un ingresso ottico del dispositivo audio.

Ma si tratta di una soluzione disordinata. In teoria, HDMI ARC risolve questo problema.

HDMI ARC elimina la necessità di un cavo ottico e consente di inviare l’audio “a valle” da una presa HDMI compatibile sul televisore a una presa HDMI ARC compatibile su una soundbar o un ricevitore AV.

Per sfruttare l’HDMI ARC, è necessario un televisore e un processore audio (ricevitore AV o soundbar) con prese HDMI compatibili con l’ARC.

Guardate sul retro del televisore: se contiene tre o quattro prese HDMI, dovete trovare quella con l’etichetta “(ARC)”. L’etichetta non è obbligatoria, ma se il televisore è un modello della fine del 2009 o più recente, dovrebbe essercene una a disposizione. Se non siete sicuri, consultate il manuale d’uso del televisore.

Con alcuni televisori, l’HDMI ARC potrebbe funzionare automaticamente. In caso contrario, è necessario prendere il telecomando e modificare alcune impostazioni del televisore, tra cui la disattivazione degli altoparlanti integrati e la possibilità di inviare l’audio a un altoparlante o amplificatore esterno.

L’uso di HDMI ARC non richiede un nuovo cavo HDMI. Qualsiasi cavo HDMI dovrebbe essere in grado di soddisfare i requisiti; è solo quando si passa all’eARC che questo potrebbe (potenzialmente) diventare un problema. Ma di questo parleremo più avanti.

Come parte del processo, dovreste considerare di abilitare l’HDMI CEC (Consumer Electronics Control), in modo da poter accendere il televisore e controllare il volume della soundbar o dell’amplificatore senza dover ricorrere a più telecomandi. Attenzione, però: l’attivazione dell’HDMI CEC può avere alcuni effetti collaterali indesiderati per l’AV, per cui è meglio sperimentare prima.

Siete preoccupati per i potenziali problemi di sincronizzazione labiale? L’HDMI v1.3, lanciato nel 2006, ha aggiunto la sincronizzazione audio automatica, sebbene fosse solo opzionale. Ciò significa che alcuni prodotti abilitati all’ARC funzioneranno bene insieme, mentre altri potrebbero non farlo.

Il problema principale dell’ARC nella sua veste attuale è che i produttori sono stati lasciati liberi di scegliere quali elementi del protocollo includere.

Il supporto per tutti i codec audio rilevanti non è obbligatorio, quindi non si può semplicemente presumere che un televisore sia in grado di inviare una colonna sonora 5.1 Dolby Digital o DTS da un film tramite ARC. Alcuni produttori di TV supportano solo il Dolby Digital, mentre altri supportano solo lo stereo a due canali, vanificando l’obiettivo.

Vale la pena notare che l’ARC non consente di eseguire il bitstreaming dei codec di alta qualità come Dolby TrueHD, Dolby Atmos, DTS-HD Master Audio o DTS:X che si trovano sui Blu-ray e sui Blu-ray 4K. Si limita a eliminare il flusso di dati 5.1 principale. Se si desidera questo livello di funzionalità, è necessario l’HDMI eARC.

L’ARC può tuttavia consentire di ricevere l’audio Dolby Atmos da servizi di streaming come Netflix, Disney Plus e Amazon Prime Video, poiché questi servizi incorporano il Dolby Atmos nel formato Dolby Digital Plus con perdita, che l’ARC può gestire.

Che cos’è l’HDMI eARC? Quali sono i vantaggi?


L’Enhanced Audio Return Channel (noto anche come eARC) è la nuova generazione di ARC. È una caratteristica implementata nella più recente specifica HDMI 2.1.

Il vantaggio principale dell’eARC è un notevole aumento della larghezza di banda e della velocità. Ciò consente di inviare audio di qualità superiore dal televisore a una soundbar o a un ricevitore AV.

L’eARC è in grado di fornire fino a 32 canali audio, compresi flussi di dati non compressi a otto canali, 24 bit/192 kHz, a una velocità massima di 38 Mbps.

Ciò significa che tutti i formati ad alta velocità di trasmissione attualmente disponibili sui dischi Blu-ray, sui Blu-ray 4K e su alcuni servizi di streaming – Dolby TrueHD, DTS-HD Master Audio e formati basati su oggetti come Dolby Atmos e DTS:X – saranno tutti compatibili.

Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC
Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC 1

Ma se i produttori decideranno di supportarli tutti dipenderà da loro.

Sulla carta, l’HDMI eARC rende molto più fluido l’handshake tra i dispositivi compatibili ed elimina la necessità di attivare l’HDMI CEC (che non sempre funziona correttamente), per cui il funzionamento di più prodotti non dovrebbe richiedere ulteriori passaggi per essere operativo.

Come nel caso dell’ARC, per il funzionamento del protocollo sono necessari due dispositivi con prese HDMI eARC compatibili. Anche se non è necessario che un dispositivo sia specificamente certificato HDMI 2.1, la certificazione HDMI 2.1 garantisce il supporto eARC.

LG è stato il primo produttore ad adottare il nuovo standard, producendo i primi televisori 4K con porte HDMI 2.1 nel 2019. Tutti i TV OLED 2022 di LG dispongono di un massimo di quattro porte HDMI 2.1, mentre Samsung ne offre una sulla maggior parte dei modelli e quattro sui suoi modelli di punta. Nel frattempo, anche gran parte delle gamme 2022 di Pansonic e Sony presentano un mix di porte.

Molti prodotti diversi dai televisori offrono anche la connettività eARC. Onkyo e Pioneer sono stati i primi a offrire aggiornamenti eARC su prodotti AV selezionati, come Onkyo TX-RZ830, Integra DRX-5.2, Pioneer SC-LX502 e Pioneer VSX-LX503.

Nel 2018 Denon ha lanciato i suoi primi sintoamplificatori AV compatibili con eARC e poi nel 2020 ha iniziato a rendere i suoi sintoamplificatori AV a prova di futuro con modelli come l’AVC-X3700H che offre HDMI 2.1 completo su uno dei suoi sette ingressi e due delle sue tre uscite, mentre gli otto ingressi e due delle sue tre uscite dell’AVC-X6700H sono certificati HDMI 2.1.

Sony ha rapidamente aggiornato le sue soundbar (HT-ST5000, HT-ZF9, HT-XF9000) e i suoi sintoamplificatori AV (STR-DH790, STR-DN1080), rendendoli compatibili con i modelli di TV Sony AF9 e ZF9 supportati da eARC.

Le recenti soundbar, come la gamma 2022 Dolby Atmos SQ di LG, la pluripremiata Sonos Arc e la gamma QA di Samsung, includono uscite HDMI 2.1 compatibili con eARC.

Ho bisogno di nuovi cavi HDMI per utilizzare l’eARC?


Secondo HDMI.org, se attualmente utilizzate un cavo HDMI standard con Ethernet o un cavo HDMI High-Speed con Ethernet, dovreste essere a posto. I cavi HDMI Ultra High-Speed con Ethernet funzionano sicuramente.

A causa della larghezza di banda extra necessaria per alcuni formati audio su eARC, è possibile che cavi molto vecchi possano avere problemi. Nel gennaio 2020 HDMI.org ha annunciato un programma di certificazione obbligatorio per garantire che qualsiasi cavo etichettato come Ultra High Speed supporti tutte le funzionalità di HDMI 2.1, compreso l’eARC.

L’eARC è compatibile con l’ARC?


Se il televisore è abilitato all’HDMI eARC, ma l’amplificatore AV o la soundbar sono compatibili solo con l’HDMI ARC, è probabile che si senta il suono, ma le limitazioni della larghezza di banda dell’ARC non consentono di sperimentare l’audio ad alta velocità di trasmissione che l’eARC può fornire. Quindi no, non è retrocompatibile.

Alcuni ricevitori AV e soundbar che non dispongono di chipset HDMI 2.1 possono essere aggiornati per supportare l’eARC, ma ciò varia a seconda dei produttori e dei prodotti. Dipende se utilizzano hardware compatibile in grado di accettare il necessario aggiornamento del firmware.

Il tempo ci dirà quanto sarà integrato l’eARC, ma sembra probabile che diventi onnipresente come lo è stato l’HDMI ARC.

HDMI ARC può inviare un segnale Dolby Atmos?


Il Dolby Atmos si sta rapidamente diffondendo nei diffusori di fascia alta e persino nelle soundbar (maggiori informazioni nella nostra guida). Ma se avete intenzione di utilizzare l’HDMI ARC per inviare l’audio dal vostro televisore, dovrete prima comprendere le limitazioni di Atmos e dell’HDMI ARC per un paio di motivi. Una domanda che ci si pone spesso è se HDMI ARC può inviare un segnale Dolby Atmos.

HDMI ARC PUÒ INVIARE DOLBY ATMOS CON IL CODEC AUDIO DOLBY DIGITAL PLUS.

È necessario assicurarsi che entrambi i dispositivi supportino HDMI ARC e che il televisore sia in grado di inviare Dolby Digital Plus, non solo Dolby Digital, attraverso HDMI ARC. In genere, queste informazioni si trovano nel manuale d’uso del televisore, alla voce codec audio supportati. Se entrambi i dispositivi supportano HDMI eARC, il Dolby Atmos è sicuramente supportato.

Il Dolby Atmos consente ai consumatori di accedere a un tipo di suono surround che un tempo era disponibile solo nei cinema. Questa tecnologia relativamente nuova può essere unica, ma presenta degli intoppi. Un problema si presenta quando si cerca di trasferire il pesante carico di dati da un dispositivo all’altro.

Come capire se il televisore supporta il Dolby Atmos


Scoprire se si dispone di un televisore in grado di supportare questa funzione può essere complicato. In generale, la maggior parte dei televisori prodotti dopo il 2017-2018 supporta il Dolby Digital Plus (Dolby Atmos compresso o con perdita) con HDMI ARC. Consultate il manuale d’uso perché potrebbe contenere informazioni utili a capire se il vostro televisore è compatibile. Guardate alla voce “Codec audio” e verificate se il Dolby Digital Plus è presente nell’elenco.

Una tv di qualche anno fa può quindi riprodurre il dolby atmos anche se ha solo l’hdmi Arc!

Dolby Atmos non è tecnicamente un codec audio, ma si basa comunque sui codec audio Dolby Digital Plus o Dolby TrueHD. Esiste una differenza tra questi due e solo uno è supportato dallo standard ARC. Il Dolby Digital Plus, ad esempio, è supportato dallo standard ARC ma comprime l’audio in formato lossy e non lossless. Il Dolby TrueHD, invece, è lossless ma non è supportato da HDMI ARC (ma è supportato da HDMI eARC).

Il mio caso : Smart Tv Samsung Q6FN 55″ del 2018 con HDMI ARC senza supporto al Dolby Atmos

Soluzione : SMART TV Q6FN + NVIDIA SHIELD PRO (Dolby Atmos) via HDMI ARC + SONOS BEAM GEN 2 (Dolby Atmos)

La differenza tra Dolby Digital Plus e Dolby TrueHD
Il Dolby Atmos utilizza il Dolby Digital Plus o il Dolby TrueHD per gestire l’audio vero e proprio, in un paio di modi diversi. Indipendentemente dalla modalità di gestione, questi codec audio presentano delle limitazioni, tra cui la quantità di larghezza di banda disponibile per il trasferimento dei dati. Questi due fattori determinano se il sistema deve comprimere l’audio o lasciarlo non compresso.

Lo standard HDMI ARC può supportare 1-3 Mbps di dati, mentre HDMI eARC può supportare fino a 37 Mbps.

Come si può notare, la differenza tra i due formati è notevole. Per questo motivo ARC può supportare solo il formato compresso con perdita di Dolby Digital Plus e solo eARC è in grado di gestire il Dolby TrueHD. Inoltre, vale la pena ricordare che esiste un modo per capire se si sta veramente ricevendo il suono Dolby Atmos, che analizzeremo nella sezione seguente.

Come capire se si sta ricevendo il suono Dolby Atmos


Una volta risolte tutte le connessioni, è necessario eseguire un test per verificare se la configurazione Atmos funziona. Questa operazione può essere un po’ più complicata di quanto si pensi. Quando il sistema non supporta Atmos, in genere l’audio viene upmixato a un suono surround 5.1 o 7.1. Questo significa che l’audio viene comunque riprodotto. In questo modo si ottiene comunque un’esperienza audio surround, ma non un’esperienza Dolby Atmos. Tenete presente che ci sono molte variabili che possono causare problemi. Affinché il Dolby Atmos funzioni con HDMI ARC, è necessario disporre di:

Un televisore che supporti il Dolby Digital Plus tramite HDMI ARC o che disponga di una porta HDMI eARC.
Una soundbar o un sistema AV che supporti il Dolby Atmos.
Un cavo HDMI in grado di supportare la larghezza di banda dei codec Dolby (che non dovrebbe essere un grosso problema).
Un servizio di streaming o un tipo di supporto che utilizza Dolby Atmos.


Se si trova un problema lungo il cavo, l’audio verrà trasmesso solo in surround. Se si sa cosa ascoltare, questo problema può essere facilmente individuato. Il Dolby Atmos ha un paio di caratteristiche che aiutano la tecnologia a distinguersi e a essere facilmente identificata da un orecchio attento. Ascoltate i seguenti elementi:

Suono proveniente dall’alto – Questo è uno dei tratti distintivi del Dolby Atmos: i diffusori che sparano verso l’alto o il soffitto danno l’impressione che l’audio provenga direttamente dall’alto.
I suoni si muovono nella stanza – Poiché Atmos non fissa i suoni su un solo canale, è possibile progettarli in modo che si muovano nella stanza come fa il suono naturale, ma non solo da un lato all’altro.
Se non siete ancora sicuri di ricevere il suono Atmos, potete sempre controllare la vostra soundbar o il vostro ricevitore AV. Il più delle volte, infatti, visualizzano il canale audio su cui si trovano. In questo caso, dovrebbe esserci scritto “Dolb

Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC
hdmi arc vs earc

HDMI

In generale, i connettori HDMI si distinguono tra gli altri tipi di connettori e terminali cablati per la qualità, la larghezza di banda e la velocità dei segnali A/V che sono in grado di trasportare. Da quando i primi prodotti HDMI sono stati lanciati nel 2002, ci sono state numerose revisioni e iterazioni ufficiali dello standard HDMI, ognuna delle quali ha fornito il proprio set aggiornato di specifiche del connettore HDMI.

Ad oggi, le principali revisioni HDMI sono state:

Versione HDMI (anno di rilascio)

  • HDMI 1.0 (2002)
  • HDMI 1.1 (2004)
  • HDMI 1.2 e 1.2a (2005)
  • HDMI 1.3 (2006)
  • HDMI 1.4, 1.4a e 1.4b (2009, 2010, 2011)
  • HDMI 2.0, 2.0a e 2.0b (noto anche come HDMI UHD) (2013, 2015, 2016)
  • HDMI 2.1 (2017)

In generale, ciascuna di queste revisioni ha fornito espansioni successive in termini di funzionalità e prestazioni complessive, quindi le specifiche del connettore HDMI universale si sono costantemente evolute nel corso della durata del formato fino ad oggi.

La versione 1.2 (2005), ad esempio, ha ampliato la gamma di risoluzioni e frequenze di aggiornamento supportate da HDMI, in un tentativo riuscito di rendere popolare il formato tra i possessori di computer. La versione 1.4 (2009-2011) ha aggiunto il supporto per i segnali 4K e la connettività Ethernet condivisa tra i dispositivi, mentre la versione 2.0 (2013-2016) ha notevolmente migliorato sia la larghezza di banda video che la frequenza di campionamento audio, consentendo lo streaming simultaneo di immagini HDR e la sincronizzazione audio-video dinamica .

Attualmente sono disponibili cinque tipi di connettori standard per i cavi HDMI, vale a dire:

Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC
Dolby Digital Plus vs Dolby TrueHD : differenze, Dolby Atmos e HDMI Arc vs eARC 2
    • Tipo A (di serie)
    • Tipo B (doppio collegamento – attualmente non utilizzato in nessun prodotto di consumo tradizionale)
    • Tipo C (mini)
    • Tipo D (micro)
    • Tipo E (l’Automotive Connection System, sviluppato principalmente per l’uso all’interno dei veicoli)

Questi vari tipi di connettori per cavi HDMI sono abbastanza facili da identificare fisicamente, a causa delle loro dimensioni notevolmente diverse. Tuttavia, se non si ha familiarità con gli schemi di denominazione per i sottotipi HDMI, la gamma di opzioni disponibili può sembrare un po’ confusa a prima vista. Siate certi che, per la stragrande maggioranza delle applicazioni domestiche e di lavoro, i connettori HDMI di tipo A, C e D (standard, mini e micro) saranno le uniche versioni di cui generalmente avrete bisogno.y Atmos” o “Atmos”.

Ultimo aggiornamento 2022-11-28 at 12:15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API
In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.