ASUS OLED Laptop

Questa è la serie mainstream Asus VivoBook Pro 15 pollici, il portatile medio di Asus per tutti gli usi nella nicchia di prezzo sotto i 1000 euro, pensato per il multitasking quotidiano, le attività scolastiche/lavorative, e anche qualche gioco leggero.

Si tratta di un design bello e ben costruito con buoni ingressi e IO e un hardware buono in questa variante AMD qui testata, accoppiato con una grande batteria e un display OLED con colori incisivi, contrasto eccellente e buona luminosità. Tutto questo parte da circa 700 euro per le configurazioni di base qui in Europa.

Asus offre la serie VivoBook Pro 15 in un paio di configurazioni diverse, e questa qui è la sottoserie Pro 15 M3500 basata su AMD. La nostra unità di prova è il modello M3500QC che accoppia un processore AMD Ryzen 7 5800H con 16 GB di RAM e una dGPU Nvidia RTX 3050, ma discuteremo anche le varianti M3500QA in questo articolo, che girano su processori Ryzen 5 5600H o Ryzen 7 5800H con iGPU Raden Vega, così come la configurazione top Ryzen 9 5900HX, nel caso stiate considerando una di queste.

ASUS VivoBook 15 OLED recensione completa
ASUS VivoBook 15 OLED recensione completa

Tratteremo anche la serie VivoBook Pro 15 basata su Intel in un articolo separato, ma per ora, scopriamo cos’è questo modello AMD.
Specifiche come recensito – Asus VivoBook Pro 15 OLED M3500
Modelli Asus VivoBook Pro 15 M3500QC e M3500QA
Schermo 15.6 pollici, FHD 1920 x 1080 px, 60 Hz, OLED, lucido, non-touch, 400-nits, pannello Samsung SDC4161
Opzione IPS antiriflesso disponibile anche
Processore AMD Ryzen 7 5800H, 8C/16T
Video AMD Radeon Vega – su Pro 15 M3500QA
AMD Radeon Vega + Nvidia GeForce GTX 3050 4GB (35-50W) – su Pro 15 M3500QA
Memoria 16 GB DDR4-3200 (saldata), fino a 16 GB
Storage 1x M.2 PCIe x4 SSD (Samsung PM9A1), singolo slot M.2 2280
Connettività Wireless 6 (Mediatek MT7921), Bluetooth 5.0
Porte 2x USB-A 3.1 gen1, 1x USB-A 2.0, 1x USB-C gen1 con dati, HDMI 1.4b, lettore di schede microSD, jack audio
Batteria 63 Wh, caricabatterie da 120W con ricarica rapida
Dimensioni 360 mm o 14.19″ (w) x 235 mm o 9.26″ (d) x 19.9 mm o 0.78″ (h)
Peso 3.7 lbs (1.68 kg)+ .45 kg (1 lbs) per il caricatore+cavi, versione EU
Extra Tastiera bianca retroilluminata, webcam HD con otturatore per la privacy, altoparlanti stereo inferiori, sensore per le dita nel pulsante di accensione

Giusto per chiarire le cose, ci sono due varianti principali di questo portatile disponibili nei negozi:

Asus VivoBook Pro 15 M3500QC – configurazione di livello superiore con Ryzen 7 5800H/Ryzen 9 5900HX, 16 GB di RAM e grafica RTX 3050;


Asus VivoBook Pro 15 M3500QA – modelli di livello base con processori Ryzen 5 5600H o Ryzen 7 5800H e solo grafica Radeon Vega.

Ci sono anche varianti da 14 pollici di questi portatili, la serie VivoBook Pro 14 M3400 con hardware AMD, fino alla grafica GTX 1650, e schermi OLED/IPS.

asus vivobook oled recensione
asus vivobook design costruzione


Design e costruzione VivoBook Pro 15

Questa serie VivoBook Pro 15 è un design equilibrato di medio livello che controlla la maggior parte delle caselle giuste, senza eccellere in nessun aspetto particolare.

È di dimensioni medie, come si può dire dalle cornici intorno al display 16:9, e questo lascia spazio per una tastiera completa e un clickpad, così come un clickpad spazioso. Non è anche il più sottile dei portatili, con i suoi 20 mm di spessore, il che lascia spazio all’interno per gli interni, il modulo termico, e una batteria di discrete dimensioni, così come lo spazio sui lati per una discreta selezione di porte.

È anche costruito abbastanza bene, con uno spesso pezzo di alluminio usato per il coperchio, ma la plastica per lo chassis principale, la parte inferiore e le cornici. I materiali hanno una finitura opaca e si sentono gripposi al tatto, così come sembrano abbastanza robusti e non si flettono in modo evidente. Ancora, questo non è un design premium con qualsiasi mezzo.

Sembra a posto, però, con un’estetica pulita e un marchio minimo. Assicuratevi solo di staccare tutti quegli adesivi sul bracciolo. Asus offre questa serie in due varianti di colore, Quiet Blue – il più scuro che abbiamo qui, e Cool Silver, con un interno argentato, tasti argentati e coperchio bianco. Quest’ultima variante fa un lavoro migliore nel nascondere le sbavature e l’olio delle dita, ma i tasti bianchi argentati non sono i miei preferiti, e nel complesso mi atterrei alla versione blu raffigurata qui.

Tutto questo fa sì che il VivoBook Pro 15 sia un notebook abbastanza leggero, a 3,7 libbre/1,7 chili in questa configurazione, e ancora meno per i modelli QA che mancano della dGPU Nvidia. Come ho già detto, questo è un portatile ben bilanciato e portatile per tutti i giorni.

Funzionalmente, i piedini di gomma sul fondo assicurano una buona presa sulla scrivania e lo schermo può essere facilmente regolato con una sola mano. Anche le cerniere sono abbastanza rigide, ma permettono al display di andare indietro solo fino a circa 130 gradi, il che può essere limitante in alcuni casi.

Mi piace che Asus abbia spinto i LED di stato fuori dalla vista sul bordo e che non ci sia più la luce nel pulsante di accensione, che invece include un sensore per le dita. Apprezzo anche le labbra e gli angoli smussati, che altrimenti sarebbero stati scomodi ai polsi su questo tipo di design più alto.

L’IO è per lo più OK, ma non proprio al passo con le aspettative di oggi. Ci sono 3 slot USB-A su questo portatile, una porta HDMI full-size, una USB-C e un jack audio. Tuttavia, la maggior parte di questi sono posizionati sul lato destro, il che significa che i cavi potrebbero ingombrare l’area del mouse quando si collegano le periferiche. Inoltre, la porta HDMI è solo la 1.4b e la porta USB-C è gen1 e solo dati, senza video o ricarica. In confronto, le varianti Intel di questo portatile hanno una USB-C con Thunderbolt 4, video e ricarica.

Infine, devo menzionare che il design termico di questo portatile mette ancora gli scarichi sotto la fame e sotto lo schermo, il che significa che parte dell’aria calda soffia nel display. Tuttavia, come vedrete nei nostri test qui sotto, questa caratteristica del design è meno di un problema su questo VivoBook Pro, in quanto la cerniera è specificamente realizzata per deviare la maggior parte dell’aria verso il basso e la parte posteriore del portatile, lontano dall’utente e dal display.

Tutto sommato, sono d’accordo con il design e l’ergonomia di questa serie VivoBook Pro 15 nella sua fascia di prezzo, dove tutte le altre alternative scendono a compromessi in un modo o nell’altro. Vorrei che Asus avesse offerto una porta USB-C gen2 qui e un lettore di schede SD full-size, credo che questi sarebbero stati importanti per il target demografico di questa serie.

asus vivobook pc portatile con schermo oled opinioni
asus vivobook pc portatile con schermo oled opinioni


Tastiera e trackpad VivoBook Pro 15

La tastiera di questo VivoBook Pro 15 è identica a quella del VivoBook Pro 16X recensito solo poche settimane fa.

Il layout è OK. La maggior parte dei tasti sono correttamente dimensionati e distanziati, ma la sezione NumPad è fatta di keycaps più stretti e le frecce sono schiacciate insieme. Per quanto riguarda le funzioni Home/End/PgUp/PgDn, queste sono entrambe bloccate come secondarie per i tasti freccia, ma anche secondarie per alcuni dei tasti della sezione NumPad.

Asus VivoBook Pro 15 – porte

Il feedback e l’esperienza di digitazione sono abbastanza buoni qui, e la maggior parte dovrebbe trovare questa tastiera affidabile e buona nel complesso. Avendo trascorso le ultime settimane con questa tastiera, ora penso che sia una delle migliori dattilografe in questa classe di prezzo, con attuazioni veloci, feedback affidabile, e il giusto tipo di profondità di battitura per il mio stile di digitazione.

VEDI :   Migliori Notebook 300 euro (Giugno 2022)

Il sistema di illuminazione è bianco, con 3 livelli di luminosità tra cui scegliere, un indicatore Caps Lock dedicato e la possibilità di riattivare l’illuminazione passando le dita sul clickpad quando si spegne. Un bel po’ di luce esce ancora da sotto i cappucci dei tasti, però.

Poiché questo VivoBook Pro 15 è la variante di colore più scuro disponibile, viene fornito con questi tasti neri che forniscono un eccellente contrasto con l’illuminazione bianca. Tuttavia, la variante argento di questo portatile ha la stessa tastiera argento che abbiamo testato sul VivoBook Pro 16X, che è ancora utilizzabile, ma non offre lo stesso tipo di contrasto e leggibilità.

Per il mouse, Asus ha messo un ampio clickpad su questa linea VivoBook Pro 15, centrato sul bracciolo. E’ fatto di plastica, ma è comunque piacevole al tatto e si comporta bene con le strisciate, i gesti e i colpetti.

La superficie è un po’ fragile e sferraglia con tocchi più decisi nella metà inferiore, più i clic fisici sono un po’ goffi, ma nel complesso questo clickpad è adeguato per questo segmento di fascia media.

Infine, per la biometria, c’è un sensore per le dita nel pulsante di accensione, ma nessuna fotocamera IR.

ASUS OLED Laptop
ASUS OLED Laptop


Schermo VivoBook Pro 15 – FHD OLED

Asus offre due opzioni di schermo 16:9 per la serie VivoBook Pro 15, un pannello IPS opaco e un pannello OLED lucido, entrambi con risoluzione FHD e non touch.

La nostra configurazione è il pannello OLED, prodotto da Samsung. Offre 400-nits di luminosità, neri eccellenti e contrasto, e il 100% di copertura del colore DCI-P3, il che significa che è un bel display pungente per l’uso quotidiano e il lavoro creativo che richiede una maggiore gamma di colori.

Ecco cosa abbiamo ottenuto nei nostri test, con un sensore X-Rite i1 Display Pro:

Pannello HardwareID: Samsung SDC4161 (ATNA56YX03-0);
Copertura: 100% sRGB, 98,1% Adobe RGB, 99,9% DCI-P3;
Gamma misurata: 2.27;
Luminosità massima al centro dello schermo: 391.24 cd/m2 al potere;
Luminosità minima al centro dello schermo: 1.77 cd/m2 a potenza;
Contrasto alla massima luminosità: 1:1;
Punto di bianco: 6400 K;
Nero alla massima luminosità: 0 cd/m2;
Tempo di risposta: ~3 ms;
PWM: Sì, con una luminosità inferiore al 60% (per NBC).

Il pannello viene fornito con una convalida Pantone, ed è molto ben calibrato fuori dalla scatola. Non abbiamo anche notato alcuna variazione significativa di colore o di luminosità, e dal momento che si tratta di OLED, non c’è naturalmente alcuna emorragia di luce sulle superfici scure.

400 nit di luminosità di picco e con una finitura lucida, in ambienti luminosi. Inoltre, questo pannello ha usato PWM a 60Hz sotto il 60% di luminosità (fonte), il tipo che quelli di voi sensibili al flickering noteranno con l’uso quotidiano, e il tipo che sono stato in grado di distinguere io stesso. Non c’è sfarfallio sopra il 60% di luminosità, però.

Per quanto riguarda il gioco, il tempo di risposta è eccellente per questo tipo di pannelli OLED, ma allo stesso tempo questo schermo è solo 60 Hz e manca di una sorta di tecnologia Sync, quindi non sarà così adatto ai giochi come le opzioni IPS più veloci disponibili nei modelli da gioco dedicati.

E poi, c’è molto da discutere sui pro e i contro dei pannelli OLED sui portatili. Questo è un argomento per un articolo più specifico, ma dovreste comunque ricercare e capire i vantaggi (neri, contrasto, colori, basse emissioni di luce blu, ecc) e i potenziali colpevoli (come lo sfarfallio, black crush, gray banding, o anche burn-in in una certa misura) dei portatili OLED prima di decidere se sono la strada da seguire per voi o no.

OLED a parte, Asus offre anche una più tradizionale opzione di pannello FHD IPS per questa serie, con 400 nits di luminosità e solo il 100% di copertura del colore sRGB. Questo è per lo più disponibile con le configurazioni di livello inferiore, e mentre non è così vibrante o ricco come l’OLED, è opaco e potrebbe essere un’opzione più senza preoccupazioni per un uso a lungo termine.

Asus Vivobook Display OLED
Asus Vivobook Display OLED


Hardware e prestazioni VivoBook Pro 15

Il nostro modello di test è una variante più alta del VivoBook Pro 15 M3500 costruita su un processore AMD Ryzen 7 5800 8C/16T con grafica Radeon Vega, accoppiato con una dGPU Nvidia RTX 3050 35-50W, 16 GB di memoria DDR4-3200 MHz e 1 TB di memoria SSD veloce.

Quello che abbiamo qui è un campione Media Review fornito da Asus, identico alle unità retail che potete trovare nei negozi. Lo abbiamo testato con il software disponibile all’inizio di novembre 2021 (BIOS 301, app MyAsus 3.0.29.0, Nvidia Studio Driver 472.69). Alcuni aspetti potrebbero cambiare con future modifiche al software.

A livello di specifiche, questo è costruito su una piattaforma AMD Ryzen full-power, con il processore mainstream Ryzen 7 5800H nella nostra configurazione. Asus implementa vari profili di alimentazione su questo portatile, permettendo alla CPU di funzionare fino a 54W sostenuti. Questo non è così potente come nelle implementazioni più spesse, ma ancora molto capace per un telaio portatile di fascia media. Sono disponibili anche le configurazioni Ryzen 5 5600H e Ryzen 9 5900HX.

Per la GPU, questa configurazione M3500QC è dotata di un chip Nvidia RTX 3050, con un TGP di 35W e fino a 50W con Dynamic Boost. Questa è l’opzione dGPU di fascia alta disponibile per questa serie, e sono disponibili anche configurazioni con la sola grafica Vega.

La memoria è saldata sulla scheda madre, quindi non aggiornabile. Asus offre configurazioni da 8 o 16 GB, tutte con memoria DDR4-3200, quindi assicuratevi di ottenere quella che si adatta alle vostre esigenze fin dall’inizio, poiché non c’è modo di aggiungere altro in seguito.

Per l’archiviazione, c’è solo un singolo slot M.2 2280 all’interno, quindi non è possibile aggiungere un’unità secondaria quando sarete a corto di spazio. Il nostro modello è arrivato con un’unità Samsung molto veloce.

L’SSD e il chip WiFi sono gli unici componenti aggiornabili, e accedervi è un compito semplice, che richiede di rimuovere il pannello posteriore che è tenuto in posizione da un paio di viti Torx, tutte chiaramente visibili.

Il portatile può essere controllato attraverso l’app MyAsus, che offre accesso a profili di alimentazione, impostazioni della batteria, profili dello schermo e così via. Ci sono tre profili tra cui scegliere: Performance, Standard e Whisper, ognuno dei quali ha un impatto sulla quantità di energia assegnata alla CPU e alla GPU, e sulla velocità delle ventole.

Ho tenuto il portatile per lo più su Standard con l’uso quotidiano e carichi esigenti, e ho spinto solo su Performance per i benchmark, carichi esigenti e giochi.

Passando a compiti più impegnativi, iniziamo a testare le prestazioni della CPU eseguendo il benchmark Cinebench R15 per 15+ volte in un ciclo, con 2-3 secondi di ritardo tra ogni esecuzione.

In modalità Performance, il processore Ryzen 7 gira a 60+ W per un po’ e si stabilizza rapidamente a ~54W di potenza sostenuta in questa modalità, con velocità di clock di ~3.5 GHz, e temperature di ~90 gradi Celsius. La potenza è il fattore limitante qui, dato che le temperature vanno bene anche con le ventole che si alzano solo a 42-43 dB a livello della testa, più silenziose che sul VivoBook Pro 16X testato qualche settimana fa. Così com’è, questa implementazione Ryzen 7 5800H funziona all’85-90% del suo massimo potenziale in un’implementazione illimitata, che non è affatto male per un design di fascia media.

Passare alla modalità Standard limita le ventole a circa 37-38 dB. In questo caso, la CPU si assesta rapidamente a circa 35W di potenza sostenuta, con temperature intorno ai 70°. Anche le prestazioni scendono di circa il 20% rispetto al profilo precedente.

La modalità Whisper limita il rumore ancora di più, ma limita anche la CPU a 25W, causando una significativa diminuzione delle prestazioni.

Infine, il portatile funziona a ~30 W di potenza quando è scollegato, in modalità Performance. Tutti questi risultati sono dettagliati nel grafico e nei log qui sotto.

Per metterli in prospettiva, ecco come questo Ryzen 7 5800H si confronta con altri ultraportatili di fascia media da 14 e 15 pollici in questo test, sia AMD che Intel. Niente male.

Abbiamo anche eseguito il test del profilo CPU 3DMark, dove il Ryzen 7 5800H in questo telaio ancora una volta rientra nel 10-15% delle implementazioni full-size più robuste.

VEDI :   10 Migliori Notebook sui 600 euro di Giugno 2022

Poi siamo andati avanti e abbiamo verificato ulteriormente i nostri risultati con il più impegnativo test Cinebench R23 loop e il raccapricciante Prime 95.

Abbiamo anche eseguito i nostri stress test combinati CPU+GPU su questo notebook. 3DMark stress esegue lo stesso test per 20 volte in un ciclo e cerca la variazione e la degradazione delle prestazioni nel tempo, e questa unità lo ha superato, il che suggerisce che non ci sono perdite significative di prestazioni che potrebbero essere causate dal throttling termico su questo portatile.

Poi, ecco alcuni risultati di benchmark. Abbiamo eseguito l’intera suite di test e benchmark sul profilo Performance alla risoluzione nativa FHD dello schermo. Ecco cosa abbiamo ottenuto.

3DMark 13 – Fire Strike: 10834 (Grafica – 11780, Fisica – 24109, Combinata – 4462);
3DMark 13 – Port Royal: 417;
3DMark 13 – Time Spy: 4841 (Grafica – 4490, CPU – 8712);
Uniengine Superposition – 1080p Medium: 8380;
Uniengine Superposition – 1080p Extreme: 2618;
Handbrake 1.3.3 (codifica da 4K a 1080p): 36,71 fps medi;
PassMark10: Valutazione: 4838 (punteggio CPU: 21718, punteggio grafica 3D: 8797, punteggio disco: 26913);
PCMark 10: 6285 (Essentials – 10481, Productivity – 8906, Digital Content Creation – 7220);
GeekBench 5.0.1 64-bit: Single-Core: 1450, Multi-core: 7234;
CineBench R15 (migliore esecuzione): CPU 1858 cb, CPU Single Core 225 cb;
CineBench R20 (migliore esecuzione): CPU 4629 cb, CPU Single Core 515 cb;
CineBench R23 (migliore esecuzione): CPU 11855 cb, CPU Single Core 1412 cb;
x265 HD Benchmark 64-bit: 31.44 s.

Abbiamo anche eseguito alcuni carichi relativi a Workstation su questa configurazione Ryzen 7 + RTX 3050, sul profilo Performance:

Blender 2.93.1 – BMW Car scene- CPU Compute: 3m 35s (Performance);
Blender 2.93.1 – BMW Car scene- GPU Compute: 1m 19s (CUDA), 50s (Optix);
Blender 2.93.1 – Scena aula – CPU Compute: 9m 17s (Performance);
Blender 2.93.1 – Scena in aula – GPU Compute: 6m 2s (CUDA), 2m 48s (Optix);
Pugetbench – Davinci Resolve: 770 punti;
Pugetbench – Adobe After Effects: 611 punti;
Pugetbench – Adobe Photoshop: 696 punti;
Pugetbench – Adobe Premiere: 454 punti;
SPECviewerf 2020 – 3DSMax: 51.19 (Performance);
SPECviewerf 2020 – Catia: 30,75 (prestazioni);
SPECviewerf 2020 – Creo: 60.49 (Prestazioni);
SPECviewerf 2020 – Energy: 9,8 (Prestazioni);
SPECviewerf 2020 – Maya: 156,73 (Prestazioni);
SPECviewerf 2020 – Medical: 14,83 (Prestazioni);
SPECviewerf 2020 – SNX: 11.48 (Prestazioni);
SPECviewerf 2020 – SW: 95.34 (Prestazioni);
Benchmark V-Ray 5: CPU – 8180 vsamples, GPU CUDA – 456 vpaths.

Sul lato CPU, il Ryzen 7 5800H è un discreto performer nei carichi single-core e IPS, ed eccelle nei test multi-core, segnando entro il 5-25% delle implementazioni full-size dello stesso processore con un raffreddamento più complesso. La potenza è il fattore limitante qui, dato che questo portatile permette al Ryzen 7 di funzionare solo a 54 Wh sostenuti, e non più in alto. Il divario diventa più ampio nei carichi di più lunga durata, come Handbrake, X265, o Blender, dove il TDP sostenuto più basso entra in gioco.

asus vivobook qualità schermo oled
asus vivobook qualità schermo oled

La GPU funziona come ci si aspetta da questo tipo di chip dedicato entry-level.

Sorprendentemente, questo portatile ha anche funzionato piuttosto silenziosamente in modalità Performance, con le ventole che di solito hanno una media di 42-43 dB a livello della testa, e solo occasionalmente arrivano a 47-48 dB per brevi momenti. In confronto, la stessa piattaforma ha funzionato ad una costante di 46-47 dB nel VivoBook Pro 14X testato qualche tempo fa. Si può ancora optare per il profilo Standard ancora più silenzioso, che abbassa il rumore della ventola nei 37-40 dB con i vari carichi.

Nel complesso, questo VivoBook Pro 15 M3500QC è un competente all-around performer nel suo segmento.


Pro 15 M3500QA – solo Vega

Alcuni di voi potrebbero considerare le varianti M3500QA di questo portatile rispetto alle QC. Quelle scaricano la dGPU RTX 3050 e si affidano esclusivamente alla grafica integrata Radeon Vega.

Per i test, abbiamo disabilitato il chip Nvidia sul nostro campione e abbiamo ripetuto i test sul chip Vega, per avere un quadro generale di cosa aspettarsi da queste configurazioni QA. Tenete a mente che questi risultati potrebbero anche migliorare su quei modelli QC al dettaglio, in quanto quelli beneficerebbero di driver e software meglio ottimizzati per quelle configurazioni specifiche.

Tuttavia, ecco cosa abbiamo ottenuto su questa ipotetica configurazione Ryzen 7 5800H + 16 GB di RAM + Vega 8:

3DMark 13 – Fire Strike: 3479 (grafica – 3773, fisica – 23379, combinato – 1217);
3DMark 13 – Time Spy: 1391 (Grafica – 1219, CPU – 7079);
Uniengine Superposition – 1080p Medium: 2253;
Uniengine Superposition – 1080p Extreme: 706;
PCMark 10: 6384 (Essentials – 10878 , Productivity – 9579 , Digital Content Creation – 6779).

Pugetbench – Adobe Photoshop: 689 punti;
Pugetbench – Adobe Premiere: 182 punti;

Le prestazioni della CPU non sono significativamente diverse su questa configurazione AMD-only, ma le prestazioni della GPU sono solo il 30-35% di quello che il portatile può fare con la RTX 3050 dGPU. Questo ha un impatto sulle prestazioni in qualsiasi tipo di carico che utilizza la GPU, dal software di creazione di contenuti digitali ai giochi.

Dovrei anche menzionare che sono disponibili anche configurazioni Ryzen 5 5600H di questo portatile. Il 5600H è un chip da 6C/12T e con un clock inferiore, quindi avrà prestazioni più lente del 5-20% rispetto al Ryzen 7 nei carichi della CPU. Attenzione che queste configurazioni potrebbero essere disponibili solo con 8 GB di RAM, che potrebbe anche avere un impatto su ciò che il portatile può fare in certi progetti di lavoro/scuola.

All’altra estremità, un’opzione CPU Ryzen 9 5900HX è disponibile anche per le configurazioni VivoBook Pro 15 M3500QC. Aspettatevi che questi modelli ottengano un punteggio del 2-7% più alto nei carichi della CPU rispetto alla variante Ryzen 7 5800H testata qui, con risultati simili nei carichi combinati e GPU.

ASUS Vivobook 15 OLED gaming
ASUS Vivobook 15 OLED gaming


Prestazioni di gioco VivoBook Pro 15

Anche se questo VivoBook Pro 15 non è principalmente un portatile da gioco, guardiamo comunque come questa configurazione Ryzen 7 + 16 GB di RAM + 3050 si comporta nei giochi.

Per cominciare, abbiamo eseguito i test su impostazioni Ultra su risoluzione FHD, con il portatile impostato sul profilo Performance. Abbiamo anche inserito la configurazione 3050Ti del Vivobook Pro 14X e le configurazioni 3050 del VivoBook Pro 15 e 16X basato su Intel, per un confronto.

Proprio come nei benchmark della GPU, questo VivoBook Pro 15 si comporta bene e finisce per essere competitivo contro altre configurazioni simili nella sua classe. Eppure, se dovete eseguire giochi su questo, vi consiglio di ridurre questi dettagli.

Ecco cosa abbiamo ottenuto con impostazioni medie alla risoluzione FHD.
Impostazioni medie,

Ho anche incluso sopra la variante Intel del Pro 15, e non ci sono quasi differenze significative tra i due, ma vale la pena notare che il modello AMD vince nella maggior parte dei giochi, anche se con un margine minimo. Mi aspettavo in qualche modo che i clock più alti e l’IPC della piattaforma Intel la spingessero leggermente avanti nei giochi, ma non è il caso di questi dispositivi.

Per quanto riguarda le prestazioni, questo portatile funziona a 42-43 dB a livello della testa e una potenza combinata CPU+GPU di circa 70 W. Le prestazioni sono costanti e non degradano nel tempo, e le temperature interne di CPU/GPU sono a posto nella maggior parte dei giochi.

Tuttavia, non tutti i titoli scalano con il Dynamic Boost 2.0; Far Cry 5 è un esempio che fa funzionare la CPU a 35W e la GPU a 35W, il che fa sì che la CPU si scaldi più che in altri titoli. Questo perché il design termico di questo portatile favorisce il lato GPU e funziona meglio quando la potenza viene spostata dalla CPU alla GPU, come nei nostri test di gioco di Witcher 3 e Mordor.

Sollevare il portatile dalla scrivania può aiutare a liberarsi di alcuni gradi, permettendo un migliore flusso d’aria nelle ventole. Non è richiesto nella maggior parte dei titoli, ma fa una differenza notevole nello sbilanciato Far Cry 5.

Si dovrebbe anche considerare l’esecuzione di giochi sul profilo Standard su questo portatile, che abbassa leggermente la potenza della piattaforma combinata e le ventole a 39-40 dB a livello della testa, per un calo delle prestazioni fino al 10%.

A parte questo, è possibile giocare su questo VivoBook Pro con la batteria, dato che in questo caso fornisce ancora 30W di potenza alla GPU.

VEDI :   Test Asus VivoBook Pro 14X OLED Recensione

Un ultimo aspetto da toccare è la performance di gioco su grafica Radeon Vega, per le configurazioni VivoBook Pro 15 M3500QA.

Queste si comportano bene all’interno delle capacità della piattaforma, come mostrato in questi registri qui sotto, ma non aspettatevi di eseguire più di vecchi titoli a risoluzione FHD con impostazioni basse qui. Si dovrebbe passare attraverso questo articolo per un quadro migliore del tipo di esperienza di gioco che ci si può aspettare da una configurazione Ryzen 7 5800H di media potenza.


Rumore, calore, connettività, altoparlanti VivoBook Pro 15

Asus ha scelto un modulo termico a doppia ventola e doppio tubo di calore, più complesso che sui VivoBooks regolari del passato, e identico al sistema testato nel VivoBook Pro Pro 16X, con tubi di calore più lunghi e una ventola/radiatore più grande sul lato GPU, che aiutano a mantenere le temperature sotto controllo sotto carico, come spiegato nella sezione precedente.

L’aria fresca entra dal basso con questo design, attraverso le prese aperte sopra le ventole e le heatpipes, e l’aria calda viene spinta fuori attraverso le prese d’aria nascoste sotto la cerniera. La cerniera di plastica è progettata per dividere l’aria calda, mandandone la maggior parte verso il basso e la parte posteriore e lontano dall’utente, e solo una parte nello schermo, come potete vedere dalle nostre letture termiche qui sotto.

A differenza del Pro 16X, le ventole hanno una media di 42-43 dB sul profilo Performance di questo modello VivoBook Pro 15, che è sul lato più tranquillo per un portatile di questo tipo. Per quello che vale, però, altre recensioni menzionano fino a 48 dB su Performance, ma nel mio caso, solo il modello Intel è arrivato a 48 dB, mentre il modello AMD ha fatto una media di circa 43 dB a livello della testa nella maggior parte dei casi, con il BIOS e i fiumi disponibili a partire dal 2021.

Il profilo Standard è più silenzioso, a 39-40 dB, con un leggero pedaggio sulle prestazioni, ma potrebbe valere la pena considerarlo per un’esperienza molto più silenziosa.

Le ventole riposano al minimo con un uso leggero della batteria e a malapena si accendono con il multitasking quotidiano mentre sono collegate. Non ho anche notato alcun fruscio della bobina o rumori elettronici sul nostro campione, ma assicuratevi di testarli sul vostro.

Per quanto riguarda le temperature esterne, nessuna lamentela, né con l’uso quotidiano, con il raffreddamento prevalentemente passivo, né con carichi e giochi impegnativi. Lo chassis rimane sotto i 40 gradi Celsius, con piccoli punti caldi intorno ai radiatori, a sinistra dei tasti freccia, e sopra le heatpipes, sul lato inferiore. Parte dell’aria calda viene spinta nello schermo, ma la maggior parte di essa viene assorbita dalla cerniera e dalla cornice di plastica, così il pannello raggiunge solo temperature intorno ai 30 gradi, il che non porterà a spiacevoli sorprese lungo la strada.

*Uso quotidiano – modalità standard – streaming di Netflix in EDGE per 30 minuti, ventole a 0-35 dB
*Gaming – Modalità Performance – giocando a Far Cry 5 per 30 minuti, ventole a 43-44 dB

Il gioco sulle versioni VivoBook Pro 15 M3500QA solo Vega di questo portatile si traduce in temperature complessive dello chassis leggermente inferiori, con il punto più caldo vicino ai tasti freccia in questo caso.

In tutta onestà, però, il QA potrebbe avere un design termico leggermente più basilare rispetto al QC testato qui, quindi prendete queste letture con un grano di sale.

WIFI VivoBook Pro 15

Per la connettività, c’è l’ultima generazione di WiFi 6 e Bluetooth 5 attraverso un modulo Mediatek su questo portatile, e non i chip Intel disponibili sulle varianti Pro 14X/16X. Si è comunque comportato bene con la nostra configurazione.

L’audio è gestito da una serie di altoparlanti stereo che sparano attraverso griglie poste sul fondo del portatile, sui lati. Possono essere facilmente smorzate quando si usa il portatile sulle ginocchia o su una coperta, quindi fate attenzione.

Asus ha implementato degli altoparlanti di grandi dimensioni su questa serie, e sicuramente sono incisivi fino a 80 dB a livello della testa, ma la qualità è ancora solo discreta e manca ancora di bassi. Nel complesso, il suono è forse un po’ migliorato rispetto agli altri portatili VivoBook, ma mi aspettavo molto meglio a giudicare dalle dimensioni di queste camere audio. Forse Asus può modificarle ulteriormente nel software in qualche modo?

Devo anche menzionare che c’è una fotocamera HD posizionata nella parte superiore dello schermo, con un otturatore fisico, e sembra di qualità leggermente migliore della norma, almeno con una buona illuminazione. La webcam è affiancata da microfoni.


Durata della batteria VivoBook Pro 15

C’è una batteria da 63 Wh all’interno di tutte le versioni OLED del VivoBook Pro 15, di dimensioni competitive per un portatile di questa classe. Tuttavia, le varianti non OLED hanno solo una batteria più piccola da 50 Wh.

Ecco cosa abbiamo ottenuto sul nostro modello da 63Wh, con la luminosità dello schermo impostata a circa 120 nits (~60 di luminosità).

10 W (~6+ h di utilizzo) – modifica del testo in Google Drive, Standard + Better Battery Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON;
6.5 W (~10 h di utilizzo) – video 1080p a schermo intero su Youtube in Edge, Standard + Better Battery Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON;
5,5 W (10_ h di utilizzo) – Netflix a schermo intero in Edge, Standard + Better Battery Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON;
11 W (~5-6 h di utilizzo) – navigazione in Edge, Standard + Better Performance Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON;
55 W (1+ h di utilizzo) – Gaming – Witcher 3, Performance + BeSt Performance Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON.

Le configurazioni M3500QC di questo VivoBook Pro 15 sono dotate di un caricabatterie di medie dimensioni da 120W, che si collega tramite una spina standard. La ricarica USB-C non è possibile qui.

Tuttavia, le varianti solo Vega sono dotate di un caricatore più compatto da 90W.

Altre configurazioni sono disponibili anche in alcuni mercati, con le varianti M3500QA con grafica Radeon Vega solo a partire da circa 700 EUR qui, per le versioni Ryzen 5 5600H + 8 GB di RAM. Io punterei a qualcosa con 16 GB di RAM, però, dato che la memoria è saldata e non aggiornabile.

Ci sono anche versioni non-OLED di questi portatili VivoBook Pro 15 basati su AMD, che sono identici a quello testato qui, ma attenzione che vengono solo con una batteria più piccola da 50Wh.

ASUS VivoBook 15 OLED recensione completa
ASUS VivoBook 15 OLED recensione completa

Perchè comprare VivoBook Pro 15

Questo VivoBook Pro 15 è probabilmente uno dei migliori portatili di fascia media che abbiamo recensito di recente.

Asus ha messo su un prodotto molto competitivo qui. Le configurazioni di livello base con grafica AMD Rzyen e Vega sono eccellenti per l’uso leggero e il multitasking quotidiano, mentre i modelli Ryzen di livello superiore con grafica RTX possono anche prendere progetti di scuola/lavoro e anche alcuni giochi recenti a impostazioni medie.

Hardware a parte, questa serie è anche ben costruita e di bell’aspetto, offre ingressi eccellenti e una discreta selezione di porte, una grande batteria, e viene fornito con un pannello OLED incisivo e vivido con copertura del colore 100 DCI-P3, sulla maggior parte delle configurazioni. Ci sono anche alcuni modelli IPS con schermo opaco da scegliere, ma solo per le configurazioni minori.

asus laptop vivobook oled

asus laptop vivobook oled

I miei nodi sono con alcune ergonomie un po’ funzionali, come l’angolo dello schermo limitato e la mancanza di un moderno connettore USB-C con video e ricarica, così come con la qualità audio, da cui avevo aspettative più alte in base alle dimensioni degli altoparlanti all’interno di questa cosa. A parte questo, mi assicurerei anche di capire le particolarità di questi pannelli OLED sui computer portatili prima di saltare su uno di questi, solo per essere sicuro che siano giusti per me.

Ultimo aggiornamento 2022-05-28 at 07:54 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API
In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.


In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.