Test Asus ROG Strix G15 : recensione dettagliata opinioni e prezzo del notebook gaming

La serie ROG Strix G15/G17 è la linea media di Asus di computer portatili performanti e da gioco, praticamente il loro miglior mix di caratteristiche, prestazioni e prezzi.

Questi portatili sono formati full-size con hardware potente all’interno, quindi non si concentrano sulla portabilità. Sono anche una variazione leggermente tagliata della serie top Strix Scar 15/Scar 17, con alcuni cambiamenti in estetica, IO e opzioni di configurazione, ma simili nel formato complessivo, funzionalità e capacità.

Per la generazione 2022, la lineup ROG Strix è dove Asus offre le ultime piattaforme hardware AMD e Nvidia, dato che lo Scar 2022 è un’implementazione esclusiva Intel ora.

In questo articolo, andremo sulla configurazione medio-alta Asus ROG Strix G15 G513RW, che accoppia un processore AMD Ryzen 9 6900HX con 16 GB di memoria DDR5, un chip grafico RTX 3070Ti (con un MUX) e un display QHD veloce e ad alta luminosità.


2022 ASUS ROG Strix G15 G513RW
Display 15.6 pollici, 16:9, non-touch, opaco, pannello BOE BOE0A55
QHD 2560 x 1440 px IPS, 240 Hz con 100% DCI-P3
Processore AMD Rembrandt Ryzen 9 6900HX, 8C/16T
Video AMD Radeon 680M + Nvidia GeForce RTX 3070Ti Laptop 16GB (fino a 150W con Dynamic Boost)
con MUX e Adaptive Sync (nessun GSync sul display interno)
Memoria 16 GB DDR5-4800 RAM – fino a 64 GB (2x DIMMs)
Storage 1 TB SSD (Micron 2450) – 2x M.2 PCI 4.0 x4 slot
Connettività WiFi 6E (Mediatek MT7922) 2×2 con Bluetooth 5.2, 2.5Gigabit LAN (Realtek RTL8125)
Porte 2x USB-A 3.2 gen1, 1x USB-C con dati, 1x USB-C gen2 con video, dati e ricarica, HDMI 2.0b, LAN, cuffie&mic
Batteria 90Wh, alimentatore 280 W, ricarica USB-C fino a 100W
Dimensioni 395 mm o 15.55″ (w) x 282 mm o 11.1 (d) x 27.5 mm o 1.08″ (h)
Peso 2.32 kg (5.11 lbs), .99 kg (2.2 lbs) di power brick e cavi, versione EU
Extra tastiera retroilluminata RGB a cupola di gomma per tasto con NumPad, altoparlanti quadrupli, nessuna webcam o biometria, Keystone

Potremmo seguire con recensioni su altre configurazioni di GPU se c’è abbastanza interesse. Sono particolarmente interessato al modello economico RTX 3060, il ROG Strix G15 G513RM, ma anche la variante top Strix G15 G513RS con la grafica RTX 3080Ti dovrebbe essere un’analisi interessante, come il più potente portatile ROG basato su AMD di questa generazione.


Design e costruzione Asus ROG Strix G15 

La serie Strix G15 è uno Scar 15 semplificato nell’aspetto e nel design generale.

I due sono della stessa dimensione e formato, come portatili da 15 pollici piuttosto compatti, ma allo stesso tempo abbastanza spessi e pesanti. Si può capire il loro ingombro compatto dalla dimensione delle cornici intorno allo schermo, ma questi portatili sono ancora abbastanza profondi, con il mento più spesso sotto il display e la gobba extra dietro lo schermo, che incorpora il raffreddamento, la maggior parte dell’IO, e alcuni degli altoparlanti.

Rispetto allo Scar, lo Strix G15 ha un design più semplice e una combinazione di colori grigio scuro, che nasconde meglio le macchie. Il deck principale è ancora in plastica liscia, e il coperchio è in alluminio con una finitura più ruvida.

Le differenze principali sono sottili, e trovo che la maggior parte sia un vantaggio per la Strix G15. I LED di stato sono più piccoli e meno fastidiosi su questa serie, anche se sono ancora posizionati sotto il display, e non c’è più quella parte traslucida del coperchio principale che ti permette di sbirciare i componenti, che è esclusiva della serie Scar. Invece, l’interno è un design più unificato, con solo un sottile motivo di punti neri per il lato destro, dove la parte traslucida è posta sullo Scar.

Poi, il tappo di plastica ROG sul lato posteriore sinistro del portatile non è più sostituibile dall’utente su questa serie, e invece è stato sostituito con un pezzo fisso che sembra piuttosto interessante, con il design punteggiato.

Ci sono anche meno elementi RGB implementati su questa linea di fascia media, senza la barra RGB extra sotto lo schermo e senza controllo RGB sul logo ROG sul coperchio – questo è invece illuminato a pannello e non può essere regolato manualmente o spento.

Infine, non c’è più un Keystone su questa serie, ma non è certo una perdita. Nessuna porta è stata invece aggiunta a quel bordo destro, che semplicemente non offre alcun connettore, dato che la maggior parte dell’IO è ancora sul retro e alcuni sul lato sinistro.

Le porte PSU, HDMI e LAN sono nascoste sul bordo posteriore, dietro lo schermo, e ci sono anche due porte USB-C laggiù. Una di queste supporta dati, alimentazione e video (collegata alla dGPU) e l’altra è solo dati. Anche la porta HDMI si aggancia alla dGPU Nvidia, ma è solo 2.0b, non 2.1 come sullo Scar 15. A parte questo, non c’è ancora un lettore di carte su questa serie, nessun blocco di sicurezza e nessuna biometria.

La praticità per il resto è così così, con i piedini in gomma che offrono una buona presa sulla scrivania e le cerniere che tengono lo schermo in posizione in modo robusto, pur permettendo di prenderlo e regolarlo con una sola mano. Trovo anche il bracciolo abbastanza spazioso e il labbro anteriore e gli angoli amichevoli sui polsi, nonostante il profilo abbastanza alto del portatile.

Lo schermo, d’altra parte, si inclina solo fino a circa 110 gradi, il che può essere molto limitante per l’uso sul divano o sulle ginocchia.

Nel complesso, questo 2022 ROG Strix G15 è un design giusto, ma con un set di porte piuttosto bizzarro e alcune stranezze che influenzano la sua praticità con l’uso quotidiano. Dipende da voi quanto questi possano pesare nella vostra decisione di acquisto.


Tastiera e trackpad Asus ROG Strix G15 

La tastiera del ROG Strix G 2022 è identica a quella del ROG Strix Scar di questa generazione, entrambe le implementazioni con interruttori standard a cupola di gomma.

Per questo modello da 15 pollici, il layout include un set completo di tasti principali, frecce più piccole e distanziate, e due gruppi di funzioni extra, con il set in alto a sinistra che controlla i profili audio e delle ventole, e la colonna all’estrema destra che include i controlli dei media, Del e PrtScr. Avrei preferito che Asus implementasse Home/End/Pg/Up/PgDn in quella colonna extra a destra, invece dei controlli multimediali, ma nel complesso questo è un buon layout. Home/Fine ecc. sono disponibili come secondari in binned alle frecce.

Questo layout significa che non c’è un NumPad dedicato, e a differenza degli Scars, non c’è nessuna funzionalità simile al NumPad integrata nel clickpad neanche con questa serie. Non mi dispiace, e sono in generale un fan di questo tipo di layout di tastiera centrata senza NumPad.

Per quanto riguarda l’esperienza di digitazione, questa è una buona tastiera per tutti i giorni. I cappucci sono lisci e piacevoli al tatto, la profondità della corsa è giusta, e il feedback è abbastanza buono, anche se un po’ molliccio. Permette velocità di battitura elevate e attuazioni silenziose.

I tasti sono retroilluminati RGB, con controllo per tasto e vari effetti selezionabili nelle app di controllo Armoury Crate e Aura Creator. I LED sono luminosi e uniformi, con un po’ di luce che si insinua da sotto i keycaps da un angolo più ripido, ma non in un modo che vi darà fastidio nell’uso quotidiano.

La scritta F1-F12 sui tasti superiori non è ancora illuminata su questa implementazione, rendendoli difficili da capire al buio – di sicuro vorrei che Asus affrontasse questo aspetto, dato che è qualcosa di cui mi sono lamentato su molti prodotti ROG negli anni.

Per il mouse, il portatile implementa un grande clickpad in vetro centrato nel mezzo dello chassis. È spazioso, liscio al tatto e affidabile nell’uso quotidiano. La superficie sferraglia ancora un po’ quando si picchietta più forte, ma i click fisici sono più silenziosi e più lisci rispetto agli Scars testati qualche settimana fa, quindi aspettatevi un certo grado di variazione su questi clickpad.

Come nota a margine, questo clickpad grigio sulla serie Strix G15 non mostra le sbavature così male come la variante nera disponibile sugli Scars. È un piccolo dettaglio, ma con un impatto notevole durante l’uso.

Per quanto riguarda la biometria, non ce ne sono ancora su questo ROG Strix G15 2022.


Schermo Asus ROG Strix G15 

Asus offre due opzioni di schermo per questa serie 2022 ROG Strix G15, tutte da 15,6 pollici, 16:9, opache e non touch:

VEDI :   Migliori Notebook per il Trading ed operatori di Borsa

FHD 300Hz 3ms con 300+ nits di luminosità e 100% di colori sRGB;
QHD 240Hz 3ms con 300+ nits di luminosità e 100% di colori DCI-P3.

Queste sono le stesse opzioni offerte anche sugli Scars da 15 pollici, ma i pannelli esatti sono in realtà un po’ diversi. Abbiamo l’opzione del pannello QHD Chi Mei su questa unità, mentre il FHD è incluso nelle configurazioni di livello inferiore con la RTX 3060 dGPU.

Questo è un pannello molto buono per gli standard odierni, a parte il fatto che non diventa molto luminoso e richiederebbe la calibrazione per un uso professionale. L’ho trovato eccellente per l’uso quotidiano e creativo, grazie all’ampia copertura del gamut e alla buona accuratezza dei colori. Questa è anche una solida opzione per il gioco, con velocità di aggiornamento e tempi di risposta veloci; non c’è GSync implementato, solo Adaptive-Sync per prevenire il tearing.

Ecco cosa abbiamo ottenuto nei nostri test, con un sensore X-Rite i1 Display Pro:

Pannello HardwareID: Chi Mei CMN1540 (NE156QHM-NZ2);
Copertura: 99,7% sRGB, 81,4% AdobeRGB, 97,1% DCI-P3;
Gamma misurata: 2.13;
Luminosità massima al centro dello schermo: 315.57 cd/m2 al potere;
Luminosità minima al centro dello schermo: 14.69 cd/m2 a potenza;
Contrasto alla massima luminosità: 1074:1;
Punto di bianco: 7600 K;
Nero alla massima luminosità: 0.29 cd/m2;
PWM: No.

Questi risultati sono circa alla pari con il pannello BOE QHD dello Scar 15, ma con una luminosità massima e un contrasto leggermente inferiori.

Avrete bisogno di calibrare questo per un lavoro accurato dei colori, poiché la gamma e il punto di bianco sono sbilanciati fuori dalla scatola. Una volta calibrato, questo ha finito per essere uniforme nella luminosità e nel colore, e non ho anche notato alcun ovvio spurgo dello schermo. Infatti, l’uniformità di questo pannello Chi Mei è superiore alle opzioni QHD BOE della serie Scar. Tuttavia, se lo state acquistando per un lavoro accurato sui colori, assicuratevi di testarlo correttamente con uno strumento di calibrazione.

Il pannello FHD disponibile per questa serie è circa la stessa luminosità e contrasto, con tempi di risposta leggermente più veloci, ma solo il 100% di colori sRGB. Non sarà altrettanto bello, ma è un pannello giusto per una configurazione di fascia media senza grandi compromessi.


Hardware e prestazioni Asus ROG Strix G15 

Il nostro modello di test è una configurazione di fascia alta dell’ASUS ROG Strix G15, nome in codice G513RW, costruita su un processore AMD Ryzen 9 6900HX, 16 GB di memoria DDR5-4800 in doppio canale, 2 TB di storage SSD veloce, e doppia grafica: la dGPU Nvidia RTX 3070Ti con 8 GB di vRAM e la iGPU Radeon 680M integrata nel processore AMD.

A livello di specifiche, la serie 2022 ASUS ROG Strix G5 è costruita sugli ultimi hardware AMD e Nvidia disponibili fino ad oggi. Il Ryzen 9 6900HX è un processore AMD Rembrandt 6000, con 8 core e 16 thread. È una revisione del Ryzen 9 5900Hx dello scorso anno, costruito sulla tecnologia aggiornata Zen3+ a 6 nm, con miglioramenti nel design, IPC ed efficienza. Nel suo nucleo, però, il Ryzen 9 6900HX è un aggiornamento incrementale del 5900HX disponibile nei modelli ROG 2022.

Il design di questo Strix permette al processore di funzionare a 90W di potenza sostenuta in carichi di CPU esigenti, garantendo praticamente la massima performance multi-threaded che la piattaforma AMD è in grado di offrire. Arriveremo a questo tra un po’.

Per la GPU, la serie 2022 Strix G è disponibile con chip grafici RTX 3000 e RTX 3000 Ti. Quello che abbiamo su questo campione è la RTX 3070Ti che funziona fino a 150W con Dynamic Boost nei giochi e nelle applicazioni supportate.

Per la RAM e le opzioni di archiviazione, il portatile offre due DIMM di memoria accessibili e due slot SSD M.2. La nostra unità è stata spedita con 16 GB di RAM DDR5-4800 in dual-channel e un mediocre SSD PCIe 4.0 Micron 2450.

L’accesso ai componenti richiede la rimozione del pannello posteriore, che è tenuto in posizione da un paio di viti Philips. Fate molta attenzione quando lo togliete, perché il pannello è attaccato alla scheda madre da due nastri che alimentano le strisce LED. Tirando troppo forte si potrebbero scollegare – non preoccupatevi se ciò accade, dovrete solo reinserire i connettori al loro posto.

All’interno troverete tutti i componenti, la grande batteria e il modulo termico. Tutto è impacchettato strettamente su questo compatto chassis da 15 pollici, senza alcuno spazio lasciato inutilizzato.

Specifiche a parte, Asus offre i quattro profili di alimentazione standard nell’app di controllo Armoury Crate per questo portatile: Silent, Performance, Turbo, e Manual, con varie impostazioni di potenza e profili di ventole tra di loro:

Silent – abbastanza rumore di ventola a meno di 35 dB, velocità e potenza della CPU/GPU limitate;
Performance – profilo bilanciato con impostazioni stock di CPU/GPU e 40 dB di rumore massimo della ventola;
Turbo – profilo ad alte prestazioni con una maggiore allocazione di potenza della CPU, ventole che girano più velocemente fino a 48 dB e GPU overclockata (+50 MHz Core/+100 MHz Memory, fino a 150W TGP).
Manuale – come Turbo, ma con la possibilità di modificare i livelli di potenza PL1/PL2 della CPU e la potenza/clock della GPU, oltre a creare profili di ventole personalizzati basati sui limiti di temperatura.

Turbo è disponibile solo con il portatile collegato al muro e sono pensati per i giochi e altri carichi esigenti. Performance è un jack-of-all-trades, mentre Silent è fatto per un uso quotidiano leggero. Il sistema è in grado di far girare al minimo le ventole sul profilo Silent finché la CPU/GPU rimane sotto i 60 gradi C, portando ad un’esperienza di uso quotidiano per lo più silenziosa.

Ecco cosa aspettarsi in termini di prestazioni e temperature con il multitasking quotidiano, la navigazione e i video.


Prestazioni e benchmark Asus ROG Strix G15 

Passando a carichi più impegnativi, iniziamo a testare le prestazioni della CPU eseguendo il test Cinebench R15 per 15+ volte in un ciclo, con un ritardo di 1-2 secondi tra ogni esecuzione.

Il processore Ryzen 9 si stabilizza a ~90W di potenza sostenuta sull’impostazione Turbo, che si traduce in frequenze di 4.4+ GHz, temperature di ~95 C, e punteggi di ~2350 punti. Le ventole girano a ~46 dB a livello della testa in questa modalità. La CPU è minimamente limitata termicamente su questo profilo.

Non c’è un’opzione di undervolting nel BIOS, quindi non c’è modo di regolare la CPU a questo punto.

Tuttavia, ho testato un profilo manuale con le ventole spinte al massimo dei giri e la parte inferiore del portatile leggermente sollevata dalla scrivania, per favorire un migliore flusso d’aria nelle ventole. Il risultato è che la CPU funziona a 90-100W di potenza sostenuta, 4,5 GHz e temperature di 92-93C, con punteggi di 2400 punti. Questo è il massimo che ci si può aspettare dalla piattaforma AMD Ryzen 9 6900HX in questo test sostenuto.

Passando al profilo Performance, la CPU si stabilizza a ~70W e le temperature sono ancora a metà degli anni ’90, ma con le ventole che girano molto più silenziose a soli ~35 dB a livello della testa. La CPU è limitata dal punto di vista energetico e termico in questa modalità, ma restituisce ancora un punteggio di ~2250 punti, solo il 5% in meno rispetto a Turbo e il 7% in meno rispetto a Manuale.

Il profilo Silent limita la potenza sostenuta a 45W, con ventole appena udibili (sub 32 dB) e temperature medie (metà degli anni 70 C). Il Ryzen 9 ottiene ancora ~2000 punti nel test Cinebench, circa l’80-85% delle prestazioni Turbo, che è eccellente per questo tipo di profilo, e mostra l’efficienza e le capacità della piattaforma AMD con impostazioni di potenza inferiori.

Infine, la CPU funziona a ~35 W a batteria, sul profilo Performance, con punteggi stabilizzati di circa 1900+ punti una volta che le ventole iniziano a girare (rimangono inattive per i primi cicli). Dettagli qui sotto.

Per mettere questi risultati in prospettiva, ecco come questa implementazione Ryzen 9 6900HX si confronta con altre implementazioni in questo test, sia Intel che AMD. L’Intel i9-12900H del 2022 è circa il 20% più veloce, ma il Ryzen 9 6900HX del 2022 supera le piattaforme Intel e AMD del 2021 a potenza simile del 5-10%.

Le prestazioni della GPU, d’altra parte, sono praticamente identiche tra i due in questi test sintetici, il che non dovrebbe essere una sorpresa, dato che i due modelli ROG implementano la stessa identica RTX 3070Ti che funziona fino a 150W.

Allo stesso tempo, rispetto al Ryzen 7 2021 + RTX 3070 130W dello Strix G17 qui recensito, il modello 2022 è più veloce del 7-15% nei test della CPU e di circa il 15-20% nei benchmark della GPU. Inoltre, rispetto alla Strix G15 Advantage Edition con Ryzen 9 e RX 6800M dGPU a 165W, questo modello 2022 è ancora più veloce di circa il 10% nei carichi della CPU, e più o meno simile nelle prestazioni nei compiti della GPU, ma con ampie variazioni nei risultati tra i diversi carichi.

VEDI :   Migliori Portatili Notebook Laptop con processore Intel I5 di Settembre 2022

Le prestazioni nei carichi più pesanti della GPU come Maya, 3DS Max o Solidworks sono ancora una volta alla pari tra le piattaforme AMD e Intel, e superiori ai modelli 2021 Strix G15, sia le configurazioni Nvidia 3070 che AMD RX 6800M.

A parte questo, dovreste tenere a mente che il portatile è mediamente rumoroso su questo profilo Turbo, a circa 45-49 dB tra i carichi. In confronto, la variante Intel Scar 15 gira a un livello più stabile a 48 dB in tutti i carichi.


Prestazioni di gioco Asus ROG Strix G15 

Come membro della famiglia di portatili ROG -Republic of Gamers, il ROG Strix G15 è principalmente un computer da gioco, quindi vediamo come gestisce i titoli moderni.

Abbiamo testato diversi giochi a risoluzione QHD e FHD su impostazioni Ultra, sui profili Turbo e Performance stock, ma anche su una modalità manuale con ventole al massimo e alcune modifiche che spiegherò più in basso. Ho anche incluso la modalità Silent nelle tabelle, per un quadro migliore di ciò che ci si può aspettare se si cerca un’esperienza di gioco silenziosa su questo computer.

Su Turbo e con le attuali impostazioni del BIOS, questo portatile esegue la CPU ad alte impostazioni di potenza di 35-55W, e questo ha un impatto sulla quantità di energia assegnata alla GPU, e quindi sulle prestazioni complessive della GPU. Il design permette fino a 179W di potenza combinata CPU+GPU in giochi e carichi esigenti, su questo profilo Turbo.

Con Battlefield V, per esempio, che è noto per non funzionare molto bene con Dynamic Boost 2.0, la CPU funziona a 55W e quindi la GPU funziona solo a 125W. Da qui, la differenza di fps tra questa Strix 15 e la Scar 15. In Cyberpunk 2077, la CPU gira a 35-40W, e la GPU a circa 140-145W. Anche così, la CPU Intel funziona a 25-30W nell’implementazione Scar 15 nello stesso gioco, e questo permette alla GPU di funzionare più vicino al suo massimo di progetto di 150W.

Ora, Asus potrebbe modificare le impostazioni di alimentazione con un futuro aggiornamento del BIOS, limitando la potenza assegnata alla CPU e favorendo la GPU. Se lo faranno, le prestazioni di gioco complessive dovrebbero aumentare fino al 10% in titoli come Battlefield V o Far Cry 5, che sono più pesanti per la CPU e normalmente non scalano bene con il Dynamic Boost. Questo avrà un impatto sulle temperature della CPU/GPU, però.

Con le impostazioni attuali, la CPU AMD gira a circa 80-90 gradi Celsius su Turbo, mentre la GPU gira tra i bassi e gli 80 gradi. Più alta è la potenza, più alte sono le temperature, e viceversa. Nel complesso, questo è un notebook piuttosto tostato e marginalmente più caldo dello Scar 15 basato su Intel, specialmente sul lato della CPU. È anche un po’ più rumoroso su Turbo, a 49-50 dB.

Sbalzare la parte posteriore del portatile dalla scrivania per migliorare il flusso d’aria aiuta a liberarsi di 2-4 gradi dai componenti. Questo perché i piedini di gomma a basso profilo implementati su questo portatile soffocano le prese d’aria in una certa misura. Abbiamo notato lo stesso comportamento sulla serie Scar 15/17, che implementa lo stesso raffreddamento e i piedini in gomma.

Poi sono passato alla modalità manuale che permette di personalizzare i profili delle ventole e le impostazioni CPU/GPU. Poiché la maggior parte di voi era interessata a come il portatile si comporta con le ventole al massimo, le ho impostate al 100% in questo caso, così come ho applicato queste impostazioni di CPU e GPU:

CPU: Limite PL1 a 35W (per incoraggiare il trasferimento di potenza alla GPU), ventola impostata al 100% dei giri per temperature superiori a 50C.
GPU: lo stesso overclock del Core a +50 MHz e della memoria a +100 MHz (qui c’è spazio per ulteriori regolazioni), ventola impostata al 100% per temperature superiori a 50C.

Queste impostazioni spingono il portatile ad essere più rumoroso, a 52 dB a livello della testa con entrambe le ventole al 100% di velocità.

Per quanto riguarda le prestazioni, questo profilo manuale ha un impatto su quei titoli che in precedenza eseguivano la CPU a potenza più elevata (e la GPU a potenza inferiore), come Battlefield V. L’impatto sul framerate è altrimenti minimo negli altri giochi, e aggiungo che anche con il limite di 35W della CPU, la GPU funziona solo a circa 145W di potenza, e non fino al suo pieno potenziale di 150W, come risultato del limite di potenza combinato di 179W. La CPU dovrebbe funzionare da qualche parte a meno di 30W per le massime prestazioni della GPU.

L’impatto sulle temperature della CPU/GPU è notevole in questa modalità manuale, però, da qualche parte tra 2-6 gradi C.

Sbalzare la parte posteriore del portatile dal tavolo aiuta ancora di più, tagliando 1-4 gradi C in più dai componenti rispetto alla modalità manuale sulla scrivania. In questo caso, la CPU finisce per avere una media tra 75-85s C, e la GPU intorno ai 78-82s C. Entrambe sono belle temperature per un portatile da gioco da 15 pollici di questa generazione.

Un altro aspetto che questa modalità manuale permette è quello di impostare un limite termico per la GPU e il sistema regolerà le frequenze e la potenza della GPU per assicurarsi che il chip non vada oltre. 

Con tutti questi profili ad alte prestazioni fuori dai piedi, se siete alla ricerca di livelli di rumore più silenziosi durante l’esecuzione dei giochi, le vostre opzioni sono o la modalità Performance o la modalità Silent, o un profilo manuale ulteriormente ottimizzato.

Su Performance, le ventole girano molto più tranquillamente a circa 40 dB, e i framerate prendono solo un ~10% di colpo rispetto alla modalità Turbo. Tuttavia, i componenti interni finiscono per funzionare a temperature più alte che in Turbo. I giochi continueranno a funzionare bene con questo profilo, ma dovrete accettare temperature della CPU negli anni ’90, temperature della GPU negli 85-87 C e il power throttling della GPU nella maggior parte dei titoli, così come temperature superficiali un po’ più alte rispetto alla modalità Turbo.

La modalità Silent limita aggressivamente la GPU su questo portatile, portando a temperature CPU/GPU di 65-75 C e livelli di rumore della ventola inferiori a 35 dB.

La maggior parte dei giochi sono ancora in grado di funzionare bene con la modalità Whisper attivata e un limite di 60 fps. Vorrai optare per le impostazioni FHD Ultra o QHD Medium in questo caso, però, poiché non otterrai framerate giocabili a QHD Ultra con i titoli moderni.

Infine, questo portatile può anche eseguire giochi a batteria sul profilo Performance, con un limite di 60 fps impostato nelle impostazioni. Si comporta come nella modalità Silent plugged-in dettagliata sopra. Non aspettatevi più di un’ora di gioco a dettagli completi, o forse più a lungo con un limite di 30 fps e impostazioni più basse.

Tutto sommato, questa serie Asus ROG Strix G15 basata su AMD 2022 è un esecutore molto capace e un passo avanti del 5-25% rispetto alle implementazioni 2021, grazie all’hardware aggiornato, il bump in potenza e l’aggiunta del MUX.

La piattaforma AMD Rembrandt 6000 non è più in grado di competere con l’hardware Intel 12th gen Alder Lake sia in single-core veloce che in carichi multi-thread esigenti, però. Questo non avrà un grande impatto sulle prestazioni di gioco, anche se le configurazioni Intel tendono a fare meglio anche in questo caso, ma avrà un impatto sulle prestazioni complessive nei carichi di lavoro sostenuti.

Inoltre, questo modello AMD tende a funzionare marginalmente più caldo e rumoroso dello Scar 15 basato su Intel testato prima. Le differenze sono minori, ma ci sono, e sono causate dal modo in cui il sistema alloca la potenza alla CPU/GPU sulle due piattaforme, così come dalla leggera differenza nel modulo di raffreddamento, che favorisce la serie Scar 15.

Infine, è importante riconoscere dove la piattaforma AMD ha ancora un notevole vantaggio sull’hardware Intel, e questo è nella sua efficienza e prestazioni per watt. Sul profilo Silent, con impostazioni di potenza e livelli di rumore più bassi, il Ryzen 9 supera l’Intel i9 nei nostri test, e l’efficienza superiore consente migliori prestazioni sulla batteria e tempi di esecuzione più lunghi con le attività quotidiane. Ne parleremo ulteriormente in un successivo confronto tra il Ryzen 9 6900HX e le piattaforme Intel Core i9-12900H, in un articolo separato.


Connettività, altoparlanti

Asus implementa lo stesso modulo termico su entrambe le serie 2022 Scar 15 e Strix G15, con le stesse ventole, heatpipes e design generale.

Tuttavia, la serie Strix G15 ha solo la pasta termica standard di Asus a base di metallo liquido sul lato CPU, e non la migliore Thermal Grizzly Conductonaut Extreme che è disponibile sulla serie Scar 15/17. Questo ha un impatto sulle temperature della CPU, a conferma del fatto che il sistema fa funzionare la CPU a una potenza maggiore su questo modello AMD rispetto all’implementazione Intel.

VEDI :   Migliori Notebook per Contabilità

Quindi, come discusso nella sezione precedente, la CPU e la GPU sono entrambe piuttosto calde nel 2022 Strix G15, sui profili stock con il portatile seduto sulla scrivania. Stiamo cercando temperature tra i bassi e i medi 80 per entrambi, che sono entro i limiti previsti per un portatile ad alte prestazioni.

Molto simile alla serie Scar, il modulo di raffreddamento è ancora un po’ soffocato con questo design dello Strix G15 dai sottili piedini in gomma che Asus implementa sul lato inferiore di questa serie. Come risultato, sollevare la parte posteriore del portatile dalla scrivania porta a una notevole diminuzione delle temperature interne, sia sulla CPU che sulla GPU. Aumentare i giri delle ventole al massimo in modalità manuale aiuta ad abbassarle ulteriormente.

Ho riportato risultati simili sullo Strix/Scars 2021 e speravo che Asus aggiornasse in qualche modo i piedini in gomma per il modello 2022. Non l’hanno fatto.

Ora, per quanto riguarda le temperature esterne del case, quelle sono eccellenti su Turbo, dove nessuna delle aree con cui si entra normalmente in contatto supera i 40 gradi Celsius, e solo sensibilmente più calde sui profili Performance e Silent.

*Gaming – Silent – giocando a Far Cry 5 per 30 minuti, profilo Silent, ventole a ~35 dB
*Gioco – Performance – giocando a Far Cry 5 per 30 minuti, ventole a ~40 dB
*Gioco – Turbo, sulla scrivania – giocando a Cyberpunk 2077 per 30 minuti, ventole a ~49 dB

Allo stesso tempo, questo portatile è un gioco da ragazzi nell’uso quotidiano, nel multitasking, nella navigazione o nello streaming video. La tecnologia 0dB permette alle due ventole di spegnersi completamente con un uso leggero finché l’hardware rimane sotto i 60 C sul profilo silenzioso, che è la maggior parte del tempo. E questo sia a batteria che quando è collegato.

Per la connettività, ci sono Wireless 6E e Bluetooth 5 su questa unità, così come 2.5 Gigabit Lan, un aggiornamento rispetto alle generazioni precedenti. Asus ha equipaggiato il nostro campione solo con un chip Mediatek, che è OK per l’uso quotidiano, ma non veloce come i moderni moduli wireless Intel disponibili in questi giorni. Non posso dire con certezza cosa riceverete sulle unità al dettaglio, con l’attuale situazione di carenza di chip – potete aggiornare il modulo incluso con uno più veloce se volete, purché siate in grado di trovare un ricambio.

La qualità audio qui è molto buona per gli altoparlanti di un portatile, con due altoparlanti principali che sparano sul fondo e due tweeter extra che sparano da sotto il display. Il suono è abbastanza ricco e forte a 80+ dB a livello della testa, e non ho notato alcuna distorsione o vibrazione fastidiosa nello chassis principale. Raccomando ancora di spuntare l’opzione “Enhanced Audio” nel menu Suono di Windows 11, fa sì che la qualità complessiva del suono sia leggermente migliore.

Durata della batteria Asus ROG Strix G15 

C’è una batteria da 90Wh all’interno di tutti i modelli ROG Scar 2022, incluso questo Strix G15.

Il sistema commuta automaticamente il refresh dello schermo a 60 Hz quando si usa il portatile a batteria, per aumentare l’efficienza, e questo è il rapido sfarfallio dello schermo che noterete quando si scollega il portatile dal muro. Inoltre, se stai cercando di massimizzare i tempi di esecuzione, assicurati di utilizzare il portatile in modalità Hybrid MUX.

Ecco cosa abbiamo ottenuto sulla nostra unità in termini di durata della batteria, con la luminosità dello schermo impostata a circa 120 nits (~60 di luminosità) e in modalità Hybrid.

15 W (~5-7 h di utilizzo) – modifica del testo in Google Drive, modalità silenziosa, schermo al 60%, WiFi ON;
10.5 W (~7-9 h di utilizzo) – video 1080p a schermo intero su Youtube in Edge, modalità silenziosa, schermo al 60%, WiFi attivo;
9,5 W (~8-10 ore di utilizzo) – Netflix a schermo intero in Edge, modalità silenziosa, schermo al 60%, WiFi ON;
18 W (~4-6 h di utilizzo) – navigazione in Edge, Performance Mode, schermo al 60%, WiFi ON;
85 W (~1 ora di utilizzo) – Gioco – Witcher 3, Performance Mode, schermo al 60%, WiFi ON, nessun limite di fps.

In confronto, ecco cosa abbiamo ottenuto con lo Scar 15 basato su AMD dell’anno scorso.

12 W (~6-8 ore di utilizzo) – modifica del testo in Google Drive, Silent Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON;
11.5 W (~8+ h di utilizzo) – video 1080p a schermo intero su Youtube in Edge, modalità silenziosa, schermo al 60%, Wi-Fi attivo;
11 W (~8+ h di utilizzo) – Netflix a schermo intero in Edge, modalità silenziosa, schermo al 60%, Wi-Fi attivo;
14 W (~5-6 h di utilizzo) – navigazione in Edge, modalità bilanciata, schermo al 60%, Wi-Fi ON;
80 W (~1+ h di utilizzo) – Gaming – Witcher 3, Performance Mode, schermo al 60%, Wi-Fi ON, nessun limite di fps.

Le differenze sono all’interno del margine di errore, con un’efficienza leggermente migliore con lo streaming video per la generazione 2022. Questi tempi di esecuzione sono anche molto meglio che sulla serie ROG Scar 2022 basata su Intel, soprattutto con video e uso leggero.

Aggiungerò anche che questa configurazione ROG Strix G5 G513RW viene fornita con un mattone di alimentazione da 280W, più grande e pesante della variante da 240W sui modelli 2021. La batteria si riempie in circa 2 ore, con ricarica rapida per la prima mezz’ora, e la ricarica USB-C è supportata, fino a 100W.

Non sarete in grado di utilizzare il computer portatile su Turbo mentre agganciato su USB-C, ma questo è sufficiente per il multitasking quotidiano e occasionali carichi di lavoro pesanti su Performance, nel caso in cui non si desidera portare con sé il mattone principale più pesante quando in movimento.

Avendo usato questo Strix G15 per le ultime settimane, lo considero un acquisto di valore leggermente migliore per l’utente medio rispetto alla linea ROG Scar 15 di livello superiore, più potente e più costosa di questa stessa generazione.

I due sono più o meno lo stesso formato e funzionalità complessiva, con alcuni vantaggi da entrambe le parti. Per lo Strix G15, apprezzo la combinazione di colori grigi che è molto più amichevole con le sbavature e l’olio delle dita, i LED di stato più piccoli e il design generale più pulito. Non sono un fan del logo ROG a pannello sul coperchio, però, o dell’IO dumbed-down senza HDMI 2.1 e con una singola porta USB-C con supporto video.

Questi a parte, la scelta tra i due si riduce alla vostra preferenza tra l’hardware Intel e AMD. AMD ha l’efficienza dalla sua parte, quindi lo Strix G15 durerà più a lungo sulla batteria con le faccende quotidiane, e si esibirà anche meglio nei carichi della CPU sul profilo silenzioso Silent. Allo stesso tempo, a piena potenza, il modello AMD funziona a temperature interne più elevate, a causa di come il sistema ha bilanciato la potenza tra la CPU e la GPU, e come risultato del composto termico di grado leggermente inferiore utilizzato su questa unità rispetto allo Scars.

Per quanto riguarda le prestazioni, il modello Intel ha un chiaro vantaggio nei carichi pesanti della CPU, sia in single-core che in multi-core, con un impatto principalmente positivo nei carichi di lavoro e un effetto minore sulle prestazioni di gioco.

Infine, il prezzo e la disponibilità giocheranno un ruolo nella vostra decisione, e da quello che posso dire ora, lo Strix G15 è l’opzione più conveniente per specifiche di livello simile.

Ma poi, c’è anche la concorrenza da considerare, principalmente la popolare serie Legion 5 Pro che è stata anche aggiornata per il 2022, ma anche l’Acer Predator Helios 300 o l’MSI GP66 Vector. Ne sapremo di più una volta che li avremo recensiti, ma dovreste controllare anche loro nella vostra ricerca.

Tutto sommato, questo Strix G15 aggiornato 2022 guadagna la nostra raccomandazione come un portatile competitivo a tutto tondo con buoni tempi di esecuzione e solide prestazioni in carichi e giochi esigenti. Assicuratevi solo di essere d’accordo con quelle stranezze di design che influenzano la sua praticità nell’uso quotidiano, e considerate di alzare la parte posteriore o usare un pad di raffreddamento per sessioni di gioco estese.

Ultimo aggiornamento 2022-09-26 at 18:35 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API
In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.