In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Migliori SSD M2 NVMe Gen3 Gen 4 (Ottobre 2021)

Gli SSD sono probabilmente i dispositivi più popolari tra gli utenti, unità di archiviazione che sono molto più veloci dei tradizionali HDD e consumano meno energia. Il mercato è pieno dei migliori SSD, quindi abbiamo deciso di mettere insieme questa guida per aiutare i nostri lettori a scegliere la migliore opzione possibile.

Il più grande collo di bottiglia che un computer abbia mai avuto sono stati gli hard disk meccanici, anche se sono stati creati dischi molto veloci, non hanno mai raggiunto le velocità di lettura e scrittura degli attuali SSD. Quello che prima richiedeva diversi minuti per avviare il sistema operativo ora è una questione di secondi, lo stesso accade con i giochi e le applicazioni…

Non perderti gli altri articoli:

migliori cpu cooler ryzen 5900x

migliori schede video per ryzen 9 5900x

le migliori ram per ryzen 5900x

migliori case con flusso d’aria

Il miglior SSD NVMe sul mercato : Western Digital Black SN850

Offerta
WD BLACK SN850 500 GB NVMe SSD Internal Gaming, Tecnologia PCIe Gen4, velocità di lettura fino a 7.000 MB/s, M.2 2280, 3D NAND
  • Tecnologia Next-gen PCIe Gen4 ottimizzata per gaming di livello superiore (non adatta ad ambienti NAS o server)
  • Velocità di lettura/scrittura straordinariamente veloci fino a 7.000/4.100 MB/s (modello da 500 GB) e fino a 1.000.000 IOPS
  • Capacità fino a 2 TB per memorizzare i tuoi giochi preferiti pronti all'uso
  • Software WD_BLACK Dashboard scaricabile per personalizzare e controllare la tua esperienza di gioco

Promette velocità fino a 7000 MB/s in lettura e 5300 MB/s in scrittura. Usa la memoria BiCS4 e un controller WD Black G2, pensi che sarà all’altezza delle aspettative?

Western Digital non poteva essere lasciata indietro nella corsa per avere l’SSD più veloce sul mercato, così propone il nuovo Western Digital Black SN850. Si tratta di un’unità sviluppata in parte dal marchio stesso, in quanto utilizza un proprio controller, sebbene sia anche basato su architettura ARM.

I rivali per questa unità stanno crescendo, poiché Phison ha rilasciato il suo nuovo controller E18, che promette di competere con, e persino superare, il potente Samsung 980 Pro con fino a 7,38 GB/s. Non l’abbiamo ancora testato, anche se abbiamo provato il Samsung, che supera tutti i rivali in termini di prestazioni.

Per questo motivo, sarà piuttosto interessante vedere dove arriva l’SSD di WD, dato che promette molto. Questa gamma nera mette l’accento soprattutto sui giocatori e sull’attrezzatura dei giocatori, a causa delle alte velocità di trasferimento che supporta. Questo darebbe un vantaggio tecnico nel tempo di caricamento dei giochi, ma anche nelle applicazioni pesanti e nei compiti di creazione di contenuti.

In termini di design, non ci sono troppe differenze rispetto a qualsiasi altro SSD. Viene utilizzato un fattore di forma 2280 sotto interfaccia M.2, con uno spessore di soli 2 mm. L’elettronica è montata su un elegante PCB nero opaco con solo il lato superiore occupato, almeno in questa versione da 1TB. Come sempre, vediamo il taglio circolare per il fissaggio a vite nella zona posteriore, così come un’interfaccia con contatti placcati in oro.

Nella zona superiore abbiamo come al solito un adesivo che mostrerà gli identificatori corrispondenti dell’unità, così come le sue specifiche. Questo adesivo sarà fatto di plastica abbastanza sottile e facilmente rimovibile. Non pensiamo che ostacolerà il trasferimento di calore, quindi è meglio lasciarlo acceso per motivi di garanzia.

Nel nostro caso, useremo il dissipatore incorporato nella scheda madre Asus X570 Crosshair VIII Hero. Ma il Western Digital Black SN850 ha anche una versione che include un bel dissipatore di calore in alluminio. Questo costerà circa 20-25 euro in più, e sarà l’ideale per chi ha una scheda madre senza dissipatore di calore, e lo raccomandiamo certamente per controllare le temperature delle unità sotto stress. Il dissipatore sarà perfettamente smontabile, essendo composto da due parti unite da 4 linguette.

Prestazioni e caratteristiche

È il momento di conoscere le caratteristiche del Western Digital Black SN850 prima di guardare le sue prestazioni. Questa unità è fornita con memoria BiCS4, utilizzata anche da molti altri assemblatori come AORUS o Corsair, che non costruiscono i propri chip. Questi chip sono basati su tecnologie NAND TLC 3D a 96 strati e 2 bit per cella. In questa unità avremo due array da 512GB su un solo lato, mentre l’unità da 2TB avrà 4 chip a doppia faccia. La versione da 500GB userà due chip da 256GB per sfruttare due canali di ingresso e uscita dei dati.

La loro affidabilità è più che verificata e offrono un livello sufficiente per gli alti trasferimenti di queste unità di nuova generazione, con trasferimenti di 800 MT/s. Questi non sono attualmente i chip più potenti che Kioxia ha, poiché i nuovi chip BiCS5 con 112 strati e 4 piani sono stati recentemente introdotti per la prossima generazione. Questi nuovi chip si batteranno con i chip MLC di Samsung a 136 strati e 4D di SK Hynix a 128 strati.

Passiamo al controller WD_BLACK G2, una nuova versione autoprogettata che utilizza l’architettura ARM e un processo produttivo FinFET a 16 nm di TSMC. La versione precedente aveva un die da 28nm che avrebbe senza dubbio generato più calore se avesse sviluppato questa potenza di elaborazione. Implementa il nuovo standard PCIe 4.0 con quattro corsie dati sotto il protocollo NVMe 1.4. Si unisce a un chip di memoria Micron DDR4 DRAM e una cache SLC statica (nCache 4.0) di 12 GB in questa versione da 1 TB e una cache dinamica o over-provisioning di 300 GB. Questi elementi miglioreranno il trasferimento di dati I/O supportando file di grandi dimensioni senza sovraccaricare il bus. Il sistema sarà simile al TurboWrite utilizzato da Samsung.

L’intero pacchetto specifica una capacità di trasferimento di 7000 MB/s in lettura sequenziale e 5300 MB/s in scrittura sequenziale per il drive da 1TB. Allo stesso modo, il controller è in grado di sviluppare fino a 1.000.000 IOPS in lettura casuale e 710.000 IOPS in scrittura casuale. È dotato di algoritmo ECC LDPC (Low-Density Parity-Check), ECC SRAM, cancellazione sicura e crittografia AES a 256 bit. Supporta la telemetria TRIM e SMART, così come l’APST (Autonomous Power State Transition) e la gestione del software.

Per quanto riguarda la sua garanzia, il Western Digital Black SN850 offrirà 5 anni per tutte le versioni essendo limitato a: 300 TBW per l’unità da 500GB, 600 TBW per 1TB e 1200 TBW per 2TB. Queste cifre saranno alla pari con altre unità che equipaggiano le stesse memorie, superando di gran lunga ciò che offrirebbe lo Smasung 980 Pro, che certamente cade un po’ al di sotto di questo aspetto.

Offerta
Sabrent Rocket 4 Plus SSD Interno M.2 NVMe PCIe 4.0 Gen4 da 1TB Unità di Memoria a Stato Solido dalle Massime Prestazioni (SB-RKT4P-1TB)
  • Interfaccia M.2 NVMe PCIe Gen4 x4. Conforme alle specifiche PCIe 4.0 / NVMe 1.3.
  • Supporta Gestione Energetica per APST / ASPM / L1.2.
  • Supporta comandi SMART e TRIM. Supporta interfaccia ONFi 2.3, ONFi 3.0, ONFi 3.2 e ONFi 4.0.
  • Wear Leveling Avanzato, Gestione dei Settori Danneggiati (BBM), Codice a Correzione d’Errore e Over-Provisioning.

Il Sabrent Rocket 4 Plus è l’ultima aggiunta dell’azienda al suo portafoglio NVMe PCIe Gen4. Il Rocket 4 Plus è dotato del nuovo controller Phison PS5018-E18, che è stato dimostrato al CES 2021 a gennaio, e dispone di NAND TLC e cache DDR4. Attualmente è disponibile in capacità fino a 2TB, mentre il modello da 4TB dovrebbe essere disponibile nei prossimi mesi.

Il Sabrent Rocket 4 Plus è l’ultima aggiunta dell’azienda al suo portafoglio NVMe PCIe Gen4. Rilasciato a dicembre, il Rocket 4 Plus è dotato del nuovo controller Phison PS5018-E18, che è stato dimostrato al CES 2021 a gennaio, e dispone di NAND TLC e cache DDR4. Attualmente è disponibile in capacità fino a 2TB, mentre il modello da 4TB dovrebbe essere disponibile nei prossimi mesi.

Caratteristiche del Sabrent Rocket 4 plus

Guardando prima alle prestazioni, il Rocket 4 Plus è citato per fornire velocità di lettura e scrittura sequenziale fino a 7.1GB/s e 6.6GB/s, rispettivamente, mentre le velocità casuali dovrebbero raggiungere fino a 650.000 IOPS in lettura e 700.000 IOPS in scrittura per il modello da 2TB. Mentre le letture sono per lo più le stesse con il modello da 1TB, è quotato con prestazioni di scrittura notevolmente inferiori con 5.3GB/s in sequenziale e 350.000 IOPS in velocità casuale.

Detto questo, anche se PCIe Gen4 è tutto il prossimo livello di prestazioni per gli SSD, le schede madri supportate sono ancora molto limitate per ora. Questo significa che gli utenti potranno avvicinarsi a questi numeri potenziali solo se il loro sistema ha un set specifico di componenti compatibili. Anche così, non abbiamo ancora visto un’unità che sia stata in grado di sfruttare appieno il nuovo tetto di prestazioni che questa nuova interfaccia PCIe offre. L’SSD è retrocompatibile con PCIe 3.0, anche se l’unità Sabrent sarebbe al massimo al limite dell’interfaccia di 3,5GB/s se la si installa su questo tipo di scheda madre.

Il Sabrent Rocket 4 Plus ha un dissipatore di calore opzionale in alluminio e rame per aiutare a dissipare il calore durante i carichi di lavoro intensi per evitare il throttling. È pienamente compatibile con gli SSD M.2 2280 a singolo/doppio lato. Anche se questa bestia non è davvero necessaria per la maggior parte dei casi d’uso, sicuramente manterrà l’unità fresca, o almeno sembrerà fresca, se avete lo spazio nel vostro case del PC.

Per aiutare a gestire l’SSD nel tempo, il Rocket 4 Plus viene fornito con Sabrent Rocket Control Panel, un software di gestione SSD che offre funzioni come la visualizzazione della salute dell’unità e gli aggiornamenti del firmware. Gli utenti hanno anche accesso alla versione dell’azienda di Acronis True Image, una suite di software di backup integrato che consente un facile recupero dei dati in caso di disastri inaspettati come interruzioni di corrente, cancellazioni accidentali e crash del disco rigido.

Il Rocket 4 Plus viene anche fornito con un pad opzionale per il dissipatore di calore che consiste in un diffusore di calore superiore, bobine di calore in rame (che dissipano efficacemente la testa), un dissipatore di calore in alluminio e nastro termico sulla parte superiore. Sotto, c’è un’altra striscia di nastro termico e un vassoio di alluminio. Questo dissipatore di calore completo e considerevole aiuta certamente a mantenere l’unità fresca durante i carichi di lavoro pesanti, frenando il throttling delle prestazioni a causa di alti livelli termici.

Anche se questo dissipatore di calore non è davvero necessario, certamente dà all’unità un aspetto molto particolare.

Prestazioni di Sabrent Rocket 4 Plus

Con la migrazione verso il test dei nuovi SSD NVMe Gen4, è stato necessario un cambio di piattaforma nel nostro laboratorio per supportare la nuova interfaccia. Lenovo è stata in prima linea con il supporto PCIe Gen4, compreso fino agli alloggiamenti U.2 a montaggio frontale, mentre altri offrono ancora solo il supporto edge-card. Nelle nostre recensioni Gen4, sfruttiamo il server Lenovo ThinkSystem SR635, equipaggiato con una CPU AMD 7742 e 512GB di memoria DDR4 a 3200Mhz.

NVMe è testato nativamente attraverso una scheda adattatore da M.2 a PCIe nello slot edge-card, mentre le unità U.2 sono caricate nella parte anteriore. La metodologia utilizzata riflette meglio il flusso di lavoro dell’utente finale con la coerenza, la scalabilità e la flessibilità che il test all’interno del server virtualizzato offre. Una grande attenzione è posta sulla latenza dell’unità attraverso l’intera gamma di carico dell’unità, non solo ai livelli più piccoli QD1 (Queue-Depth 1). Lo facciamo perché molti dei comuni benchmark dei consumatori non catturano adeguatamente i profili di carico di lavoro degli utenti finali.

Prestazioni di SQL Server

Ogni VM di SQL Server è configurata con due vDischi: Un volume da 100GB per l’avvio e un volume da 500GB per il database e i file di log. Dal punto di vista delle risorse di sistema, abbiamo configurato ogni VM con 16 vCPU, 64GB di DRAM e sfruttato il controller LSI Logic SAS SCSI. Mentre i nostri carichi di lavoro Sysbench testati in precedenza hanno saturato la piattaforma sia in termini di I/O di archiviazione che di capacità, il test SQL è alla ricerca di prestazioni di latenza.

Questo test utilizza SQL Server 2014 in esecuzione su macchine virtuali guest di Windows Server 2012 R2 ed è sottolineato da Quest’s Benchmark Factory for Databases. Il protocollo di test OLTP di Microsoft SQL Server di StorageReview impiega l’attuale bozza del Transaction Processing Performance Council’s Benchmark C (TPC-C), un benchmark online per l’elaborazione delle transazioni che simula le attività presenti in ambienti applicativi complessi.

Il benchmark TPC-C è più vicino dei benchmark sintetici delle prestazioni a misurare i punti di forza e i colli di bottiglia delle infrastrutture di storage negli ambienti di database. Ogni istanza della nostra VM di SQL Server per questa recensione utilizza un database SQL Server da 333 GB (1.500 in scala) e misura le prestazioni transazionali e la latenza sotto un carico di 15.000 utenti virtuali.

Conclusione

Il Sabrent Rocket 4 Plus NVMe SSD è un’unità M.2 2280 dalle prestazioni solide che sfrutta la nuova interfaccia PCIe Gen4 e la memoria NAND Flash TLC. Disponibile in capacità fino a 2TB (anche se un modello da 4TB è all’orizzonte), il Rocket 4 Plus supporta entrambi i comandi SMART e TRIM, Advanced Wear Leveling, Bad Block Management, Error Correction Code e tecnologia Over-Provision.

Come le altre unità Rocket della linea Sabrent, il 4 Plus viene fornito in bundle con software come Acronis True Image e la pratica cassetta degli attrezzi SSD dell’azienda per un facile accesso alla salute dell’unità e agli aggiornamenti del firmware. Le principali differenze tra questo drive e il Rocket 4, uscito di recente, sono il controller. Il Rocket Plus 4 usa il nuovo Phison PS5018-E18 mentre il Rocket NVMe 4.0 usa la versione E16.

Guardando alle prestazioni specifiche, il Rocket 4 Plus ha registrato alcuni numeri piuttosto buoni per un drive PCIe Gen4. Il primo test è stato il benchmark SQL Server. Questo ci ha dato una latenza media di soli 3ms, collocandolo vicino alla parte superiore della classifica e tra alcuni battitori piuttosto pesanti come la linea Samsung Pro. In VDBench, l’unità Sabrent ha avuto picchi di 297.855 IOPS in lettura 4K, 226.955 IOPS in scrittura 4K, 4.89GB/s in lettura 64K e 1.31GB/s in scrittura 64K. Per i nostri benchmark VDI, l’unità ha raggiunto un picco di 111.447 IOPS in avvio, 55.174 IOPS in accesso iniziale e 20.361 IOPS in accesso lunedì. Blackmagic ci ha dato un impressionante 5.3GB/s in lettura e 5.9GB/s in scrittura.

Come tutte le unità PCIe Gen4 attualmente sul mercato, le prestazioni non hanno ancora raggiunto completamente il loro vero tetto potenziale. Sabrent dichiara un massimo di 7GB/s in lettura sequenziale, e anche se le sue prestazioni sono state impressionanti, quasi 2GB/s in meno di questo numero citato durante il nostro test BlackMagic. La maggior parte delle unità che utilizzano l’interfaccia PCIe Gen4 sono più in linea con le unità di fascia alta Gen3 consumer-grade al momento, ma come continuiamo a dire, speriamo di vedere questi numeri aumentare nel corso dell’anno con il miglioramento del supporto. Detto questo, la velocità di lettura del Rocket 4 Plus è una delle più alte che abbiamo visto in un SSD consumer (anche meglio del Samsung 980 Pro)

Nel complesso, il Sabrent Rocket 4 Plus è una grande unità ed è ideale per gli appassionati che cercano di portare alte prestazioni al loro sistema. Il suo prezzo attuale di 400 dollari per il modello da 2TB e 300 dollari per quello da 1TB potrebbe dissuadere l’acquirente medio. Ci sono altri SSD PCIe Gen4 ad alte prestazioni là fuori che hanno un prezzo più accessibile come il Samsung 980 Pro, che attualmente costa circa 230 dollari (1TB). Ciononostante, il Rocket 4 Plus offre un buon profilo di prestazioni e, con il calo dei prezzi, è una valida opzione nello spazio Gen4.

Migliori SSD NVMe GEN 3

Se state cercando un’unità ad alte prestazioni, la strada predefinita è quella delle unità NVMe, anche se per motivi organizzativi durante la creazione di questo confronto, stiamo separando le unità NVMe Gen3 da quelle NVMe Gen4 per lo stesso motivo per cui abbiamo separato SATA da NVMe, ovvero che il bus di comunicazione crea un collo di bottiglia che fa sì che la migliore unità Gen3 resti indietro rispetto a un’unità Gen4 entry-level.

Troviamo Samsung con il suo 970 PRO, un SSD con memoria MLC a 2 bit che da tempo lo colloca al vertice degli SSD ad alte prestazioni, anche grazie alla durata e alla velocità fornita dall’uso di tale NAND MLC rispetto alla più economica TLC.

In questo caso, le cifre parlano da sole, con il Samsung 970 PRO che arriva in capacità fino a 2TB a velocità fino a 3500MB/s in lettura sequenziale e fino a 2300MB/s in scrittura sequenziale sostenuta, con cifre di lettura casuale fino a 370.000IOPS e 500.000IOPS in scrittura casuale, il tutto sostenuto da una garanzia di 5 anni che copre fino a 1200TBW di utilizzo senza problemi. Ancora una volta, un disco ad alte prestazioni  mentre è stato superato di gran lunga da unità NVMe Gen4, questa è l’opzione più potente per l’hardware domestico che la maggior parte degli utenti può optare per oggi.

Ovviamente non tutti vogliono il meglio che i soldi possono comprare, ed è qui che entrano in gioco i concorrenti che non abbiamo ancora visto in questa guida, come Intel, che con le sue unità della serie 660p è riuscita a portare sul mercato unità NVMe fino a 2TB di capacità senza creare un enorme buco nel vostro conto in banca, tutto grazie alla memoria QLC NAND.

La durata, nonostante l’uso di queste memorie QLC, è fissata a 100TBW per il modello da 512GB, qualcosa che sale a 400TBW per il modello da 2TB, assicurando che in nessun punto dei 5 anni di garanzia di questa unità avremo problemi legati all’usura dell’unità, soprattutto considerando che è un’unità destinata al mercato domestico.

Le velocità sequenziali di 1800MB/s sia in lettura che in scrittura, così come le prestazioni di 220.000IOPS in transazioni casuali sia in lettura che in scrittura, ci lasciano un’unità versatile che possiamo trovare in una varietà di dimensioni sufficienti per ottenere una grande versatilità quando si acquista uno qualsiasi dei modelli della gamma.

Più in basso, troviamo il Crucial P1, un drive capace di raggiungere i 2000MB/s in lettura sequenziale e 1700MB/s in scrittura sequenziale e con una performance di 170.000IOPS in lettura casuale e 240. 000IOPS in scrittura casuale ci permetterà un accesso rapido a qualsiasi dato che introduciamo all’interno, perché ora più che mai, le unità SSD stanno raggiungendo prezzi che ci permettono di usarli in applicazioni diverse dalla semplice installazione del sistema operativo e alcuni programmi su una piccola unità, e anche avere un’unità SSD dedicata per i giochi è fattibile.

In questo caso, la sezione versatilità rimane indietro a causa del fatto che abbiamo solo unità con capacità di 500GB e 1TB, nonché una durata ridotta, quindi anche se sulla carta in alcune applicazioni dovrebbe essere superiore all’Intel 660p, alla fine lo collochiamo sotto l’Intel 660p.

Ultimo ma non meno importante, l’OCZ RC500, dalla sua casa madre Kioxia, è recentemente passato attraverso il nostro laboratorio per la recensione, ed è stato premiato dal nostro redattore in termini del già citato rapporto qualità-prezzo di questo SSD.

Tra le sue caratteristiche troviamo capacità di 250GB e 500GB, con quest’ultimo a un prezzo adeguato di 69,90 euro, così come velocità di 1700MB/s in lettura e 1600MB/s in scrittura in modalità sequenziale e velocità di transazione casuale di 290.000IOPS in lettura e 390.000IOPS in scrittura, rendendolo un’unità estremamente solvente per il suo prezzo.

Per finire, una durata di 200TBW per la sua memoria NAND TLC e una garanzia di 5 anni assicurano che questa è un’unità di qualità, anche se gli utenti che non sono a conoscenza del cambio di nome di Toshiba in Kioxia potrebbero pensare che questa sia un’unità di un marchio strano o di bassa qualità.

Migliori SSD NVMe GEN 4

Veniamo a quello che sarebbe il più veloce SSD NVMe che esiste oggi e che, a causa di circostanze di sviluppo hardware tra le due principali marche di processori sul mercato, può essere utilizzato solo al loro pieno potenziale con processori come l’AMD Ryzen 9 9500X, un processore che ha un’architettura Zen 3 all’interno che consente l’uso di dispositivi collegati da PCI Express 4.0.

Le unità che si distinguono principalmente in questa sezione sono l’SSD AORUS NVMe Gen4 e il Corsair MP600, due unità NVMe Gen 4 che fanno uso del controller Phison PS5016-E16 e che a loro volta sono dotati di sistemi di dissipazione sovradimensionati per sopportare il carico extra che questo nuovo livello di potenza comporta.

Gigabyte AORUS Gen4 7000s - Unità a stato solido NVMe da 1 TB (PCI-Express 4.0 x4)
  • Fattore di forma: M.2 2280
  • Interfaccia: PCI-Express 4.0 x4, NVMe 1.4.
  • Velocità di lettura sequenziale: fino a 7000 MB/s.
  • Velocità di scrittura sequenziale: fino a 5500 MB/s.

Da un lato, il modello prodotto da Aorus ha un dissipatore completamente in rame esposto che nasconde fino a 2TB di memoria NAND che funziona a velocità superiori a 5500MB/s, come abbiamo potuto vedere nei nostri test di laboratorio. Anche le prestazioni casuali sono eccezionali, con velocità di circa 730.000IOPS in lettura e 710.000IOPS in scrittura, lasciando indietro anche unità molto performanti come il già citato Samsung 970 EVO.

Da parte sua, il Corsair MP600 è ufficialmente capace di velocità fino a 4950MB/s in lettura e fino a 4250MB/s in scrittura, con velocità di trasferimento casuale fino a 680.000 IOPS in lettura e fino a 600.000 IOPS in scrittura. Questi valori sono leggermente inferiori a quelli che si trovano sul drive AORUS, ma questo non lo rende un cattivo drive, qualcosa che i suoi 3600TBW di durata sul modello da 2TB parlano chiaro.

Corsair Force MP600 Unità SSD M.2 NVMe PCI-E x4 Gen4, Velocità Lettura e Scrittura Sequenziale Fino a 4.950 MB/s e 4.250 MB/s, 1 TB, Nero
  • Per prestazioni di storage gen4: un controller pcie gen4 x4 fornisce una velocità di lettura sequenziale fino a 4.950 mb/sec e una velocità di scrittura sequenziale fino a 4.250 mb/sec
  • Interfaccia gen4 pcie x4 nvme m.2 a velocità elevata: grazie alla tecnologia pcie gen4 che consente di sfruttare la larghezza di banda, l'unità mp600 offre prestazioni di ottima storage
  • Celle 3d tlc nand ad alta densità: fornisce il mix ottimo tra prestazioni, resistenza e valore per consentire alla tua unità di dare il ottimo per anni
  • Resistenza eccezionale: l'unità mp600 può archiviare fino a 1.800 tb per le operazioni di scrittura, assicurando una longevità che ti permetterà di archiviare in modo sicuro i tuoi dati per molti anni

Come abbiamo già detto, ci sono altri formati in cui possiamo trovare SSD, e possiamo anche acquistare schede adattatrici SSD che ci permettono di moltiplicare le prestazioni del nostro storage montando più unità come l’AORUS AIC Gen4, una scheda completa con uno slot PCI Express Gen 4 x16 che ci permetterà di raggiungere velocità di più di 15GB/s come abbiamo visto nella sua presentazione.

Allo stesso modo, l’ambiente enterprise è un mondo a parte in termini di hardware, e gli SSD non sono estranei a questo grazie a unità come il Samsung PM1733, SSD impressionanti con velocità fino a 8GB/s sequenziale e 1.500.000 IOPS di prestazioni casuali confezionate con capacità fino a 30,72TB che spazzano completamente tutto ciò che possiamo trovare nel panorama domestico e che possiamo acquisire in formato scheda Half-Height Full-Length o in formato U.2., a seconda delle esigenze della nostra workstation o server.

L’utente ha sempre l’ultima parola, e un computer trarrà sempre beneficio dall’avere le unità più veloci e potenti disponibili. Tuttavia, non sempre otterremo un vantaggio reale montando il miglior SSD sul mercato nel nostro sistema quando possiamo risparmiare una buona quantità di denaro e avere comunque una performance molto simile.

Ecco perché, mentre abbiamo menzionato i migliori SSD che possiamo comprare , possiamo spesso relegare i nostri dati su unità più lente ed economiche e riservare le applicazioni più intensive alle unità più veloci, dove il numero di dispositivi che possiamo montare tende ad essere inferiore.

Per esempio, mentre un disco veloce è raccomandato per il sistema operativo e i programmi che usiamo più spesso, è anche vero che molti dei programmi e dei giochi a cui accediamo non così spesso, o che semplicemente occuperebbero troppo spazio su un disco piccolo, possono essere spostati su un disco rigido o su un più economico SSD SATA, specialmente con programmi e giochi, dove alcuni dati vengono letti ripetutamente più e più volte, ma rimangono invariati nel tempo tranne che per alterazioni occasionali come gli aggiornamenti.

In questi casi, anche un SSD più economico con una durata inferiore può essere utile, dato che se tutti gli SSD sul mercato possono sopportare l’uso quotidiano di un computer domestico, il particolare carico di lavoro che incontrerà un SSD destinato a memorizzare quasi esclusivamente giochi e applicazioni rende questi dati meno importanti.

Allo stesso modo, un’unità Gen4 può essere ugualmente o più efficace delle attuali unità Intel Optane nell’eseguire questa particolare funzione, poiché attualmente non ci sono unità Intel Optane più potenti delle unità esistenti basate su Gen3, quindi se avete un grande spazio di archiviazione basato su disco rigido, potete accelerarlo più efficacemente con un’unità Gen4 che persino un’unità Optane.

WD BLACK SN750 NVMe SSD Interno per Gaming ad Alte Prestazioni, 1 TB
  • Velocità di trasferimento fino a 3.470 MB/sec per tempi di caricamento più rapidi
  • Disponibile con capacità comprese fra 250 GB e 1 TB
  • Design lineare per personalizzare i dispositivi di gioco
  • Il dashboard della SSD WD Black ottimizza le prestazioni di gioco

Western Digital ha rilasciato alcune unità di qualità ultimamente, con l’SN750 che è un pilastro della nostra guida sui migliori SSD per il gioco e con l’SN550 che offre un incredibile rapporto qualità-prezzo. Con il rilascio dell’SN850, Western Digital aggiunge un altro trofeo al suo armadietto: l’SSD PCIe 4.0 più veloce in circolazione. Sì, questo è quanto di meglio ci sia per gli SSD PCIe 4.0 in questo momento.

Una rapida scansione di questa lista ti farebbe grattare un po’ la testa, dato che il Sabrent Rocket 4 Plus alimentato da Phison E18 ha cifre più alte in lettura e scrittura sequenziale. E mentre è vero che l’SN850 segue leggermente in alcuni dei benchmark sintetici, noi diamo più peso ai test del mondo reale, e qui l’SN850 è superiore a qualsiasi altra cosa in questo gruppo di test. È il più veloce nel carico di gioco FFXIV e nel test di archiviazione completo di PCMark10, e non è esattamente lento nel throughput diretto, gestendo 5.920MB/s in lettura e 5.021MB/s in scrittura in AS SSD.

Non dovrebbe essere uno shock scoprire che queste incredibili prestazioni hanno un costo, e questa unità è sicuramente all’estremità più costosa dello spettro, a 0,23/GB. È anche un disco molto caldo, con 77°C in funzione. Questo non dovrebbe essere un problema in un case ben ventilato, ma forse un problema in un sistema più angusto. Comunque, se volete il disco più veloce in giro, questo è quello giusto.

Offerta
Sabrent Rocket 4 Plus SSD Interno M.2 NVMe PCIe 4.0 Gen4 da 1TB Unità di Memoria a Stato Solido dalle Massime Prestazioni (SB-RKT4P-1TB)
  • Interfaccia M.2 NVMe PCIe Gen4 x4. Conforme alle specifiche PCIe 4.0 / NVMe 1.3.
  • Supporta Gestione Energetica per APST / ASPM / L1.2.
  • Supporta comandi SMART e TRIM. Supporta interfaccia ONFi 2.3, ONFi 3.0, ONFi 3.2 e ONFi 4.0.
  • Wear Leveling Avanzato, Gestione dei Settori Danneggiati (BBM), Codice a Correzione d’Errore e Over-Provisioning.

Il Sabrent Rocket 4 Plus è la prima unità del laboratorio a utilizzare il nuovo controller Phison E18, che è il seguito dell’immensamente popolare controller Phison E16 che si trova praticamente in ogni unità PCIe 4.0 di prima generazione. Offrendo un picco di lettura di 7.100MB/s e scrittura di 6.600MB/s, non è solo un grande passo avanti rispetto alla prima generazione di unità PCIe 4.0, ma un notevole miglioramento rispetto al Samsung 980 Pro, soprattutto in termini di prestazioni di scrittura.

Nei test, anche queste prestazioni sono state confermate, con le prestazioni di scrittura più veloci che hanno dominato l’unità Samsung nei test di scrittura. Le prestazioni nel mondo reale non hanno sempre raccontato la stessa storia, anche se le differenze tra queste tre migliori unità possono essere lievi. Anche così, state guardando l’SSD AS colpire 5.868MB/s per la lettura e 5.630MB/s per la scrittura. Roba impressionante.

Un fattore importante qui è che il Sabrent Rocket 4 Plus è il più economico di queste unità di seconda generazione. Le prestazioni sono così vicine che rendono l’SSD Sabrent la scelta più sensata se non hai bisogno delle migliori prestazioni in assoluto. Questa unità funziona anche più fredda dell’SN850, il che può essere un fattore se state cercando un’unità per un case angusto.

Samsung Memorie MZ-V8P1T0B 980 PRO SSD Interno da 1TB, compatibile con Playstation 5, PCIe NVMe M.2, Nero
  • Velocità di lettura sequenziale fino a 7000 MB/s; le performance possono variare in base al sistema hardware e alla configurazione
  • Compatibile con Playstation 5
  • Interfaccia NVMe (Pcle Gen 4.0 x 4)
  • Fattore di forma M.2

Samsung è stato il marchio di riferimento per molte generazioni di storage SSD, quindi la sua prima offerta PCIe 4.0 era molto attesa. È riuscito a superare le classifiche delle prestazioni sintetiche al momento del rilascio, ma non ha impressionato così tanto nei test del mondo reale ed era troppo costoso. Ha anche visto il suo vantaggio prestazionale distrutto dal Sabrent Rocket 4 Plus e dal WD Black SN850, spingendolo al terzo posto nella maggior parte dei test.

Detto questo, è ancora un’unità impressionante, e se non vi dispiace spendere un po’ di più per un’unità PCIe 4.0 di seconda generazione, sarete ricompensati con un pezzo di storage veloce. È molto più veloce delle unità di prima generazione in ogni test sintetico, anche se i miglioramenti nel mondo reale possono essere marginali. AS SSD ha prodotto picchi di lettura sequenziale di 5.495MB/s, che sono grandiosi, e scritti di 3.805MB/s, limitati dal numero di canali utilizzati nel modello da 500GB che Samsung ha inviato per la recensione.

Samsung ha recentemente rilasciato la versione da 2TB di questo drive,  rappresenta un miglior rapporto qualità/prezzo , e mentre le scritture sono notevolmente migliori, rimangono ancora indietro rispetto al SN850 e al Rocket 4 Plus. Sembrerebbe che per questa generazione, Samsung si accontenta di passare la bandiera a Western Digital per il miglior SSD che i soldi possano comprare.

SP Silicon Power US70 M.2 1000 GB Max5000/4000 MB SP01KGBP44US7005
  • Interfaccia PCIe gen 4x4 con velocità di lettura fino a 5.000 Mbit/s e velocità di scrittura fino a 4.400 MB/s
  • Il supporto NVME 1.3 consente una maggiore potenza, minore latenza e un minore consumo energetico
  • Dispone di un livellamento di usura per compensare l'usura di ogni nand-flashblock e garantire una maggiore affidabilità e stabilità del SD
  • Il meccanismo integrato BB (gestione del blocco da bagno) rileva e contrassegna blocchi difettosi nel flash nand-flash, per evitare la memorizzazione in questi blocchi ed evitare errori di accesso

Silicon Power non è un nome così grande per i consumatori come alcuni dei colossi dello storage, ma con un prezzo così buono, non è un marchio da ignorare. Silicon Power ha fondamentalmente preso gli stessi componenti di ogni altro produttore di PCIe 4.0 di prima generazione e li ha raggruppati più economici di chiunque altro. Confrontate le specifiche di questa unità con quelle del Sabrent Rocket di prima generazione, e sarete perdonati se penserete che le abbiamo copiate e incollate. Sono essenzialmente le stesse unità, a parte il prezzo. Questo 2TB costa 30 dollari in meno.

Si ottiene un po’ meno per i propri soldi – non c’è nessun software di migrazione dell’unità da trovare qui, e dove Sabrent ha un sottile dissipatore di calore in rame sul suo disco, l’US70 ha un adesivo. Ancora, non c’era alcuna prova che il calore fosse un problema, e se state comprando un nuovo SSD, reinstallare Windows 10 di nuovo non è una cattiva idea.

Anche le prestazioni sono sane, e indistinguibili da altre unità che utilizzano lo stesso nucleo del controller Phison E16 e Toshiba 96-layer TLC NAND. Stai guardando a velocità di lettura e scrittura sequenziale di 4.172MB/s e 3.794MB/s in AS SSD, che sono entrambi sani per dati incomprimibili, e ben al di sopra di quello che vedrai anche dalle ultime unità PCIe 3.0. Nel complesso, questo è un disco grande e veloce per davvero poco denaro.

Corsair Force MP600 Unità SSD M.2 NVMe PCI-E x4 Gen4, Velocità Lettura e Scrittura Sequenziale Fino a 4.950 MB/s e 4.250 MB/s, 1 TB, Nero
  • Per prestazioni di storage gen4: un controller pcie gen4 x4 fornisce una velocità di lettura sequenziale fino a 4.950 mb/sec e una velocità di scrittura sequenziale fino a 4.250 mb/sec
  • Interfaccia gen4 pcie x4 nvme m.2 a velocità elevata: grazie alla tecnologia pcie gen4 che consente di sfruttare la larghezza di banda, l'unità mp600 offre prestazioni di ottima storage
  • Celle 3d tlc nand ad alta densità: fornisce il mix ottimo tra prestazioni, resistenza e valore per consentire alla tua unità di dare il ottimo per anni
  • Resistenza eccezionale: l'unità mp600 può archiviare fino a 1.800 tb per le operazioni di scrittura, assicurando una longevità che ti permetterà di archiviare in modo sicuro i tuoi dati per molti anni

Quando lo storage PCIe 4 era agli albori, AMD ha spedito i kit di revisione per i suoi primi processori Zen 2 con una di queste unità incredibilmente veloci al seguito per mostrare di cosa fosse capace la nuova interfaccia. A quel tempo, c’erano molte unità PCIe 3.0 veloci in circolazione, ma niente poteva toccare il throughput sequenziale offerto qui. La gamma Force MP600 ha resistito bene alla prova del tempo, anche grazie ad alcuni prezzi interessanti lungo la strada.

Le prestazioni in termini di picco di lettura e scrittura sequenziale sono leggermente indietro rispetto alle più recenti offerte di prima generazione, ma solo di poco. Così, mentre la lettura e la scrittura di dati comprimibili è un po’ più lenta, quando si tratta di dati incomprimibili, le letture di 4.196MB/s e le scritture di 3.773MB/s sono praticamente indistinguibili dalle offerte Sabrent e Silicon Power.

Una cosa a favore dell’MP600 è che viene fornito con il proprio dissipatore di calore come standard. Questo aiuta a mantenere basse le temperature operative e assicura che l’unità non vada in tilt quando viene spinta – particolarmente utile se la vostra scheda madre non ha dissipatori M.2 di serie. È un po’ più costoso delle altre unità qui, ma si ottiene il raffreddamento. Nel complesso, questo è ancora un disco di qualità.

 

Migliori SSD 2,5 pollici

In questo mercato, le metriche delle prestazioni sono estremamente sovrapposte, soprattutto a causa delle limitazioni che il bus di comunicazione SATA porta con sé. Di conseguenza, la maggior parte degli SSD in questo formato si trovano con velocità tra 520 e 560MB/s, ma questa non è l’unica specifica importante.

Il Samsung 860 Pro 4TB è un SSD impressionante che fa uso di un fattore di forma da 2,5 pollici e consentirà la massima compatibilità, in quanto può essere installato in desktop, laptop, All-in-Ones, NUC, e in breve, praticamente qualsiasi dispositivo che accetta l’installazione di un SSD SATA di questa capacità.

Troviamo anche memorie MLC V-NAND all’interno, qualcosa che fornisce fino a 100.000IOPS di lettura casuale, fino a 90000IOPS di scrittura casuale e una durata di 4800TB di scrittura, qualcosa che accompagnato dai suoi 5 anni di garanzia e una cache DDR4 di 4GB ci porta il meritevole di questa posizione, sì, ad un prezzo agghiacciante che ci fanno pensare, dopo aver analizzato tutte le informazioni, se abbiamo davvero bisogno il miglior SSD sul mercato.

Sul sito ufficiale di Samsung, il modello da 250GB parte da un prezzo di 131,99 euro, e aumentando la capacità si aggiungono diversi numeri interi al prezzo, collocando il modello da 500GB a un prezzo di 219,99 euro e il modello da 1TB a 435 euro, così che passando per gli 860 euro del modello da 2TB si arriva all’agghiacciante cifra di 1709,98 euro per il modello da 4TB. Naturalmente, è possibile trovarli in altri negozi ad un prezzo più accessibile, dato che sono passati quasi due anni dal loro lancio.

Se ci poniamo in una prospettiva più consapevole con un budget limitato, ci sono molte alternative sul mercato che possono farci esitare, anche se non è difficile trovare opzioni come la GoodRam IRDM Pro Gen2, un modello più conveniente che, nonostante l’utilizzo di memorie TLC, è un serio rivale anche per il già citato Samsung 860 Pro.

Questa unità GoodRam viene fornita con una garanzia di 5 anni e una durata fino a 1700TBW per il modello più grande, o 220TBW per il modello da 256GB, che permetterà agli utenti domestici e alle PMI di respirare facilmente circa l’integrità dei loro dati in termini di dipendenza che possiamo avere su queste unità. E con capacità fino a 2TB, sia che si tratti di un desktop con spazio per due o più unità, o di un laptop dove ci si può trovare con un solo alloggiamento di archiviazione, si può sempre contare su una capacità adeguata per la maggior parte degli usi.

Infine, per l’utente più attento al budget, dove ogni euro deve essere utilizzato al massimo, il Toshiba TR200 viene in soccorso con modelli che vanno da 240GB a 960GB, ma per prezzi inferiori a 35 euro, possiamo ottenere un drive da 240GB che sarà più che sufficiente per la maggior parte degli utenti che fanno uso di un SSD.

In questo caso vediamo come il taglio di prezzo ha il suo pedaggio, e anche se non è un SSD di scarsa qualità, la sua durata è tagliata a un teorico 240TBW per il modello 960GB, mentre il secondo modello più modesto della gamma, il 240GB, rimane a un modesto 60TBW che è chiaramente dietro i modelli più costosi, ma che ci darà ancora diversi anni di funzionamento insieme a 3 anni di garanzia del produttore.

Tuttavia, le sue velocità hanno ancora poco da invidiare agli altri modelli, e con 555MB/s in lettura e 540MB/s in scrittura, potremo godere di prestazioni migliori in tutte le circostanze.

Migliori SSD M2

Allo stesso modo in cui abbiamo dato un’occhiata agli SSD SATA in formato 2,5 pollici, faremo lo stesso con i modelli di fattore di forma SATA M.2., modelli che, anche se generalmente forniscono le stesse prestazioni dei precedenti, occupano meno spazio in quanto non richiedono la retrocompatibilità con i dischi rigidi di cui sopra e quindi possono essere montati in apparecchiature con maggiori restrizioni di spazio come i computer portatili con uno slot M.2. o nei MiniPC come gli Intel NUC o altri dispositivi equivalenti.

Seguendo la tendenza precedente, Samsung è il leader in questa categoria con il Samsung 860 EVO, un’unità M.2. con capacità tra 256GB e 2TB che ci fornisce cifre di durata che non hanno nulla da invidiare ad altri SSD con memorie MLC e che, con un rendimento eccezionale, ci fornirà il massimo rendimento possibile con le limitazioni che il bus SATA ci costringe a rispettare.

97.000IOPS in lettura e 88.000IOPS in scrittura insieme a una velocità sequenziale fino a 550MB/s e fino a 1200TBW di durata sostenuta da una garanzia di 5 anni sono le specifiche generali fornite dal Samsung 860 EVO in formato M.2. SATA, anche se ancora una volta, proprio come il suo fratello SATA da 2,5 pollici, i prezzi che stiamo guardando sono notevolmente più alti rispetto alla concorrenza, ma siamo sicuri di acquistare il miglior SSD SATA M.2. che possiamo trovare nel mercato domestico, senza andare in componenti di livello server.

Se stiamo cercando un’unità più economica ma che durerà per molti anni con noi e ci fornirà ancora una performance più che adeguata in qualsiasi situazione, possiamo avvicinarci a marche come Kingston o Western Digital, dove tra la sua offerta possiamo trovare unità come il Kingston A400 e Western Digital Blue, entrambi orientati al mercato generale con una performance adatta alla maggior parte dei computer domestici e praticamente le stesse caratteristiche delle loro controparti nel fattore di forma da 2,5 pollici.

Il Kingston A400 può essere trovato in capacità di 128GB e 256GB, mentre il Western Digital Blue parte da 256GB per raggiungere capacità fino a 2TB, qualcosa che gli permette anche di mostrare una durata superiore, una caratteristica innata dei modelli con maggiore capacità di archiviazione dovuta alla presenza di un maggior numero di celle NAND.

A causa di queste caratteristiche, il modello Western Digital sarebbe la scelta superiore, soprattutto se abbiamo bisogno di più capacità di quella che il modello Kingston può offrire, ma questo non rende l’A400 un cattivo SSD su cui contare nonostante le sue prestazioni inferiori rispetto alla concorrenza.

Cos’è un SSD?

Prima di tutto, risponderemo ad alcune domande, la prima è questa domanda molto importante. Gli SSD (Solid State Drives) sono dispositivi di archiviazione dati, proprio come un tradizionale hard disk (HDD), che sono diventati molto popolari negli ultimi anni. A differenza degli HDD, gli SSD non hanno parti mobili all’interno, il che si traduce in diversi vantaggi come vedremo di seguito. All’interno di un disco rigido troviamo un circuito stampato (PCB) su cui sono collocati i chip di memoria NAND, il controller, i connettori dati e alimentazione principalmente.
I chip di memoria NAND sono responsabili della memorizzazione delle informazioni su un SSD, il controller è responsabile della gestione del funzionamento dell’SSD (fa tutto il lavoro nero) ed è quindi il componente più importante per una migliore performance e una maggiore durata. Infine, i connettori dati e alimentazione sono utilizzati per collegare l’SSD alla scheda madre e all’alimentazione rispettivamente.

Vantaggi SSD

Come abbiamo visto, gli SSD non hanno parti mobili all’interno. Questo si traduce in un funzionamento completamente silenzioso e in un consumo energetico inferiore, generando meno calore.
Tuttavia, la differenza più importante e quella che ha reso gli SSD i dispositivi più popolari è senza dubbio la performance. L’assenza di parti meccaniche rende gli SSD molto più veloci degli HDD, permettendo a Windows di avviarsi in meno di 10 secondi e ai programmi di avviarsi quasi istantaneamente. Gli SSD sono anche in grado di eseguire più compiti allo stesso tempo senza una notevole perdita di prestazioni, cosa che non si può dire degli hard disk tradizionali.

Nella nostra selezione abbiamo deciso di includere le unità da 250 GB di capacità perché offrono il miglior rapporto prezzo/prestazioni/capacità. Gli SSD da 120 GB ci sembrano troppo piccoli al giorno d’oggi, anche se se volete installare Windows, una suite per ufficio e un lettore, faranno il lavoro. L’acquisto ideale sarebbe il formato da 512GB, anche se sono ancora un po’ costosi per la maggior parte degli utenti.

Come abbiamo già detto, un disco a stato solido ha molti vantaggi rispetto a un hard disk, ecco altri punti importanti:

Dimensioni fisiche ridotte: gli SSD occupano molto meno spazio degli HDD, soprattutto nel caso delle unità M.2 che sono una piccola scheda con una dimensione tipica di 22 mm x 80 mm. Una caratteristica che è molto importante nei notebook e nei mini PC.
Minor consumo di energia: poiché non hanno parti meccaniche, gli SSD richiedono molta meno energia per funzionare rispetto a un disco rigido. Questo è molto importante nelle apparecchiature alimentate a batteria e nei grandi server dove si usano centinaia di unità.
Prestazioni più elevate: specialmente trasferimenti di piccoli blocchi che sono usati per l’elaborazione transazionale. Questo è dovuto all’assenza di una testa che deve spostarsi nella giusta posizione. Con gli SSD, tutto funziona elettronicamente, il che è molto più veloce ed efficiente.
Maggiore affidabilità: l’assenza di parti meccaniche rende gli SSD molto meno soggetti a guasti rispetto ai dischi rigidi meccanici.

Svantaggi SSD

Conosciamo già i grandi vantaggi degli SSD, ma il mondo non è tutto roseo e dove ci sono vantaggi ci sono anche svantaggi. Il primo di questi è un prezzo per GB molto più alto degli HDD. Anche se la differenza di prezzo per GB è stata notevolmente ridotta da quando gli SSD sono arrivati sul mercato, la verità è che è ancora molto alta, per avere un’idea, un SSD da 120 GB costa circa come un HDD da 2 TB. Anche se personalmente vi consiglio di fare lo sforzo perché è un acquisto consigliato al 100%.
Un altro svantaggio degli SSD è che la quantità totale di informazioni che possono essere scritte su di essi è molto inferiore a quella che permettono gli HDD. I produttori di SSD di solito assicurano una durata di vita del dispositivo di tre anni scrivendo 40-50 GB di dati al giorno, se si scrive meno durerà di più in proporzione. Ecco perché si raccomanda di accompagnare l’SSD con un HDD per l’archiviazione di massa dei dati, oltre a un prezzo molto più basso per GB, gli HDD sono in grado di supportare montagne di dati scritti molto più elevate.

Un altro svantaggio dell’SSD è che è più difficile recuperare i dati se il dispositivo si guasta. Nel caso dell’HDD, se si rompe, possiamo portarlo a un’azienda specializzata nel recupero di dati per analizzare i suoi piatti e recuperare più informazioni possibili. In questo caso non abbiamo altra scelta che usare un software e incrociare le dita.

Tuttavia, questa procedura di recupero delle informazioni da un HDD è estremamente costosa e a livello domestico questo vantaggio degli HDD non ha senso. Dobbiamo anche tenere a mente che è molto più facile che un HDD si guasti piuttosto che un SSD.

Diversi formati disponibili

Gli SSD sono disponibili in diversi formati, il più comune è l’SSD da 2,5 pollici con connettore SATA III, questi SSD sono molto simili agli HDD da 2,5 pollici e sono i più popolari per il loro rapporto prezzo/prestazioni e per avere la massima compatibilità con le schede madri, è possibile installarne uno su qualsiasi scheda madre.
SSD da 2,5 pollici
A causa delle limitazioni delle prestazioni del connettore SATA III, sono emersi SSD più recenti con connessioni più avanzate che consentono prestazioni più elevate, mentre alcuni di essi sono disponibili in un fattore di forma più compatto. Tra questi altri tipi di SSD ci sono quelli basati su connettori M.2, PCI-Express e mSATA.

SSD M.2 SSD mSATA SSD PCI-E SSD

I nuovi computer portatili e le schede madri includono la connessione M.2 che supporta velocità più elevate. Questa è un’opzione da considerare.

Unità a stato solido (SSD) contro unità disco rigido (HDD)

Come SSD ha proliferato nel mercato, “Quali sono le differenze tra Solid State Drive e Hard Disk Drive?” Questa è una domanda comune. Un disco a stato solido non ha parti in movimento rispetto a un disco rigido che ha due componenti principali:

Un motore mandrino per ruotare uno o più strati di piatti.
Un attuatore per muovere una “testa” di lettura/scrittura attraverso i piatti.

Un’unità a stato solido è fatta interamente di componenti semiconduttori, quindi la resistenza agli urti e alle vibrazioni è significativamente migliore di un disco rigido. Altri attributi superiori di SSD sono il consumo di energia inferiore e le migliori prestazioni, soprattutto su piccoli blocchi di dati. Gli hard disk sono ancora sul mercato perché possono offrire capacità più elevate a un prezzo inferiore rispetto agli SSD.

A cosa serve un disco a stato solido?

Un’unità a stato solido è utilizzata per fornire prestazioni migliori e/o un consumo energetico inferiore rispetto a un disco rigido in un sistema informatico esistente. È anche usato per nuovi design di computer o sistemi embedded che richiedono dimensioni fisiche più piccole, capacità di smaltimento, potenza inferiore, prestazioni più elevate e/o un prezzo assoluto inferiore se è necessaria una bassa capacità. C’è una tendenza crescente nel mercato dei notebook a installare SSD invece di hard disk. Si tratta di una tendenza in rapida crescita, già 2 o 3 anni fa erano poco utilizzati nei computer portatili e nelle apparecchiature preassemblate.

Come funzionano le unità a stato solido?

Un drive a stato solido emula un hard disk in un computer host o in un sistema embedded. Lo fa con un controller appositamente progettato che ha la stessa interfaccia elettrica di un disco rigido. In molti casi, ha esattamente lo stesso connettore e fattore di forma fisica del disco rigido.

Altri circuiti nel controller gestiscono la memoria NAND flash che memorizza i dati dell’SSD. Mentre la funzione di controller sembra relativamente semplice, ci sono molti problemi dietro le quinte con la gestione della NAND flash e richiede una grande quantità di pianificazione per creare un controller SSD affidabile.

Quanto durano le unità a stato solido?

La durata di vita di un SSD dipende dall’applicazione utilizzata. A differenza degli hard disk rotanti che l’SSD è stato progettato per sostituire, la memoria SSD ha un numero finito di cicli di resistenza/cancellazione. Questo rende la gestione dei dati scritti sull’SSD estremamente importante. Per esempio, un SSD SATA da 2,5″ potrebbe durare per decenni in applicazioni a bassa intensità, ma potrebbe durare solo poche settimane in un’applicazione di registrazione dati ad alta intensità.

Ci sono anche diversi tipi di memoria NAND flash che vanno dalla più alta affidabilità e costo delle celle a livello singolo (SLC) al più basso costo e affidabilità della NAND a livello quadruplo (QLC). È importante quando si sceglie un SSD selezionare quello giusto per l’applicazione.
Gli SSD cinesi sono una buona idea?

Anche il mercato degli SSD non è risparmiato dall’emergere di modelli di marca cinese o di imitazioni a prezzi stracciati. Ottime opzioni per questi produttori a causa della continua necessità di avere spazio sul nostro computer al prezzo più basso possibile. Ma non è tutto rose e fiori, e questi SSD tendono ad avere problemi di vario tipo quando si tratta di usarli, proprio come le schede di memoria flash o le USB.

L’uso di una memoria di scarsa qualità può facilmente corrompere i dati che abbiamo immagazzinato, se mai riusciamo a fare un trasferimento di successo in una sola volta.
Un altro problema comune con loro è l’uso di driver molto vecchi che sono stati rinominati per sembrare driver di nuova generazione. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità, e otterremo tassi di trasferimento molto più bassi di quanto ci aspettiamo e cadute molto precoci.
L’inganno della capacità di memoria è un’altra questione che abbiamo già affrontato nel caso delle chiavette di memoria. Qui è esattamente lo stesso, i modelli di 512 GB o più risultano essere la metà o meno a causa dell’uso del codice che fa credere al sistema che ci sia più miglioramento di quello reale.
Scarso raffreddamento: se gli SSD di nuova generazione di marche note hanno già problemi di raffreddamento senza l’uso di un dissipatore, immaginate cosa succederà con questi. Non è solo una questione di riscaldamento, ma anche di non avere un sistema di controllo di strozzamento per salvare l’integrità dell’unità.

Qual è la differenza tra un SSD da 2,5 pollici e un SSD M.2?

Mentre abbiamo menzionato sopra tre fattori di forma che si trovano comunemente nei PC domestici, ce ne sono davvero due che hanno proliferato in milioni di desktop e notebook grazie alle loro dimensioni compatte e alle alte prestazioni, e questi sono l’SSD da 2,5 pollici e l’SSD M.2.

Mentre queste unità possono essere essenzialmente le stesse in termini di elettronica, la differenza principale è nella forma e nella dimensione dell’SSD. Gli SSD da 2,5 pollici sono progettati principalmente per essere una sostituzione diretta di un tradizionale disco rigido da 2,5 pollici, che può essere trovato nei computer portatili, ma anche nei rack di stoccaggio dei server.

Le unità M.2, d’altra parte, possono essere molto più compatte, più sottili, più leggere e non richiedono assolutamente alcun cavo, qualunque sia la piattaforma in cui si installa, rendendo l’installazione un processo molto più veloce e richiedendo solo il posizionamento dell’SSD nel suo rispettivo slot e il serraggio di una vite.

Contrariamente alla credenza popolare, sia le unità da 2,5 pollici che quelle M.2. possono accettare diversi protocolli di comunicazione. Mentre è comune trovare unità SATA o PCI Express in formato M.2., ci sono altri tipi di connessione che possono essere applicati anche agli SSD da 2,5 pollici, come U.2. (PCI-Express NVMe) o SAS, anche se è raro trovarli nelle unità domestiche.

Che differenza fa se un SSD con fattore di forma M.2 ha un’interfaccia SATA o NVMe?

La decisione se montare un SSD SATA o NVMe si riduce alle prestazioni e alla compatibilità. Gli SSD SATA M.2., pur non richiedendo un cablaggio esterno, si comporteranno esattamente allo stesso modo di un SSD da 2,5 pollici collegato via SATA, quindi le velocità saranno le stesse e quindi le prestazioni saranno indistinguibili da un SSD più grande.

Le unità NVMe, invece, utilizzano il bus di connessione PCI Express, solitamente nella sua versione 3.0, ma grazie al lancio della piattaforma X570 abbiamo già iniziato a vedere unità che utilizzano la nuova versione PCI Express 4.0, che fornisce prestazioni ancora più elevate.

Le unità NVMe forniscono prestazioni molto più elevate al costo di un consumo energetico leggermente superiore e di una maggiore dissipazione del calore rispetto alle loro controparti con connettività SATA, quindi non è raro vedere questi modelli con dissipatori di fabbrica, soprattutto nelle versioni PCI Express 4.0, che raggiungono velocità superiori a 5000MB/s e raggiungono temperature più elevate a causa della nuova connettività.

Inoltre, la compatibilità di queste unità a piena velocità è inferiore, come solo due chipset sono attualmente in grado di eseguire queste unità a piene prestazioni, in contrasto con le piattaforme multiple in grado di sfruttare un SSD NVMe Gen 3, sia in desktop o laptop.

E la durata di un SSD?

Se c’è un argomento di cui si è parlato fino alla nausea e che preoccupa molti utenti, è la durata che si può ottenere da un SSD. Questo è generalmente accentuato dall’importanza data dai produttori ai TB che possono essere scritti su un particolare disco per raggiungere la sua emivita, e mentre questo è un’indicazione di quanto tempo dovrebbe durare un tale disco, la verità è che la sua durata di vita moltiplica questo valore diverse volte e generalmente ci permetterà di sfruttare il nostro SSD per futuri aggiornamenti del sistema, se non è diventato obsoleto a causa delle dimensioni.

Nel 2015 abbiamo eseguito un test che ha richiesto 86 giorni in totale per scrivere un enorme 826TB sul disco fino a quando il suo controller interno ha smesso di funzionare, qualcosa che per un disco che ha promesso una durata di 72TBW, non è affatto male quando si calcola l’uso reale che un utente domestico fa della sua attrezzatura, per quanto intensivo possa essere.

Queste preoccupazioni sorgono sempre con l’annuncio di un nuovo tipo di memoria SSD, e non è davvero sorprendente, dato che generalmente con ogni aumento della densità di archiviazione in una cella NAND, la durata si riduce di conseguenza, anche se è ancora al di sopra di ciò che unità come l’OCZ ARC 100 hanno promesso e, nel nostro caso, si è dimostrato in grado di sopportare.

Tipi di memoria NAND negli SSD

Ci sono quattro tipi primari di memoria NAND disponibili in commercio, più uno o due altri tipi in fase di sviluppo, e da cui le diverse tecnologie sono derivate da ogni marchio o dal tipo di fabbricazione utilizzato, come 3D NAND. In ogni caso, i tipi di memoria sono i seguenti:

SLC: I primi SSD, con piccole capacità ma alte velocità, avevano memorie SLC che potevano memorizzare solo un bit per cella. Queste memorie sono attualmente le più performanti e durature che si possano ottenere, ma il loro costo proibitivo le ha relegate ai metodi di cache o alle unità aziendali.

MLC: queste memorie sono apparse qualche tempo dopo SLC e hanno portato gli SSD più vicini agli utenti domestici abbassando i prezzi, ma al costo di una certa durata in queste memorie, che possono memorizzare due bit per cella e, quindi, hanno permesso la fabbricazione di SSD di maggiore capacità.

TLC: la maggior parte degli SSD economici si trova con una memoria TLC all’interno. Con una capacità di tre bit per cella, bassi costi di fabbricazione e una maturità dimostrabile, questa memoria ha permesso alla maggior parte dei computer desktop di avere un SSD per accelerare le prestazioni senza essere una spesa importante nella costruzione del computer.

QLC: l’ultima generazione di memoria SSD sacrifica ancora una volta parte della sua durata per ospitare fino a 4 bit per cella. Questo porta nuove sfide, poiché il controller di archiviazione deve distinguere tra 16 tensioni diverse quando legge e scrive i dati, ma è un’altra riduzione dei costi per gli ultimi SSD.

Produttori di memoria NAND e tecnologie proprietarie

Ci sono diversi produttori di memoria NAND oggi, tra cui Intel, Kioxia (ex Toshiba Memory), Western Digital, Samsung, SK Hynix e Micron, che forniscono i produttori di SSD, che possono essere loro stessi in alcuni casi, o marche terze che acquistano alcune memorie da produttori specifici.

In questo caso, possiamo trovare diversi modi di nominare tecnologie simili, e anche se quasi tutta la memoria NAND che possiamo vedere oggi negli SSD è 3D NAND, ogni produttore usa la propria formula sotto un nome facilmente riconoscibile che accompagna la sua memoria.

Nel caso di Kioxia, ex Toshiba Memory, troviamo la memoria BiCS FLASH, che è la particolare implementazione di 3D NAND dell’azienda e che, in particolare, è stata la prima memoria 3D NAND che si poteva trovare sul mercato, provocando una grande rivoluzione nel settore.

Nel frattempo, un’altra tecnologia che possiamo trovare sotto forma di un nome riconoscibile è v-NAND di Samsung, che ha diversi vantaggi rispetto a 2D NAND, e che è che, attraverso un processo di impilamento verticale, si ottiene una maggiore densità di archiviazione, costi di produzione più bassi, così come il consumo di energia inferiore ad alta velocità, qualcosa che dà loro una durata circa 10 volte maggiore di memorie NAND tradizionali.

Ultimo aggiornamento 2021-10-20 at 14:37 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Home » Informatica » Migliori SSD M2 NVMe Gen3 Gen 4 (Ottobre 2021)