Migliori Occhiali e Visori VR per 3D e realtà virtuale sotto 100 euro

Gli occhiali VR per la realtà virtuale

I sistemi VR sono estremamente popolari grazie agli sforzi di grandi aziende tecnologiche come Oculus e HTC, i loro visori vr offrono esperienze 3D completamente coinvolgenti come film, giochi e simulazioni di vita reale.

I sistemi VR consentono di esplorare realtà alternative semplicemente muovendo la testa. Diversi sensori, tra cui accelerometri e giroscopi, tracciano i tuoi movimenti per ricrearli nella simulazione virtuale. È possibile collegare gli occhiali VR a console, PC e altri dispositivi di gioco, e giocare in modo così realistico che a volte si dimentica che è un gioco.

Non sorprende che gli occhiali VR siano costosi. Questi sistemi includono lenti, schermi e controller che permettono all’utente di immergersi in un mondo simulato. Tuttavia, le aziende tecnologiche stanno ora offrendo una nuova alternativa a questi sistemi VR ad alta potenza e costosi: semplici occhiali VR collegati a uno smartphone.

Non tutti possono permettersi un costoso sistema VR. Alcune persone non hanno alcun interesse per loro. Ma molti altri sono affascinati dall’idea di entrare nel mondo della realtà virtuale usando il loro smartphone.

Giganti tecnologici come Google e Samsung vendono le proprie versioni mobili degli occhiali VR. Ci sono alcune differenze chiave tra queste e quelle tradizionali, ad alta potenza. Gli occhiali VR mobili utilizzano uno smartphone sia come console che come schermo, con un paio di lenti per ricreare la profondità e la prospettiva di una realtà immersiva a 360 gradi.

Gli occhiali VR mobili offrono funzioni extra, come i controller wireless. Ma hanno tutti qualcosa in comune: utilizzano le risorse e le applicazioni dello smartphone. Le persone che usano il telefono per giocare o guardare film possono farlo in Realtà Virtuale grazie a questi dispositivi mobili ed economici.

 

IL MIGLIOR VISORE VR A MENO DI 100 EURO

 

Samsung Gear VR Dispositivo di Realtà Virtuale, Bianco [Italia]
  • Design ergonomico
  • Gear VR è compatibile con gli smartphone Galaxy Note 5 , S7 , S7 Edge , S6, S6 edge e S6 edge+
  • Sensori: accelerometro, giroscopio, sensore di prossimità
  • Angolo visuale: 96°
  • Peso: 310 g

 

Il Gear VR richiede comunque un dispositivo mobile per alimentarlo, in particolare il Samsung Galaxy S6, Samsung Galaxy S6 Edge, S6 Edge+, Galaxy Note 5, S7 e S7 Edge. Questo è un elenco decente di telefoni, e fino a quando sei un fan di Samsung. Non ha alcun hardware interno di sua proprietà. Invece è alimentato dalla tecnologia Oculus grazie ad una partnership tra OculusVR e Samsung.

All’interno ci sono due lenti che trasformeranno lo schermo del tuo Galaxy S7 o S7 Edge in un’esperienza VR se visto lateralmente. Sulla parte superiore è un cursore che regola la distanza delle lenti dagli occhi.
È un modo semplice per regolare la messa a fuoco e tutti coloro che hanno provato sono riusciti ad ottenere un’immagine chiara – indipendentemente dal fatto che indossassero o meno gli occhiali.
Intorno al bordo della parte che siede contro il viso sono due strati di schiuma che rendono l’uso del Gear VR un’esperienza molto confortevole.

Si attacca alla testa tramite un set di due cinghie. Uno va per la parte posteriore della testa, con un cuscinetto in pelle imbottito nella parte posteriore. Poi c’è un’altra cinghia che va sopra la parte superiore della testa attaccando da un lato alla cinghia posteriore e dall’altro lato alla cuffia stessa. C’è una grossa porzione bianca di questo cinturino superiore, che ha un’altra sezione imbottita in pelle per un maggiore comfort.

Il Gear VR ha un campo visivo di 96 gradi. Non è così ampio come quello dei grandi nomi della VR, ma combinandolo con un head-tracking a 360 gradi davvero accurato e si ha un’esperienza molto coinvolgente. Questo è aiutato da un giroscopio e da un accelerometro integrato nelle cuffie, che mantiene tutto in movimento nel tempo con i movimenti della testa.

Come scegliere i migliori occhiali VR economici

Quando si confrontano le diverse caratteristiche e funzionalità di ogni visore VR, la scelta di quella giusta non è ovvia. Ci sono numerosi fattori di cui gli utenti devono tenere conto. Per cominciare, il visore VR che ogni persona sceglie deve essere compatibile con il proprio smartphone.

Un’altra variabile importante che gli utenti devono considerare è se gli occhiali VR includono o meno un controller wireless. Questo determinerà la funzionalità del sistema, gli occhiali VR senza controller possono essere utilizzati per guardare film ma non per giocare. Alcuni controller VR sono venduti indipendentemente, ma non sono così ben calibrati come quelli inclusi con gli occhiali.

Le dimensioni, il peso e il materiale determinano quanto sia comodo e quanto tempo può essere utilizzato. Se è troppo grande o pesante, l’utente molto probabilmente non sarà in grado di guardare un intero film di 2 ore.

Il fattore finale da considerare è il marchio e il costo degli occhiali VR. Poiché stiamo prendendo in considerazione solo modelli che costano 50 euro, può sembrare che acquistare uno qualsiasi di questi prodotti non sia un investimento eccessivo. Tuttavia, i marchi affermati dovrebbero essere favoriti rispetto ai loro concorrenti meno noti. I primi sono spesso di migliore qualità, anche se i secondi offrono caratteristiche particolari.

Ci sono diversi fattori che ogni utente dovrebbe prendere in considerazione prima di acquistare un visore VR a basso costo: compatibilità, comfort, funzionalità, costo. Abbiamo selezionato tre modelli che si distinguono.

LISTA MIGLIORI OCCHIALI VR SOTTO 100 EURO

Cos’è la Realtà Aumentata?

La realtà aumentata è il risultato dell’uso della tecnologia per sovrapporre informazioni – suoni, immagini e testi – al mondo che vediamo. Immaginate lo stile di interattività “Minority Report” o “Iron Man”.

Realtà aumentata vs. realtà virtuale
La realtà virtuale significa ambienti generati al computer con cui interagire ed essere immersi. La realtà aumentata (conosciuta anche come AR), aggiunge alla realtà che normalmente vedresti cose in più.

La realtà aumentata nel mondo di oggi

La realtà aumentata è spesso presentata come una sorta di tecnologia futuristica, ma una forma esiste da anni. Ad esempio, le visualizzazioni heads-up di molti aerei da combattimento già negli anni ’90 mostravano informazioni sull’atteggiamento, la direzione e la velocità dell’aereo, e solo pochi anni dopo potevano mostrare quali oggetti nel campo visivo erano bersagli.
Nell’ultimo decennio, vari laboratori e aziende hanno costruito dispositivi che ci danno una realtà aumentata. Nel 2009, il gruppo Fluid Interfaces Group del MIT Media Lab ha presentato SixthSense, un dispositivo che combina l’uso di una macchina fotografica, un piccolo proiettore, uno smartphone e uno specchio. Il dispositivo è appeso al petto dell’utente in un cordino al collo. Quattro dispositivi sensori sulle dita dell’utente possono essere utilizzati per manipolare le immagini proiettate da SixthSense.

Google ha lanciato Google Glass nel 2013, spostando la realtà aumentata verso un’interfaccia più indossabile; in questo caso, gli occhiali. Si visualizza sullo schermo dell’obiettivo dell’utente tramite un piccolo proiettore e risponde ai comandi vocali, sovrapponendo immagini, video e suoni sullo schermo.
I telefoni e i tablet sono il modo in cui la realtà aumentata entra nella vita di molte persone. L’applicazione Star Walk di Vito Technology, ad esempio, consente all’utente di puntare la fotocamera sul proprio tablet o telefono verso il cielo e vedere i nomi di stelle e pianeti sovrapposti all’immagine. Un’altra applicazione chiamata Layar utilizza il GPS dello smartphone e la sua fotocamera per raccogliere informazioni sull’ambiente circostante dell’utente. Poi visualizza informazioni su ristoranti, negozi e punti di interesse nelle vicinanze.

Alcune applicazioni per tablet e telefoni funzionano anche con altri oggetti. Disney Research ha sviluppato un libro da colorare AR, in cui si colora un personaggio in un libro convenzionale (anche se app-compatibile) e si lancia l’applicazione sul dispositivo. L’app accede alla fotocamera e la usa per rilevare quale carattere si sta colorando, e usa il software per ricreare il personaggio in 3D sullo schermo.
Uno dei modi più popolari in cui la AR si è fatta strada nella vita quotidiana è attraverso i giochi per cellulari. Nel 2016, il gioco AR “Pokémon Go” è diventato famoso in tutto il mondo, con oltre 100 milioni di utenti stimati al suo apice, secondo CNET. Ha finito per guadagnare più di 2 miliardi di dollari. Il gioco permetteva agli utenti di vedere i personaggi Pokémon che circolavano nella loro città. L’obiettivo era quello di catturare questi mostri tascabili, per poi usarli per combattere gli altri, localmente, nelle palestre in AR.
Nel 2018, “Harry Potter: Hogwarts Mystery” è diventato un altro gioco in AR mobile. Il gioco permette agli utenti di vedere il mondo di Hogwarts che li circonda, mentre hanno la possibilità di lanciare incantesimi, usare pozioni e imparare dagli insegnanti di Hogwarts. Al momento in cui è stato scritto, il gioco aveva circa 10 milioni di download su Google Play.
I ricercatori stanno anche sviluppando ologrammi, che possono fare un ulteriore passo avanti, dal momento che gli ologrammi possono essere visti e ascoltati da una folla di persone contemporaneamente.
“Mentre la ricerca sull’olografia gioca un ruolo importante nello sviluppo di display futuristici e dispositivi di realtà aumentata, oggi stiamo lavorando su molte altre applicazioni, come dispositivi ottici ultrasottili e leggeri per fotocamere e satelliti”, ha dichiarato in un comunicato il ricercatore Lei Wang, dottorando presso la ANU Research School of Physics and Engineering.

La realtà virtuale promette di immergervi in una realtà simulata. Ti porta in uno spazio e cerca di farti credere di essere realmente lì. La realtà aumentata è quasi esattamente l’opposto. Vuole tenervi nel vostro mondo, ma vuole anche agire come un tramite tra voi e il vostro mondo.
In breve, è la tecnologia che aumenta il tuo mondo sovrapponendovi grafici, immagini e video. Il primo dispositivo AR, nato negli anni ’60 e chiamato la Spada di Damocle, ha inserito questa idea nella storia. Mentre il dispositivo stesso era enorme e ingombrante, si sovrapponeva a una griglia geografica sulla parte superiore della vista.

Migliori Occhiali e Visori VR per 3D e realtà virtuale sotto 100 euro

Come si relaziona la realtà aumentata con la realtà mista?

 

In realtà sono un po’ simili, tanto che Microsoft insisterà nel dire che i suoi visori HoloLens sono un dispositivo a realtà mista piuttosto che a realtà aumentata. In sostanza, la realtà mista è come uno strano mezzo tra realtà virtuale e realtà aumentata.
La realtà mista è quando gli oggetti virtuali possono interagire con oggetti reali nel mondo e viceversa. Immaginate di mettere un tavolo virtuale nella vostra stanza e potreste poi camminare intorno al tablet. Oppure una versione di Pokemon Go in cui il Pokemon potrebbe uscire dal modo di persone casuali che passano. Questa è una realtà mista.
La tecnologia stessa può assumere molte forme. La forma più popolare in questo momento è attraverso i nostri smartphone. I filtri Snapchat possono trasformarti in un simpatico cane o fungere da trucco digitale. Può anche migliorare le tue foto e i tuoi video in modi divertenti, come stendere il viso o mettere la testa sul corpo di un elfo danzante.
Gli occhiali da sole sembrano essere il fattore di forma desiderato per la realtà aumentata, dandoci dispositivi leggeri e facili da indossare.
La realtà aumentata ha bisogno di un paio di cose diverse per funzionare. Ha bisogno di una fotocamera, perché deve essere in grado di vedere e interpretare il mondo. Ha bisogno di sensori di movimento, in modo che quando si sposta il dispositivo capisca dove si trova in relazione al mondo che lo circonda. Ha bisogno di un software in grado di mettere insieme tutte queste cose e, cosa più importante, ha bisogno di un processore portatile e di una batteria per mantenere le cose alimentate e funzionanti mentre si è in movimento.

Ci sono due tipi di esperienze VR: passiva, che consiste nel rilassarsi e guardare una foto o un video a 360° da una prospettiva fissa, e attiva, che permette di interagire con il contenuto e cambiare prospettiva. Un esempio è collegare tastiera e mouse per giocare a un gioco di corse: si utilizzano ancora i comandi tradizionali, ma invece di guardare l’auto su uno schermo 2D, si è seduti al suo interno quando si indossano le cuffie VR.
Il tuo corpo reagirà ai contenuti passivi e attivi, in quanto entrambe le opzioni possono indurre il cervello a credere di essere nell’ambiente digitale. La guida di un ottovolante VR, ad esempio, può darti la stessa sensazione nella bocca dello stomaco, anche se non sei vicino a un parco a tema.

La qualità dell’immagine e le capacità degli occhiali dipendono da due fattori: la tecnologia e la qualità costruttiva e il dispositivo utilizzato per alimentarle.
Gli obiettivi doppi all’interno degli occhiali elaborano simultaneamente due immagini per creare l’illusione della profondità. Le apparecchiature di rilevamento del movimento, integrate nei visori (o nel dispositivo che le alimenta) o collegate esternamente, rilevano il movimento della testa e, in alcuni casi, il movimento del corpo.
La qualità VR dipende da cosa alimenta il sistema. La maggior parte di esse rientra in una di queste categorie:
Entry-level: visori che fungono da custodia per uno smartphone. È possibile utilizzare qualsiasi smartphone entry-level entro i limiti di dimensione specificati dal produttore. Esempi: Google Cardboard, Cocoon.
Medio raggio d’azione: Immagine di migliore qualità che richiede uno smartphone specifico, come un modello Samsung Galaxy, o una console di gioco per funzionare. Esempi: GearVR, Sony PlayStation VR (PS VR).
Di fascia alta: occhiali  potenti in grado di produrre un’immagine di alta qualità, che richiede un PC di alto livello. Esempi: Oculus Rift, HTC Vive.

Ci sono diversi modi per interagire con lo spazio digitale quando si è immersi in un’esperienza attiva. La maggior parte dei visori vr di fascia media consente di collegare un controller di giochi al dispositivo che alimenta il software VR. In questo caso, si tratta essenzialmente di giocare a un gioco come si farebbe su una console o un PC, ma con una prospettiva diversa. I modelli di fascia alta, come PS VR e Oculus Rift (modello base), utilizzano una singola telecamera e controlli motion-sensing, in grado di rilevare i movimenti dell’intero corpo in uno spazio piccolo e fisso. Non è possibile camminare, ma è possibile alzarsi, sedersi, accovacciarsi, appoggiarsi, girarsi e così via.

Il futuro della realtà aumentata

Questo non significa che i telefoni e i tablet saranno l’unica sede per l’AR. La ricerca continua a ritmo sostenuto sull’inclusione della funzionalità AR nelle lenti a contatto e in altri dispositivi indossabili. L’obiettivo finale della realtà aumentata è quello di creare un’immersione comoda e naturale, quindi c’è la sensazione che i telefoni e i tablet saranno sostituiti, anche se non è chiaro quali saranno tali sostituzioni. Anche gli occhiali potrebbero assumere una nuova forma, dato che gli “occhiali intelligenti” sono stati sviluppati per i non vedenti.
Come ogni nuova tecnologia, l’AR ha molte questioni politiche ed etiche. Google Glass, ad esempio, ha sollevato preoccupazioni sulla privacy. Alcuni temono che le conversazioni possano essere registrate surrettiziamente o che le immagini scattate, o che possano essere identificate da un software di riconoscimento facciale. Gli occhiali AR, i contatti e altro ancora, come Glass – X e Google Lens, però, stanno avanzando nella produzione e nelle vendite.

 

Ultimo aggiornamento 2020-09-25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More