Migliore Iptv Box Android sotto 100 euro

L’IPTV è definita come la fornitura sicura e affidabile di video di intrattenimento, flussi in diretta e servizi correlati su una rete dati IP. Questi servizi possono includere, ad esempio, flussi codificati, trasmissioni TV, Video On Demand (VOD) e TV interattiva. Questi servizi sono forniti attraverso una rete che utilizza il protocollo IP per trasportare i segnali audio, video e di controllo, consegnandoli in modo sicuro a smart TV, lettori multimediali, set top box, dispositivi mobili, laptop, mac e thin client. A differenza del video su Internet pubblico, con le implementazioni IPTV, la sicurezza e le prestazioni della rete sono gestite in modo rigoroso per garantire un’esperienza professionale, con il risultato di creare un ambiente di business convincente per i fornitori di contenuti, gli inserzionisti e i clienti.

 

Migliore Iptv Box Android 100 euro

 

Offerta
Xiaomi Mi Box S Lettore multimediale in streaming 4K Ultra HD con telecomando vocale, Nero
  • Xiaomi mi box s 4k uhd Wi-Fi dual band ac, telecomando con comandi vocali
  • Supporta hdr, iptv, google assistant, netflix hd/4k, dazn, primevideo, rai play
  • Versione global con lingua italiana (alimentatore eu), basato su android 8.1
  • Telecomando con comandi vocali e tasto netflix
  • Possibilità di installare app da google play o da porta USB

 

MAG 324 originale Infomir e HB-DIGITAL IPTV Set TOP Box Multimedia Player Internet TV Ricevitore IP (supporto HEVC H.256) + Stick WLAN con antenna + cavo HDMI
  • Processore: potente CPU MIPS 4KE Dual Core (BCM75839) RAM: 1024 MB
  • Interfacce esterne: composito + uscita A/V stereo, 100 Mbps Ethernet, uscita HDMI 1.4b, 2x USB 2.1
  • Sorgenti di contenuti multimediali: PC e NAS sulla rete locale, protocolli multimediali di streaming (RTSP, RTP, UDP, IGMP, HTTP),...
  • MediaPortal integrato con la funzione IPTV basata su WebKit
  • Non ci sono trasmettitori IPTV preinstallati sul dispositivo. Non possiamo aiutare con l'installazione

 

Migliore Tv Box per vedere Netflix in 4K

Offerta
Xiaomi Mi Box S TV Box 4K Ultra HD Media Player, YouTube Netflix Chrome Cast Google Assistant Amazon Video Integrato, HDMI 4K HDR, Dolby Audio, Versione Italiana
  • Risoluzione di uscita: 4K (3840 x 2160)
  • Android 8.1, google assistant e chromecast integrati
  • Telecomando vocale bluetooth
  • Quad-core CPU, 2GB RAM + 8GB storage
  • Supporta Dolby e DTS surround sound
  • CPU: Cortex-A53 Quad-core a 64 bit
  • Sistema operativo: Android TV

 

Cos’è l’IPTv?

IPTV è la fornitura di contenuti multimediali, video o televisione in diretta su una rete IP. L’IPTV (Internet Protocol Television) può utilizzare sia l’internet pubblico, sia una rete locale privata  o una rete ad ampio raggio (WAN). Un servizio IPTV può essere fornito a una TV, un telefono cellulare, un tablet, un laptop o un PC abilitato all’IP e può essere facilmente incorporato in una soluzione video on demand.

I servizi IPTV sono comunemente utilizzati da aziende e organizzazioni per fornire la TV alle aree di attesa, alla reception e alle sale comuni e spesso integrati con funzionalità di digital signage. IPTV è anche una soluzione molto diffusa per la fornitura di servizi televisivi all’interno di un hotel, un ospedale o una proprietà residenziale.

Cosa significa “Internet Protocol”?

Invia un’e-mail ad un amico o scarica una pagina web e le informazioni che metti in moto non viaggiano in un unico blocco, come ci si potrebbe aspettare. Al contrario, si suddivide in tanti piccoli pezzi, noti come pacchetti, ognuno dei quali può essere “scambiato” (inviato) a destinazione con un percorso diverso. Lo “scambio di pacchetti”, come è noto, è il principio di base di come ogni informazione viaggia su Internet. I computer che collegano la rete non sanno cosa significhi un determinato pacchetto o cosa faccia. Tutto ciò che conoscono è l’indirizzo IP (un “nome di casa e di strada” numerico dato ad ogni computer su Internet) dove il pacchetto deve andare – e trattano tutti i pacchetti allo stesso modo.

Il cambio di pacchetto è la chiave per il funzionamento di Internet. Si tratta di rompere un’informazione e di inviarla in piccoli pezzi dalla sua origine alla sua destinazione, un po’ come il trasloco, spedendo tutti i mattoni in buste separate.

Internet non è progettato per fare un lavoro particolare, come la consegna di e-mail: è semplicemente un sistema “postale” computerizzato altamente efficiente per la consegna di zilioni di pacchetti. La conseguenza semplice ma sorprendente è che, fintanto che si possono trasformare le informazioni in pacchetti, è possibile inviarle via Internet, qualunque sia l’informazione. Ecco perché Internet può essere utilizzato per inviare e-mail, scaricare pagine web, fare telefonate (utilizzando una tecnologia nota come VoIP (Voice Over Internet Protocol), guardare la TV – e fare  altre cose che non sono ancora state inventate. Se qualcuno avesse progettato Internet in modo più rigido, ad esempio per la spedizione di e-mail, utilizzandolo per altre cose, come le telefonate o la TV, non sarebbe stato possibile.

I servizi IPTV sono essenzialmente classificati in tre gruppi principali:

Televisione in diretta o streaming, con o senza interattività, da una fonte di trasmissione, un encoder o una telecamera IP;

Televisione time-shifted: catch-up TV e video “near” on demand;

Video on demand (VOD): risorse video memorizzate e registrate, siano essi film, spettacoli televisivi, materiale didattico o riunioni registrate.

 

Per capire cosa significa, è necessario conoscere un po’ come funziona la non-IPTV. Con la TV via cavo o satellitare, le emittenti inviano segnali e i telespettatori li ricevono – si può guardare solo ciò che viene trasmesso.  Basta sintonizzarsi quando è possibile e guardare ciò che è disponibile.

L’IPTV è diverso. Invece di trasmettere contenuti tramite impulsi di luce in fibra ottica o onde radio da un satellite, l’IPTV invia spettacoli e film attraverso la vostra connessione internet standard. (Potete usare una connessione internet via cavo o via satellite, ma queste sono indipendenti da quelle che di solito trasportano i vostri segnali televisivi).

Invece di trasmettere una serie di spettacoli su un palinsesto specifico, la maggior parte degli IPTV utilizza video on demand (VOD) o media time-shifted,

Dietro a tutto questo c’è una complicata architettura di rete che lo fa funzionare, compresa una grande quantità di transcodifica dai segnali tradizionali a quelli IP-friendly. Ma l’importante è che non si debba guardare ciò che viene trasmesso. Potete dire al vostro provider cosa volete guardare e ve lo invieranno immediatamente.

Se avete usato un servizio di streaming come Netflix o Hulu, è la stessa idea, ma con la TV al posto dei film o degli spettacoli in syndication.

L’IPTV rinuncia ai metodi tradizionali di trasmissione di programmi televisivi attraverso segnali analogici con onde radio e trasportati nell’aria. Si avvale invece di segnali digitali che vengono trasportati via internet. Quando si trasmette in streaming su IPTV, ci sono un paio di passaggi che un programma televisivo deve superare prima di poter essere trasmesso in digitale attraverso IPTV.

Preparazione del programma – un programma televisivo dal vivo o preregistrato viene convertito da un segnale analogico in un segnale digitale attraverso la conversione da analogico a digitale per essere trasmesso via internet sotto forma di pacchetti. Essi devono anche essere compressi per ridurne le dimensioni, consentendo lo streaming del video senza buffering e sono codificati in formato MPEG2 o MPEG4 (MPEG4 è un formato di file più recente e di qualità superiore). Vengono poi inseriti degli annunci e le informazioni devono essere criptate per terminare la preparazione.

Memorizzazione dei programmi – i programmi live vengono immediatamente trasmessi in streaming mentre vengono prodotti. Altri programmi televisivi e film preregistrati vengono compressi e memorizzati per la selezione e lo streaming on demand. Tuttavia, la loro archiviazione è limitata a causa di limitazioni nella larghezza di banda per ridurre l’impatto su Internet.

Streaming dei programmi – le attività di streaming web si svolgono tramite IP multicasting, un tipo di download di dati in cui i pacchetti di dati vengono inviati dal server una sola volta a molte situazioni diverse. Questo è in netto contrasto con la normale navigazione, dove i dati vengono inviati contemporaneamente tra il client e il server, il cosiddetto IP unicasting. L’IP multicasting permette ad un server di gestire più richieste per lo stesso video. Inoltre, i provider IPTV utilizzano reti di distribuzione dei contenuti (CDN), che conservano copie speculari degli stessi dati, consentendo una distribuzione affidabile dei dati anche da diverse località geografiche in tutto il mondo.

Visualizzazione del programma – per utilizzare l’IPTV è sufficiente disporre di un computer e di una connessione a Internet. Tuttavia, alla maggior parte delle persone non piace guardare la televisione sul proprio computer. I progressi tecnologici hanno permesso agli utenti di utilizzare set-top box che ricevono input da connessioni internet, decodificano il segnale e riproducono video sul televisore ad alta definizione.

Quando si desidera utilizzare l’IPTV per vedere i programmi televisivi sul computer, si utilizza un certo file con estensione M3U. Questo file viene utilizzato dal lettore video del vostro computer per identificare determinati canali.

 

Che cos’è un file M3U?

M3U sta per MP3 URL. È un formato associato per lo più a playlist audio, ma è stato ampliato per contenere informazioni visive e può essere utilizzato per i file multimediali. I lettori multimediali utilizzano i file M3U per mettere in coda i file per la riproduzione. È uno dei formati più utilizzati sui lettori MP3 per le compilation audio e per lo streaming live, molto diffuso nell’industria IPTV.

Un file M3U contiene informazioni sui media che si intende aggiungere alla playlist. Per i servizi IPTV, è possibile aggiungere dati sui canali che si desidera guardare utilizzando un file di testo per modificare e compilare il file.

 

Come si aprono i file M3U?

I multimedia, o anche i lettori audio, possono creare playlist delle vostre canzoni preferite, film, spettacoli o videoclip utilizzando l’applicazione stessa. Essi vengono poi compilati in un unico file di playlist M3U, che può anche essere aperto utilizzando un qualsiasi editor di testo perché le informazioni compilate nel file sono basate sul testo. Queste informazioni si trovano scritte con la seguente sintassi:

http://168.117.125.32:1993/live/username/password/xxxxxxx.ts

Ogni descrizione del canale avrà due linee. La prima riga contiene il nome del canale nella playlist e la seconda riga conterrà l’indirizzo del canale diretto sul server. Dovrebbe anche contenere il nome utente e la password dell’utente per una corretta identificazione, così come l’ID del canale per l’accesso. Il lettore leggerà entrambe le righe che corrispondono ad ogni canale e ogni nome sarà visualizzato sulla lista dei canali. Una richiesta viene inviata al server previsto e il lettore invierà quindi richieste criptate al server. I pacchetti ricevuti vengono convertiti in immagini sul dispositivo preferito e viene visualizzato il canale desiderato.

Per utilizzare i file della playlist M3U, è necessario utilizzare lettori multimediali che supportano il tipo di file M3U.

 

Come impostare l’IPTV utilizzando i flussi TV

TV Streams è un’applicazione che permette di guardare IPTV in iOS, tvOS e macOS.
Per aggiungere canali all’app è necessario prima trovare una Playlist M3U.

Potete trovarne di gratuiti cercando su Google i risultati recenti (ultime 24 ore) o cercando su Pastebin anche ordinando i risultati per tempo. Poiché le playlist gratuite di solito scadono dopo un certo tempo.

Dopo di che basta aggiungere il link nell’app e guardare i tuoi programmi preferiti.

Quando i canali vengono importati si sincronizzano con i vostri dispositivi Apple e potete guardarli ovunque andiate.

Ho bisogno di un Set-Top Box per IPTV?

Poiché la maggior parte dei televisori non sono equipaggiati per l’IPTV, potrebbe essere necessario un set-top box che “traduce” ciò che si riceve tramite la connessione internet in un formato leggibile dal televisore.

Il vostro computer, invece, non ha bisogno di nulla per guardare IPTV. Una volta che ti iscrivi ad un servizio, puoi usarlo per trasmettere in streaming tutto ciò che vuoi in uno qualsiasi dei formati IPTV (di cui parleremo più avanti).

Quindi, se riesci a riflettere il tuo schermo sul televisore, puoi guardare IPTV senza set-top box.

IPTV ibrido

Molti provider televisivi stanno ora adottando un approccio ibrido all’IPTV per risolvere alcuni dei problemi con trasmissioni completamente abilitate all’IP. L’IPTV richiede una grande quantità di larghezza di banda per trasmettere dati ad alta velocità.

L’IPTV ibrida combina i servizi televisivi tradizionali con quelli basati su IP. Il punto di forza è che tutto viene trasmesso attraverso un’unico box. Questo permette ai provider televisivi di espandere la loro offerta ai loro abbonati.

Inoltre, rende più facile l’introduzione di nuovi prodotti e servizi senza una completa revisione del set-top box. È un buon modo per passare da un modello tradizionale a uno più moderno.

Video su richiesta (VOD)

Lo streaming VOD è esattamente quello che sembra; si ottiene il video ogni volta che lo si richiede. I siti di streaming cinematografico sono fornitori di VOD. Non c’è un limite di tempo per ciò che si può guardare (oltre a quello per cui il servizio ha attualmente i diritti).

Tu dici al servizio cosa vuoi guardare, loro te lo inviano via internet e tu lo guardi. Semplice.

Netflix, Hulu e Amazon Prime Video sono esempi popolari di servizi VOD. (Sono disponibili anche molti servizi più piccoli e di nicchia).

 

time-shifted

L’importante differenza tra i media spostati nel tempo e il VOD è che i contenuti condivisi hanno una durata di conservazione limitata. Non si può tornare indietro e guardare un episodio di uno show che si è perso diversi anni fa (beh, si potrebbe, ma allora sarebbe VOD).

Uno dei servizi più popolari che offre media a tempo è l’iPlayer della BBC.

(Se pensate che VOD e time-shifted media suonino molto simili, avete ragione. Ha soprattutto a che fare con quanto tempo sei in grado di guardare uno show dopo che è andato in onda).

IPTV dal vivo

Come per le trasmissioni televisive, è possibile anche guardare gli spettacoli in diretta su IPTV. Molte persone guardano gli eventi sportivi in questo modo; è facile trasmettere una partita in streaming sul tuo telefono mentre sei in movimento.

Oltre ad essere trasmessa via internet invece che attraverso i tradizionali media televisivi, la diretta IPTV è praticamente uguale alla normale TV.

FOX Sports Go, CBS Sports HQ, Hulu Live TV e Sling TV offrono tutti la diretta IPTV.

Servizi IPTV

Anche se l’IPTV si sta decisamente ingrandendo, è ancora un mercato di nicchia. Servizi come Netflix e Hulu offrono molti programmi televisivi (quando possono ottenere i diritti), e il video on demand sta crescendo rapidamente.

Sono gli altri formati di IPTV, dove c’è un potenziale significativo per cambiare il modo in cui la gente guarda la TV, che devono ancora decollare.

La TV catch-up sta diventando sempre più popolare. Scaricare applicazioni per provider come FOX, CBS e NBC permette agli spettatori di vedere gli spettacoli che si sono persi senza lo sforzo di impostare e registrare qualcosa tramite un set-top box come un TiVo.

NOW TV, TVPlayer ed Epicstream stanno tutti facendo progressi nel mercato dell’IPTV live, ma non sono ancora così tradizionali come i servizi VOD più popolari.

Lo sport sembra essere il settore della TV che ha abbracciato più rapidamente l’IPTV. Ci sono moltissimi pacchetti sportivi in abbonamento che si possono guardare dal computer o in streaming sulla TV ogni volta che si vuole.

Ma è una scommessa sicura che il resto del mondo televisivo sarà subito dietro.

Stanno spuntando molti servizi che permettono agli utenti di creare il proprio VOD e anche i servizi di live-streaming. In questo modo le persone possono condividere le loro capacità, i loro consigli e le loro passioni con chiunque altro nel mondo .

Avviare il proprio servizio IPTV

Se siete interessati ad avviare il vostro servizio IPTV, la cosa migliore da fare è di collegarvi con uno di questi fornitori. Hanno la larghezza di banda, la capacità del server e i canali di distribuzione di cui avete bisogno.

Tutto quello che devi fare è iscriverti, scegliere un piano e iniziare a caricare i tuoi contenuti. Che tipo di contenuti? Chi li guarderà? Come farete a guadagnare? Tutte queste cose dipendono da voi.

Ci sono canali IPTV per imparare i trucchi magici, mettersi in forma, imparare a ballare, guardare film e praticamente qualsiasi altra cosa ti venga in mente. Se hai qualcosa che vuoi condividere con il mondo, puoi usare IPTV per farlo.

Naturalmente, dovrai comunque registrare tutti i contenuti. Il che richiede molto lavoro. Ma una volta fatto questo, questi servizi vi permetteranno di promuovere e distribuire i vostri programmi televisivi, video o film con facilità.

È come costruire la propria versione di Netflix solo per voi e per i vostri abbonati.

Il futuro dell’IPTV

È difficile dire quante persone utilizzano i servizi IPTV in questo momento. Con la grande varietà di provider, i diversi formati e l’enorme quantità di contenuti piratati disponibili, ci sono molte cose di cui tenere traccia.

Ma non c’è dubbio che l’IPTV sarà sempre più popolare. Grand View Research stima che il mercato varrà oltre 117 miliardi di dollari entro il 2025. L’aumento della domanda da parte degli utenti e i miglioramenti nelle reti supporteranno questa crescita.

Grand View prevede inoltre che l’IPTV in abbonamento crescerà rapidamente nel prossimo decennio, suggerendo che servizi come TVPlayer e Hulu Live TV guadagneranno in popolarità.

Una parte di questa crescita è già iniziata.

I principali fornitori di media stanno pianificando di offrire nuovi servizi di streaming per competere con Netflix, Amazon Prime, e altri pesi massimi dello streaming.

E ora che le persone possono creare i propri canali per distribuire i propri contenuti con facilità, la quantità e la varietà di opzioni IPTV aumenterà rapidamente. Gli spettatori non saranno più limitati a ciò che le emittenti condividono, ma potranno andare l’uno verso l’altro per vedere tutto, dai video di fitness ai film specifici per il pubblico.

Storia dell’IPTV

Il termine IPTV è venuto alla ribalta nel 1995 in quanto è stato sviluppato da un software precept che era una combinazione di finestre compatibili con Mbone e di un’applicazione centrata su UNIX utilizzata per trasmettere contenuti audio e video sia a sorgente singola che multipla utilizzando il protocollo di trasporto in tempo reale (RTP) e il protocollo di controllo in tempo reale (RTCP).

Nel 1999, una società di telecomunicazioni del Regno Unito denominata Kingston communications ha lanciato l’IPTV attraverso una linea di abbonati digitali (DSL). Inoltre, nel 2001, ha anche aggiunto il servizio VoD, che è stato un primo servizio di questo tipo lanciato da qualsiasi organizzazione al mondo e lo rende anche commerciale per l’uso.
Nel 2005, una delle aziende nordamericane ha lanciato il canale televisivo ad alta definizione tramite il protocollo Internet TV.
Nel 2010 molti paesi asiatici e altri paesi europei hanno lanciato il servizio VoD in collaborazione con i fornitori di servizi Internet attraverso i servizi IPTV. Hanno anche lanciato servizi DVR tramite set-top box.

Dimensioni del mercato

Finora i mercati americano ed europeo sono emersi come i più grandi paesi in termini di abbonati, poiché si stima che il conteggio complessivo superi i 1000 milioni e si prevede che raggiunga i 90 miliardi di dollari entro il 2025.
La domanda di servizi IPTV è in aumento a livello globale con un tasso annuo del 30-35%.
L’enorme domanda di contenuti televisivi personalizzati è il fattore principale per la crescita del mercato dell’IPTV. L’inclusione della pubblicità su richiesta insieme ai contenuti è anche uno dei principali fattori che accelerano il business in questo campo e che generano ricavi e marketing con questo.
Secondo la ricerca, i paesi dell’Asia-pacifico come l’India, la Corea del Sud e la Cina sono i mercati emergenti per IPTV seguendo le tendenze del mercato nordamericano ed europeo.
Paesi europei come la Francia, la Germania e il Regno Unito hanno la più grande quota di mercato tra tutti gli IPTV.

I principali fornitori IPTV che forniscono servizi sul mercato globale sono Matrix Stream Technologies, AT &T Inc, Verizon communication Inc., SK orange SK, SK telecom, Cisco Systems, Huawei technologies, ecc.
Ora l’India è diventata il più grande mercato in crescita della Internet Protocol TV grazie alla rapida crescita dei servizi Internet a banda larga ad alta velocità in tutto il paese. Questa crescita ha aumentato le dimensioni del mercato della Internet Protocol TV a più di 100 milioni di entrate.
In India, è stata lanciata per la prima volta da MTNL, BSNL e Reliance JIO solo in poche città, ma in seguito è diventata molto popolare e la domanda è aumentata.

Reliance Jio Infocomm Limited ha lanciato i servizi 4G che supportano i servizi di voice over LTE e altri servizi dati in India nel 2015. Il servizio JIOTV che fornisce la possibilità di guardare la diretta televisiva, il cricket, il DVR, ecc. è stato lanciato nel 2016.
Insieme a JIOTV, Reliance JIO ha lanciato altri servizi come JIO CINEMA per i suoi spettatori, per guardare gli ultimi film e serie web on-demand, JIO Saavan, per ascoltare musica online e offline in diverse lingue, Jio Money Wallet, per i pagamenti online, per ricaricare e pagare le bollette e molti altri servizi.

L’architettura dell’IPTV comprende quattro blocchi principali che sono un super head-end, un ufficio di servizio video, un ufficio locale e la casa dell’abbonato.

Funzioni di Super-head-end

Memorizzerà tutti i programmi che vengono trasmessi sui canali nazionali della TV giorno per giorno.

Il contenuto dei programmi viene poi elaborato in modo tale da poter essere trasmesso attraverso i collegamenti Internet ad alta velocità come i collegamenti DSL e FTTH. Per la distribuzione dei canali IPTV vengono utilizzati i diversi indirizzi IP multicast.

L’estremità super-head farà fluttuare il contenuto verso le estremità degli uffici locali utilizzando il flusso di trasporto multi-programma verso i nodi video o dati dell’estremità lontana. L’estremità di testa acquisisce il video da varie fonti e utilizza anche un codificatore MPEG e un media streamer per la consegna del contenuto dei dati.

L’estremità principale fornisce anche la sicurezza del contenuto utilizzando il sistema di accesso condizionato (CAS) e il sistema di gestione dei diritti digitali (DRM).

Ruolo del servizio video per l’ufficio

Questo combinerà e memorizzerà il contenuto locale, il video on demand e il server pubblicitario al suo interno. Può anche trasmettere i contenuti utilizzando l’antenna wireless e i collegamenti IP ad alta velocità verso gli uffici della zona.

Ruolo degli uffici locali

La componente principale presso gli uffici locali è il DSLAM (digital subscriber line access multiplexer) il cui compito principale è quello di fondere i dati e i servizi di telefonia con i servizi video IP.

Ora la funzione principale dell’ufficio locale è quella di combinare tutte queste informazioni e distribuirle all’area dell’abbonato utilizzando i collegamenti DSL (digital subscriber line) o STM. La DSL funzionerà anche come splitter in quanto cambierà il formato del contenuto nella forma accessibile e richiesta dall’utente finale.

Questo può essere compreso dall’esempio che se l’utente finale vuole il contenuto nel formato dei dati, allora il modem DSL viene utilizzato per convertire i dati IP nel formato compatibile con il laptop o il desktop. Per estrarre il contenuto video, viene utilizzato il STB (set-top box) che lo rende compatibile per essere utilizzato su un televisore.

Poiché le reti di video server utilizzeranno enormi larghezze di banda per memorizzare e trasmettere i video memorizzati e on-demand, per fare un uso ottimale della larghezza di banda distribuita su queste reti, si suggeriscono due modelli di architettura.

Modelli di architettura

Il primo è un modello di architettura centralizzata, in questo modello tutto il contenuto è memorizzato in un server centralizzato ed è una buona soluzione per fornire piccole serie web e piccoli contenuti VOD.
L’altro è un modello di architettura distribuita, in cui il contenuto è distribuito tra i vari nodi di una rete e la larghezza di banda distintiva è loro assegnata in base alle esigenze della rete.

L’architettura distribuita è un po’ complessa, ma è efficace per fornire una grande quantità di contenuti su reti di grandi dimensioni che vengono utilizzate con i grandi fornitori di servizi.
Requisiti di larghezza di banda

Il requisito di larghezza di banda IPTV per il collegamento di accesso è di 4 MBPS per canale per SDTV e 20 MBPS per HDTV per canale. Per un video-on-demand, la larghezza di banda richiesta è di 25 MBPS per una qualità video ad alta definizione.
IPTV Set-top Box (STB)

La funzione dell’STB è quella di convertire il segnale in entrata nel segnale video che l’utente può guardare sul proprio televisore con il supporto del cavo HDMI o del cavo AV o, al giorno d’oggi, anche con connessione Wi-Fi.
Un’estremità dell’STB è collegata al televisore, mentre l’altra estremità è collegata a Internet tramite un router o un modem con il cavo connettore RJ45 che fornisce la connettività Internet ad alta velocità ai locali domestici.
Il set-top box ha altre numerose porte e caratteristiche, ma qui non è necessario discuterle tutte perché non sono tutte rilevanti.
Il set-top box può essere collegato con il tablet o con gli smartphone facilmente utilizzando le reti Wi-fi LTE.

Protocolli usati in Internet Protocol TV

IPTV offre sia il servizio video on demand (VoD), che è un servizio unicast, sia il servizio live TV, che è multicast. Per guardare queste applicazioni la rete IP a banda larga fissa o wireless è collegata tramite dispositivi OS incorporati come tablet, smartphone, console di gioco, PC e set-top box.

Per guardare questi servizi la compressione video viene eseguita tramite codec generato H.263 o H.264 e la compressione audio viene eseguita tramite codec generato MDCT e dopo questo incapsulamento viene eseguita utilizzando lo stream di trasporto MPEG o pacchetti RTP per una telecast di servizi VoD in diretta e memorizzati.

Ora i protocolli utilizzati sono i seguenti:

Per lo streaming video basato sul provider di servizi viene utilizzato il protocollo IGMP. Viene anche utilizzato per cambiare il canale di live streaming da un canale all’altro. L’instradamento in rete avviene tramite il protocollo multicast (PIM) indipendente dal protocollo, che esegue la distribuzione dei canali TV dalla sorgente al cliente finale di destinazione che vuole visualizzare il contenuto.
Il protocollo di trasporto in tempo reale (RTP) via UDP viene utilizzato per visualizzare i contenuti on-demand. Il metodo di incapsulamento qui utilizzato è il flusso di trasporto H.222 su TCP.
Per il web-based unicast e multicast live watching RTP via TCP o UDP viene utilizzato utilizzando RTSP su TCP per scopi di configurazione e controllo.
Per guardare il contenuto locale collegando la TV via set-top-box e giocando il gioco online si usa l’UPnP AV via HTTP su TCP o UDP.

 

Un set-top box ibrido permette di fondere i contenuti provenienti da varie fonti come i canali di trasmissione via cavo e via satellite con i contenuti video che devono essere forniti sulle reti IP attraverso una connessione Ethernet sull’apparecchio.

Ora il cliente televisivo può visualizzare sia i canali televisivi che i contenuti video da una più ampia gamma di contenuti disponibili senza la necessità di alcuna infrastruttura supplementare.

Con i set-top box ibridi IPTV si può anche accedere a diversi tipi di servizi avanzati come la ripetizione di uno show televisivo, il gioco online, lo shopping, il batting online, la visione di giochi dal vivo e l’e-governance, ecc. sul televisore stesso.

In qualità di operatore televisivo, i fornitori hanno la possibilità di concedere ai consumatori l’accesso ai vari servizi di cui sopra, secondo il requisito e la richiesta dell’utente di attivare o disattivare il servizio. Ciò fornisce flessibilità senza alcuna complessità di rete e di servizio sia al fornitore di servizi che all’utente finale.

Vantaggi dell’IPTV

Per accedere ai servizi dell’IPTV, è sufficiente installare il set-top box IPTV e possiamo guardare i contenuti, quindi è molto economico da usare.
Le sue versioni più recenti sono facilmente accessibili anche tramite una connessione Wi-fi. Non è obbligatorio utilizzare una connessione internet via cavo. Lo rende facile da usare.
Il protocollo Internet TV è puramente digitale e quindi supporta tutte le più recenti tecnologie per fornire un buon QoS.
Diversi tipi di programmi possono essere guardati contemporaneamente sullo schermo del televisore e sugli smartphone senza alcuna interruzione.
Oltre ai servizi video-on-demand, possiamo utilizzare anche altri servizi come voce, dati, giochi online, battute in tempo reale e servizi telefonici.
I programmi possono essere visti sfuggendo alle pubblicità che arrivano tra le serie televisive e gli altri programmi trasmettendoli da remoto. In questo modo si risparmia il tempo degli abbonati.
Il sistema IPTV è facile da usare ed efficiente in termini di tempo, poiché l’utente finale può guardare i programmi dal server memorizzato in qualsiasi momento e può visualizzarli a sua scelta utilizzando i pulsanti di avanzamento veloce, riavvolgimento e pausa & play.

Limitazioni del protocollo Internet TV

Non c’è garanzia di guardare gli spettacoli su IPTV senza difetti tecnici, cioè se molti utenti guardano lo stesso spettacolo nella stessa istanza di tempo, il server diventa occupato e l’utente finale non sarà in grado di guardare lo spettacolo su quel canale e il canale visualizzerà un errore.
A volte alcuni canali impiegheranno un tempo molto lungo per riprodurre uno show e continueranno a fare il buffering dopo ogni 30 secondi di riproduzione. Questo crea una perdita di interesse nella visione dello show negli utenti se questo accade frequentemente.
A volte si blocca molto spesso a causa dei problemi di sincronizzazione tra l’utente finale e l’ufficio di servizio video.

 

Hai bisogno di una VPN per IPTV?

Una rete privata virtuale è un tunnel sicuro attraverso una rete pubblica (cioè Internet), che cripta tutti i dati trasferiti tra il vostro computer e il provider VPN. Per qualsiasi terza parte, è impossibile dire a quali siti o servizi ci si connette o che tipo di dati vengono trasferiti. Questo è immensamente importante per lo streaming IPTV perché affronta due questioni:

Internet Service Provider strozzare o anche il blocco di alcuni siti e servizi: Alcuni ISP bloccano i servizi IPTV (soprattutto nel Regno Unito) o strozzano il traffico IPTV sulle loro reti. L’utilizzo di una VPN evita questo problema perché gli ISP non sono in grado di decifrare quali servizi si stanno utilizzando e se si sta utilizzando lo streaming di contenuti video o semplicemente scaricando un file.
Alcuni servizi di streaming (Hulu, Netflix, BBC iPlayer ecc.) servono contenuti diversi in diverse regioni del mondo o non funzionano affatto in alcune regioni. Con una VPN, è possibile connettersi a un server nel Regno Unito, negli Stati Uniti o in qualsiasi altro luogo, prima di accedere ai servizi di streaming. In questo modo, in sostanza, la vostra postazione è una parodia della vostra posizione e vi permette di accedere, ad esempio, ai contenuti del Regno Unito da qualsiasi parte del mondo.

Inoltre, le connessioni VPN possono contribuire a ridurre i problemi di connessione, come ad esempio il buffering, fornendovi una connessione a tunnel verso un server che si trova vicino alla posizione del servizio di streaming, ottimizzando il trasferimento dei dati.

Infine, ma non per questo meno importante, con tutte le notizie sui programmi di spionaggio e sui governi e le forze dell’ordine che raccolgono dati sui cittadini, le VPN vi offrono privacy e tranquillità!

Quando si pensa di acquistare un box multimediale in streaming, decidete quale tipo di contenuto cercate maggiormente.

Tuttavia, se la vostra attenzione si concentra principalmente sul video on demand, non potete sbagliare con Amazon Fire TV. Per coloro che hanno un budget leggermente più grande e cercano un Android TV box più potente e versatile, la Nvidia Shield TV è la strada da percorrere. Questo dispositivo funge anche da console di gioco.

Infine, per chi ha un budget limitato, i box Android più generici come forniscono un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Un’altra cosa da considerare è la connessione a internet. Poiché tutti i contenuti video vengono trasmessi in streaming su internet, è necessaria una connessione che possa tenere il passo con tutti questi dati. Consigliamo almeno 10 Mbps per ottenere un’esperienza di streaming senza problemi. Leggete la nostra guida su come ottimizzare il vostro WiFi per lo streaming se utilizzate una connessione wireless a internet.

Infine, tenete presente che ci sono numerose aziende che pubblicizzano i box IPTV.

Ultimo aggiornamento 2020-09-25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More