Come il 5G trasformerà il nostro modo di vivere e lavorare

Come il 5G trasformerà il nostro modo di vivere e lavorare

È giusto dire che dagli ultimi due anni, non c’è stata nessuna parola d’ordine che abbia un impatto di marketing così forte come la parola 5G. La parola significa così tanto che l’industria l’ha promossa in ogni angolo, ad esempio i nuovi smartphone 5G. Le nuove implementazioni dei carrier parlano di servizi 5G. I fornitori di chip parlano di modem e SoC 5G. I produttori di dispositivi vendono il 5G come il futuro delle telecomunicazioni che “cambierà la vita degli utenti”. A seconda della persona con cui si parla, si sentiranno cose diverse sul 5G. È una banda larga mobile 4G leggermente migliorata, o è la tecnologia che collegherà industrie e servizi, alimenterà un numero enorme di dispositivi IoT, e servirà come supporto per l’innovazione futura?

Cos’è la rete mobile 5G?

Il 5G è la rete mobile di quinta generazione. 5G NR (New Radio) è l’interfaccia aerea che alimenta il 5G, succedendo al 4G LTE. La specifica 5G è stata sviluppata dal 3GPP, un organismo di standard industriali. La release 15 della specifica è stata completata nel 2018, mentre la release 16 è stata completata nel giugno 2020.

Simile al 4G, il 5G è una rete cellulare mobile che alimenta la banda larga mobile. Utilizza diverse onde di radiofrequenza (RF) rispetto al 4G, ma il principio di base è lo stesso: le reti sono divise in celle, e i dispositivi ottengono la connettività cellulare collegandosi alle onde radio che emettono da un nodo installato dall’operatore. I grandi vantaggi del 5G rispetto al 4G sono una Giugnore capacità, una Giugnore larghezza di banda e una Giugnore velocità.

Differenze tra 4G e 5G

La velocità del 5G è teoricamente più di dieci volte più veloce del 4G. Nelle aree metropolitane, ci si può comodamente aspettare velocità 4G di circa 50Mbps. Sul 5G, queste possono spesso superare i 500Mbps.

Naturalmente, ci sono molti fattori che possono influenzare le prestazioni del 5G. Questi includono la forza del segnale, la congestione e il dispositivo che stai usando per connetterti alla rete.

Cos’è il Mbps?

La velocità di Internet si misura in Megabit al secondo. Ci sono 8 megabit in un megabyte. Pertanto, se la tua velocità di Internet mobile è di 50Mbps, puoi scaricare 6,25MB di dati al secondo.

Ogni dieci anni circa, le reti mobili ricevono un aggiornamento tecnologico in termini di standard. Le reti 1G degli anni ’80 erano reti analogiche. Il rilascio del 2G GSM fu una grande pietra miliare nel 1991, poiché le reti 2G erano reti digitali. Le reti 2G, per esempio, hanno portato il supporto per gli SMS. C’erano due tipi di reti 2G: GSM e CDMA2000. Le reti 2G GSM hanno poi portato dati mobili rudimentali e lenti sotto forma di GPRS e EDGE (rispettivamente 2.5G e 2.75G). Navigare sul web con il 2G significava aspettare minuti per il caricamento di una pagina web, ma questo era solo l’inizio dell’Internet mobile.

Le prime reti commerciali 3G sono state lanciate nel 2001. Mentre il 2G significava chiamate vocali digitali, il 3G significava dati mobili. Proprio come il 2G, il 3G era di tre tipi: WCDMA (che era usato nei telefoni globali) e EVDO Rev A. C’è voluto molto tempo perché le reti 3G proliferassero in tutto il mondo; l’India, per esempio, non ha avuto reti 3G fino al 2010. Mentre l’Internet mobile era un’impresa fattibile con il 3G, la velocità dei dati non era così buona, dato che il 3G UMTS aveva solo un obiettivo di velocità di 144Kbps all’inizio. HSPA e HSPA+ (3.5G) hanno migliorato la velocità dei dati, ma per la Giugnor parte, la navigazione sul web su 3G era un’esperienza lenta con velocità che andavano da 1Mbps a 10Mbps in media.

Poi sono arrivate le reti 4G LTE, a partire dal 2010. Il 4G è stato lo standard che ha reso i dati mobili veloci e utilizzabili una realtà. Aveva un obiettivo di velocità di download dei dati di 100Mbps, ma la Giugnor parte delle reti 4G in questi giorni hanno solo 10-50Mbps di velocità di download a causa della congestione. Ha sbloccato nuove industrie come il ride sharing. Ha portato la telefonia basata su IP sotto forma di Voice over LTE (VoLTE). Il 4G LTE è stato il successore sia del 3G globale (WCDMA/UMTS/HSPA) che dell’EVDO Rev A. Le reti 4G erano le migliori, e gli smartphone con 4G erano più potenti che mai. Il 4G è stato iterato da LTE-Advanced, e i progressi del 4G continuano con il rilascio di nuovi chip modem ogni anno. Il 4G è una tecnologia matura, che ha cambiato il mondo.

Con requisiti di dati sempre crescenti, però, il 4G non riusciva a tenere il passo. Le reti 4G stavano iniziando a diventare congestionate, e man mano che più consumatori le usavano, la velocità dei dati iniziava a diminuire.

Era arrivato il momento di una nuova generazione di cellulari.

Le reti e i modem 5G sono stati in sviluppo per quattro anni, ma il 5G commerciale ha iniziato a diventare una realtà solo nel 2019. Nel 2020, altre reti 5G sono state lanciate, e altri dispositivi 5G sono stati rilasciati sul mercato. Il 5G non è ancora una realtà mainstream per più della metà del mondo, ma nei prossimi cinque anni, questo cambierà. Il roll out delle reti 4G è quasi completato, e così, i vettori ora rivolgeranno la loro attenzione al 5G.

Le applicazioni del 5G: dati e voce cellulare, soluzioni aziendali e IoT

5G è un termine ampio. In generale, ha applicazioni in tre campi:

Dati cellulari e voce
Soluzioni aziendali
Connettività IoT

Il 5G per gli utenti di smartphone si occupa del primo campo. Senza dubbio, anche il settore aziendale ne beneficerà, con applicazioni in settori come le auto senza conducente, le città intelligenti, gli usi nel settore medico, i macchinari intelligenti, la produzione intelligente, ecc. Per quanto riguarda il terzo campo, l’IoT, le industrie delle telecomunicazioni e della telefonia mobile stanno proclamando da anni che il 5G connetterà i dispositivi dell’Internet of Things (IoT) in massa. Tutto ciò che ci circonda sarà connesso. Succederà? È possibile. Per gli utenti di smartphone, gli ultimi due campi sono accademicamente interessanti, ma è il primo campo – dati mobili e voce – che conta davvero per gli utenti finali.

Il 5G crea nuove opportunità

Per gli utenti di smartphone, il 5G si riferisce a dati più veloci – molto, molto più veloci in alcuni casi. Le nuove reti promettono anche una latenza incredibilmente bassa, alla pari con la banda larga cablata. Questo sarà un grande affare per casi d’uso come il cloud gaming multiplayer che si basano su una latenza estremamente bassa. Mentre le reti 4G non sono mai riuscite a ridurre la latenza ai livelli della banda larga cablata, il 5G promette proprio questo.

Il 5G avrà anche una larghezza di banda e una capacità di dati di rete molto più elevate. Presumibilmente, non sarà sopraffatto come il 4G quando un numero enorme di utenti inizierà a utilizzare la rete. Per i vettori che hanno reti 4G sovraccariche, il 5G rappresenterà una migliore qualità del servizio, meno tempi morti e una migliore esperienza del cliente.

È tutta una questione di velocità, però. La specifica 5G mira a 20Gbps di velocità massima in downlink, che è dieci volte di più del più alto chip modem 4G LTE (che arrivano fino a 2Gbps). Naturalmente, 20Gbps è solo un obiettivo teorico finora. I migliori chip modem rilasciati dai fornitori di chip Qualcomm e Samsung possono arrivare a un massimo teorico di 7,5Gbps (quando si usa il 5G a onde millimetriche) e 5Gbps (quando si usa il 5G sub-6GHz). Nel mondo reale, alcune reti mmWave 5G sono andate fino a 1,5Gbps in downlink, mentre le reti sub-6GHz 5G sono andate fino a 600-700Mbps.

Con queste velocità, i consumatori si aspettano naturalmente che il 5G sia un ordine di grandezza più veloce delle loro attuali reti 4G LTE. È più complicato di così, però. Una rete 5G non significa necessariamente che sarà sostanzialmente più veloce di una rete 4G, perché è tutta una questione di spettro di radiofrequenza.

La tecnologia dietro il 5G: OFDM, spettro e modalità

Parlando in generale, il 5G è alimentato dalla stessa tecnologia che alimenta il 4G: multiplazione a divisione di frequenza ortogonale (OFDM). OFDM è un tipo di trasmissione digitale e un metodo di codifica dei dati digitali su più frequenze portanti. È robusto ed efficiente, quindi è la tecnologia scelta. Il 5G incorpora entrambe le tecnologie frequency division duplex (FDD) e time division duplex (TDD), proprio come il 4G (FDD-LTE e TDD-LTE).

Differenza principale nel collegamento tra 4G e 5G

La caratteristica chiave che separa il 5G dal 4G è lo spettro. Lo spettro è la gamma di frequenze elettromagnetiche che vengono utilizzate per trasmettere dati attraverso l’aria. Il 5G può utilizzare uno spettro più ampio di onde RF rispetto al 4G, il che gli dà la possibilità di fornire velocità e capacità di dati più elevate. 10-20MHz di spettro 5G in una banda bassa come 600MHz daranno velocità che vanno da 50Mbps-100Mbps, ma con più spettro, le velocità salgono rapidamente.

Lo spettro 4G può anche essere riutilizzato grazie a una tecnologia chiamata Dynamic Spectrum Sharing (DSS). Questo è ciò che i vettori come AT&T stanno facendo negli Stati Uniti. Le più alte velocità del 5G saranno raggiunte solo con uno spettro diverso, però.

Due modalità del 5G : modalità non-standalone (NSA) e la modalità standalone (SA)

Ci sono due modalità di 5G: la modalità non-standalone (NSA) e la modalità standalone (SA). In questo momento, quasi tutti i carrier si affidano al 5G NSA. Qui, la rete 5G dipende dalle stazioni base 4G e dalla rete centrale 4G. Il trasferimento del collegamento dati in queste reti utilizza le strutture della rete 4G. La NSA è più facile da implementare per i vettori in quanto possono riutilizzare le loro reti core 4G e le strutture di rete. Lo svantaggio qui è che dipende dal 4G, quindi la velocità non sarà così alta, mentre la latenza non sarà così bassa come può andare in modalità SA.

Modalità NSA SA 5G

La modalità SA è il vero sogno 5G che deve ancora essere ampiamente realizzato. Alcuni operatori di rete mobile come T-Mobile negli Stati Uniti hanno iniziato a girare l’interruttore per la modalità SA, ma un roll out più ampio avverrà nel 2021 per più vettori. Le reti SA 5G sono completamente indipendenti dal 4G, poiché utilizzano una rete centrale 5G e strutture di rete indipendenti. Il trasferimento del collegamento dati qui non si basa sul 4G, il che significa che le reti SA possono promettere velocità molto più elevate e una latenza molto più bassa.

Le nuove versioni di smartphone alimentati dagli ultimi modem supportano entrambe le modalità, il che significa che supportano le future reti SA oltre alle attuali reti NSA.

Sub-6GHz – Banda bassa e banda media Onde millimetriche mmWave

Ci sono due tipi di 5G. Uno è il 5G sub-6GHz, che può essere pensato come il vero successore del 4G LTE. L’altro è il 5G a onde millimetriche (mmWave). Quando si legge di velocità di downlink di 1 Gbps e di requisiti di linea di vista al nodo, si sta leggendo di mmWave. Quando si legge di reti 5G affidabili che funzionano effettivamente al chiuso e con velocità reali di 100-500Mbps, si legge di sub-6GHz.

La Giugnor parte dei consumatori sperimenterà solo sub-6GHz, perché a livello globale, i vettori sono stati abbastanza intelligenti da trattare mmWave con cautela. In alcuni paesi come gli Stati Uniti, però, i vettori hanno (cinicamente, a mio parere) lanciato mmWave prima a causa della mancanza iniziale di spettro sub-6GHz disponibile. Mentre paesi come la Russia, il Giappone e la Corea del Sud si sono uniti al carrozzone mmWave, la stragrande Giugnoranza del mondo ha scelto di andare sul sicuro con sub-6GHz.

Sub-6GHz 5G (indicato anche come sub-6) significa che le frequenze radio delle bande di rete sono inferiori a 6GHz. (Per inciso, tutte le bande 4G sono sub-6GHz.) mmWave, d’altra parte, significa che le frequenze radio delle bande sono superiori a 6GHz. Le bande mmWave vanno da 24GHz fino a 100GHz, ma in pratica, i vettori hanno lanciato reti che vanno da 26GHz-39GHz finora.

Sub-6GHz è di due tipi: banda bassa e banda media.

La banda bassa 5G è simile alle bande FDD-LTE che sono utilizzate nelle reti 4G oggi. Queste bande hanno le frequenze radio più basse . T-Mobile ha una rete 5G “nazionale” a 600MHz negli Stati Uniti, per esempio, mentre AT&T ha una rete simile a 700MHz. Le bande a bassa radiofrequenza come queste sono le migliori per penetrare gli ostacoli come edifici, alberi, e raggiungere il più lontano possibile geograficamente da un dato nodo installato dal carrier. Questo rende queste bande la scelta ottimale per fornire una grande copertura interna. Al contrario, però, le loro basse frequenze significano che hanno la più bassa capacità di trasportare dati, il che, a sua volta, significa che le velocità non saranno così grandi.

La banda media è la scelta ottimale per costruire una rete 5G. Le frequenze a banda media, come la popolare banda a 3.5GHz e la banda a 2.5GHz, non sono le migliori per penetrare gli ostacoli a differenza delle frequenze a banda bassa, né possono trasportare così tanti dati come le frequenze mmWave. Non sono le migliori né per la copertura interna né per le più alte velocità di dati, ma sono le migliori tuttofare. La copertura a banda media è accettabile finché i vettori sono disposti a installare il numero appropriato di nodi in qualsiasi luogo. Inoltre, la velocità dei dati non è un problema finché c’è abbastanza spettro disponibile per i vettori da utilizzare. Dopo tutto, le bande 4G come la banda 40 TDD-LTE (2300MHz) sono anche banda media, e vettori come Jio e China Mobile le hanno usate con successo rispettivamente in India e in Cina.

I consumatori delle reti 5G a banda media in paesi come la Corea del Sud hanno riportato grandi velocità, e questo è il modello che il resto del mondo dovrebbe seguire.

La natura controversa di mmWave

mmWave 5G è una questione completamente diversa. Si scopre che tutte le obiezioni che molte persone informate nel settore delle telecomunicazioni avevano nei confronti di mmWave erano corrette. Sì, porta velocità incredibilmente elevate – le velocità possono regolarmente rompere la barriera di 1Gbps per il downlink. Sì, ha una bassa latenza. Tuttavia, niente di tutto ciò conta in misura apprezzabile quando si considerano i limiti della tecnologia.

mmWave richiede una linea di vista al nodo installato dall’operatore. Le bande mmWave usano radiofrequenze incredibilmente alte, a partire da 24GHz. Queste frequenze sono bloccate da ostacoli come edifici, alberi e persino la mano dell’utente. Anche la pioggia degrada il segnale. La portata geografica di queste frequenze è solo di circa 500 metri. Ciò significa che a meno che i vettori non installino nodi in ogni corsia, strada e quartiere, un segnale mmWave non sarà mai disponibile per la Giugnor parte dei consumatori. Si può usare il beanforming e mettere più moduli d’antenna in un telefono, ma non si può superare la fisica alla fine della giornata.

Sì, queste limitazioni sono dovute alla fisica. C’è una ragione per cui così tanto spettro è stato inutilizzato in queste alte frequenze. Usarle per una rete mobile che dipende effettivamente dalle onde radio che arrivano il più lontano possibile è una cattiva idea. È una cattiva idea in linea di principio, e i vettori stanno iniziando solo ora a capirlo

mmWave 5G funziona meglio quando è destinato ad ambienti affollati come punti di riferimento, stadi, sale riunioni, ecc. Io continuerei a non essere d’accordo, poiché la banda media 5G è solo un compromesso molto migliore. Che suona meglio: 1Gbps 5G con un segnale che scompare non appena ci si allontana dal punto di riferimento pubblico, o 600Mbps 5G con un segnale che effettivamente tiene il passo quando ci si dirige all’interno?

Per fortuna, come ho detto, la stragrande Giugnoranza dei carrier è rimasta lontana dal mmWave. I roll-out 5G in luoghi come l’Arabia Saudita, l’Europa e la Cina sono tutti basati sulla banda media e, in alcuni casi, integrati con la banda bassa.

L’ecosistema 5G

La tecnologia stessa non è nulla senza il suo ecosistema. L’ecosistema 5G è composto da vettori che lanciano le reti 5G, produttori di chip di rete, venditori di chip che vendono chip modem per consentire agli smartphone di connettersi a queste reti, e produttori di dispositivi che vendono telefoni ai consumatori finali. Altre parti interessate nel settore includono i governi e i loro organismi anti-trust, gli appaltatori e altro ancora.

Vettori

Nel giugno 2020, 35 paesi avevano lanciato una qualche forma di rete 5G fino ad ora. Ci sono 195 paesi nel mondo, quindi c’è ancora un bel po’ di strada da fare prima che le reti 5G siano disponibili anche solo nella metà dei paesi del mondo. A questo punto, Qualcomm sottolineerà che l’adozione del 5G è stata più veloce del 4G LTE finora. Un bel po’ di altre reti sono dichiarate per andare in funzione nel 2021.

In alcuni paesi come la Cina, la Corea del Sud e gli Stati Uniti, le reti 5G sono disponibili per milioni di persone. Al contrario, non c’è una sola rete 5G dal vivo in India, per esempio. In generale, il roll out del 5G è iniziato prima nei paesi sviluppati, mentre i mercati emergenti stanno prendendo tempo. Un argomento ottimistico può essere fatto che entro cinque anni, la Giugnor parte del mondo lo avrà. In questo momento, però, per molti luoghi, è ancora un sogno lontano.

Fornitori di chip

Ora, ci sono due tipi di fornitori di chip. Fornitori come Huawei, Nokia, Ericsson, Samsung e ZTE vendono chip di rete 5G ai vettori per costruire stazioni base e nodi portanti. Grazie alle accuse politiche e di sicurezza, Huawei è stata bloccata dalla vendita o da qualsiasi parte nelle reti 5G della Giugnor parte dei paesi occidentali, specialmente gli Stati Uniti. D’altra parte, è generalmente accettato che Huawei ha un vantaggio tecnologico nei chip di rete, e le reti 5G cinesi sono state costruite da Huawei. Con il divieto di commercio di HiSilicon, però, non è chiaro come procederanno le cose in futuro.

L’altro tipo di fornitori di chip sono quelli che vendono chip modem ai produttori di dispositivi smartphone. Qualcomm è il primo esempio qui, ma anche Samsung Systems LSI e MediaTek giocano un ruolo. I chip modem del gruppo HiSilicon di Huawei sono stati utilizzati da Huawei stessa, ma con l’imminente scioglimento di HiSilicon, questo sembra finire.

Il sistema modem-RF 5G X50 di prima generazione di Qualcomm è stato annunciato nell’ottobre 2016, e ha alimentato la prima ondata di telefoni 5G all’inizio del 2019. Il sistema modem-RF X55 di seconda generazione a 7nm ha alimentato alcuni telefoni Snapdragon 855-powered di fine 2019, ma è entrato in uso diffuso nel 2020. È accoppiato con il SoC di punta Snapdragon 865, che non ha un modem integrato. Il modem X60 di terza generazione a 5nm è stato annunciato da Qualcomm nel febbraio 2020, e probabilmente apparirà nei telefoni che verranno lanciati all’inizio del prossimo anno. Porta innovazioni come l’aggregazione dei vettori di diverse modalità 5G, Giugnori velocità di downlink e altro ancora.

Qualcomm ha anche portato il 5G nella fascia di prezzo medio-alta con il lancio del Qualcomm Snapdragon 765 nel dicembre 2019, che aveva il proprio modem Snapdragon X52 5G integrato. Aveva specifiche inferiori, ma supportava sia sub-6GHz che mmWave. Nel giugno 2020, l’azienda ha poi portato il 5G alla fascia di prezzo medio-bassa con l’annuncio dello Snapdragon 690, che supporta il 5G sub-6GHz (e non mmWave).

Il primo modem 5G di Samsung Systems LSI è stato l’Exynos 5100, che ha alimentato i primi telefoni 5G Exynos lo scorso anno. Gli è succeduto l’Exynos 5G Modem 5123, che è usato nelle varianti 5G Exynos 990-powered delle serie Galaxy S20 e Galaxy Note 20. Anche il SoC di fascia media Exynos 980 è capace di 5G. Oltre a Qualcomm, Samsung è l’unico fornitore di chip che produce e vende modem mmWave 5G. Le varianti 5G Exynos del Galaxy S20 e del Galaxy Note 20 hanno il supporto mmWave.

MediaTek, d’altra parte, è entrata nell’era 5G con il lancio della sua nuova serie di SoC 5G Dimensity. Il primo SoC ad essere annunciato in questa serie è stato il Dimensity 1000 nel novembre 2019. Ha seguito quel lancio lanciando il Dimensity 800 di fascia media, il Dimensity 1000+ aggiornato e il Dimensity 820, nonché il Dimensity 720 di fascia media inferiore nel 2020. I modem 5G di MediaTek scelgono di rinunciare al supporto mmWave, optando per attaccare con sub-6GHz.

Il primo SoC 5G di HiSilicon è stato il Kirin 990 5G, che ha alimentato le varianti 5G della serie Huawei Mate 30, la serie Huawei P40, così come i flagship economici Honor View 30 e Honor 30. L’azienda si sta preparando a lanciare presto il Huawei Mate 40, che sarà alimentato da quello che sarà apparentemente l’ultimo SoC di punta di HiSilicon per il prossimo futuro.
Produttori di dispositivi

A partire dalla fine del 2020, un numero crescente di produttori di dispositivi sta vendendo telefoni 5G. L’elefante nella stanza – Apple – ha appena annunciato la sua prima serie di iPhone 12 e iPhone 12 Pro alimentati dal 5G. Samsung, Huawei, Honor, OPPO, Vivo, Xiaomi, OnePlus, Realme, LG, Sony, Motorola, ASUS, Lenovo, ZTE, Nubia, iQOO e altri hanno tutti rilasciato telefoni 5G.

Nel 2019, i telefoni 5G erano limitati al livello di ammiraglia in quanto solo lo Snapdragon 855 aveva il supporto del modem necessario. Nel 2020, grazie allo Snapdragon 765, il 5G può ora essere trovato anche nei telefoni di fascia media superiore. Alla fine di quest’anno, dovremmo iniziare a vedere i primi telefoni di fascia medio-bassa alimentati dallo Snapdragon 690 5G. Ci vorrà un po’ più di tempo perché la tecnologia prolifichi nei telefoni economici, come previsto.
Lo stato attuale dell’ecosistema 5G e le prospettive future

L’anno scorso, l’ecosistema 5G era immaturo e incompiuto. Era relegato ai telefoni che costano più di 1.000 dollari. Nel 2020, l’ecosistema è maturato molto in termini di disponibilità di dispositivi, la qualità delle reti 5G, la qualità dei modem 5G e la scala delle reti stesse. Alcuni dei telefoni 5G di prima generazione erano così immaturi che si sono sviluppate situazioni bizzarre. Le varianti Sprint del OnePlus 7 Pro 5G, il Galaxy S10 e l’LG V50 ThinQ non possono più collegarsi a nessuna rete 5G a causa della fusione di T-Mobile con Sprint. I telefoni mmWave 5G di prima generazione che hanno lanciato su T-Mobile non possono connettersi alla rete a banda bassa del vettore a livello nazionale. I vettori utilizzano diverse bande di rete, quindi i produttori di dispositivi devono incorporare il Giugnor numero di bande possibili per avere telefoni sbloccati compatibili con tutte le reti.

L’immaturità del 5G ha fatto sì che alcuni produttori di dispositivi stiano lanciando varianti 5G e 4G separate dei loro telefoni. Le varianti 4G di questi telefoni sono quasi certe di essere superate dal punto di vista della connettività di rete non appena una rete 5G viene lanciata nella particolare regione in cui vengono venduti. I telefoni 5G hanno diverse varianti per diverse regioni. La variante indiana del OnePlus 8 Pro, per esempio, supporta solo una singola banda 5G, che potrebbe anche non essere utilizzata in una rete 5G commerciale indiana.

Tutto questo dipende dalla regione. Se vivete nel subcontinente indiano, niente di tutto questo vi interessa in questo momento, perché nessun vettore ha ancora lanciato una rete 5G. Paesi come l’India devono ancora tenere prove di 5G, anche se Jio sta ottimisticamente proclamando di voler lanciare una rete 5G nel 2021. Vaste regioni del mondo come l’Asia meridionale, l’Africa, l’Europa orientale, l’Asia orientale e il Sud America devono ancora sperimentare il 5G.

L’aumento dei dispositivi intelligenti ha messo a dura prova le reti mobili. In soli due anni, il mondo è passato da 6,4 miliardi di dispositivi connessi a più di 20 miliardi nel 2020, secondo la ricerca di Gartner, che prevede che 80 milioni di questi saranno endpoint di trasporto. E questa impennata di più dispositivi è il motivo per cui le flotte devono aggiornare la loro tecnologia mobile.

La tecnologia mobile 5G promette una serie di vantaggi per le aziende, da una Giugnore velocità dei dati e una Giugnore capacità a servizi su misura per una nuova generazione di dispositivi connessi intelligenti.

I progressi in una gamma di tecnologie di comunicazione wireless stanno creando nuove opportunità per la logistica per migliorare la visibilità, aumentare l’efficienza operativa e accelerare l’automazione. Tecnologie ben note come WiFi e Bluetooth e tecnologie meno note come le reti ad ampio raggio a bassa potenza e i satelliti a bassa orbita terrestre sono state migliorate per l’uso industriale. Queste tecnologie wireless di prossima generazione permetteranno il prossimo passo nella rivoluzione della comunicazione, andando verso un nuovo mondo in cui tutti e tutto possono essere connessi ovunque, secondo un rapporto di tendenza di DHL sulla prossima generazione di wireless nella logistica.

L’azienda logistica internazionale ha recentemente intervistato 800 leader della catena di approvvigionamento e ha scoperto che il 60% di loro crede che la visibilità della loro catena di approvvigionamento sia inadeguata. Le tre principali sfide tra gli intervistati sono il raggiungimento di una vera visibilità end-to-end, la mancanza di un’unica piattaforma centralizzata per guidare le iniziative dell’Internet of Things (IoT), così come la raccolta frammentata di dati da catene di fornitura intrinsecamente complesse.

Le tre priorità principali identificate come strategie di visibilità sono la visibilità del trasporto end-to-end, la visibilità dell’inventario e l’implementazione dell’analisi dei dati della supply chain. Tre quarti degli intervistati hanno detto che intendono implementare almeno una tecnologia wireless di prossima generazione nel prossimo futuro per raggiungere i loro obiettivi di visibilità.

“Dopo aver trasformato le industrie leggere, la rivoluzione digitale sta ora cambiando rapidamente le industrie più pesanti, dalle aziende automobilistiche e manifatturiere ai fornitori di assistenza sanitaria”, ha spiegato Markus Kückelhaus, vice presidente dell’innovazione e della ricerca sulle tendenze per DHL Customer Solutions & Innovation. “Il nostro settore, la logistica, sarà sia un grande beneficiario della rivoluzione digitale abilitata dall’IoT, sia un abilitatore della stessa. Anche se alcune parti dell’industria logistica sono già intelligenti e connesse, il wireless di prossima generazione è destinato a inaugurare la prossima ondata di IoT nella logistica”.

In un futuro in cui tutti e tutto sono online ovunque, DHL vede tre possibilità chiave per l’industria logistica:

Visibilità totale: Ogni spedizione, asset logistico, infrastruttura e struttura sarà connessa, grazie alle reti ampiamente disponibili e ai sensori economici ad alte prestazioni. Questo permetterà un’automazione altamente efficiente, il miglioramento dei processi, una risoluzione degli incidenti più rapida e trasparente.
Autonomia su larga scala: Tutti i veicoli autonomi, che siano robot da interno o veicoli logistici su strade pubbliche, fanno affidamento su una comunicazione wireless ultra-veloce e affidabile per navigare e attraversare efficacemente il loro mondo. Mentre queste soluzioni sono in aumento oggi, il wireless di prossima generazione sarà un fattore chiave che ne guiderà l’uso diffuso e farà avanzare il mondo verso catene di fornitura autonome.
Perfezionare la previsione: Con così tante cose online, il volume, la velocità e la varietà dei dati raccolti triplicheranno i big data che vengono già generati oggi. Il continuo progresso dei sistemi di apprendimento automatico e dell’intelligenza artificiale, unito alla latenza ultra-bassa del wireless di prossima generazione, significa che i sistemi di previsione guidati dai dati per la previsione, i tempi di consegna e l’instradamento potrebbero non essere più limitati dalla latenza e dalle prestazioni delle reti wireless.

Mentre gran parte della crescita prevista sarà raggiunta utilizzando tecnologie che sono già familiari al mondo dei trasporti, DHL ha sostenuto che la connettività veramente universale richiederà approcci che possono offrire nuove capacità, tra cui una Giugnore capacità, una Giugnore portata, velocità più elevate, una migliore efficienza energetica e costi inferiori.

“La connettività su larga scala è una straordinaria storia di successo tecnologico e sociale”, ha detto Matthias Heutger, vicepresidente senior e capo globale dell’innovazione e dello sviluppo commerciale di DHL. “Mentre l’IoT non è una novità nella logistica, con 20 miliardi di dispositivi connessi già in uso a livello globale, questa storia è ancora solo all’inizio”.

La formula magica per la trasformazione digitale nel settore manifatturiero comporta la convergenza di successo di visione, cultura, persone, processi e tecnologia. Visione e cultura devono essere unite all’anca quando le aziende subiscono una grande metamorfosi come la transizione verso un ambiente interamente digitale. È anche cruciale che i processi siano sostenuti dall’assetto organizzativo (cioè, dipendenti assegnati ai giusti ruoli, responsabilità e strumenti).

Non è una novità che la domanda B2B e B2C stia spingendo i produttori e le catene di approvvigionamento a creare e fornire prodotti più complessi e personalizzati. Poi c’è la pressione di consegnare questi prodotti entro ore o giorni dopo che il cliente ha effettuato la chiamata o l’ordine. Il tutto si aggiunge a un esercizio multilivello che può essere reso ancora più complicato da incognite o dati poco chiari.

Gli attori globali della produzione stanno spingendo in avanti nello sfruttare la tecnologia digitale per portare più struttura a questo ambiente. IDC prevede che, entro la fine del 2021, il 90% delle supply chain manifatturiere globali avrà investito nella tecnologia e nei processi aziendali che porteranno una vera resilienza alle loro operazioni.

Q