Storia delle Sneakers Nike Air Jordan

Nike è stata una potenza mondiale nel settore atletico con le sue iconiche sneakers Air Jordan. L’azienda è stata fondata nel 1971 da Phil Knight e Bill Bowerman, due atleti di atletica leggera dell’Oregon che hanno visto un enorme potenziale nello sport in crescita del basket. Le Air Jordan sono state create come tributo all’amato Michael Jordan di Chicago, che ha portato i Bulls a sei campionati in otto anni. Oggi, Nike è uno dei principali marchi di sneakers al mondo, con oltre 380 stabilimenti in più di 30 paesi e vendite che superano i 30 miliardi di dollari all’anno.

Le sneakers Nike Air Jordan sono state una scelta popolare per gli atleti e le fashioniste per più di tre decenni. Le scarpe sono realizzate con materiali resistenti e sono disponibili in una varietà di colori e stili.

Nike Air Jordan 1

La Nike Air Jordan 1 ha fatto molto di più del suo debutto nel mercato delle scarpe da basket nel 1985. Ha aperto una strada per molti altri che l’avrebbero seguita.

L’anno da esordiente nell’NBA di Michael Jordan gli valse un posto nei Chicago Bulls, ma anche un contratto di sponsorizzazione da 2,5 milioni di dollari con Nike.

Ironicamente, Jordan non era entusiasta dell’accordo. Inizialmente era fedele all’Adidas, quindi per Jordan la Nike era un passo indietro… Se solo avesse saputo cosa gli riservava il futuro, no?

Per alcuni l’accordo era prematuro. Dopotutto, Jordan era solo un esordiente, scelto al terzo posto nel draft. Un viaggio nei playoff NBA, dove segnò 63 punti contro i Celtics di Larry Bird, mise subito a tacere i detrattori.

La scarpa di Jordan, la Air Jordan, debuttò vantando molte delle caratteristiche tipiche di Nike per il basket: tasca d’aria compressa nel tallone, supporto aggiuntivo per la caviglia e sovrapposizione sulla punta. Il suo logo inaugurale, le ali sul lato della scarpa, ha fissato l’asticella di ciò che sarebbe seguito in termini di design.

Il design iniziale della scarpa non aveva la tecnologia di molte altre che sarebbero seguite, ma di certo non mancava l’emozione. La più grande pretesa di fama della scarpa era la controversia che la circondava. Ogni volta che Jordan scendeva in campo indossando le sue scarpe nere, rosse e bianche, veniva multato di 5.000 dollari per aver violato la politica sulle uniformi: una multa che Nike era felice di pagare per alimentare il fuoco e raccogliere le promozioni.

Nike Air Jordan 2

Michael Jordan subì un infortunio al piede durante la sua seconda stagione, che richiese un adattamento al design della Air Jordan 1: un cambiamento che avrebbe dato a Jordan la stessa agilità di prima. Nike propose la Air Jordan 2.

Disegnate da Bruce Kilgore, il padrino delle scarpe Nike Air, le Air Jordan 2 erano diverse dalle scarpe “tradizionali”, che avevano una suola a tazza in gomma.

Al contrario, le Air Jordan 2 avevano un’intersuola morbida che ridefiniva le scarpe sportive. L’intersuola morbida forniva alle scarpe un’ammortizzazione lussuosa che non solo introduceva il concetto di lusso nelle scarpe sportive, ma coniugava anche le due cose.

Le Air Jordan 2 erano comode e lussuose e aumentavano le prestazioni dei giocatori. Indossando queste scarpe, Michael Jordan ottenne il primo dei suoi sette titoli consecutivi di punteggio, mantenne una media di 37,1 punti a partita e segnò 40 punti in 9 partite consecutive durante la stagione.

Le Jordan 2 dovevano essere superiori alle Air Jordan 1, quindi dovevano essere un po’ più costose. Ma fu molto più costosa: divenne la prima scarpa Air Jordan a superare i 100 dollari. Il motivo: il grande aumento di prezzo non era solo dovuto alle modifiche apportate al design della Air Jordan 1. Nike fece produrre le Air Jordan 2 in Italia (invece che in Asia). E questo costava di più.

Nonostante il prezzo, l’Air Jordan è diventata una moda non appena è stata lanciata. Per gli amanti dello sport, si trattava sia di una necessità per migliorare le prestazioni sia di un’innovazione che introduceva il lusso nel mondo dello sport, il tutto per 150 dollari.

Nike Air Jordan 3

Nella storia di ogni marchio, c’è un modello, un design o una release che definisce il marchio stesso e lo rende grande. L’Air Jordan 3 è il vero inizio della linea Air Jordan. Progettata da Tinker Hatfield, designer di sneaker di fama mondiale, era la via di mezzo tra le versioni high-top e low-top. Offriva una maggiore flessibilità rispetto alle high-top e una maggiore stabilità rispetto alle sorelle Air Jordan low-top. In altre parole, l’Air Jordan 3 rappresentava un equilibrio tra i due diversi punti di forza forniti dall’Air Jordan 1 e dall’Air Jordan 2. Indossando l’Air Jordan 3, Michael Jordan uscì dalla stagione NBA 1987-88 con diversi riconoscimenti.
All-Star NBA
MVP dell’All-Star Game NBA
Titolo NBA Slam-Dunk Contest
Campione NBA di rubate
Campione di punteggio NBA
Giocatore difensivo dell’anno NBA
Giocatore più prezioso dell’NBA
In altre parole, le Air Jordan 3 hanno permesso a Jordan di saltare come un acrobata e di vincere quasi tutti i premi della stagione. Ma non sono solo Jordan e la mezza dozzina di premi vinti a dare alle Air Jordan 3 un tocco unico ed esotico. L’Air Jordan 3 aveva il puntale, l’occhiello e l’accento sul tallone con la stampa di un elefante, che la rendeva più esotica dei suoi predecessori. Ma l’aspetto era più che esotico. Fu sulla Air Jordan 3 che la serie introdusse il famoso logo Jumpman. Per la prima volta, l’unità Nike Air divenne evidente sulle scarpe. Forse è per tutti questi motivi che l’influenza della Jordan 3 va oltre la linea Air Jordan. Nei decenni successivi alla sua uscita, ha influenzato il design e l’estetica di innumerevoli scarpe di molti altri marchi.

Nike Air Jordan 4

Quando si parla di Air Jordan 4 si parla sicuramente di qualcosa di più delle scarpe.

Un breve viaggio nella memoria: I Chicago Bulls si trovavano in una situazione di “do or die” contro i Cleveland Cavaliers. Il tempo era quasi finito. I Bulls avevano bisogno di qualcosa in più sul tabellone, altrimenti sarebbero stati eliminati dalla stagione. Era un momento di “score or go-home”.

Proprio al momento della sirena, Michael Jordan si fece strada nella difesa dei Cavaliers e segnò un tiro (in seguito immortalato come “il tiro”) per chiudere la partita per i Bulls e portarli al turno successivo.

A quel punto, le telecamere iniziarono a concentrarsi sui piedi di Michael Jordan, che indossava le Air Jordan 4.

Le Air Jordan 4 avevano un’intersuola a tutta lunghezza, una caviglia maggiorata e un supporto per l’avampiede (sotto forma di cinghie o “ali”). Sul tallone ammortizzato c’era una grande scritta Nike Air in evidenza.

Per qualche motivo, Nike decise di sostituirla con il logo Jumpman nelle versioni retrò, che aveva un aspetto gradevole (ma in qualche modo mancava del tocco nostalgico originale associato alle Jordan 4). Per fortuna, le Jordan 4 non avevano solo il momento “the shot” di Michael Jordan da ricordare.

Ricordate Fa’ la cosa giusta, il film di Spike Lee uscito nel 1989? Ricordate il ruolo di Mookie? Ricordate qualcosa di più? Per caso i piedi di Mookie?

Beh, se siete fan di Michael Jordan, sì! Mookie aveva le Air Jordan 4 ai piedi quando le ha sbattute contro il copertone della bicicletta. Solo i fan delle Air Jordan potevano sentire il dolore!

Ancora oggi i fan di Jordan amano la versione Air Jordan 4, che viene venduta a circa 190 dollari.

Nike Air Jordan 5

Se si parla di novità nelle linee di scarpe, ci si ritrova subito a parlare di Air Jordan. E la Jordan 5 è stata una vera e propria serie di novità.

Per la prima volta nella storia delle Air Jordan, avevano una suola chiara, che si distingueva. Per la prima volta nella storia delle Air Jordan, avevano un materiale riflettente. E per la prima volta avevano un collare modellato sulla caviglia. Una tripletta di novità!

Ma le novità di Air Jordan non sono nate dal nulla. Avevano una storia alle spalle. Sono state disegnate dallo stesso genio del design delle sneaker, Tinker Hatfield, che aveva progettato le tre versioni precedenti. Mentre le progettava, ebbe un’ispirazione, quella di un aereo da caccia Mustang della Seconda Guerra Mondiale.

Hatfield ha cercato di copiare il design dell’aereo sulla suola della scarpa, inserendo un’esplosione di stelle vicino all’intersuola, che ha portato colori (e naturalmente un nuovo motivo) all’intersuola. Su questo coloratissimo jet da combattimento c’era il pilota, Michael Jordan in persona. E con esse ha abbattuto parecchie linee nemiche.

I Chicago Bulls hanno ottenuto il miglior risultato stagionale ogni anno da quando Jordan è entrato in squadra. Jordan raggiunse il suo record personale segnando 69 punti contro i Cleveland Cavaliers e 92 tiri da tre punti (un risultato impressionante se si considera il suo record di 68 in tutte le stagioni precedenti messe insieme).

Inoltre, Jordan uscì dalla stagione con il titolo di miglior marcatore e una partecipazione all’All-Star Game. Il prezzo di questa reliquia è di 225 dollari.

Nike Air Jordan 6

Le Air Jordan 6 non sono state altro che una fortuna. Questo è l’unico modo per descriverle.

Con le Air Jordan 6 ai piedi, Michael Jordan portò i Chicago Bulls a vincere la stagione NBA 1990-91, sconfiggendo i LA Lakers in finale.

Si dice che c’è solo una cosa più difficile della vittoria: difenderla. E Michael Jordan ha fatto anche questo. Giocando la stagione con le Air Jordan 6, si aggiudicò il titolo di campione NBA (ancora una volta).

Oltre a questi due enormi riconoscimenti, Jordan ha vinto l’MVP per la seconda volta nella sua carriera. L’Air Jordan 6 funzionò come un portafortuna per Michael Jordan e i Chicago Bulls. Ma per i fan di Michael Jordan e delle Air Jordan, la nuova versione aveva un valore maggiore (forse a livello emotivo). Per soddisfare questi fan affamati, Nike rilasciò l’edizione retrò nel 2000 con nuovi schemi di colori e l’incisione “Nike Air” lasciò il posto al famoso Jumpman.

Nel 2002, poi, le Jordan 6 hanno assunto una forma leggermente nuova, con una low-top e un nuovo mercato, con l’introduzione di colorazioni e taglie da donna. Con le Air Jordan 6, la serie Jordan superò il divario di genere e divenne una moda universale e neutrale. Ma non era abbastanza.

L’Air Jordan 6 ha avuto la sua prima edizione retrò completa nel 2010 ed è stata accolta in tutto il mondo da un pubblico famelico. La cosa migliore è che non l’hanno ancora esaltata nella hall of fame, dove bisogna pagare qualche centinaio di euro in più per metterci le mani sopra (o i piedi dentro!). È ancora possibile acquistarle per soli 300 dollari.

Nike Air Jordan 7

L’Air Jordan 7 è stato il simbolo della fiducia, della vittoria e della vetta. Fu rilasciata alla fine del 1991/inizio 1992. Michael Jordan era all’apice della sua carriera. Tutto nel mondo sembrava cospirare a suo favore. Non aveva bisogno di dimostrare nulla. Non aveva bisogno di nulla.

I Chicago Bulls vinsero la stagione per la seconda volta (consecutiva) e difesero il titolo. Jordan ottenne un paio di riconoscimenti per sé, prima di partecipare alle Olimpiadi e conquistare una medaglia d’oro per il paese. Fu allora che Nike e Michael Jordan idearono la Jordan 7.

Nike sperimentò alcuni nuovi trucchi per questo design. La tecnologia “Huarache” fu utilizzata per ripulire tutte le caratteristiche che avevano contraddistinto le Air Jordan. Il colore visibile della suola, che si poteva vedere sulle scarpe di Michael Jordan dalle ultime file dello stadio, non era presente nella Jordan 7, così come il logo Nike Air. Anche le suole gialle sono state messe alla porta. E questo provocò la reazione che nessuna delle Air Jordan precedenti aveva avuto.

Le Air Jordan 7 hanno suscitato le reazioni più estreme da parte dei clienti. Alcuni se ne innamorarono non appena uscì, altri la disprezzarono assolutamente.

Nessun altro modello della serie Air Jordan aveva suscitato reazioni così vivaci da parte dei fan. Forse è per questo motivo che Nike ha rilasciato la sua retro. I suoi amanti sono disperati come non mai. E possono acquistarle a 250 dollari.

Nike Air Jordan 8

La Jordan 8 occupa un posto nella hall of fame delle Air Jordan come nessun altro modello della serie. Nike le rilasciò nella stagione 1992-93 “Three Peat Championship” e Michael Jordan le indossò per sconfiggere Hawks, Knicks, Cavs e Suns. Indossando queste scarpe, Jordan raggiunse il suo apice prima del suo primo ritiro.

Michael Jordan guidò i Bulls alla conquista del titolo NBA per la terza volta. Per quanto riguarda se stesso, Jordan ha ottenuto il titolo di marcatore per la settima volta (consecutiva) e ha raggiunto una pietra miliare segnando 20.000 punti nella sua carriera NBA.

Ma ancora più notevole è stata l’ira di Jordan al Madison Square quando la stampa l’ha tirato in ballo per il tiro da 3-8 in gara-3. Irritato, Jordan si abbatté sui Knicks con 54 punti e li annientò completamente.
Jordan uscì dai playoff con una media di 35,1 punti a partita, 6,7 rimbalzi a partita e 6 assist a partita. La sua media durante le sei partite di finale fu ancora più alta. Come i modelli precedenti, anche l’Air Jordan 8 non mancava di innovazione. Tinker Hatfield si assicurò che avesse un design ben realizzato, in grado di fornire il massimo delle prestazioni al giocatore.

L’esclusiva tomaia con cinturino lockdown e l’intersuola cromatica le conferiscono un aspetto accattivante, e se le indossate sarete sicuri di essere notati in campo.

Vi permetteranno di piegarvi e saltare senza sforzo, e il peso ridotto vi consentirà di riprendere facilmente la posizione.
La cosa migliore è che hanno un prezzo accessibile di soli 200 dollari.

Nike Air Jordan 9

L’Air Jordan 9 è stato l’unico modello dell’intera linea Air Jordan a essere rilasciato quando Michael Jordan non stava massacrando altre squadre per i Chicago Bulls.

Era l’unico figlio fortunato della famiglia Air Jordan ad aver ricevuto l’attenzione completa e non distratta di Michael Jordan. I Chicago Bulls devono essersi sentiti gelosi, ma per fortuna dei fan la serie Air Jordan ha raggiunto un nuovo apice con l’uscita di questa Jordan 9 completamente flessibile.

Progettata dallo stesso genio, Tinker Hatfield, la Air Jordan 9 era diversa (e più pulita). La suola portava bellissimi simboli e iscrizioni in lingue straniere, tra cui il giapponese, il cinese e altre.

La tomaia della scarpa era più pulita e il passante modellato che correva fino alla base, che i modelli precedenti avevano eliminato, tornò in un design migliore e ancora più comodo. Sul tallone è stato ricamato il numero 23. Ora, non tutte le paia hanno lo stesso numero. Ovviamente, le edizioni per i giocatori avevano numeri diversi (e propri) e, se si era fortunati, si poteva mettere le mani su una versione speciale con un numero diverso.

Nike ha rilasciato le Air Jordan 9 in quattro diverse varianti di colore. In seguito è stata rilasciata una colorazione Olive “non tradizionale”.

Infine, nel 2002, Nike rilasciò le Air Jordan 9 retro per un anno intero e nel 2008 le Air Jordan 9 retro tornarono insieme alle Jordan 14 retro in un “Countdown Pack”.

In seguito sono state rilasciate molte altre retro, e la Jordan 9 rimane uno dei modelli più amati della serie Air Jordan.

190 dollari è il prezzo che i fan pagano volentieri per questa meraviglia.

Nike Air Jordan 10

Mike ha sempre ragione. Se ne dubitate, ecco per voi una breve storia della Jordan 10.

Dopo l’annuncio del ritiro di Jordan nel 1993, Nike e Hatfield, il principale designer della serie Air Jordan, pensarono che Michael Jordan avesse lasciato il gioco per sempre. Così, per onorare il loro lungo rapporto con lui, decisero di rendergli omaggio, sotto forma di Air Jordan 10. La suola della scarpa riportava la scritta Michael Jordan. Sulla suola della scarpa era incisa la cronologia della carriera di Michael Jordan.

Ma a Michael Jordan non piacevano. Non perché avessero la sua intera carriera sulla suola, ma perché avevano la striscia di pelle sulla punta.

La striscia di pelle ha una sua storia. Per un breve periodo è stata presente sui primi cinque modelli di Air Jordan, ma poi è stata eliminata. La serie Air Jordan ha funzionato senza la striscia a partire dalle Jordan 5 e Jordan l’aveva accettata.

Ora non gli piaceva e lo disse a Tinker. Che cosa è successo dopo?

Indovinate un po’: Tinker (e Nike) obbligarono Mike. Mike non sbaglia mai, ricordate? Hanno immediatamente eliminato la striscia (anche dopo che la prima colorazione era arrivata nei negozi) e la versione retrò della scarpa è stata rilasciata senza di essa.

Si distingue per essere l’unico modello della serie ad essere uscito in due forme. Il prezzo delle Jordan è di soli 125 dollari.

Nike Air Jordan 11s

Evidentemente His Airness non era soddisfatto del design della Air Jordan 10 e voleva qualcosa di più. La Air Jordan 11 è esattamente questo! Michael Jordan ha prestato particolare attenzione al design ottimale della Air Jordan 11 e la sua attenzione ai dettagli rende le Jordan 11 le più popolari della linea Jordan.

È stata la sua prima uscita dopo il ritorno dal ritiro e con essa ha dovuto dimostrare di essere in grado non solo di fare gli stessi danni in campo, ma anche di progettare gli stessi design di alta classe che hanno attirato i suoi fan in tutto il mondo.

E la sua magia ha funzionato. Le 11 sono state le prime scarpe da basket ad avere come materiale la pelle patinata. E questo è solo l’inizio di un lungo elenco che fa di queste sneakers le preferite di sempre. Realizzate con tomaie in polimero e rivestite con un sottile materiale a rete balistica, queste scarpe erano efficaci sia in campo che fuori. Le Jordan 11 non sono state solo una sensazione di scarpe da basket, ma hanno anche spaccato la scena di Hollywood, apparendo nel film Space Jam. Hanno anche abbellito gli smoking dei Boyz II Men quando hanno partecipato a una cerimonia di premiazione in mezzo a una folla di personaggi famosi.

Molti definiscono le 11 come le Jordan più popolari di sempre. La versione retrò delle Jordan 11 nel 2001 ha segnato la prima volta che il colore “cool grey” è stato utilizzato nella linea Jordan. Il successo di questo lancio ha rapidamente spinto i designer a sviluppare un colore “cool grey” anche per le Jordan 9.

Le Jordan 11 furono un successo ancor prima di arrivare nei negozi. Quando uscirono, i clienti le apprezzarono più di qualsiasi altro modello della serie Air Jordan.

La loro richiesta è elevata anche oggi e non è facile trovarle nei negozi, tanto meno al prezzo originale di 125 dollari.

Nike Air Jordan 12s

La Air Jordan 12 è stata il massimo dell’arte e del design, e poi il loro matrimonio. A loro volta, hanno portato la serie Air Jordan a una nuova altezza.

Il viaggio della Jordan 12 è un viaggio all’altezza dell’arte, all’altezza del design, all’altezza della serie Air Jordan stessa.

La Air Jordan 12 ha tratto ispirazione da due fonti: La bandiera giapponese e un modello di scarpe da donna del XIX secolo (chiamato “Nisshoki”). Dalla bandiera giapponese del Sol Levante, ha preso in prestito i raggi del sole e li ha applicati alla Air Jordan 12.

Vedete le cuciture ai lati della AJ12? Ricorda volutamente i raggi del sole.

Da dove vengono i tacchi alti? Semplice, da Nisshoki. Michael Jordan voleva che le scarpe fossero comode e resistenti, e per questo non si preoccupava che prendessero spunto dalle scarpe da donna.

A proposito di design. Le Air Jordan 12 non erano indossate solo da Michael Jordan. Tutti le amavano. Scottie Pippen, Bill Wennington e Luc Longley le indossarono subito.

Pippen, infatti, se ne innamorò e abbandonò il suo sistema Max Air per comprarle. Anche se Michael Jordan non riuscì a vincere l’MVP nella stagione delle Jordan 12, arrivò a un passo dal secondo posto (il più vicino nella storia dell’NBA). Ma le Air Jordan 12 lo aiutarono a ottenere altri successi.

La cosa migliore delle 12 è che mantennero la piastra a molla in carbonio delle Jordan 11 e furono le prime della serie Air Jordan a includere lo Zoom Air, il tutto a un prezzo accessibile di soli 125 dollari.

Nike Air Jordan 13s

Non molti conoscono la Air Jordan 13. È uno di quei rari gioielli che vengono eclissati da qualcos’altro, ma ciò che è nascosto non è sempre privo di valore. Spesso si tratta di un tesoro immortale che deve essere scoperto. La Air Jordan 13 è uno di questi tesori.

L’Air Jordan 13 è il prodotto di anni di desiderio, di brama, di attrazione subliminale e di ispirazione stessa. E quando Tinker Hatfield riuscì a mettere insieme tutte le sue idee creative, il prodotto sarebbe stato tanto unico quanto efficace.

Tinker Hatfield spesso paragonava le mosse di Jordan in campo a quelle di un gatto. Ironia della sorte, gli amici di Jordan lo chiamavano spesso “il gatto nero” per le stesse ragioni. Le scarpe sono state originariamente rilasciate con cinque colori intermedi e due colori bassi. La scarpa vantava anche un ologramma a forma di occhio di pantera sulla tomaia e la parte inferiore della scarpa doveva assomigliare a una zampa. Jordan indossava le colorazioni nere in trasferta e quelle bianche quando giocava in casa.

Oltre al design simile a quello di un gatto, si dice che la Jordan 13 sia una delle scarpe più comode della linea Jordan. Ciò è dovuto all’intersuola in Python e allo Zoom Air sul tallone e sull’avampiede.

È con queste scarpe che Michael Jordan ha battuto il record NBA di Kareem Abdul-Jabbar segnando in doppia cifra per la 788esima partita consecutiva. Se vi affascinano i gatti, la furtività, l’agilità e Michael Jordan, vi piaceranno. Per fortuna, potete acquistarli a soli 150 dollari.

Nike Aird Jordan 14s

Chi può dimenticare il “Lost shot”? Era Chicago Bulls contro Utah. Entrambe con 86 punti sul tabellone. E non c’era tempo. L’ultimo minuto era già iniziato e il tempo scorreva. Una delle due squadre aveva bisogno di un punto. Era l’ultima partita di Michael Jordan e la sua squadra aveva bisogno di un punto. Solo uno!

E lui apparve, come dal nulla, indossando la maglia numero 23, facendosi strada tra le file dello Utah, ed esattamente sei secondi prima che la sirena suonasse, Jordan segnò.

Bulls 87- Utah 86. Il “Last Shot” aveva portato i Bulls alla vittoria. Era l’ideale e Jordan lo realizzò con la Air Jordan 14.

Il “Last Shot” è stato il più grande motivo di fama della Air Jordan 14. Anche se non ci fosse stato nient’altro, avrebbe da solo reso la Jordan 14 la furia che è diventata. Ma c’erano anche altre cose. Michael Jordan non si presentò all’ultima partita della sua carriera NBA indossando queste scarpe senza un motivo preciso; sapeva quanto valessero le 14.

Queste scarpe furono disegnate da Hatfield e l’ispirazione per il design fu la Ferrari F355F1. Come la Ferrari, Hatfield voleva che fossero veloci, con un’affilatura da rasoio.

Pertanto, fece del suo meglio per mantenerle il più leggere possibile. Le Air Jordan XIV sostituirono le versioni pesanti della famiglia AJ e divennero famose per essere le più leggere di tutte.

Grazie alla loro leggerezza e al design elegante, ridefinirono le scarpe sportive. Hanno anche dato un altro contributo alla famiglia. Sono state le prime della famiglia AJ ad avere lo stesso numero del logo Jumpman del modello.

Per la Air Jordan XIV, quindi, si trattava di sette loghi Jumpman su ciascun piede.

Il prezzo per tutte queste combinazioni è di soli 150 dollari. Nessun fan di Michael Jordan può permettersi di lasciarsele sfuggire!

Nike Aird Jordan 15s

La Air Jordan 15 è stata la prima uscita della famiglia dopo il (secondo) ritiro di Michael Jordan dall’NBA. La scarpa non ha mai avuto l’onore di essere indossata da lui per segnare e vincere.

Michael Jordan annunciò il suo (2°) ritiro nel gennaio 1999. La maggior parte degli osservatori pensava che la fine della carriera NBA di Jordan significasse la fine della linea Air Jordan, ma c’era qualcuno che pensava di poterla ancora portare avanti.

Erano gli unici che contavano, e i loro nomi erano Nike e Michael Jordan. Entrambi pensavano che il nome di Jordan avrebbe venduto anche se Jordan stesso non avesse indossato le scarpe. Con questo pensiero, introdussero il nuovo membro della famiglia Air Jordan, la Air Jordan 15.

Il design delle Air Jordan 15 si ispira all’X-15 della NASA, un aereo per l’esplorazione dello spazio. In realtà, la questione è un po’ complicata. C’è anche una controversia sul fatto che Nike abbia preso parte dell’idea da Prada, il produttore italiano di scarpe, ma loro negano. Quindi, la fonte di ispirazione dietro il design è un po’ poco chiara.

Ma non sono chiare le caratteristiche specifiche della Jordan 15. Aveva un sistema di allacciatura rapida nascosto, un manicotto dinamico senza cuciture, una tomaia in mesh Kevlar e una suola Zoom Air.

Oltre a tutte queste qualità, aveva la scritta 23/6/15 sui talloni. I numeri avevano lo scopo di attirare i fan di Michael Jordan rendendo omaggio ai suoi successi. Il numero 23 si riferiva alla sua maglia, il numero 6 indicava i suoi 6 campionati NBA e il numero 15 indicava il modello numero 15 della famiglia Jordan. Le scarpe sono state vendute a 150 dollari.

Nike Air Jordan 16s

Dopo che la Air Jordan 15 non ha avuto l’avvio sperato dai suoi creatori, il futuro dell’intera serie di Air Jordan è diventato incerto.

Non che non fosse già incerto con i due modelli precedenti al 16, ma l’Air Jordan 16 si presentava con un senso di insicurezza maggiore. Le Jordan 14 erano morte prematuramente, purtroppo per mano dello stesso Michael Jordan, che non le aveva indossate per tutta la stagione, e le Jordan 15 non erano riuscite ad attirare un gran numero di clienti.

Ora il senso di incertezza era al culmine. Nessuno credeva che la serie potesse rimanere in vita e riprodursi dopo il ritiro di Jordan, ma la gamma Air Jordan era troppo ostinata per arrendersi.

La linea Air Line 16 fu uno di questi tentativi ostinati di rimanere in vita. Ma le probabilità di successo della Jordan 16 erano ancora maggiori. Il geniale padrino del design della serie Air Jordan J, Hatfield, non c’era.

Al suo posto c’era Wilson Smith, Senior Footwear Designer di Nike. Egli mantenne abilmente le parti migliori del design di Hatfield e introdusse innovazioni proprie. Dotò la Air Jordan 16 di una ghetta/sudario, cosa che nessun modello precedente della famiglia Jordan aveva. Questa caratteristica aveva un duplice scopo: in primo luogo, aveva un aspetto molto bello; in secondo luogo, aveva una funzionalità termica.

Oltre alla ghetta/sudario, Smith ha introdotto nelle scarpe un brevetto di schiuma e una carta a rete. E tutte queste combinazioni e innovazioni hanno funzionato!

Le Air Jordan 16 furono portate sul parquet dell’NBA da Ray Allen, Mike Bibby, Reggie Miller, Darius Milles, Michael Finley e Quentin Richardson.

A conti fatti, questo è stato il primo modello di Air Jordan che non ha dovuto essere indossato sul parquet dell’NBA per attirare clienti. Al contrario. Fu il primo modello della serie Jordan ad arrivare sul parquet dell’NBA perché era già stato venduto.

Per fortuna, il prezzo era equo: 160 dollari.

Nike Air Jordan 17s

La Air Jordan 17 è stato il primo lancio della famiglia Air Jordan dopo il ritorno di Michael Jordan sul campo dell’NBA, questa volta per i Washington Wizards.

Wilson Smith, il successore di Hatfield e colui che ha reso le Jordan 16 un enorme successo anche senza calcare i campi dell’NBA, si è occupato della progettazione anche di questo modello. Per questo design si è ispirato ai “dettagli raffinati di una Aston Martin, alle linee morbide e al flusso di un assolo jazz e alla lunga storia di innovazioni stilistiche delle Air Jordan”.

Per trasformare la sua ispirazione in realtà, Smith ha utilizzato un’intersuola rinforzata come spina dorsale delle scarpe. Ha funzionato?

Ha funzionato meglio di qualsiasi altra cosa. L’intersuola rinforzata divenne un successo immediato e duraturo. Divenne così popolare da essere mantenuta anche nella Air Jordan 18. Ma Smith aveva una vena artistica e non si fermò all’intersuola rinforzata. Ha infatti dotato la Jordan 17 di un rivestimento rimovibile per il mesopiede, molto simile alla ghetta della Air Jordan 16.

Ma la Jordan 17 non poteva volare. Non perché non avesse un buon design, ma per il suo costo elevato. Questo fu il primo modello della serie Air Jordan a raggiungere il prezzo elevato di 200 dollari, un prezzo proibitivo per la maggior parte dei fan delle Air Jordan.

Nulla poteva giustificare il costo, né l’involucro metallico con il Jumpan in rilievo delle scarpe né il CD gratuito con la canzone Air Jordan 18. Il prezzo era semplicemente troppo alto per essere mantenuto. Il prezzo era semplicemente troppo alto per mantenere le vendite. Forse è per questo motivo che Nike non ha mai proposto una versione retro.

Nike Air Jordan 18s

Per la gioia degli appassionati di basket di tutto il mondo, Michael Jordan è tornato nel 2001 dopo aver deciso di fare un tentativo con i Washington Wizards. Ma l’anziano MJ non sarebbe rimasto a lungo, durando solo due stagioni con la squadra prima di abbandonare ufficialmente il campo dell’NBA per sempre. Michael fece il suo ritorno con l’Air Jordan XVII nel 2001, il che significa che terminò i suoi giorni di gioco con il modello Air Jordan successivo per la stagione 2002-03, l’Air Jordan XVIII. Ma la diciottesima Air Jordan non è importante solo per i suoi aspetti storici, in quanto è uno dei modelli preferiti delle Air Jordan della “tarda adolescenza”, solitamente considerato alla pari con la XVI e la XVII per quanto riguarda l’estetica. L’edizione di questa settimana di Jordan 101 illustra in dettaglio la Air Jordan XVIII, mostrando perché dovrebbe essere celebrata per molto più che per essere l’ultima scarpa indossata da Michael in campo.

La Air Jordan XVIII uscì nel 2003 in tre varianti di colore, tra cui “Black/Sport Royal” in pelle scamosciata nubuck, insieme a “White/Varsity Red” e “White/Sport Royal” in pelle pieno fiore. La XVIII è uscita anche in versione low-top in due varianti di colore, oltre alla 18.5 con un design modificato senza il coprilacci, per un totale di sette versioni originali. La Air Jordan XVIII è stata riproposta solo una volta, come parte della collezione Countdown Pack nel 2008. Anche Ray Allen ha resuscitato la scarpa ancora una volta per una PE speciale in pelle scamosciata rossa il giorno di Natale del 2012.

L’Air Jordan XVIII è stata disegnata dall’allora Jordan Brand Senior Designer Tate Kuerbris, che ha avuto la sua prima, ma non ultima possibilità di disegnare l’Air Jordan – ha anche guidato il design della XIX l’anno successivo. Il design della scarpa si ispirava principalmente al design elegante delle auto da corsa di Formula 1 e alle calzature indossate dai piloti. Questa traduzione è evidente soprattutto nella suola in gomma che si avvolge sul tallone della scarpa con un design simile a quello delle scarpe da corsa. La fibra di carbonio, il materiale utilizzato per le carrozzerie delle auto di Formula 1, ha giocato un ruolo importante anche nell’intersuola della scarpa. Come molte Air Jordan, anche il design si ispira in parte alle lussuose scarpe da sera italiane, con le linee pulite e i materiali pregiati.

Tecnologia moderna in una struttura di lusso

Come ogni grande Air Jordan, anche la XVIII racchiude in un design accattivante molte tecnologie utili per le prestazioni. La tomaia della scarpa ha mantenuto le cose abbastanza eleganti e semplici grazie all’ispirazione sia alle auto da corsa che alle scarpe eleganti, con una struttura in pelle praticamente in un unico pezzo con una copertura sul sistema di allacciatura rapida e pannelli di ventilazione alle caviglie. Un’altra caratteristica distintiva della XVIII è l’esclusivo rivestimento in TPU che ricopre la maggior parte dell’intersuola. In basso, la scarpa è stata ammortizzata con un’unità Zoom Air a tutta lunghezza, affiancata da un’altra sacca Zoom sul tallone, per una delle Jordan più ammortizzate di sempre. Una “piastra di comfort” in fibra di carbonio, come descritto nella grafica della soletta, supportava l’intersuola, mentre altra fibra di carbonio si trovava sul tallone della tomaia.

Confezione deluxe

In linea con il tema delle scarpe eleganti e lussuose della XVIII, la scarpa veniva confezionata con un asciugamano e una spazzola per la pulizia e la manutenzione, molto prima che si diffondessero i kit per la pulizia delle scarpe. Ogni paio era inoltre corredato da un libretto “Driver’s Manual”, il tutto confezionato all’interno di una speciale scatola per scarpe a scorrimento con il logo “18” fustellato sulla parte superiore.

La fine di un’era… di nuovo

Michael indossò la Air Jordan XIV per il suo epico “Last Shot” come membro dei Chicago Bulls prima del ritiro nel 1998, ma la Air Jordan XVIII sarebbe diventata la scarpa con cui terminò ufficialmente la sua carriera NBA dopo la sua ultima partita il 16 aprile 2003. La sua ultima partita da Wizard non fu nemmeno lontanamente leggendaria come l’ultima da Bull, visto che Washington subì una pesante sconfitta contro i Philadelphia 76ers, con il quarantenne Mike a bordo campo per la maggior parte del secondo tempo. Ma il pubblico di Philadelphia ha fatto in modo che la carriera di MJ fosse molto apprezzata, chiedendo a gran voce all’allenatore dei Wizards Doug Collins di rimetterlo in campo per un ultimo canestro. MJ realizza i suoi ultimi due punti dalla linea del tiro libero, completando una serata da 15 punti per l’ultima partita della sua quindicesima stagione.

La generazione successiva

Michael Jordan aveva lasciato il gioco per sempre, ma l’eredità delle Air Jordan era ancora ben salda nell’NBA grazie alla nuova generazione di atleti del marchio Jordan, come il playmaker Mike Bibby e uno dei nuovi giocatori più importanti dell’NBA, Carmelo Anthony. Entrambi i giocatori indossarono le versioni PE delle 18.5 in campo, mentre Melo ricevette poco dopo la sua linea signature. Insieme ad altri giocatori della squadra Jordan, come il tiratore scelto Ray Allen, che mantengono le Air Jordan in campo, il futuro era luminoso per il Jumpman.

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.