Gradi di temperatura ottimali per usare la tua piastra per capelli

In questo post affronteremo un argomento importante: i gradi di temperatura ottimali per usare la tua piastra per capelli. A quale temperatura devo usare la mia piastra per capelli su capelli fini, su capelli spessi, su capelli vergini o colorati?

I capelli sono fondamentalmente costituiti da una proteina, la cheratina, che è composta da catene di amminoacidi che formano legami le cui caratteristiche sono determinate geneticamente.

Quando applichiamo il calore, rompiamo questi legami naturali, facendone formare di nuovi con la forma che stiamo dando ai nostri capelli in quel momento (lisciandoli, ondulandoli, ecc.).

A seconda del tipo di capelli, la temperatura alla quale saremo in grado di rompere i legami varierà, ma è molto importante tenere a mente che più temperatura non significa necessariamente risultati migliori. Al contrario, se si usa il ferro troppo caldo, si può bruciare e danneggiare seriamente i capelli.

Ci sono piastre che funzionano a una temperatura fissa, evitando il rischio di surriscaldamento, come le piastre GHD che mantengono sempre una temperatura fissa di 185°C, e altre (la stragrande maggioranza), che contengono sensori che permettono di mantenere la temperatura costante durante tutto il processo di styling anche se è possibile preselezionare tra una vasta gamma di temperature.

In generale, i ferri di controllo della temperatura permettono di lavorare i capelli tra 160 e 230 gradi Celsius. Normalmente, si tende ad usare la temperatura più bassa (160/180°C) per capelli fini, danneggiati o colorati, mentre le temperature più alte (200°C e oltre) dovrebbero essere usate solo su capelli spessi, resistenti e abbondanti.

Puoi testare, da bassa ad alta, qual è la temperatura ideale per i tuoi capelli, tenendo presente che, anche se hai capelli molto resistenti, non dovresti mai andare oltre i 210ºC: più bassa è la temperatura, meno rischi di danneggiare i tuoi capelli.

In generale, se conosci queste informazioni, l’opzione migliore quando scegli la tua piastra è sceglierne una che ti permetta di regolare la temperatura, in modo da poterla adattare facilmente alle caratteristiche dei tuoi capelli e usarla alla temperatura minima alla quale i tuoi capelli sono in grado di trasformare i legami aminoacidici naturali dei tuoi capelli, poiché questo ti assicurerà di danneggiare i tuoi capelli il meno possibile.

Ricorda che per quanto le piastre possano aiutarti a rendere i tuoi capelli più belli, questo non sarà mai possibile se finisci per bruciarli.

VEDI :   Migliori Piastre Per Capelli Professionali di Giugno 2022

CAPELLI SINTETICI – Temperatura 60º-180º.

I capelli sintetici delle estensioni dei capelli possono essere stirati. Tuttavia, ti consigliamo di testare prima la temperatura a 60º e lavorare con il ferro lisciando o arricciando i capelli, ma non andare mai oltre i 180º.

CAPELLI SOTTILI E FRAGILI – Temperatura 120º -150º.

Le piastre per capelli non sono una soluzione per capelli indeboliti o in cattive condizioni. Se usi la piastra per capelli regolarmente, puoi contribuire a ridurre i danni. I capelli ricci fini e gli afro sono capelli molto sensibili. In questi casi cominciate a provare con 120° su un filo, ma non andate mai oltre i 150°.

CAPELLI FINI E RESISTENTI – Temperatura 150º- 180º.

Se i tuoi capelli sono fisiologicamente fini e sani puoi usare la piastra per capelli senza problemi, purché tu sappia adattare la temperatura alla resistenza della fibra capillare per evitare di danneggiarla. Nel tuo caso, inizia con 150º senza superare i 180º.

CAPELLI NORMALI E FRAGILI – Temperatura 180º.

Questo tipo di capelli tende a indebolirsi alle estremità, con doppie punte o punte secche. La sua temperatura ideale è di 180º. Sarete in grado di modellarlo secondo i vostri gusti senza danneggiarlo.

Alcuni errori che si commettono nell’uso della piastra per capelli

1. Non sai quale sia il migliore e spendi i tuoi soldi in quelli più costosi.

Ceramica, tormalina, titanio e persino acciaio… Hai dei dubbi quando vai a comprarlo e la commessa ti suggerisce i più costosi. Quelli che non consiglierei mai sono quelli in acciaio”, dice David Lesur, socio fondatore del salone David Künzle, “ma soprattutto insisto con i miei clienti che, prima di sceglierne uno molto costoso, dovrebbero guardare quelli di medio prezzo, perché sono di qualità altrettanto eccellente.
Gli stilisti amano generalmente quelli in titanio per i loro buoni (e duraturi) risultati. Dalla mia esperienza e dal mio punto di vista professionale, sono i migliori”, dice Anthony Llobet, stylist ambasciatore di TRESemmé in Spagna. La ceramica è molto buona per lisciare i capelli, ma raccomando sempre quelle in titanio perché hanno un calore molto stabile con una variazione minima. Inoltre, si riscaldano velocemente e sono sicuri agli ioni. Per questo motivo, trasferiscono il calore più velocemente ai capelli e, poiché si deve passare il ferro meno spesso, si danneggiano meno i capelli.

VEDI :   Piastra per capelli in ceramica o in titanio?

2. Hai molti capelli e li compri troppo larghi per finirli prima.

Per prima cosa dovete sapere per cosa li userete. “In generale, se stai lisciando i tuoi capelli, devi tenere conto della lunghezza e dello spessore dei tuoi capelli”, avverte Llobet. “Se hai molti capelli e vuoi solo lisciarli, è meglio usare una piastra larga per ottenere risultati migliori e risparmiare tempo. Se vuoi ottenere delle onde oltre ai capelli lisci, una piastra di larghezza standard è l’ideale. Un ferro largo può lasciare i tuoi capelli troppo morbidi quando si tratta di ricci.

3. Siete diventati dipendenti da loro e ne abusate costantemente.

Ti piace il risultato e tutti ti dicono quanto sei carina, così la prossima doccia li usi di nuovo. E il prossimo. E il prossimo. E l’asciugacapelli che tua madre ti ha regalato per il tuo compleanno, che era il meglio del meglio all’epoca, va in fondo al cassetto… Tuttavia, l’asciugacapelli è molto meno dannoso per i capelli, perché l’aria non è così calda e perché non è in contatto diretto con i capelli. “Per questo motivo è essenziale proteggere i capelli e avere il minor contatto possibile con la piastra. È importante non usarlo ogni volta che si lavano i capelli”, insiste Llobet.

4. Protettore di calore, cos’è?

Perché ne hai già abbastanza con shampoo, balsamo, una maschera una volta alla settimana, siero anti-crespo, crema per lo styling… E fai il “piccolo errore” di non applicare un protettore di calore prima della piastra. Un altro errore. “Il protettore di calore è sempre essenziale, ma ancora di più per i capelli colorati o evidenziati, perché sono più secchi, e le piastre non faranno che disidratarli di più”, dice Lesur. Se scegli una formula in crema, applica la giusta quantità (non troppo) una volta che hai asciugato i capelli. Se è uno spray, spruzzalo a 20-30 centimetri dai capelli. In entrambi i casi puoi scegliere di farlo ciocca per ciocca man mano che passi la piastra, oppure puoi farlo su tutti i capelli dall’inizio, ma sempre dal centro alle punte. Non è necessario farlo alle radici.

5. Temperatura troppo alta

E lo fai perché pensi che hai bisogno di meno passaggi e finisci prima. Le piastre permettono generalmente di scegliere tra 160 e 230 gradi. “160 gradi è per i capelli fini, danneggiati e se hai i capelli colorati. 180 gradi è per capelli sani senza colore. Infine, le temperature più alte, tra 180 e 230 gradi, sono per capelli spessi, indisciplinati e sani. Ti consiglio di provare prima a 160 gradi e poi a salire. È importante tenere a mente che quando la temperatura è più bassa, è sempre meno dannosa per i capelli”, dice Anthony Llobet.

VEDI :   Consigli sull'acquisto di una piastra per capelli

6. Usalo sui capelli bagnati

È la cosa sbagliata da fare. In realtà, la cosa peggiore che puoi fare, secondo i parrucchieri. Prima di usare le piastre dovresti asciugare i capelli, preferibilmente all’aria, se non con un asciugacapelli. “Idealmente, dovrebbe essere asciutto all’80 per cento nel caso di piastre in ceramica o titanio, e al 100 per cento prima di usare le piastre classiche”, dice Lesur.
“Se non rimuoviamo tutta l’umidità dai capelli prima, quello che faremo con la piastra non è acconciarli, ma cuocerli e cuocerli. Ed è brutto come sembra.

7. Andrai avanti fino a quando il tuo braccio si stancherà…

Nella tua smania di mantenerli lisci per tutto il fine settimana, vai avanti e indietro e ancora e ancora… Quando è meglio farlo solo poche volte, anche se è vero che questo dipende dal tipo di capelli che hai e dal risultato che vuoi ottenere. Un capello liscio lucido richiederà più lavoro delle onde sulle punte. Llobet consiglia: “Passa il ferro il minor numero di volte possibile e se ottieni il risultato desiderato con una o due passate, è meglio non dare più calore ai capelli. Migliore è la qualità della tua piastra, meno volte dovrai usarla.

8. Non usare prodotti di finitura

Perché hai già passato 25 minuti a lisciarti e pensi che se ci applichi qualcosa sopra, i tuoi capelli si arricceranno e rovinerai il risultato. “Prodotti come Exquisite Oil di Biolage sono perfetti per dare il tocco finale, sublimando la lucentezza e lasciandola più lucida senza appesantirla. Con questo tipo di formula, basta usarne molto poco, da metà lunghezza alle estremità”, conclude Lesur.


In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.