In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

AMD Ryzen 9 5950X Recensione Completa

Il processore più potente del marchio rosso per questa nuova generazione, l’AMD Ryzen 9 5950X. Questo processore non è orientato verso il gioco, ma piuttosto verso i PC di livello enthusiast e i creatori di contenuti. I suoi 16 core e 32 thread saranno più di quanto molti giochi possano gestire, ma per il lavoro di progettazione non avrà rivali.

Almeno non su piattaforme non da appassionati, e solo il Threadripper 3000 sarà in grado di migliorare le sue incredibili prestazioni grezze. E anche nel gaming non se la cava male, arrivando molto vicino al 3900X grazie alla sua frequenza multi-core di 3,7 GHz e al boost di 4,9 GHz. Pronti a vedere il meglio che AMD ha da offrire per il chipset X570? Iniziamo!

 

AMD Ryzen 9 5950X Recensione Completa

Come viene presentato l’AMD Ryzen 9 5950X? Beh, nella stessa scatola del resto dei processori. Questa volta il produttore non ha usato una scatola di qualità superiore per una CPU che è vicino a 900 euro, essendo semplicemente fatto di cartone flessibile. Questo avrà una protezione abbastanza elementare, se non addirittura nulla, dato che l’apertura laterale che rivela la parte superiore del processore è mantenuta.

Lo apriamo per vedere che non c’è nessuna soluzione termica all’interno. Invece, uno stampo di cartone a forma di “X” mantiene la forma della cassa e impedisce al contenitore del processore di muoversi. Questo sarà un semplice blister di plastica trasparente semirigida. Come extra abbiamo un adesivo per metterlo sul nostro PC e la documentazione di supporto.

Design e imballaggio

Se c’è una cosa che distingue questi nuovi processori AMD e la loro architettura Zen 3, è il drammatico aumento dell’IPC o numero di istruzioni per ciclo. Molto più importante dell’aumento di frequenza, questo permette di raggiungere prestazioni molto più elevate rispetto alla generazione precedente utilizzando la stessa litografia. Il margine di miglioramento era quindi grande e TSMC ha reso efficace l’architettura silver di AMD.

Questo si traduce in migliori prestazioni di gioco, infatti ora possiamo considerare questi processori come CPU da gioco a tutti gli effetti. Soprattutto il 5600X e il 5900X, ma davvero tutti i migliori della classe in 6, 8 o 12 core. Questo AMD Ryzen 9 5950X non farà eccezione, ma le sue prestazioni saranno molto meglio utilizzate in megatera, impianti di rendering, creatori di contenuti e virtualizzazione di workstation. Nel gioco rimarrà leggermente indietro rispetto ai suoi fratelli più piccoli, almeno nei giochi di questa e delle generazioni precedenti.

In termini di aspetto, non c’è alcuna differenza con il 3950 della generazione precedente, né con i suoi fratelli. Nella parte superiore abbiamo un case in rame e alluminio che prende tutto il calore dai tre die interni e lo trasferisce a un dissipatore. In effetti, due CCD completi saranno utilizzati qui, ai quali questo alloggiamento sarà saldato per migliorare il trasferimento di calore.

La superficie rimane invariata così come l’altezza, dato che le dimensioni sono in definitiva le stesse quando si installa su un socket AM4. Un’altra generazione con questo socket PGA e forse l’ultima, dato che Zen 4 è probabile che presenti una memoria DDR5 e un processo produttivo a 5nm. AMD ha utilizzato il suo socket 1331 pin per un bel po’ di generazioni, implementato in una delicata matrice sul substrato dorato della CPU.

Nella zona centrale di questo substrato rimane una regione libera e completamente priva di condensatori e circuiti di superficie. Invece, sarà la presa che ha questi condensatori di filtro in ceramica. Sarete sorpresi dalle buone temperature e dal consumo energetico di questa CPU, che saremo costretti a comprare in un dissipatore separato. Un AIO RL da 240 mm o un grande dissipatore a doppio blocco o a blocco singolo saranno sufficienti.

Specifiche e architettura di AMD Ryzen 9 5950X

L’architettura Zen 3 Vermeer è al suo meglio nell’AMD Ryzen 7 5800X, che continua a utilizzare il processo produttivo a 7nm di TSMC ma migliorato. Questa nuova iterazione mira a migliorare la litografia attraverso un processo DUV o Deep Ultraviolet. Grazie a questo, la densità dei transistor è stata aumentata del 20%, e più transistor significa più prestazioni. Ma significa anche una riduzione del die, perché alla fine non è 7 nm pinnati ma un po’ di più, e con questo il consumo di energia è migliorato del 10 %.

Quello che non ci aspettavamo era che il miglioramento sarebbe stato così efficace da migliorare l’IPC single-core fino al 19%. Questo raggiunge anche il suo picco in questo modello, dato che abbiamo ottenuto i più alti punteggi Cinebench per un processore general-purpose. Abbiamo non meno di 16 core e 32 thread di elaborazione, ancora una volta facendo uso della funzione SMT per moltiplicare le prestazioni con i thread.

Questi ci daranno una gamma di frequenza impressionante, a partire da 3,4 GHz, 100 MHz in meno rispetto al 3950X. Ma in modalità turbo boost sarà in grado di raggiungere 4,9 GHz su un singolo core in modalità burst, 200 MHz in più rispetto alla generazione precedente. Durante i test abbiamo verificato queste frequenze, e in rare occasioni vediamo fino a 5,00 GHz sul core di migliore qualità, e prestazioni stabili a 4,7 GHz su tutti i core a 1,36 V.

L’architettura interna ha subito importanti modifiche con l’obiettivo di semplificare e migliorare la comunicazione tra gli elementi di calcolo. Ogni CCD (Core Chiplet Die) avrà ora un solo CCX (Compute Complex), mentre prima avevamo due CCX per CCD. Questa semplificazione sarà molto importante in termini di utilizzo della cache e di avere un percorso del bus Infinity Fabric più breve per il trasporto dei dati.

La cache L3 è ora condivisa equamente tra tutti gli 8 core in ogni complesso di elaborazione. Dato che qui abbiamo due CCD completamente funzionanti, ci sarà un totale di 32MB disponibili per ciascuno, per un totale di 64MB. Nella generazione precedente, c’erano due CCX ciascuno con 4 core e 16 MB condivisi, limitando l’usabilità e peggiorando la latenza. La cache L2 rimane invariata, con 512 KB per core con utilizzo individuale per un totale di 8 MB, più di molte CPU Intel nella loro L3. Infine abbiamo 64 KB di cache L1 per core divisi in 32 KB L1I e 32 KB L1D.

Il bus responsabile della comunicazione tra i core e a sua volta con il die di input e output (cIOD) sarà Infinity Fabric. Questo blocco north bridge utilizza ancora lo stesso processo di fabbricazione a 12nm della precedente generazione Zen 2, con 24 corsie PCIe Gen4. Il vantaggio qui è che avendo due CCD c’è una doppia comunicazione con il cIOD a 16 bit per ciclo di scrittura e 32 bit per ciclo di lettura. In questo modo la capacità massima di scambio di dati del bus diventa effettiva e avremo tassi di lettura e scrittura simili nella RAM. A sua volta, il complesso UMC comunica con Infinity Fabric con 32 bit per ciclo in up e down.

Una delle nuove caratteristiche di questa nuova architettura è che il rapporto di frequenza tra il bus principale, UMC e controller PCIe è 1:1:1. Questo è per abbinare le frequenze fclk, lclk e memclk, e non usare moltiplicatori in mezzo, il che sarà ottimo per i giochi ad alte prestazioni e la RAM. La frequenza fclk del bus principale è in grado di raggiungere i 4000 MHz, mentre nella generazione precedente era fino a 3733 MHz. Questo aumento permette di supportare frequenze di memoria più elevate senza utilizzare un moltiplicatore 2:1 che peggiora le prestazioni.

Test recenti confermano che utilizzando la memoria Dual Rank, o quattro moduli, migliora le prestazioni delle CPU Ryzen fino al 10% nei giochi. Questo non è sorprendente se usare 4 moduli significa raddoppiare la quantità di memoria nel sistema. Anche se è più interessante vedere questo accadere con la memoria Dual Rank quando la memoria Single Rank si è sempre comportata meglio nei giochi. Abbiamo già un articolo in cui abbiamo confrontato le prestazioni di gioco con moduli 2×8 GB vs 4×8 GB con CPU Intel e in effetti alcuni giochi hanno prestazioni migliori. Quando avremo la memoria Dual Rank controlleremo se anche le prestazioni migliorano.

Abbiamo effettuato uno stress test di questo AMD Ryzen 9 5950X con il dissipatore stock di AMD. Il più impegnativo test Prime 95 è stato utilizzato per verificare le temperature e il consumo di energia, sia a velocità stock che overclockate. Questi sono stati monitorati con HWiNFO. Il consumo di energia registrato sarà per l’intero sistema.

Nel consumo di energia abbiamo valori eccellenti soprattutto sotto stress, con un impressionante 206W dal massimo alle prestazioni massime a frequenza e tensione stock. Questo è un record migliore anche della 5900X con questa scheda madre che abbiamo usato.

Le temperature saranno anche eccezionali e migliori di quelle registrate con il 5900X anche con più core. Il sistema di raffreddamento è lo stesso, quindi può essere dovuto a una migliore implementazione dell’IHS o a un migliore controllo della tensione della scheda, come nel caso del consumo energetico.
Parole finali e conclusione sul AMD Ryzen 9 5950X

L’AMD Ryzen 9 5950X mette in chiaro per cosa è costruito, e cioè per spazzare tutti i rivali tranne Threadripper per il semplice fatto di avere più core. Questo processore è quello con il minor aumento di prezzo rispetto alla generazione precedente il giorno del rilascio.

Chi troverà che ne valga la pena? Bene, quegli utenti che sono seriamente dedicati alla creazione di contenuti multimediali, immagini, video, grafica 3D o usano programmi CAD molto esigenti. Avrà anche molto senso per la virtualizzazione e il mega-tasking generale. I suoi 16 nuclei SMT saranno un grande strumento di produttività per compensare il suo costo.

Nell’arena di gioco i tassi di FPS hanno reso chiaro che non batte una 5900X o 5600X per una questione di pochi FPS. Tuttavia, sono sufficienti per renderlo un acquisto poco saggio se tutto quello che vuoi fare è giocare, poiché ci sono opzioni migliori dal marchio rosso. Con 32 GB di RAM a 3600 MHz i valori migliorano di 4 o 5 FPS in Full HD, ma è esattamente lo stesso con gli altri processori, quindi è il massimo.

La spettacolare architettura Zen 3 ha rotto diversi stampi con questa CPU, e uno di loro è ancora utilizzando un socket AM4 che potremmo considerare vecchio in una CPU incredibilmente potente. In Cinebench per la prima volta, il punteggio single-core è vicino a 650 per una CPU desktop, e le prestazioni con RAM e WPrime sono impressionanti. Ma è ancora più impressionante vedere temperature e consumi così stretti, un lavoro sensazionale in questo senso.

 

Ultimo aggiornamento 2021-10-20 at 07:25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Home » Informatica » AMD Ryzen 9 5950X Recensione Completa