Migliori Notebook 500 euro di Gennaio 2023

(Aggiornato il: Gennaio 11, 2023)

Il miglior notebook sotto 500 euro può essere un valido aiuto dalla navigazione a compiti lavorativi più specifici.
Alcuni utenti sono alla ricerca di computer portatili da gioco per giocare, altri hanno chiaro che hanno bisogno di un computer portatile per l’editing di foto e video, ma… non sempre si hanno le idee chiare su quale portatile scegliere, con molte marche a disposizione e configurazioni che non sempre sono convenienti.

Top Portatili da 500 euro più venduti su Amazon

Di seguito alcune scelte del nostro staff:

Cosa succede quando si desidera comprare un computer portatile per usi generici come la navigazione in internet e l’automazione dell’ufficio con Windows come sistema operativo e si ha un budget limitato?

In questa guida all’acquisto di computer portatili per meno di 500 euro proponiamo alcune specifiche minime e adeguate per svolgere le attività di office automation, riproduzione di contenuti e navigazione, ma con lo sguardo rivolto ai prossimi anni.

Microtech cpu RYZEN 5 3450

Il processore supporta otto thread e la grafica AMD Vega 8 integrata. Il notebook dispone anche di due SSD per 512 Go di memoria totale, 16 Go di RAM DDR4 e una webcam da 2 megapixel. Le sue specifiche sono riportate di seguito.
AMD Ryzen 5 3450U è un nuovo processore per notebook, destinato principalmente ai sistemi da ufficio. Ha quattro core e otto thread ed è basato sulla tecnologia di produzione a 12 nm. La frequenza di clock di base è di 2100 MHz, ma può raggiungere i 3500 MHz con la tecnologia Turbo Core. Dispone anche di quattro MB di cache L3 e di grafica integrata Radeon Vega 8.

Il Microtech CoreBook R5 è un portatile da 15,6 pollici con processore AMD Ryzen 5 3450U e 16 gigabyte di RAM.Dispone anche di un e-reader opzionale e funziona con Ubuntu Linux e Windows 11.
Il SoC mobile AMD Ryzen 5 3450U combina quattro core Zen+, otto thread e una iGPU Radeon RX Vega 8. È progettato per i portatili sottili di fascia media. È progettato per computer portatili sottili di fascia media ed è costruito con un processo a 12 nm che consente velocità di clock più elevate.

Notebook SSD Acer Intel N5100

L’Acer Intel N5100 è il computer portatile perfetto per le attività didattiche. Presenta un design moderno con un display a bordi stretti. Supporta inoltre un doppio sistema di archiviazione, fino a 1 TB di SSD e 2 TB di HDD. Il design Lay Flat a 180 gradi consente di condividere facilmente i file.
Ha un processore Intel Celeron N5100 con una frequenza di base di 1,10 GHz e una frequenza massima di 2,80 GHz. Questo processore si comporta bene, ma può presentare ritardi durante la navigazione in Windows 10 o la visualizzazione di siti web di grandi dimensioni con molte pubblicità. Nonostante ciò, non si noterà molto se si visitano solo siti web di base.

Honor Magicbook X 15

leggi la recensione Honor MagicBook x15

Il laptop HONOR Magicbook X15 è dotato di un’ampia gamma di funzioni, tra cui un potente e conveniente processore Intel Core i3-10110U con velocità di base di 2,1GHz e massima di 4,1GHz. Dispone inoltre di 8 GB di RAM DDR4 e 256 GB di SSD PCIe. Dispone inoltre di una porta HDMI per l’estensione dello schermo, che lo rende un’opzione eccellente per chi vuole guardare film o giocare.

L’Honor Magicbook 15 costa meno di 500 euro e monta un processore Intel di 11a generazione e grafica Iris Xe. Questo portatile è ottimo per la produttività, grazie all’ampio schermo da 15,6 pollici.

Lenovo ThinkBook Intel i3-1115g4

Il Lenovo ThinkBook Intel i3-1115g4 è un moderno portatile business con numerose opzioni di connettività. Offre il Wi-Fi 6 e il Bluetooth 5.1 di Intel. È inoltre possibile collegare periferiche ad alta velocità e dispositivi di archiviazione. Il portatile dispone anche di un lettore di impronte digitali integrato nel pulsante di accensione. Inoltre, il dispositivo viene fornito con Windows 10 Pro 64-bit preinstallato.Questo portatile è dotato dei più recenti processori Intel Core(tm) e della tecnologia AI. Offre anche un’ampia unità SSD e molta memoria. È inoltre dotato di un sistema di raffreddamento intelligente che mantiene il portatile fresco. Il suo display FHD da 15,6″ ha una gamma di colori sRGB opzionale del 100%, che offre colori e contrasto accurati. Inoltre, è privo di sfarfallio e supporta una luce blu ridotta.

leggi la recensione del Lenovo ThinkBook Intel i3-1115g4

HP EliteBook 840 G1

L’HP EliteBook 840 G1 è dotato di un processore estremamente potente. È dotato di un processore dual-core Intel core i5-4300U e di 8 GB di RAM. Questo gli permette di gestire più attività contemporaneamente. Il portatile dispone anche di un ampio schermo da 14 pollici e di grafica Intel HD. È inoltre possibile aggiornare lo storage a 16 GB e il sistema operativo è Windows 10 pro.

Altre caratteristiche includono un display TN widescreen con retroilluminazione a LED. Lo schermo ha un rapporto di aspetto 16:9, un rapporto di contrasto di 300:1, una frequenza di aggiornamento di 60 Hz e una luminosità di 250 cd/m2. Inoltre, l’HP EliteBook 840 G1 ha un’eccellente durata della batteria ed è stato sottoposto a numerosi test di durata. Questo portatile HP viene fornito con una licenza di Windows 7 Pro o Windows 8 Pro e ha una costruzione di alta qualità.

leggi la recensione del portatile HP EliteBook 840 G1

HP 250 G6

Se siete alla ricerca di un computer da ufficio a basso costo e ad alte prestazioni, l’HP 250 G6 merita un’occhiata. Il computer è dotato di un discreto processore Intel Core i3, di una grande batteria e di una discreta quantità di RAM. L’HP 250 G6 è anche molto conveniente, con un prezzo di circa 500 euro. È inoltre dotato di un’unità SSD SanDisk e di una buona durata della batteria.

Ha un display da 15,6 pollici con tecnologia antiriflesso e supporta risoluzioni Full HD. Il processore dell’HP 250 G6 è disponibile con processori Intel della serie Core i5 e i7, ma sono disponibili anche opzioni con processori Core i3 di sei anni fa. A seconda del budget e delle esigenze, è possibile acquistare una macchina con quattro o sette GB di RAM.

leggi la recensione del notebook HP 250 G6

 

Miglior notebook sui 500/600 euro: ACER ASPIRE 3

Perchè è il migliore nella categoria di notebook ?

Porte e connettività

2x USB Tipo-A 2.0
1x USB Type-A 3.0 (3.1 Gen 1)
HDMI
Wi-Fi 802.11ac
Bluetooth 4.1
Presa audio 3,5 mm combo

Caratteristiche

Tastiera retroilluminata
Microfono
Altoparlanti : 2 altoparlanti stereo

In primo luogo, questo portatile viene fornito con le ultime CPU ULV Ryzen (per il momento) e gli danno una prestazione piuttosto buona, oltre che una grande efficienza. Questo è uno dei motivi principali, la batteria da 37Wh ha dato risultati ottimi, in grado di ottenere fino a 7 ore di navigazione sul Web e circa 6 ore di riproduzione video.

Inoltre, dobbiamo menzionare la libertà in termini di aggiornabilità. Ci sono due RAM DIMM da riempire, oltre a uno slot per unità SATA da 2,5″ e uno slot M.2, che supporta gli SSD NVMe – non è fantastico?

Design semplice
Ultimi processori Ryzen ULV
Ampie opzioni di aggiornabilità
Non utilizza PWM aggressivo per la regolazione della luminosità (Innolux N156HGA-EA3 (CMN15F5))

Recensione Acer Aspire 3 

All’interno della confezione c’è il portatile, nascosto in un panno bianco protettivo. In uno scomparto separato si trova l’adattatore di corrente da 45Wh.

Progettazione e costruzione

Nonostante il suo basso prezzo, l’Aspire 3 (A314-42) ha un ingombro relativamente piccolo per un portatile da 15 pollici. Inoltre, ha un profilo di 20 mm e un peso di 1,90 kg. È interessante notare che, nonostante i diversi fattori di forma, ha quasi le stesse dimensioni dell’Aspire 3 (A315-55G) con il primo leggermente più corto del secondo.

Il lato positivo è che la sua tastiera è ottima per la digitazione e può essere davvero comoda per gli studenti, che lavorano a un saggio, o per le persone che scrivono sul blog.

Una cosa positiva del design di questo notebook è che porta l’aria calda lontano dalla macchina dalla sua parte posteriore. In questo modo non è intrappolato tra lo schermo e la base.

Sul lato sinistro della macchina, è dove si inserisce l’adattatore di alimentazione. Inoltre, avete un connettore RJ-45, una porta HDMI, due porte USB Type-A – una è 3.1 (Gen. 1) e l’altra è 2.0. Infine, c’è anche un jack audio su questo lato. Mentre il lato sinistro sembra piuttosto sovraffollato, la situazione sulla destra : c’è solo una porta USB Type-A 2.0.

Qualità del display

Acer Aspire 3 (A315-42) è dotato di un pannello TN Full HD con un numero di modello Innolux N156HGA-EA3 (CMN15F5). La sua diagonale è di 15,6″ (39,62 cm), e la risoluzione 1920х 1080 pixel. Il rapporto dello schermo è 16:9, e stiamo guardando una densità di pixel di – 142 ppi, e un passo di 0,18х 0,18 mm. Lo schermo si trasforma in Retina quando viene visto ad una distanza pari o superiore a 60cm (24″) (da questa distanza l’occhio smette di differenziare i pixel separati, ed è normale per guardare un portatile).

PWM (sfarfallio dello schermo)

La modulazione di larghezza di impulso (PWM) è un modo semplice per controllare la luminosità del monitor. Quando si abbassa la luminosità, l’intensità luminosa della retroilluminazione non viene abbassata, ma spenta e accesa dall’elettronica con una frequenza indistinguibile dall’occhio umano. In questi impulsi di luce, il rapporto luce/tempo di assenza di luce varia, mentre la luminosità rimane invariata, il che è dannoso per i vostri occhi. Potete saperne di più nel nostro articolo dedicato al PWM.

Il display di Acer Aspire 3 (A315-42) ha un pannello TN con una risoluzione Full HD, un tempo di reazione rapido e una comoda retroilluminazione in termini di PWM.

leggi la recensione completa di Aspire 3

ChromeBook : portatili online

Originariamente i portatili che Google ha creato. Oggi i Chromebooks sono disponibili in molte specifiche diverse, a volte con configurazioni davvero potenti. Ciò che varia tra un Chromebook e il resto è l’uso di Chrome OS. Il sistema operativo proprietario di Google che è progettato per eseguire la maggior parte delle applicazioni dal cloud. In questo modo, Chrome OS riduce la necessità di capacità del disco rigido, permettendo loro di essere più sottili e leggeri.

Con i tipici computer, la memorizzazione di un numero sempre maggiore di dati fa sì che il dispositivo rallenti nel tempo. I Chromebook eliminano questo problema, poiché la maggior parte dei programmi sono memorizzati online e funzionano attraverso il browser. Naturalmente questo significa che i Chromebook sono fatti per essere utilizzati principalmente con una connessione internet. Google ha recentemente incoraggiato gli sviluppatori di applicazioni che funzionano offline. Ma naturalmente in questo caso è necessaria una buona connessione a internet, ma per chi la usa costantemente e sta leggendo questa guida per scegliere un computer portatile, questa è un’alternativa efficiente e conveniente.

Come scegliere il computer portatile più adatto alle proprie esigenze

Come scegliere il computer portatile giusto con Windows per meno di 500 euro

Stiamo cercando un computer portatile Windows che offra un’esperienza soddisfacente ora e nel prossimo futuro per meno di 500 euro.

In questo caso l’idea è quella di far funzionare  programmi comuni per un utente base  come Microsoft Office o  LibreOffice, Chrome, Mozilla, VLC, Audacity, GIMP e Photoshop – per usi occasionali a livello amatoriale -, Acrobat Reader, Skype, tra gli altri.

Come per la scelta di qualsiasi altro computer, faremo particolare attenzione all’hardware, tenendo conto che il budget è limitato: CPU, memoria RAM, tipo e spazio di archiviazione… lasciando in secondo piano aspetti come il design, lo schermo, la connettività, le dimensioni e il peso. Ciononostante, in questa gamma di prezzi ci sono opzioni attente e interessanti.

Notebook 200 euro
Notebook 300 euro
Notebook 400 euro
Notebook 500 euro
Notebook 600 euro
Notebook 700 euro
Notebook 1000 euro

Scelta della CPU di un pc portatile

Per quanto riguarda le CPU, sia Intel che AMD hanno nel loro catalogo microprocessori molto interessanti per computer portatili di base.

“A meno che non ci rivolgiamo a produttori cinesi con la famiglia di processori Intel Celeron o Atom – con prestazioni molto limitate – troveremo computer da 14 e soprattutto 15,6 pollici di marche come HP, Lenovo e Asus“.

Sono i secondi più capaci di far girare Windows e il software in generale. Minimi requisiti: “una buona opzione è un Core i5-8250U insieme a modelli come il Ryzen 5 2500U, che può rappresentare una potenza decente.

Consiglio dell’esperto:

“Cercherei un processore Intel Core di nona o decima generazione, o un AMD Ryzen di terza o quarta generazione (Nota: recentemente rilasciato). Queste due aziende stanno modificando la microarchitettura delle loro soluzioni generazione dopo generazione per aumentare il loro rapporto prestazioni/watt. E questo miglioramento ha spesso un impatto significativo sia sulle prestazioni del portatile che sulla durata della batteria. Inoltre, negli ultimi anni abbiamo visto che il design dei chip x86 incorpora gateway per minacce alla sicurezza dannose come Meltdown e Spectre, quindi la scelta di una CPU più moderna ci offre una maggiore protezione contro queste e altre minacce.

Quando si pensa di acquistare un nuovo portatile, bisogna considerare il processore come se fosse il cervello della macchina. Funziona in combinazione con la memoria di sistema. La potenza del processore determina la complessità del software che si può utilizzare, quanti programmi si aprono contemporaneamente e quanto velocemente possono andare queste applicazioni. La maggior parte utilizza processori Intel o AMD. Esaminiamo nel dettaglio i più comuni.

Processori Intel nei pc portatili

Molte persone quando si chiedono quale computer portatile acquistare, pensano direttamente a questo marchio perché è la cosa più veloce che viene in mente. I processori Intel sono il cuore di ogni moderno MacBook e si trovano anche nella maggior parte dei portatili Windows.

Core i7: Uno dei migliori processori per i consumatori Intel. Di solito viene scelto da utenti più seri ed esigenti. Ad esempio, i giocatori, i grafici, i fotografi o gli editor di video. Si distingue per la facilità di gestione del multitasking e per le creazioni multimediali molto impegnative per progetti 3D ad alta definizione.

Core i9: Questo è uno dei processori più potenti di Intel. È quello scelto dai professionisti più esigenti, tra i quali abbiamo giocatori che non vogliono sorprese sotto forma di lag, sacrifici di effetti visivi nei videogiochi, soprattutto quando condividono il loro gameplay. Viene scelto anche dai professionisti del settore multimediale perché è in grado di supportare facilmente i programmi di montaggio video più impegnativi.

Core i5: Il mid-range dei processori Core, e di fatto uno dei più utilizzati e comuni. Molti utenti quando pensano “quale portatile dovrei comprare”, questo è il primo modello di processore che mi viene in mente. Ha abbastanza potenza per la maggior parte dei compiti e multitasking, in modo da poter giocare il gioco che volevi o quel gioco durante l’invio di alcune e-mail.

Core i3: All’interno dei processori Core il modello i3 è la gamma più elementare. Più che adeguato per attività quotidiane non molto impegnative come l’invio di messaggi, Internet e attività di produttività. Funziona perfettamente anche per attività come l’ascolto di musica e così via.

Celeron: I processori Celeron sono progettati per l’uso quotidiano, per computer entry-level e per attrezzature di risorse leggermente più modeste, che si mostreranno anche nel prezzo finale.

Core M: Un processore progettato per modelli sottili come gli ultrabook più elementari. Ti dà abbastanza potere da permetterti di navigare in internet o di inviare e-mail senza ridurre drasticamente l’autonomia del tuo dispositivo.

In altri portatili economici vedrete anche processori come Intel Pentium o Celeron. Questi possono essere adatti per l’invio di messaggi, internet e per compiti di produttività. Ma se quando si considera l’acquisto di un nuovo computer portatile si vuole considerare la velocità e il multitasking, queste capacità sono limitate a meno che non si guardino i modelli di cui sopra.

Gli ibridi tra tablet e computer portatili più costosi utilizzano spesso la CPU Core M di Intel, che è più veloce di quella di Atom, ma non quanto quella di Core (Core i3, i5, i7 o i9). Se si acquista un Core i3, Core i5 o Core i7, provare a comprare l’ultima generazione che è la nona generazione di Intel, disponibile già dall’inizio del 2021.

Quando si tratta di prestazioni, non accontentatevi di meno di un processore Intel Core M per sistemi sottili o di una CPU Core i3 / AMD serie A per computer portatili mainstream. Se si spendono più di 500 euro, chiedere almeno una CPU Intel Core i5, che è in grado di aumentare dinamicamente la velocità di clock quando sono richieste prestazioni più elevate. Gli utenti avanzati e i giocatori dovrebbero accontentarsi di non meno del sistema Core i7, preferibilmente un chip quad-core.

Processori AMD nei pc portatili

Questa marca di processori ha due categorie più comuni e usate. FX e Serie A. Come i chip Intel Core, questi processori includono un processore grafico integrato nel processore. In ordine di meglio al peggio troviamo quanto segue:

Ryzen. Grande potenza, in modo da poter fare tutto contemporaneamente.
Athlon: tra i processori di base, che vi offriranno le migliori prestazioni possibili.
FX. Per i più seri, quando si parla di multitasking.
A10. La bandiera AMD, un’ottima velocità con quattro core e un eccezionale sviluppo grafico.
A8. Sviluppo grafico migliorato che permette di immergersi nel mondo 3D in HD.
A6. Qualità sufficiente.
A4. per la musica, le foto.

Serie E. Simile ai processori Intel Celeron e Pentium. Quando si pensa a quale computer portatile compro, questi non sono sicuramente i primi che ti vengono in mente, anche se sono preziosi per fare attività con velocità limitate. Non c’è nessun problema ad usarli per i modelli  in cose che non richiedono molta potenza.

Ci sono variazioni nei tipi di processori. I portatili progettati con una grande durata della batteria di solito incorporano una versione a basso voltaggio dei processori elencati, il che si traduce in una riduzione della velocità.

Per chi si occupa di design o di giochi, nella ricerca di un nuovo portatile, bisogna rivolgersi a chi ha una grafica dedicata e una memoria video. Avere risorse separate per la vostra grafica vi permette di avere un’elaborazione molto più veloce e più fluida di queste mentre guardate i film o fate qualsiasi attività correlata.

Scelta della Memoria RAM per un pc portatile

Con 500 euro le proposte di 8GB di RAM sono usuali ed è un bel compromesso.

8GB di RAM è a priori sufficiente per un semplice utilizzo in ufficio, per la navigazione in Internet e per la riproduzione di contenuti. Tuttavia, la quantità ottimale in modo che le prestazioni complessive del computer non si degradino mai,  è di 16 GB DDR4.

La memoria principale ha un forte impatto sulle prestazioni “Vale la pena sacrificare un po’ di potenza della CPU se possiamo passare da 8 a 16 GB di RAM. Questo significa semplicemente che ha senso scegliere un portatile con un processore Intel Core i5 e 16 GB di RAM, non uno con un Core i7 e 8 GB, purché il resto dei componenti sia all’altezza.

Scelta dell’Hard disk di un pc portatile

Sebbene le SSD siano già pienamente affermate nell’offerta dei principali produttori di notebook, esistono ancora dispositivi con i classici dischi rigidi meccanici, che offrono più spazio in cambio di una drastica riduzione della loro velocità di trasferimento dati.

Per meno di 500 euro non troveremo combinazioni di entrambi, l’esperto dice “Non rinuncerei mai a un SSD con interfaccia NVMe M.2 in nessun caso. Il suo impatto sulle prestazioni della macchina, indipendentemente dalla sua capacità, è enorme, quindi escluderei un disco rigido meccanico“.

“Al di sotto dei 500 euro troveremo portatili con hard disk tradizionali (HDD) di capacità superiore (500 GB, 1 TB), ma saranno unità a 5.400 RPM che non sono raccomandate e che dovremmo cercare di evitare. È sempre consigliabile scegliere modelli con un SSD da 128 GB

“in un portatile a basso prezzo la capacità abituale è di 256 GB,  ma può essere completata con un hard disk esterno.

Con il limite dei 500 euro, con poche eccezioni, dovremo rinunciare alle finiture ricercate, ai sistemi di raffreddamento più sofisticati e agli schermi più ambiziosi.

Scelta della dimensione dello schermo di un pc portatile

La diagonale più comune in questi prezzi è di 15,6″, ma attenzione perché ci spinge a prestare attenzione alla risoluzione “in molti casi ci verrà presentata con risoluzione HD (1.366 x 768) invece che Full HD (1.920 x 1080)“, un salto che noteremo se passeremo ore davanti allo schermo.

Più risoluzione significa migliore qualità dell’immagine. Lo schermo di un notebook è disponibile in diverse gamme di risoluzione che vengono misurate in pixel (orizzontale x verticale).

HD. 1366 x 768, la risoluzione standard nei portatili di fascia bassa. Basta per navigare su Internet, la posta elettronica e le attività di base al computer.
HD+. 1600 x 900, questa risoluzione è ottima per il gioco  e la visione di film in DVD.
Full HD. 1920 x 1080, questa risoluzione consente di guardare film in Blu-ray e di giocare senza perdere alcun dettaglio.
Retina. 2304 x 1440, 2560 x 1600 e 2880 x 1800. Si trova rispettivamente nei laptop Apple Mac da 12″, 13,3″ e 15,6″.
QHD (Quad HD) e QHD+. Con risoluzione 2560 x 1440 e 3200 x 1800, rispettivamente. L’alta densità di pixel crea un sacco di dettagli. Ideale per i professionisti della fotografia, del video o della grafica, è per questo che si trova nei migliori portatili per la progettazione grafica. Anche per chi passa molte ore a giocare.
4K Ultra HD. La risoluzione 3840 x 2160 ha quattro volte più pixel rispetto al Full HD. Crea colori e immagini ricche di colori e  visualizzare e modificare grafiche che sembrano quasi reali.

Ma non è solo la risoluzione che è importante quando si risponde alla domanda su quale computer portatile acquistare. Si dovrebbe anche prestare attenzione ai diversi tipi di pannello dello schermo in quanto influenzano direttamente la qualità dell’immagine che otteniamo. Ecco una selezione dei tipi principali:

IPS è un’evoluzione dei pannelli TFT-LCD. Migliora i campi visivi e ha un tempo di risposta più breve. Sono stati creati anche per migliorare tutto questo in dispositivi più piccoli, come i telefoni cellulari.
I TN sono pannelli con un tempo di risposta veloce, il che li rende buoni candidati per i giochi. Sono pannelli con un basso costo di produzione, ma non hanno un buon angolo di visione, anche se la loro gamma di colori è migliorata negli ultimi anni.
Gli OLED sono schermi che offrono migliori contrasti di colore, cosa che ha molto a che fare con il fatto che i neri sono più puri. D’altra parte, sono flessibili, permettendo ai produttori di creare dispositivi con disegni che possono includere curve. Per quanto riguarda l’autonomia, essa può essere aumentata se si utilizzano sfondi neri, poiché i pixel che sono spenti non consumano energia.
I LED emettono una sorgente luminosa composta da un materiale semiconduttore con due terminali. I primi modelli sono apparsi negli anni ’60, ma non sugli schermi. Il loro miglior vantaggio in termini di monitor è che hanno una vita molto lunga e sono resistenti.

Scelta della scheda video GPU in un pc portatile

nvidia vs radeon

Chip grafico: per la maggior parte degli utilizzi, un chip grafico integrato (che condivide il sistema di memoria) andrà bene per le attività di base, tra cui la navigazione sul web, la visione di video e anche per giocare ad alcuni giochi importanti. Ma un processore grafico discreto di AMD o Nvidia (che ha una memoria video dedicata) fornirà prestazioni migliori quando si tratta dei giochi più impegnativi. Inoltre, una buona GPU può accelerare la riproduzione video per siti come Netflix, oltre a velocizzare l’editing video.

Come per le CPU, ci sono due chip grafici di fascia alta e bassa. Nvidia tiene un elenco dei suoi chip grafici da quelli di fascia bassa a quelli di fascia alta, come fa AMD. In generale, le workstation e i notebook da gioco avranno la migliore GPU, compresa la doppia grafica sui sistemi più costosi. Di seguito una selezione delle grafiche più popolari montate su notebook:

Intel Graphics è l’approccio di Intel ai processori grafici integrati (IGP). Sono inclusi nella stessa CPU e presenti in tutti i tipi di computer, ma soprattutto nei computer di fascia media.
NVIDIA è uno dei marchi più famosi nel settore delle schede grafiche e delle GPU. Hanno opzioni per soddisfare tutte le esigenze ed è comune vedere le loro schede in computer potenti come quelli usati per i videogiochi.
ATI era un marchio famoso per le sue GPU e i suoi chipset. Oggi è di proprietà di AMD e, come Intel Graphics, è presente in tutti i tipi di dispositivi, ma già con i loro nuovi nomi, tra cui abbiamo Radeon.

Durata della batteria in un pc portatile

Considerare la durata della batteria in un acquisto.

Anche se state semplicemente spostando il vostro computer portatile dalla scrivania al divano e al letto , la durata della batteria è una questione importante. Nessuno vuole essere dipendente a una presa di corrente. Se avete intenzione di acquistare un computer portatile da 15 pollici, cercate almeno 4 ore di durata della batteria, in quanto tendono ad essere di breve durata. Chi ha intenzione di spostarsi dovrebbe scegliere computer portatili che offrano più di 6 ore di autonomia, con 7 ore in più come scelta ideale.

Per determinare l’aspettativa di durata della batteria di un notebook, non basta fidarsi della parola del produttore. Leggete invece i risultati di terzi da fonti oggettive. L’attuale durata della batteria può variare a seconda della luminosità dello schermo e delle attività che si stanno per svolgere (i video consumano più energia della navigazione in rete).

Connettività e porte da avere in un pc portatile

Di solito i computer portatili ci offrono diverse opzioni per essere collegati a Internet e ad altri dispositivi. La maggior parte di questi hanno le versioni più recenti degli standard Bluetooth o di internet in modo da poter sincronizzare il vostro smartphone, gli altoparlanti o altri dispositivi portatili.

L’esperto raccomanda “almeno con una USB-C, una USB-A e una HDMI possiamo collegare tutti i tipi di periferiche”.

“La sua presenza garantisce che il laptop sia in grado di coesistere con le periferiche e le unità di archiviazione esterne di cui avremo bisogno per i prossimi anni. E, come bonus, se incorpora il Wi-Fi 6 è molto meglio che se ha solo la connettività WiFi 802.11ac.

Se viaggiate spesso, prendete in considerazione un computer portatile collegato in rete tramite 4G LTE in modo da potersi collegare a Internet senza utilizzare il Wifi.

Inoltre, è interessante che vi siate iscritti alle seguenti porte che vengono utilizzate per il collegamento a TV, telecamere o altri dispositivi:

USB 2.0. Collegare dischi rigidi esterni, controller di gioco, telefoni cellulari, lettori MP3 e altri accessori.
USB 3.0. Il trasferimento dei dati è molto più veloce rispetto all’USB 2.0, ma solo se utilizzato con dispositivi USB 3.0.
USB Tipo-C. Fornisce molta velocità e potenza versatile, utilizzando connettori identici che lavorano in entrambe le direzioni. Gli adattatori esistenti consentono interessanti compatibilità.
Thunderbolt. Trasferimento molto veloce per i file tra dispositivi che hanno Thunderbolt.
HDMI. È possibile collegare un proiettore o uno schermo HD allo schermo del televisore.
Slot per schede. Per collegare le schede delle fotocamere per trasferire foto e video.

Portatili meno costosi sul mercato

I portatili meno costosi sono i Chromebooks, che girano nel browser incentrato sul sistema operativo di Google, o i sistemi Windows di fascia bassa con un minimo di memoria e processori più lenti. Può diventare un buon computer secondario o per i bambini, soprattutto se si acquista uno dei piccoli computer portatili come i Chromebooks che tendono a durare a lungo (8 ore o più). Per meno di 500 euro è possibile comprare un computer portatile con un processore Intel Core i5 o una CPU AMD A8, da 4 a 8 GB di RAM e un disco rigido da 500 GB, tutte caratteristiche rispettabili.